Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Assegnazione casa familiare in caso di separazione: chi paga le spese?

NEWS Proprietà03 Novembre 2017 ore 10:12
In caso di assegnazione della casa familiare durante il procedimento di separazione dei coniugi, a chi spetta il pagamento delle spese per l'utilizzo della casa?

L’assegnazione della casa coniugale


Uno dei provvedimenti presi dal giudice durante il giudizio di separazione dei coniugi è l’assegnazione della casa coniugale. Si tratta di uno degli aspetti più critici connessi alla rottura del legame affettivo e al successivo venir meno del matrimonio.

La casa coniugale è l’immobile di proprietà di uno o di entrambi i coniugi, dove gli stessi hanno vissuto per il tempo della loro unione. È il giudice a dover decidere a chi verrà assegnato il tetto coniugale in base a dei precisi criteri.



L'assegnazione dell’abitazione a uno dei coniugi, nell’ambito del procedimento di separazione, verrà effettuata dal giudice qualora vi siano figli minori o maggiorenni non autosufficienti oppure portatori di handicap. Il provvedimento con il quale viene assegnata la casa coniugale è soggetto a trascrizione.

Anche in assenza di prole vi sarà l'assegnazione casa coniugale qualora siano gli stessi coniugi a stabilire l’attribuzione dell’immobile a uno di loro con accordo omologato dall'autorità giudiziaria.

Qualora la coppia non abbia avuto figli, se la casa è in comproprietà, i coniugi dovranno cercare di venderla per ripartire il ricavato al 50% o nella diversa quota a ciascuno spettante. Qualora appartenga solo a uno dei due, andrà al coniuge che ne è proprietario.

Assegnazione della casa coniugale
In cosa consiste l’assegnazione della casa coniugale e cosa comporta?
Sin dalla sua previsione nel nostro sistema normativo l’istituto dell’assegnazione della casa coniugale ha comportato un notevole dibattito in ordine alla sua natura giuridica.

L’assegnazione della casa coniugale consegue a un provvedimento giudiziale emanato nell'ambito del processo di separazione e sulla base di criteri specifici che tengono conto dell'interesse della prole. La sua durata non è determinata a priori e il provvedimento può essere oggetto di revisione in base a determinate circostanze.

Secondo la più recente giurisprudenza trattasi di un diritto personale di godimento riconosciuto dal giudice a uno dei coniugi sull'abitazione familiare.
Siamo di fronte a un diritto atipico poiché non disciplinato dalla legge in maniera esplicita.
Si tratta di un diritto gratuito poiché il coniuge assegnatario non deve alcun corrispettivo per l’utilizzo del bene in quanto verrebbe meno la funzione stessa dell’istituto di tutela della prole.

Il codice civile stabilisce infatti che il godimento della casa coniugale è attribuito tenendo principalmente conto dell’interesse dei figli di continuare a vivere nello stesso habitat domestico in cui vivevano prima della separazione.

Si può perdere l’assegnazione casa familiare? Ebbene sì. Ci sono due casi al verificarsi dei quali si ha la perdita dell’assegnazione della casa coniugale:
- qualora il coniuge assegnatario cessi di vivervi stabilmente;
- quando i figli cessino la stabile convivenza con il genitore e vadano a vivere altrove o diventino autosufficienti.

In tal caso l’altro coniuge è legittimato a rivolgersi al giudice per domandare la revoca del provvedimento di assegnazione. Non basta dunque il fatto in sé del cambio di dimora del coniuge assegnatario per far decadere automaticamente il provvedimento, in quanto è necessario che la nuova situazione di fatto venga accertata dal giudice.


Chi paga le spese della casa coniugale?


In caso di separazione dei coniugi le conseguenze dell’assegnazione casa coniugale sono rilevanti e possono costituire un problema qualora l’immobile appartenga a entrambi o nel caso venga attribuito al coniuge che non ha alcun diritto di proprietà su di esso.

Sarà il coniuge assegnatario a dover pagare tutte le spese connesse all’utilizzazione dell’immobile. Si pensi alle bollette della luce, gas, acqua e alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti. Il tutto a meno che il giudice, con il provvedimento di assegnazione, non ponga espressamente tali spese a carico del proprietario.

