Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Casa coniugale e separazione: chi paga TASI e TARI?

NEWS Fisco casa19 Dicembre 2019 ore 09:57
Chi paga TARI e TASI della casa coniugale in caso di separazione? Colui che è il proprietario o il detentore? Entrambi o nessuno? Lo vediamo in questo articolo.
tari , tasi , separazione , assegnazione casa coniugale

TARI, TASI e separazione


Quale dei due ex coniugi paga il tributo relativo a TARI e TASI in caso di separazione e di assegnazione della casa coniugale?
Chi è tenuto a pagare, il proprietario o colui che utilizza l’immobile?

Tari e Tasi: chi paga in caso di separazione
La risposta è diversa tra i due tributi ed è diversa anche dal caso dell’IMU, di cui ci siamo già occupati in altro articolo, e dove in sostanza il pagamento spetterebbe al coniuge che abita la casa (in quanto espressamente definito dalla legge , ai soli fini IMU, titolare di un diritto reale, il diritto di abitazione), ma la legge di stabilità per il 2016 ha previsto un’esenzione espressa del tributo:

alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio ( L. n. 208/2015).



Separazione, casa e adempimenti fiscali


Tra gli aspetti che vanno presi in considerazione quando si verifica una separazione tra coniugi, vi sono quelli relativi agli adempimenti fiscali legati all’esistenza della casa che fu, e spesso continua ad essere, una casa familiare. Chi paga i tributi (se li paga qualcuno)?

Il discorso varia a seconda dei casi. Abbiamo già trattato in un altro articolo, di cui si suggerisce la lettura, la questione relativa al pagamento dell'IMU
Qui invece, ci occupiamo di altri due tributi, la TASI e la TARI.


TASI e separazione, le norme


Ricordiamo che la TASI è il tributo per i servizi indivisibili, mentre la TARI serve a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

TASI
Le norme dicono che il presupposto impositivo della TASI sono sia il possesso che la detenzione, a qualunque titolo, di fabbricati e di aree edificabili, a eccezione dei terreni agricoli e dell'abitazione principale, come definiti per l’IMU (dal D.L. n. 201/2011), escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Dunque, chi deve pagare in questo caso, l' ex coniuge proprietario, o quello che occupa l'immobile?

Entrambi, ma sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria.
Lo prevede espressamente una norma (nella Legge di Stabilità per il 2014, L n. 147/2013), la quale stabilisce anche le quote spettanti a ciascun soggetto, e cioè che nel caso in cui l’occupante dell’immobile sia diverso dal titolare del diritto reale (proprietario, etc.).
L'occupante versa la TASI nella misura, stabilita dal comune nel regolamento, compresa fra il 10% e il 30% dell'ammontare complessivo della TASI; il resto spetta al titolare del diritto reale sull'unità immobiliare.


TARI e separazione, le norme


Quanto alla TARI, l’imposta sui rifiuti, secondo le norme questa è dovuta dall’utilizzatore dell’immobile, dunque, nel nostro caso dal coniuge che lo abita.

Calcolo pagamenti per la casa
Non risultano eccezioni normative per il caso dell’assegnazione della casa coniugale.

Le norme aggiungono che la TARI è dovuta da chiunque (utilizzi) in base a possesso o detenzione, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, che sono suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Se vi sono più possessori o detentori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria (v. D.L. n. 147/2013).

Cosa vuol dire essere responsabili in solido?

Lo spiega l’art. 1292 c.c., secondo cui, per quanto ci interessa:

l'obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità e l'adempimento da parte di uno libera gli altri (art. 1292 c.c.)


Dunque, tutti i soggetti possono essere chiamati a pagare e a quel punto devono pagare l’intera somma, potendosi poi rivalere nei confronti del’altro per quanto di spettanza.


Separazione e detenzione della casa familiare



Precisiamo che ci riferiamo al caso in cui, in seguito alla separazione, quella che è stata un tempo per certi aspetti, una casa familiare continua ad esserlo per altri, dunque continui ad essere occupata da uno dei due ex coniugi, pur essendo proprietà di entrambi o, addirittura, dell’altro.

Non sempre così è; in particolar modo in assenza di figli, non è detto che l’immobile continui ad essere abitato, può anche essere venduto, affittato, etc.

