Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sacchetti di plastica, addio

Tra i contenuti della prima bozza del decreto Milleproroghe di recente varato c?era anche l?ennesimo rinvio della data di messa al bando dei tanto
28 Dicembre 2010 ore 12:49 - NEWS Arredamento
motivi , floreali , eleganti , stilizzati

Tra i contenuti della prima bozza del decreto Milleproroghe di recente varato c'era anche l'ennesimo rinvio della data di messa al bando dei tanto famigerati sacchetti di plastica, fissata al primo gennaio 2010 e poi prorogata di un anno.

Sacchetto di plasticaL'Italia è uno dei maggiori consumatori delle sportine in plastica che, per essere smaltite, richiedono un periodo di almeno 200 anni, senza contare le tonnellate di petrolio che vengono utilizzate per la loro produzione, per cui risultano un peso piuttosto gravoso sull'ambiente.

C'è poi il problema della loro tossicità: le buste contengono spesso coloranti per le scritte cancerogeni e usano metalli come additivi che vengono poi rilasciati in ambiente e, di conseguenza, negli organi degli esseri viventi.

I sacchetti si frantumano, sono trasportati dal vento ma non si distruggono: spesso si concentrano in mare in aree estremamente estese. Molto noto è il cosiddetto Pacific Vortex, una vera e propria isola situata a Nord delle Hawaii che ha un'estensione variabile tra i 700 mila e i 10 milioni di Kmq.

Per fortuna, grazie alla pressione delle associazioni ambientaliste e all'intervento del Ministro per l'ambiente Stefania Prestigiacomo, la proroga è stata scongiurata e pertanto dal primo gennaio prossimo i sacchetti non dovrebbero essere più in produzione.Dal prossimo anno, quindi, essi dovrebbero sparire progressivamente dai negozi, per essere sostituiti da sacchetti confezionati con prodotti biodegradabili, come carta, iuta e bioplastica.

Sporta per la spesaUsiamo il condizionale perché non mancano incertezze e confusione per negozianti e produttori, poichà non esistono norme precise in materia, soprattutto non ci sono decreti attuativi che stabiliscano legalmente la data in vigore del divieto, le sanzioni per chi non rispetta le prescrizioni ed anche la definizione precisa di ciò che si può definire biodegradabile.Anche la plastica, infatti, può essere considerata tale, anche se su tempi lunghissimi. Gli stessi sacchetti realizzati in materiali naturali, poi, anche se si dissolvono in ambiente senza lasciare traccia, se smaltiti in maniera scorretta, possono finire in mare e soffocare i cetacei che li scambiano per cibo.

Uno dei modi più comuni per riusare i sacchetti di plastica è poi quello di utilizzarli per la spazzatura. Il loro divieto porterà ad usare i comuni sacchi neri venduti nei supermercati o distribuiti dai comuni che sono realizzati con sostanze biodegradabili, come il mater à€“ b, di invenzione italiana, ma sono più fragili e si rompono con facilità, soprattutto se esposti alla pioggia.

Naturalmente si fanno sentire anche le voci dei produttori di sacchetti di plastica, comparto che dà lavoro a migliaia di lavoratori e che si vedrebbe costretto a riconvertire la produzione per adeguarsi ai nuovi materiali, con ingenti investimenti da stanziare, e che è già sul piede di guerra in sede europea basandosi su una norma francese simile ritirata dal Governo d'Oltralpe.Seguiremo l'evolvere degli eventi.

riproduzione riservata
Articolo: Sacchetti di plastica, addio
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Sacchetti di plastica, addio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Anonymous
    Anonymous
    Giovedì 30 Dicembre 2010, alle ore 19:07
    Nota importante: dal primo gennaio i sacchetti non potranno essere più commercializzati, ma potranno esserne smaltite le quantità già stoccate. Solo a titolo gratuito, però: i consumatori stiano quindi attenti, perché non dovranno corrispondere alcunché all’atto di cessione del sacchetto da parte del negoziante.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
329.038 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sacchetti di plastica, addio che potrebbero interessarti


Motivi floreali per la casa decorata

Pittura e decorazioni - In attesa della primavera, una selezione di novità e non, per far fiorire gli ambienti e le pareti di casa, con tessuti, carte e stoviglie.

Alzatine per frutta

Cucina - Complementi d'arredo per la cucina e la casa, che ci accompagnano tutti i giorni e nelle occasioni formali, come elemento di decorazione o come centrotavola.

Vetrate artistiche

Vetrate - Le vetrate artistiche, ormai sempre più diffuse nell'arredo di interni, sono un elemento elegante e allo stesso tempo originale per personalizzare e decorare la casa.

Tappeti floreali ispirati alla natura

Tappeti - Arriva la bella stagione e sale la voglia di natura e colore, e allora perché non portarla in casa con un nuovo tappeto a motivi floreali che può arredare e valorizzare gli ambienti?

Set tavola da esterni: colori vivaci per la mise en place estiva

Casalinghi - I set tavola da esterno sono perfetti per la mise en place in giardino. Ecco alcune proposte originali e vivaci che coniugano il design con la praticità d'uso.

Ceramica da parati

Arredamento - Ritorna il fascino dei vecchi decori delle carte da parati ma questa volta in rivestimenti di ceramica in pasta bianca.

Oggetti di arredo e segni floreali

Complementi d'arredo - Gli elementi floreali e vegetali, presi a prestito dalla natura, permettono di creare oggetti di arredo e spazi abitativi personalizzati di assoluto interesse.

Porte preziose

Porte interne - Fra le varie proposte sul mercato ci sono porte per interni dal grande pregio, che spiccano per classe ed esclusività. Si avvalgono di finiture preziose...

Aria di Bianco 2021: la nuova collezione Coincasa dal mood primaverile

Biancheria e cuscini - La linea arredo e decor Aria di Bianco include complementi ispirati alla primavera e al tema del viaggio. Scopriamo insieme alcuni degli accessori più originali