Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Scioglimento giudiziale del condominio

Da un condominio ne posso sorgere due. I casi che portano alla scissione, la quale avviene su impulso dell'assemblea o tramite ricorso all'Autorità Giudiziaria.
12 Gennaio 2012 ore 14:36 - NEWS Assemblea di condominio

Scioglimento giudiziale del condominioDa un condominio ne posso sorgere due.
Ai sensi del primo comma dell'art. 61 disp. att. c.c., infatti, qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzioni di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio può essere sciolto e i comproprietari di ciascuna parte possono costituirsi in condominio separato.

Questa sorta di mitosi urbanistico-edilizia può avvenire su impulso dell'assemblea o tramite ricorso all'Autorità Giudiziaria.



Nel primo caso è sufficiente la maggioranza prevista per la formazione del regolamento (maggioranza dei presenti all'assemblea e almeno la metà del valore millesimale dell'edificio).

Nella seconda ipotesi è necessario che la domanda venga proposta da almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell'edificio di cui si chiede la separazione.

Per dirla concretamente: se si vuole sciogliere il condominio A+B partecipato da 18 persone ugualmente suddivise nelle due parti, in due condomini autonomi A e B e ad avanzare la richiesta sono i residenti in quest'ultimo, è sufficiente che la presentazione la domanda giudiziale venga proposta da soli 3 comproprietari abitanti nella parte B.
Il secondo comma del successivo articolo 62 disciplina un caso particolare: lo scioglimento dei condomini che necessita d'interventi modificativi delle parti comuni. In tal caso è necessaria una maggioranza pari a quella prevista per le innovazioni:

da ciò si può anche dedurre che le opere stesse debbano essere considerate tali.

Ci si domandati, quindi, se questo genere di scioglimento possa essere disposto dall'Autorità Giudiziaria oltre che dall'assemblea.
La risposta, negativa, ce l'ha fornita, di recente, la stessa magistratura e più nello specifico la Suprema Corte di Cassazione.

Scioglimento giudiziale condominialeIn una pronuncia del 19 dicembre 2011, infatti, si legge che alla stregua di una corretta applicazione degli artt. 61 e 62 disp.att. cod. civ., l'autorità giudiziaria può disporre lo scioglimento del condominio solo quando un complesso immobiliare sia suscettibile di divisione, senza che si debba attuare una diversa ristrutturazione, in parti distinte, aventi ciascuna una propria autonomia strutturale, pur potendo rimanere in comune tra gli originari partecipanti alcune delle cose indicate dall'art. 1117 cod.civ., mentre, ove la divisione non possa attuarsi senza modificare lo stato delle cose e siano necessarie opere per la sistemazione diversa dei locali o delle dipendenze tra i condomini, lo scioglimento del condominio, e la costituzione di più condomini separati, possono essere approvati solo dall'assemblea condominiale con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei partecipanti al condominio e i due terzi del valore dell'edificio (Cass. 19 dicembre 2011 n. 27507).

In pratica solamente se l'art. 62 disp. att. c.c. avesse contenuto un rimando alla domanda giudiziale, allora la si sarebbe potuta utilizzare per quella fattispecie.

riproduzione riservata
Articolo: Scioglimento giudiziale del condominio
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Scioglimento giudiziale del condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.123 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Scioglimento giudiziale del condominio che potrebbero interessarti


Scioglimento del condominio, gli adempimenti e i poteri del giudice

Assemblea di condominio - Lo scioglimento del condominio, in linea generale, può avvenire se le compagini scaturenti dalla divisione sono completamente autonome tra loro, salvo alcune eccezioni.

Divisione del condominio

Condominio - La legge consente, in determinate condizioni, di dividere il condominio esistente in più parti che per caratteristiche strutturali possono poi costituirsi in autonomi condomini.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Condominio orizzontale

Amministratore di condominio - Il condominio orizzontale è una particolare tipologia di condominio a sviluppo prevalentemente orizzontale formato ad esempio da una stecca di villette a schiera.

Condominio minimo: spese urgenti e rimborso

Ripartizione spese - Nel condominio minimo, così come in una normale compagine, le spese urgenti possono essere rimborsate solamente nel rispetto dell'art. 1134 cc.

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Supercondominio

Amministratore di condominio - Il Supercondominio è un'entità che sussiste quando ci sono edifici collegati con parti in comune. Vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche, doveri e potenzialità.

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giordanorusso87
Buongiorno,in edificio di 3 piani, interrato zona garage, piano terra zona commerciale, primo piano 2 abitazioni con ingresso comune ma indipendente dalle attività...
giordanorusso87 11 Giugno 2021 ore 09:36 2
Img maniel
Salve,ho un dubbio sul credito che si chiederà per il super bonus.In una realtà condominiale, il condominio come persona giuridica aprirà tutte le pratiche...
maniel 10 Giugno 2021 ore 17:50 1
Img giuse05
Buonasera a tutti,dopo aver fatto una riunione condominiale nel mese di Gennaio per i lavori trainante (Cappotto) al 110%, alla presenza di un Tecnico Ingegnere Eedile,...
giuse05 08 Giugno 2021 ore 11:20 8
Img enroco
Buongiorno,se tutti i proprietari di villette a schiera (considerate unifamiliari) appartenenti ad un unico edificio decidono di costituire un condominio, la scadenza è...
enroco 07 Giugno 2021 ore 18:33 2
Img teresa t
Buongiorno,abito in un condominio che sta usufruendo dell'ecobonus 110%.Alcuni dei condomini (il 4* e 5* piano e il 2*, io sto al terzo piano) ne stanno approfittando pure per...
teresa t 04 Giugno 2021 ore 19:46 5