Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Scheda sinottica per la riduzione del rischio sismico

In caso di manutenzione straordinaria o miglioramento sismico, sarà necessario allegare alla documentazione richiesta una scheda per la riduzione del rischio sismico.
04 Settembre 2015 ore 14:08 - NEWS Leggi e Normative Tecniche
sisma , terremoto , edifici storici

Rischio sismico ed edifici storici


Edifici storiciLa caratterizzazione sismica del nostro territorio impone l'adozione di misure volte a tutelare il patrimonio e, soprattutto, a garantire la sicurezza dei cittadini.

Questi motivi hanno spinto il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo a richiedere, in caso di interventi su edifici storici, la redazione di una scheda sinottica dalla quale è possibile evincere le lavorazioni previste e il comportamento dell'edificio dal punto di vista strutturale e sismico.

Dal 1 settembre 2015 è quindi necessario allegare alla documentazione tecnica, alle autorizzazioni e ai pareri di legge già previsti, la scheda, indispensabile per monitorare il patrimonio edilizio e sensibilizzare le amministrazioni, i tecnici incaricati, i privati possessori di beni di fondamentale importanza per la collettività, ai temi della conservazione e valorizzazione di tale patrimonio, nonché alla mitigazione del rischio sismico.

Le disposizioni sono contenute all'interno della Circolare n. 15 del 30 aprile 2015 del Ministero dei Beni e della Attività Culturali avente ad oggetto Disposizioni in materia di tutela del patrimonio architettonico e mitigazione del rischio sismico.


Nello specifico, la Circolare riporta le motivazioni che hanno spinto all'adozione di queste misure, individuabili precisamente in:

- elevato rischio sismico del nostro territorio, caratterizzato da periodici terremoti che hanno portato alla rovina o, in taluni casi, alla perdita di manufatti di notevole interesse storico e culturale;

- stato di fatto del patrimonio, caratterizzato da un elevato stato di vulnerabilità strutturale, dovuto a incuria e a manomissioni o alterazioni che hanno modificato l'assetto e le risposte della struttura agli eventi sismici.

Alla luce di quanto premesso, è stato deciso di attuare una politica di riduzione del rischio volta a monitorare gli edifici in caso di interventi anche di semplice manutenzione o di riparazione di una parte di essi; infatti, è emerso che, anche a seguito di lievi modificazioni, sostituzione dei rivestimenti o installazione o demolizione di tramezzature, l'assetto globale dell'edificio cambia, a discapito della sicurezza e dell'integrità dello stesso.

Per questi motivi, in caso di interventi di miglioramento sismico o di manutenzione straordinaria (definiti all'interno del Testo Unico dell'Edilizia D.P.R. 380/2001), che prevedono la modifica di porte e finestre, la sostituzione del manto di copertura, la modifica delle tramezzature e tracce o fori che riducano in maniera notevole la sezione resistente del fabbricato, i tecnici incaricati devono presentare, oltre alla documentazione già prevista per legge, la scheda sinottica contenuta all'interno dell'allegato 1 della Circolare.


Caratteristiche della scheda per la riduzione del rischio sismico


La scheda sinottica dell'intervento, da redigere in ottemperanza alla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011, recante Valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle Norme tecniche per le costruzioni di cui al Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 14 gennaio 2008, contiene la localizzazione dell'immobile, anche dal punto di vista catastale, con la descrizione della proprietà, se pubblica o privata, la destinazione d'uso e l'individuazione dell'intervento.

Interventi per la riduzione del rischio sismicoA seconda se si tratti di intervento di manutenzione straordinaria o di miglioramento sismico, sarà necessario compilare le sezioni apposite della scheda.

Nel primo caso dovrà essere riportata una descrizione degli interventi con le vulnerabilità rilevate per ogni elemento costruttivo: solai e volte, pareti portanti, travi, struttura di copertura, fondazioni ed elementi non strutturali.

In seguito all'individuazione delle vulnerabilità, dovranno essere indicati gli interventi di mitigazione del rischio sismico previsti o le eventuali riparazioni locali: cerchiature esterne, tiranti, cordoli, catene, contrafforti, consolidamento della muratura, tavolati, controventamenti, irrigidimenti, interventi di cuci e scuci, iniezione di miscele, riduzione dei carichi, consolidamento dei terreni o quant'altro possibile per migliorare la risposta dell'edificio ai movimenti sismici.
Sarà, infine, riportata la valutazione degli interventi in base a efficacia, costi, compatibilità, etc.