Quando ci sono dei figli minori, invece, l’assegnazione della casa al genitore che vive con loro è altissimamente probabile: cioè salvo casi particolari, dovendosi dare priorità al loro interesse, i figli minori continueranno ad abitare nella casa dove sono cresciuti e che rappresenta in sostanza la loro storia e le loro radici e lì vivranno con il genitore cui sono stati affidati.

Come sempre, ricordiamo che la soluzione dei casi concreti richiede lo studio attento di un esperto.

riproduzione riservata
Articolo: Separazione e assegnazione casa: chi paga TASI e TARI
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Separazione e assegnazione casa: chi paga TASI e TARI: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
314.042 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Guaina di separazione Schluter-DITRA 25
    Guaina di separazione...
    15.33
  • Sistema riscaldamento elettrico Schluter-DITRA-HEAT
    Sistema riscaldamento elettrico...
    435.00
  • Pannelli in lana di vetro Isover PAR 4+
    Pannelli in lana di vetro isover...
    3.15
  • Pannelli in lana di vetro Isover Mupan 4+ e K 4+
    Pannelli in lana di vetro isover...
    5.06
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    18.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    110.72
Notizie che trattano Separazione e assegnazione casa: chi paga TASI e TARI che potrebbero interessarti


Pace fiscale per i tributi comunali: ecco di cosa si tratta

Fisco casa - Non solo multe e bollo auto potranno beneficiare della pace fiscale; il condono è consentito anche per quei tributi comunali sulla casa come IMU, TASI e TARI.

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo

Imu e Tari: possibile proroga dei tributi locali per Covid-19

Fisco casa - Imu e Tari: si ipotizza una sospensione dei termini di pagamento delle imposte sulla casa. Vediamo il piano messo a punto dal Governo con il sostegno della CdP.

Tasse sulla casa 2015: la mini guida su IMU, TASI, TARI

Fisco casa - Scartata l'ipotesi di introdurre la tassa unica sulla casa, la local tax, anche nel 2015 i contribuenti dovranno fare i conti con Imu, Tasi e Tari, nate con la IUC.

Tassa rifiuti: riduzione ed esenzione Tari

Fisco casa - La Tari, la nuova tassa rifiuti nata con la IUC, che ha sostituito la Tarsu e la Tares non deve essere pagata sempre. Ecco i casi di riduzione ed esenzione.

Pagamento della TARI per i proprietari di una seconda casa

Fisco casa - Se siamo proprietari di una seconda casa ma questa non è abitata nemmeno da terzi, è ugualmente necessario il pagamento della TARI, la tassa sui rifiuti urbani?

Tasi: modello di dichiarazione unico

Fisco casa - Il modello di dichiarazione ai fini Tasi deve essere unico a livello nazionale, così come per l'IMU, secondo la risoluzione 3/DF 2015 del Dipartimento delle Finanze.

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile

Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img zorrozorro
In caso di riunione dell'usufrutto con la nuda proprietà per i debiti condominiali non pagati dall'usufruttuario prima della cessazione dell'usufrutto e se costui non ha...
zorrozorro 16 Maggio 2014 ore 14:39 1
Img andreadamasco
Salve sono nuovo del forum,Mia moglie è proprietaria di un appartamento e come usufruttuaria c'è sua madre.Il problema è questo la madre non paga la sua...
andreadamasco 01 Febbraio 2018 ore 21:09 8
Img bresy
Buongiorno,dopo il decesso di mio nonno, mio padre e mia nonna hanno ereditato a metà le proprietà di mio nonno, ovvero un palazzo.Mio padre quindi possedeva 1/4 del...
bresy 08 Settembre 2014 ore 10:00 1
Img sillysally
Buonasera,l'amministratore ha qualche responsabilità nel non aver mai avvisato il proprietario per un intero anno che gli inquilini non pagavano le spese condominiali?In...
sillysally 23 Maggio 2014 ore 21:16 3
Img ad25
Buongiorno,vivo in un condominio privo di amministatore e con tabelle millesimali approvate per la ripartizione delle spese di ogni tipo.Lo stabile è del 2006, quindi...
ad25 20 Gennaio 2015 ore 15:44 1