Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Usucapione della casa coniugale in caso di separazione o divorzio

NEWS Proprietà02 Dicembre 2019 ore 10:24
Può il coniuge usucapire la casa coniugale a lui assegnata dopo separazione o divorzio? La questione è stata affrontata di recente dalla Corte di Cassazione.

Usucapione della casa coniugale: è possibile?


Immaginiamo che dopo il divorzio l’ex moglie abbia ottenuto l’assegnazione della casa coniugale di proprietà esclusiva del marito. La donna vive dunque insieme ai figli nell’appartamento a lei attribuito dal giudice. Una volta trascorsi 20 anni può l’ex coniuge acquisire la proprietà dell’immobile per usucapione?

La situazione è stata esaminata dalla Corte di Cassazione quando si è occupata della vicenda decisa con sentenza n. 27411 del 25/10/2019.

Vediamo quali sono state le considerazioni effettuate dai Giudici Supremi e se nella fattispecie vi erano o meno i requisiti per potersi configurare l’istituto dell’ usucapione .

Andiamo con ordine e prima di analizzare il caso concreto facciamo chiarezza in merito al concetto di usucapione, dandone una definizione e specificando gli elementi che lo costituiscono.


Che co'è l'usucapione


Spesso si sente parlare di usucapione, per questo è importante capire come funziona questo istituto dai rilevanti effetti giuridici. Partiamo col dire che è un modo di acquisto della proprietà, cosiddetto a titolo originario, che si realizza mediante il possesso continuo per un determinato periodo di tempo. È necessario dunque, per potersi parlare di usucapione, il ricorrere di alcuni elementi:

  • il possesso del bene deve essere conseguito in modo non violento o clandestino (deve trattarsi di possesso pacifico);

  • il possesso deve essere continuo e ininterrotto nel tempo;

  • il possessore deve comportarsi come se fosse l’effettivo proprietario; non deve cioè assumere dei comportamenti che possano lasciare intendere che egli riconosca la proprietà altrui. Si pensi alla cessazione del pagamento di un canone di affitto, il cambiamento di serratura dell’appartamento, l’effettuazione di lavori di ristrutturazione edilizia;

  • il fatto che durante il suddetto periodo il proprietario non deve mai aver rivendicato il diritto di proprietà mediante azione legale.


Acquisto casa usucapione
A seconda della tipologia del bene che si possiede il periodo di tempo necessario per usucapire sarà differente. Per quello che qui ci interessa, specifichiamo che, al fine di acquistare la proprietà di un immobile tramite usucapione, è necessario l’utilizzo del bene per almeno 20 anni qualora il possesso sia stato conseguito in mala fede.

In caso di possesso in buona fede saranno sufficienti 10 anni se vi è un titolo idoneo di acquisto della proprietà, debitamente trascritto.


Il caso deciso dalla Corte di Cassazione


Prendiamo in esame la vicenda trattata dalla Corte di Cassazione.
Nella fattispecie oggetto di analisi, due coniugi, dopo aver convissuto per più di 20 anni, cessavano il rapporto affettivo per abbandono del tetto coniugale da parte del marito che si trasferiva altrove, per aver instaurato un’altra relazione.

L’appartamento dove la donna aveva continuato a vivere insieme ai suoi figli, nel frattempo veniva venduto a terzo acquirente.

Usucapione casa coniugale
Nell’immobile l’ex moglie, visto anche il disinteresse del marito, aveva provveduto a far eseguire degli interventi di manutenzione e ristrutturazione.
Per questo, oltre che per il notevole lasso di tempo trascorso, la signora riteneva di aver maturato i requisiti per la configurazione dell’usucapione e l’acquisto definitivo dell’immobile.

Si rivolgeva così al tribunale, presentando atto di citazione, con il quale conveniva il terzo acquirente dinnanzi al giudice, al fine di ottenere la dichiarazione di inefficacia della vendita.
Il Tribunale accoglieva la domanda dell’attore e dichiarava l’inefficacia della compravendita nei confronti del terzo acquirente.

La Corte d’Appello, invece, si pronunciava in senso contrario, rigettando la richiesta di usucapione e condannando la signora al rilascio immediato della casa a favore del terzo acquirente.

La vicenda giungeva così davanti alla Corte di Cassazione che confermava la decisione del Giudice di secondo grado.

Da un punto di vista teorico i Giudici di legittimità ritenevano possibile l’usucapione dell’ex coniuge sulla casa di proprietà dell’altro coniuge. Nel caso esaminato, tuttavia non si rinvenivano le condizioni necessarie per il configurarsi dell'istituto.

La Cassazione non riteneva bastevole il fatto che la moglie, cui era stata assegnata la casa, avesse vissuto per 20 anni senza pagare un canone. Né si riteneva significativo il fatto che la signora avesse fatto eseguire dei lavori per sistemare l’appartamento, anche in caso di inerzia da parte del marito.
Usucapione separazione o divorzio
È necessario, per poter vantare l’usucapione, un elemento in più e cioè che la persona interessata all’acquisto abbia posto in essere un atto tipico del proprietario, per evitare che i comportamenti posti in essere possano qualificarsi come mera detenzione.
Si tratta della cosiddetta interversione del possesso nella fattispecie non avvenuto.