In caso di interventi di miglioramento sismico, invece, dovranno essere segnalati gli indicatori di sicurezza prima e dopo l'intervento, con l'inserimento dei parametri per gli stati limite, il rapporto tra le accelerazioni e tra i periodi di ritorno.

Edifici e rischio sismicoContenendo dati già in possesso dei tecnici incaricati, la scheda non costituisce ulteriore aggravio di lavoro, ma una semplice sintesi utile per il raccoglimento di informazioni.

Le schede, una volta inviate, saranno archiviate all'interno della piattaforma Community Mibac e studiate al fine di programmare interventi a breve o lungo termine, volti alla tutela e alla valorizzazione dei singoli manufatti e di sistemi più complessi, quali i centri storici.

Solo intervenendo con anticipo, con sistemi e tecnologie atti a garantire la resistenza e una corretta risposta degli edifici al sisma, potremo conservare la nostra memoria storica per renderla fruibile non solo oggi, ma anche nel futuro per le generazioni a venire.

riproduzione riservata
Articolo: Scheda del rischio sismico per edifici storici
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 4 voti.

Scheda del rischio sismico per edifici storici: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.267 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Scheda del rischio sismico per edifici storici che potrebbero interessarti


Sisma Emilia: colpita anche Ceramica Sant'Agostino

Arredamento - Colpita dal sisma del 20 maggio Ceramica Sant'Agostino si stringe alle famiglie delle vittime e mira a riprendere quanto prima la produzione

Emilia Romagna - Linee Guida per ricostruzione post sismica

Leggi e Normative Tecniche - Con Decreto n.2013 del 22 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna ha approvato l'aggiornamento delle linee guida inerenti i contributi per la ricostruzione post-sisma.

Isolamento sismico degli edifici

Soluzioni progettuali - Uno dei modi per proteggere un edificio dal sisma è rappresentato dall'isolamento sismico, che permette agli edifici di resistere a terremoti anche distruttivi.

Sisma in Emilia e proposte di prevenzione

Normative - Tutte le associazioni professionali di categoria (geologi, ingegneri, architetti) concordano sull'importanza della prevenzione per evitare vittime e danni dei sismi.

Le indagini strutturali sugli edifici

Ristrutturazione - Indagini strutturali sugli edifici.

Legno come materiale antisismico

Strutture in legno - La bioedilizia ha dimostrato attraverso test e simulazioni come il legno sia effettivamente un materiale molto più resistente al sisma del cemento armato.

Il legno e i terremoti

Soluzioni progettuali - I ricercatori del DIMS simulano gli effetti sismici su edifici in legno: i risultati del progetto Chi Quadrato.

Studio geologico e effetti del sisma

Leggi e Normative Tecniche - Tra gli aspetti inerenti il settore delle costruzioni, non deve trascurarsi lo studio delle caratteristiche del terreno di fondazione condotto dal professionista.

Casa antisismica del Cinquecento

Soluzioni progettuali - La prima casa antisismica della storia fu progettata paradossalmente proprio a Ferrara, nel corso del Cinquecento, dall'illustre architetto ed erudito Pirro Ligorio.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img claudio twok
Buongiorno a tutti,sto acquistando una casa antisismica con il sismabonus 110%, il costruttore mi farà lo sconto in fattura per un totale di € 96000. La domanda...
claudio twok 27 Luglio 2021 ore 22:51 2
Img cusi92
Salve,mi sto informando per l'acquisto di un appartamento in un condominio frutto di demolizione e ricostruzione in zona sismica 3.Dopo alcune verifiche (da me suggerite),...
cusi92 27 Luglio 2021 ore 18:28 1
Img maxfi
Buongiorno a tutti,sto acquistando una casa antisismica con il sismabonus 110%, il costruttore non vuole fare lo sconto in fattura e per questo motivo dovrò cedere il...
maxfi 25 Giugno 2021 ore 16:25 1
Img massimoviterbini
Salve a tutti,ho trovato un terratetto di 180 mq totali che ha tutte le carte in regola per essere demolito e ricostruito usufruendo dei sismabonus e dell'ecobonus.Ora, l'offerta...
massimoviterbini 16 Maggio 2021 ore 19:58 4
Img massy1984
Buongiorno,ho acquisto una casa indipendente in centro storico, da terra a cielo.E' un unità indipendente su due piani più sottotetto.La casa però su un lato...
massy1984 06 Aprile 2021 ore 20:59 1