• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Recuperare e riutilizzare l'acqua piovana con le cisterne interrate

Le cisterne interrate in plastica o calcestruzzo costituiscono la soluzione ottimale per l'accumulo e successivo riuso dell'acqua piovana per irrigare il giardino
Pubblicato il

Il recupero acqua piovana per l'irrigazione domestica


Avere un giardino fiorito e ben curato o un'orto rigoglioso rende un'abitazione più bella e confortevole ma richiede molta acqua per l'irrigazione soprattutto durante i mesi estivi.
Questo a sua volta si traduce in costi molto alti, sia economici per gli elevati consumi d'acqua, sia ambientali, perché durante i mesi caldi l'acqua è una risorsa assai preziosa.

Inoltre, nei periodi molto siccitosi i comuni tendono a emanare ordinanze che vietano esplicitamente l'irrigazione dei giardini privati.

Si possono aggirare questi ostacoli con il recupero acqua piovana, attuabile semplicemente collegando le grondaie a una cisterna interrata a cui fa capo un impianto di irrigazione.

Il funzionamento di questi sistemi è generalmente molto semplice: l'acqua piovana che cade sulla copertura o altre superfici scoperte come piazzali e cortili viene raccolta da un sistema di grondaie, tombini e tagliole e convogliata in un'apposita tubazione che, previo passaggio attraverso un sistema di filtraggio per l'eliminazione di foglie e altri detriti, confluisce in un serbatoio di raccolta acqua. All'interno di questo è collocata una pompa elettrica o un altro sistema di sollevamento che mantiene costante la pressione dell'impianto e si attiva in caso di prelievo d'acqua.

L'acqua piovana è un ottima fonte di acqua per irrigare il giardino
L'elemento fondamentale dell'insieme sono ovviamente i serbatoi o le vasche di raccolta acqua piovana. Ne esistono di varie forme e dimensioni, mentre i materiali più diffusi sono due: la plastica e il cemento armato.


Serbatoi per acqua in materiale plastico: modelli e caratteristiche


Le cisterne di plastica presentano numerosi vantaggi, come il costo concorrenziale rispetto ad altri materiali, la facilità di pulizia, la velocità di installazione e la versatilità, perché le aziende specializzate ne hanno ideato una vasta gamma.

Rototec ne propone ad esempio due tipologie: monoblocco, cioè con capacità predeterminata, e modulari, formate da elementi standardizzati e configurabili a piacere in base alle necessità.

Cisterne da interro in polietilene, di Rototec
Il materiale è il polietilene lineare ad alta densità (LLDPE), mentre le forme disponibili sono sostanzialmente cinque:

  • serbatoi per acqua piovana monoblocco a panettone con pareti lisce e capacità compresa tra 1000 e 2000 litri: è la soluzione ottimale per fabbisogni contenuti;

  • serbatoio acqua a panettone corrugato, anch'esso monoblocco e con capacità variabile da 3000 a 10000 litri;

  • contenitori corrugati monoblocco, di forma cilindrica e con capacità compresa tra 3100 e 10700 litri;

  • cisterne per acqua potabile o piovana cilindriche, con pareti lisce o corrugate, di tipo modulare;

  • contenitori per acqua piovana a canotto di tipo modulare.

Forme dei serbatoi per acqua piovana di Rototec
Per le ultime due tipologie sia la capacità sia la forma complessiva dipendono strettamente dal fabbisogno idrico e dallo spazio a disposizione: l'accostamento di vari moduli e l'uso di pezzi speciali come diramazioni, gomiti e curve ad angolo retto consentono infatti di ottenere configurazioni complesse come serpentine, zig zag, canotti rinforzati, e tracciati a T, U, Z o S.

Il collegamento tra i moduli viene eseguito in cantiere mediante un doppio sistema di bullonatura ed elettrosaldatura in polietilene.

