• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Rumori intollerabili e diritto al silenzio

La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di
Pubblicato il
RumoreLa Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di un diritto al silenzio assoluto.Pretendere ed ottenere tranquillità, in buona sostanza, non sta a significare necessità di silenzio quanto piuttosto diritto a non vedere superati i normali limiti di tollerabilità delle immissioni rumorose.Nel caso di specie, una persona lamentava che la proprietaria di un appartamento vicino al suo aveva installato nel proprio bagno, una ventola per l'aspirazione dei cattivi odori.Questa ventola, a suo dire, risultava troppo rumorosa e quindi, ai sensi dell'art. 844 c.c., chiedeva al giudice di pace competente l'adozione dei provvedimenti idonei a eliminare il problema.L'attrice risultava soccombente nel giudizio di primo grado così come in quello d'appello da lei stessa promosso.Da qui il procedimento di legittimità.Pure la Cassazione, però, le ha dato torto ritenendo pienamente legittima l'impugnata sentenza di secondo grado.Il tutto è ruotato attorno al concetto di tollerabilità ed alla non coincidenza con lo stesso di un diritto al silenzio assoluto.Secondo gli ermellini, infatti, il limite di tollerabilità non è assoluto, ma relativo alla situazione ambientale, secondo le caratteristiche della zona, per cui tale limite è più basso in zone destinate ad insediamenti abitativi, ma è anche vero che la normale tollerabilità non può essere intesa come assenza assoluta di rumore. In altri termini, il fatto che un rumore venga percepito non significa anche che sia intollerabile.La normale tollerabilità, poi, va riferita alla sensibilità dell'uomo medio, RumoreNon si può, infine, non tenere conto della durata continua o della occasionalità delle immissioni sonore.Nella specie i giudici di merito, ritenendo scarsamente percepibili le immissioni di rumore, hanno tenuto conto di tutti gli elementi essenziali (il rumore della ventola d'aspirazione era percepibile solo nelle ore serali o notturne; la ventola era situata in immobile addirittura non confinante con quello della attrice e funzionava solo quando veniva usato il bagno, per eliminare i cattivi odori) (Cass. 11 febbraio 2011 n. 3440).La Corte regolatrice, sostanzialmente, ci ricorda che la materia delle immissioni non può non passare da una valutazione dei fatti da farsi caso per caso e quindi sostanzialmente rimessa alla discrezionalità del giudice.Discrezionalità che, è bene ricordarlo, non vuol dire decisione arbitraria ma convincimento su dati di fatto (es. CTU, sopralluogo personale) che trovino adeguato,logico e motivato riscontro nel testo della sentenza.
litigi , crediti condominiali
riproduzione riservata
Rumori intollerabili e diritto al silenzio
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews

Rumori intollerabili e diritto al silenzio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.178 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img maurizio.vit
Salve, vorrei gentilmente chiedervi una info:ho un cliente che deve ancora ottenere l'agibilità della sua casa perché ha litigato con il suo geometra per motivi...
maurizio.vit 18 Maggio 2015 ore 09:03 1