Spese coniuge assegnatario
Chi paga le spese condominiali? In un momento storico nel quale ormai sono molte le famiglie separate o divorziate è bene domandarsi a chi spettino le spese condominiali dopo l'assegnazione dell'abitazione familiare a uno dei coniugi.

Si prenda innanzitutto in esame il caso in cui il coniuge al quale è stato riconosciuto il diritto di abitare la casa di famiglia non ne abbia la proprietà. Spetteranno a lui le spese condominiali? In caso positivo quali spese saranno a suo carico? In questa sede cerchiamo di dare delle risposte per chiarire meglio la situazione.

Partiamo dal presupposto che la legge non disciplina in modo espresso le modalità di attribuzione delle spese connesse all'abitazione dove i coniugi hanno vissuto insieme.

Secondo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione che sul punto si è pronunciata con la sentenza n. 1847/2005, il giudice ha il potere di stabilire, in base alle circostanze e alla situazione economica delle parti, a chi spetti il pagamento delle spese condominiali.
Tuttavia, in mancanza di intervento del giudice sulla questione, si dovrà concludere che la corresponsione delle spese di condominio graverà sul coniuge assegnatario.

Quest'ultimo sarà totalmente esonerato unicamente per ciò che concerne il corrispettivo per l’uso dell’immobile (nessun canone è dovuto poiché l'assegnazione è sempre gratuita) e non in merito alle suddette spese. Gli oneri condominiali, poiché strettamente correlati al godimento dell’immobile, saranno dovuti dal coniuge che effettivamente abita nella casa.

Spese condominiali in caso di assegnazione casa familiare
A questo punto occorre chiarire se sono a suo carico tutte le spese o solo alcune.
L’obbligo del coniuge assegnatario che non ha la proprietà della casa è limitato al pagamento delle spese condominiali di carattere ordinario. Le spese straordinarie e di conservazione dell'immobile sono invece a carico del coniuge proprietario.

Cosa succede se l’immobile è in comunione dei beni e dunque spetta in proprietà per il 50% a moglie e marito? Ci si chiede dunque se le spese condominiali siano a carico anche dell’altro coniuge che, pur non vivendo nella casa, ne è comunque il comproprietario.

Poiché la legge non prevede una disciplina sulla questione, il problema si pone nel caso non vi siano degli accordi precisi tra i coniugi o qualora nel provvedimento giudiziario la materia non sia regolata in modo esplicito.

Le spese relative alla manutenzione e gestione ordinaria dell’immobile saranno esclusivamente a carico del coniuge assegnatario poiché connesse al godimento della casa.

Le spese straordinarie, connesse al diritto di proprietà, in applicazione delle norme sulla proprietà, andranno divise al 50% tra i due coniugi separati in quanto entrambi titolari.
Si pensi alle spese approvate con delibera assembleare in merito alla ristrutturazione dell’immobile, al rifacimento della facciata o all’installazione di impianti di videosorveglianza.

Si deve sempre tenere a mente che quanto sopra esposto attiene ai rapporti interni tra i coniugi separati. Diverso è il discorso nei confronti del condominio.

Quest'ultimo, rappresentato dall'amminstratore, potrà sempre rivolgersi a entrambi i coniugi responsabili in solido. Anche qualora ci fosse un provvedimento del giudice che esoneri il marito o la moglie dal pagamento delle spese, poiché la sentenza fa stato solo tra le parti, l’amministratore potrà domandare a entrambi l'esecuzione di quanto dovuto.


Chi paga il mutuo?


Qualora per l’acquisto della casa sia stato stipulato un contratto di mutuo, la restituzione delle somme finanziate spetta al proprietario dell’immobile. Se l’immobile è in comunione dei beni dovrà continuare a gravare su entrambi i coniugi al 50%.


Che succede se l’immobile è in affitto?


Le regole sopra esposte si applicano anche qualora l’immobile assegnato sia in locazione.
Nessun problema si pone se il contratto di locazione era intestato al coniuge assegnatario della casa coniugale. Il genitore continuerà a essere l’inquilino dell’appartamento in affitto.

Qualora l’immobile sia attribuito al genitore che non era intestatario, in caso di separazione nel contratto subentra automaticamente il coniuge assegnatario. Sarà quest’ultimo, per il futuro, in quanto unico contraente, a dover provvedere al versamento del canone di locazione.

riproduzione riservata
Articolo: Separazione e casa familiare: le spese
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.