Il dimensionamento dipende invece strettamente dal volume di stoccaggio necessario calcolato sulla base di vari fattori: la destinazione d'uso del deposito acqua (ad esempio irrigazione, lavaggio di piazzali e automobili, sciacquoni dei wc), la superficie totale di raccolta delle acque meteoriche e ovviamente le precipitazioni medie della zona di riferimento.

Sezione di cisterna interrata per l'acqua piovana, by Rototec
Questi serbatoi per acqua in plastica sono da interro e perciò non risultano adatti per un utilizzo in superficie.

Tale operazione avviene in cinque fasi:

  1. lo scavo vero e proprio, con fondo piano e dimensioni tali da lasciare intorno al serbatoio uno spazio di almeno 20-30 centimetri o 50 in presenza di terreni pesanti;

  2. stesura di uno strato in ghiaia lavata 2/6 spessore 15-20 cm;

  3. posa del serbatoio, suo riempimento progressivo con acqua e contemporaneo rinfianco dello scavo con altra ghiaia lavata, procedendo per strati successivi;

  4. riempimento del serbatoio per 3/4 e contestuale ricoprimento degli ultimi 40 cm con terreno vegetale;

  5. dopo aver riempito e rinfiancato il serbatoio, ricoprimento finale con altri 30-40 cm di terreno vegetale lasciando liberi i tappi di ispezione.

Sezione di serbatoio interrato per l'acqua piovana carrabile, by Rototec
In questo modo si ottiene un serbatoio interrato pedonabile.
Per assicurare una carrabilità leggera atta al passaggio delle semplici automobili occorre invece realizzare una soletta autoportante di cemento armato dimensionata in base alla portata del serbatoio e con perimetro maggiore per non far gravare la struttura sulla cisterna.
Una seconda soletta andrà inoltre realizzata sul fondo dello scavo per garantire un buon appoggio al serbatoio.

Una cisterna per irrigazione va inoltre completata con specifici accessori come un sistema di pompaggio e il pozzetto filtro foglie. Quest'ultimo è un pozzetto monoblocco di polietilene con tronchetto di entrata e uscita in PVC, tappo di ispezione e cestello filtrante interno con maniglia di estrazione per la pulizia: si colloca a monte del serbatoio acqua interrato e mantiene l'acqua al suo interno priva di detriti, riducendo la frequenza delle operazioni di pulizia e manutenzione.


Cisterne per acqua piovana in calcestruzzo


METEOBOX® di CARRA DEPURAZIONI ha gli stessi componenti base degli impianti sopra descritti, ma le vasche di raccolta acqua piovana sono di cemento armato monolitico con un volume di stoccaggio compreso tra 6 e 40 m3.

Le dimensioni variano invece tra 220 e 250 cm in larghezza, 220 e 850 cm in larghezza e 190 e 260 cm in altezza.
Sono inoltre carrabili e fornite di due passi d'uomo di ispezione con coperchi di lamiera zincata.

Questo impianto è però adatto unicamente ai sistemi di irrigazione domestica, perché questi contenitori acqua piovana non sono dotati di separatore della prima pioggia.

Per convenzione e normative, la prima pioggia corrisponde ai primi 15 min di un certo evento meteorico (5 mm) che si verifica sulla superficie pavimentata di un cortile, un parcheggio o un piazzale e che dev'essere trattata a parte perché potenzialmente sporca di olio o altre sostanze inquinanti: come volume da trattare si considera un'altezza d'acqua pari a 5 mm.

Sezione della cisterna per acqua in cemento armato METEOTANK MT-PL di Carra Depurazioni
L'impianto METEOTANK MP.SD® risponde pienamente a questa esigenza e perciò costituisce la soluzione ottimale per il riutilizzo dell'acqua piovana nei parcheggi condominiali o di edifici commerciali, oppure in officine e autolavaggi ad esempio come riserva per lo spegnimento degli incendi o per il lavaggio delle auto.

