Rumori intollerabili e diritto al silenzio

NEWS DI Condominio18 Marzo 2011 ore 14:30
La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di
litigi , crediti condominiali
RumoreLa Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di un diritto al silenzio assoluto.Pretendere ed ottenere tranquillità, in buona sostanza, non sta a significare necessità di silenzio quanto piuttosto diritto a non vedere superati i normali limiti di tollerabilità delle immissioni rumorose.Nel caso di specie, una persona lamentava che la proprietaria di un appartamento vicino al suo aveva installato nel proprio bagno, una ventola per l'aspirazione dei cattivi odori.Questa ventola, a suo dire, risultava troppo rumorosa e quindi, ai sensi dell'art. 844 c.c., chiedeva al giudice di pace competente l'adozione dei provvedimenti idonei a eliminare il problema.L'attrice risultava soccombente nel giudizio di primo grado così come in quello d'appello da lei stessa promosso.Da qui il procedimento di legittimità.Pure la Cassazione, però, le ha dato torto ritenendo pienamente legittima l'impugnata sentenza di secondo grado.Il tutto è ruotato attorno al concetto di tollerabilità ed alla non coincidenza con lo stesso di un diritto al silenzio assoluto.Secondo gli ermellini, infatti, il limite di tollerabilità non è assoluto, ma relativo alla situazione ambientale, secondo le caratteristiche della zona, per cui tale limite è più basso in zone destinate ad insediamenti abitativi, ma è anche vero che la normale tollerabilità non può essere intesa come assenza assoluta di rumore. In altri termini, il fatto che un rumore venga percepito non significa anche che sia intollerabile.La normale tollerabilità, poi, va riferita alla sensibilità dell'uomo medio, RumoreNon si può, infine, non tenere conto della durata continua o della occasionalità delle immissioni sonore.Nella specie i giudici di merito, ritenendo scarsamente percepibili le immissioni di rumore, hanno tenuto conto di tutti gli elementi essenziali (il rumore della ventola d'aspirazione era percepibile solo nelle ore serali o notturne; la ventola era situata in immobile addirittura non confinante con quello della attrice e funzionava solo quando veniva usato il bagno, per eliminare i cattivi odori) (Cass. 11 febbraio 2011 n. 3440).La Corte regolatrice, sostanzialmente, ci ricorda che la materia delle immissioni non può non passare da una valutazione dei fatti da farsi caso per caso e quindi sostanzialmente rimessa alla discrezionalità del giudice.Discrezionalità che, è bene ricordarlo, non vuol dire decisione arbitraria ma convincimento su dati di fatto (es. CTU, sopralluogo personale) che trovino adeguato,logico e motivato riscontro nel testo della sentenza.
riproduzione riservata
Articolo: Rumori intollerabili e diritto al silenzio
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

Rumori intollerabili e diritto al silenzio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Rumori intollerabili e diritto al silenzio che potrebbero interessarti
Fallimento e condominio

Fallimento e condominio

Ripartizione spese - Gli oneri condominiali divenuti esigibili prima della dichiarazione di fallimento sono chirografari, quelli divenuti esigibili dopo, godono della prededucibilità.
La revoca dell'amministratore blocca l'azione di recupero del credito?

La revoca dell'amministratore blocca l'azione di recupero del credito?

Condominio - La revoca dell'amministratore condominiale, a differenza delle ipotesi di scadenza dell'incarico e di dimissioni, blocca l'azione legale di recupero del credito.
Prescrizione delle quote condominiali

Prescrizione delle quote condominiali

Tabelle millesimali - Sui tempi di prescrizione delle quote condominiali la legge non è chiara e ciò non dà certezze. Ciò che è certo è che l'amministratore deve attivarsi tempestivamente.

Coma sono i crediti chirografari e i crediti privilegiati

Leggi e Normative Tecniche - I creditori hanno tutti uguali diritti verso il debitore, a meno che non vi siano cause legittime di prelazione, come il privilegio, l'ipoteca oppure il pegno.

Crediti dell'amministratore uscente

Condominio - L?amministratore di condominio è regolarmente nominato se la deliberazione è approvata con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti

Condomino apparente

Ripartizione spese - L'azione di recupero del credito relativa agli oneri condominiali può essere indirizzata solamente contro il proprietario e in casi ben precisi l'usufruttuario.

Spese condominiali e onere della prova verso il conduttore

Ripartizione spese - Il conduttore di un'unità immobiliare deve pagare le spese condominiali di sua competenza e per farlo può chiedere chiarimenti sulla natura delle somme domandategli.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

Ripartizione spese - La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.

Rumori intollerabili e limiti normativi

Condominio - Comprar casa in condominio e solamente dopo accorgersi che l?appartamento è inondato da rumori d?ogni genere; chissà quante volte è capitato. Nel
REGISTRATI COME UTENTE
295.745 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Installazione di antenne
    Installazione di antenne...
    54.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
  • Pavimenti pavè
    Pavimenti pavè...
    30.00
  • Case in legno Bologna
    Case in legno bologna...
    1150.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.