Separazione e casa familiare: le spese: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Roob
    Roob
    Venerdì 31 Maggio 2019, alle ore 08:28
    Volevo dei chiarimenti, sono separato da mia moglie, lei abita in casa nostra poichè abbiamo una figlia minorenne ma la casa è al 50% di entrambi.
    Ora dovrebbe rifare una riparazione al tetto perché è caduto l'intonaco per colpa dell'umidità, a chi toccano le spese?
    rispondi al commento
  • Manuelamargilio
    Manuelamargilio
    Giovedì 23 Maggio 2019, alle ore 17:45
    Buongiorno VirginiaLe spese di carattere straordinario deliberate dall'assemblea se si è in condominio vanno ripartite al 50 percento in forza delle quote di proprietà. 
    rispondi al commento
    • Virginia
      Virginia Manuelamargilio
      Giovedì 23 Maggio 2019, alle ore 23:40
      Non intendo spese che riguardano il condominio, ma per rottura di serratura di porta blindata dell’appartamento di proprietà di entrambi i coniugi al 50%, la spesa a chi va imputata?
      rispondi al commento
  • Virginia 1
    Virginia 1
    Venerdì 17 Maggio 2019, alle ore 00:33
    Volevo un chiarimento in merito alle spese straordinarie, tipo rottura di porta blindata o infissi, in caso di separazione dei coniugi e proprietà di entrambi al 50% ma assegnata ad un coniuge con i figli.
    A chi spetta la spesa?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
305.768 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Offerta ristrutturazione casa - appartamento - villa
    Offerta ristrutturazione casa -...
    10.00
  • Materasso bioessenza
    Materasso bioessenza...
    373.00
  • Imbiancatura casa
    Imbiancatura casa...
    5.00
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    21.63
  • Wall stickers da parete farfalle
    Wall stickers da parete farfalle...
    8.79
Notizie che trattano Separazione e casa familiare: le spese che potrebbero interessarti
L'assegnazione della casa familiare è titolo esecutivo per il rilascio dell'immobile

L'assegnazione della casa familiare è titolo esecutivo per il rilascio dell'immobile

Proprietà - L'assegnazione della casa coniugale consente al beneficiario di ricorrere all'azione di rilascio se l'ex non esegue spontaneamente la liberazione dell'immobile.
Cosa fare se l'assegnazione della casa è revocata e l'ex non va via?

Cosa fare se l'assegnazione della casa è revocata e l'ex non va via?

Proprietà - Cosa fare se l'assegnazione della casa coniugale è revocata e l'ex non libera la casa spontaneamente? Anche la revoca dell'assegnazione è un titolo esecutivo.

Risarcimento del danno per spossessamento dell'ex casa coniugale

Proprietà - Se l'ex coniuge non reintegra l'altro nel possesso dell'immobile precedentemente destinato a casa coniugale, può essere condannato al risarcimento del danno.

Aspetti dell'assegnazione della casa familiare

Leggi e Normative Tecniche - In caso di separazione e divorzio tra coniugi, un posto a sè occupa l'assegnazione della casa familiare: vediamo alcuni importanti aspetti relativi all'argomento

Bonus ristrutturazioni: quando spetta al familiare convivente

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quando il familiare convivente può fruire del bonus ristrutturazione per i lavori eseguiti sull'immobile di proprietà del familiare. Ecco i chiarimenti del Fisco

Finanziamento agevolato per acquisto casa

Condominio - La Regione Campania ha pubblicato un Bando per l?erogazione di contributi in conto interessi per l?acquisto della prima casa o per il suo recupero

Spese per la casa familiare di proprietà esclusiva e scioglimento della comunione

Proprietà - Le somme spese durante il matrimonio per le migliorie della casa di proprietà esclusiva dell'altro coniuge, vanno restituite in sede di scioglimento della comunione?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img marbel1234marbel
Salve,qualcuno può aiutarmi a capire!Io e mia moglie, con la quale siamo in separazione dei beni, viviamo in una casa di 3 appartamenti (cosi sono accatastati) di cui 1...
marbel1234marbel 24 Luglio 2016 ore 12:37 1