Il sistema è formato da una o più cisterne per acqua monoblocco di cemento armato a perfetta tenuta idraulica, prefabbricate, divise in due vani comunicanti, in cui avviene il trattamento suddiviso in varie fasi:

  • accumulo delle acque di prima pioggia;

  • loro separazione dalle acque di seconda pioggia, convogliate per il riutilizzo;

  • sollevamento;

  • disoleazione;

  • filtrazione e coalescenza;

  • scarico delle acque depurate ad esempio nella fognatura pubblica.

Pianta della cisterna per acqua in cemento armato METEOTANK MT-PL di Carra Depurazioni
L'acqua di prima pioggia viene accumulata nella vasca e successivamente separata mediante la chiusura di una valvola meccanica posta sulla tubazione di ingresso alla cisterna: in questa fase gli inquinanti di peso specifico diverso dall'acqua si separano per gravità.

Il volume accumulato viene quindi trasferito con un'elettropompa nel vano di disoleazione, in cui le eventuali tracce di sostanze oleose sono separate con un filtro a coalescenza, un fenomeno fisico con in quale le goccioline di un liquido si uniscono a formare entità più grandi.

Sulla tubazione in uscita è posto un dispositivo di chiusura automatica a galleggiante che viene attivato da un eccessivo livello di liquido leggero in superficie, corrispondente appunto alle sostanze oleose, chiudendo lo scarico e impedendone la fuoriuscita.

Le acque trattate sono infine scaricate.

riproduzione riservata
Serbatoi interrati per il recupero dell'acqua piovana
Valutazione: 5.86 / 6 basato su 7 voti.
gnews

Serbatoi interrati per il recupero dell'acqua piovana: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Adriano
    Adriano
    Venerdì 29 Luglio 2022, alle ore 07:13
    Avrei la necessità di informazioni sul sistema di raccolta di acque piovane (costi e schede tecniche).
    Ing. Adriano Voci
    rispondi al commento
  • Marta Stoppa
    Marta Stoppa
    Sabato 16 Luglio 2022, alle ore 09:53
    Sono interessato a dei serbatoi per l'utilizzo di acqua per irrigazione, potete fornirmi indicazioni?
    rispondi al commento
  • Vincenzo
    Vincenzo
    Martedì 9 Marzo 2021, alle ore 10:10
    Sono interessato a dei serbatoi per l'utilizzo di acqua per irrigazione se mi potete contattare.
    rispondi al commento
    • Elena Matteuzzi
      Elena Matteuzzi Vincenzo
      Lunedì 18 Luglio 2022, alle ore 10:24
      Le consiglio di contattare le aziende di cui sono stati recensiti i prodotti cliccando sui nomi aziendali. (evidenziati con testo arancione e in grassetto)
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.251 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img checo79
Stavo cercando info ma trovo solo roba generica ovverosistemi difiltraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare dell’acquaUn...
checo79 14 Marzo 2023 ore 12:21 3
Img mattia bergomi
Buonasera a tutti,Chiedo consigli a chi rivolgermi per il problema che ho nel mio appartamento. Facendo i lavori 10 anni fa, abbiamo trovato l'accesso ad una cisterna di acqua...
mattia bergomi 03 Febbraio 2023 ore 15:23 1
Img armando81
Buonasera, volevo qualche parere circa la sostituzione del mio vecchio serbatoio di casa in polietilene che dopo circa 15anni si è lesionato e perde acqua.Il Serbatoio...
armando81 24 Agosto 2022 ore 17:16 3
Img aisenauer
Salve a tutti,nella zona dove sto per fortuna l'acqua diretta c'è sempre, però una tantum capita che per un guasto per un'intera giornata manchi (due, tre volte...
aisenauer 19 Giugno 2022 ore 13:23 14
Img cebby
Ciao a tutti, volevo un'informazione in merito al metodo migliore per disinfettare l'acqua di una autoclave.L'autoclave è munita di serbatoio da 700 litri all'interno di un...
cebby 26 Marzo 2022 ore 12:23 3