Per interversione del possesso si intende la manifestazione esteriore della volontà di un soggetto dalla quale si può evincere che la detenzione della cosa non avvenga più nel riconoscimento della proprietà altrui. Il potere di fatto inizia ad essere esercitato in nome proprio.
Viene meno dunque, per la realizzazione di atti concreti rivolti al proprietario, quello che si definisce animus detinendi.

Non potendosi provare, nel caso esaminato, che l’ex coniuge si ritenesse unica proprietaria della casa, il potere di fatto dalla stessa esercitato, sia pure prolungato nel tempo, non ha determinato l’usucapione e il conseguente acquisto della proprietà.

In secondo luogo, il disinteresse da parte dell’ex marito nella gestione dell’immobile non può configurarsi come rinuncia alla proprietà.

Quest’ultima non si può evincere sulla base di mere presunzioni, richiedendo invece un’univoca e precisa manifestazione di volontà.

La semplice astensione dall’esercizio del possesso non è idoneo a determinare la perdita della proprietà.

Sulla base delle ragioni sopra esposte, la Corte di Cassazione confermava la sentenza di merito e respingeva le richieste della ricorrente.

riproduzione riservata
Articolo: Separazione o divorzio e usucapione casa coniugale
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Separazione o divorzio e usucapione casa coniugale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.311 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Natale in Casa
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pannelli sughero naturale
    Pannelli sughero naturale...
    12.24
  • Cartongesso milano, antonio liso
    Cartongesso milano, antonio liso...
    45.00
  • Finestra pvc isol 70c
    Finestra pvc isol 70c...
    200.00
  • Decorazione materica pareti Milano
    Decorazione materica pareti milano...
    40.00
  • Montalatte elettrico
    Montalatte elettrico...
    76.99
  • Carta da parati pelle bianca
    Carta da parati pelle bianca...
    42.99
Notizie che trattano Separazione o divorzio e usucapione casa coniugale che potrebbero interessarti


Non c'è usucapione in caso di comodato dell'immobile

Proprietà - Il comodato ultra ventennale di un immobile comprato con contratto nullo non vale ai fini dell'usucapione. I chiarimenti della sentenza della Corte di Cassazione

Fine del matrimonio o della convivenza, casa coniugale e IMU

Fisco casa - Soggetto passivo dell'IMU in caso di assegnazione della casa coniugale, è il coniuge assegnatario. Dal 2014, però, l'imposta non si applica alle case coniugali.

Usucapione

Normative - Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.

L'assegnazione della casa familiare è titolo esecutivo per il rilascio dell'immobile

Proprietà - L'assegnazione della casa coniugale consente al beneficiario di ricorrere all'azione di rilascio se l'ex non esegue spontaneamente la liberazione dell'immobile.

Risarcimento del danno per spossessamento dell'ex casa coniugale

Proprietà - Se l'ex coniuge non reintegra l'altro nel possesso dell'immobile precedentemente destinato a casa coniugale, può essere condannato al risarcimento del danno.

Si possono usucapire i beni condominiali?

Condominio - I condomini hanno diritto di usare i beni comuni nel modo che ritengono più consono alle proprie necessità

Assegnazione casa familiare in caso di separazione: chi paga le spese?

Proprietà - In caso di assegnazione della casa familiare durante il procedimento di separazione dei coniugi, a chi spetta il pagamento delle spese per l'utilizzo della casa?

Cosa fare se l'assegnazione della casa è revocata e l'ex non va via?

Proprietà - Cosa fare se l'assegnazione della casa coniugale è revocata e l'ex non libera la casa spontaneamente? Anche la revoca dell'assegnazione è un titolo esecutivo.

Spese condominiali straordinarie ed appartamento in comunione tra coniugi separati

Ripartizione spese - Nel caso di appartamento in comunione tra coniugi separati, il provvedimento di assegnazione della casa e le statuzioni sulle spese non hanno effeto per il condominio.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kikkino
Salve,ho fatto un preliminare di acquisto per un appartamento sito in una palazzina composta da un totale di cinque appartamenti e la stessa non è da considerarsi...
kikkino 09 Giugno 2016 ore 15:54 1
Img giulius77
Ciao a tutti,scrivo perché non riesco a dare risposta ad una domanda..La spiego in breve:Mio padre è il possessore da ormai moltissimi anni di un bilocale...
giulius77 29 Novembre 2015 ore 17:58 1
Img lisetta09
Ho acquistato un appartamento con un terrazzo aggettante. Questo terrazzo necessita di una manutenzione perché avendo più di 40 anni deve essere ristrutturato in...
lisetta09 02 Ottobre 2018 ore 18:10 2
Img marcomax64
Salve a tutti, ho una domanda da porvi.... vivo in una corte di un castello palazzo De Rossi all'interno delle mura c'è la porzione della mia casa, 2 entrate e la terza...
marcomax64 31 Marzo 2017 ore 19:25 1
Img elisabettapazzini
Nel mio condominio costituito i posti auto del garage sottostante la palazzina, in  non sono assegnati ai singoli condomini ma sono di proprietà ed uso comune con...
elisabettapazzini 26 Maggio 2014 ore 11:52 1