Cosa accade quando il rumore è causato dalla pubblica amministrazione?

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche21 Ottobre 2016 ore 09:41
Anche la pubblica amministrazione deve contenere il rumore entro certi limiti; altrimenti, vi deve porre rimedio per il futuro e pagare i danni, per il passato.

Rumore e pubblica amministrazione


Rumore insopportabile e pubblica amministrazioneChi lo ha detto che l'inquinamento acustico da cui siamo spesso circondati nella nostra vita di tutti i giorni sia prodotto solo da soggetti privati?

La pubblica amministrazione - e con tale espressione comprendiamo anche i concessionari di pubblici servizi - ne produce un bel po'.

Vogliamo qualche esempio?

Eccolo: scolaresche chiassose, parco giochi rumorosi, autostrade senza barriere adeguate, binari e macchinari ferroviari non manutenuti adeguatamente, etc.

Il tutto nei pressi di abitazioni private, dove secondo il nostro ordinamento, deve essere garantita una serena qualità della vita.

Cosa si può fare in tali casi? È possibile per il cittadino tutelarsi, oppure no? La risposta è sì!

Anche nei confronti della pubblica amministrazione, infatti, sono applicate le norme utilizzate per la regolazione del detto problema nei rapporti tra privati.


Immissioni intollerabili: cosa dice la norma


La stessa norma del codice civile che regola i problemi nei rapporti tra privati in materia di immissioni, è utilizzata dalla giurisprudenza in caso di controversie tra cittadino/i e pubblica amministrazione.

Parliamo dell'art. 844 c.c. del codice civile, il quale prevede che «Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi. Nell'applicare questa norma l'autorità giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le ragioni della proprietà. Può tener conto della priorità di un determinato uso».

L'art. 844 del codice civile è una norma di carattere generale riferita a tutte le forme di immissioni (rumori, fumi, etc..) che affida al criterio della «normale tollerabilità» la individuazione della soglia che dette immissioni non devono superare a tutela dei confinanti.

Il discorso, anche con riferimento alla pubblica amministrazione, non riguarda quindi solo il rumore ma tutte le immissioni che rientrano nella previsione della norma.


Rumore, inibizione e risarcimento


La norma di cui all'art. 844 c.c. prevede l'azione inibitoria: prevede cioè la possibilità di ottenere che un giudice accerti l'illegittimità delle immissioni e ordini al rumoroso di cessarle; si tratta di una soluzione valevole ovviamente per il futuro; per il pregresso il riferimento generale è agli artt. 2043 e ss., c.c. che prevedono il risarcimento del - già provocato - danno da fatto illecito.


Rumore e bene leso: la proprietà


La norma di cui all'art. 844 c.c. sorge originariamente a tutela del diritto di proprietà.

Tale norma, infatti, inserita non a caso nella parte del codice civile dedicata alla proprietà (Titolo e Libro dedicati alla proprietà), ha all'inizio la funzione di regolare solo il rapporto tra proprietari vicini e l'unico diritto che si riteneva in origine leso, era quello di proprietà.

Tale è l'interpretazione che ne fa la giurisprudenza per un certo periodo (si v. Corte Cost., 23 luglio 1974, n 247).


Rumore e bene leso: la salute


Attente verso una maggior tutela del bene e del diritto della salute, le Corti hanno poi cambiato orientamento: ormai da tempo si considera inadeguata a risolvere i conflitti di interessi nel campo delle immissioni rumorose un'interpretazione dell'art. 844 c.c. volta solo a considerare la tutela della proprietà (v. Cass. S.U. 10186/1998): ciò, al fine di preservare, secondo una lettura costituzionalmente orientata della norma di cui all'art. 844, anche un altro bene di rango altrettanto costituzionale, quello alla salute, di cui agli artt. 32 e e 2 della Costituzione.


Sentenze, rumore e pubblica amministrazione


Rumore intollerabileSono numerose le sentenze che hanno come parte rumorosa la pubblica amministrazione.

Ad esempio, la sentenza n. 20571/2013, emessa dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite, in un caso di citazione in causa di privati nei confronti di una scuola per gli eccessivi schiamazzi dei bambini provenienti dagli spazi esterni dell'istituto, riconosceva il superamento del limite della normale tollerabilità e per conseguenza, ordinava alla scuola di ridurre gli orari di uscita dei bambini nel cortile della scuola.

Ancora, con la sentenza n. 4848/2013 la Corte di Cassazione ha stabilito la giurisdizione del giudice ordinario in un caso di richiesta di accertamento dell'intollerabilità delle immissioni provenienti da un parco giochi dato in concessione a un privato da parte di un Comune.

A tal proposito, sono molte le sentenze chiamate a rispondere in ordine alla giurisdizione in materia: a decidere cioè se è competente il giudice amministrativo oppure il giudice ordinario; la risposta è tendenzialmente che la competenza è del giudice ordinario dal momento che (in parole povere e non tecniche) qui si tratta di un caso di tutela dei diritti, per il quale privati e p.a. sono in posizione paritaria.

Ancora, e sempre a titolo di esempio, con la sentenza della Corte di Cassazione n. 18195/2014, la concessionaria Autostrade per l'Italia SpA è stata condannata (la costruzione, nel frattempo, di una idonea barriera fonoassorbente aveva ricondotto il rumore ai limiti di tollerabilità) a rifondere gli attori dei danni alla salute e di tipo non patrimoniale: nel caso di specie si trattava di danni provocati dal passaggio della viabilità.

Detta sentenza conclude per l'applicazione in via analogica anche ai rapporti tra privati e p.a. del criterio di cui all'art. 844, vertendosi in una materia dove insiste il diritto fondamentale dell' individuo ed essendo comunque la pubblica amministrazione tenuta al rispetto degli standard ambientali.

La recentissima sentenza n. 14180/2016 ha condannato la concessionaria del Brennero SpA - chiamata in causa da una coppia di proprietari di un immobile adiacente all'autostrada – a realizzare delle barriere fonoassorbenti al fine di riportare entro la tollerabilità il rumore prodotto dal passaggio di mezzi sull'autostrada.

Sempre di recente, la sentenza n. 20198/2016 della Corte di Cassazione è stata invece emessa nei confronti di Trenitalia SpA: la controversia, promossa da alcuni cittadini contro il rumore provocato nei pressi delle loro abitazioni dall'attività di movimentazione di vagoni ferroviari, si è risolta con la condanna di Trenitalia a ridurre il rumore entro la soglia consentita mediante un sistema di oliatura periodica di rotaie e impianti, nonché al risarcimento dei danni.

Tra l'altro, nei casi di tutela della salute, la posizione della p.a. è ritenuta priva di alcun potere di affievolimento della posizione soggettiva del privato (tra tante Cass. S.U. 20571/2013, Cass. S.U. 4908/2006, Cass. 21172/2015 e Cass. 22116/2014), il che comporta in parole semplici che essa non ha alcuna posizione di supremazia rispetto al privato.


Inquinamento acustico: individuazione della soglia da non superare


immissioni acustiche intollerabiliMa come si individua il limite che il rumore non deve superare?

Esiste una normativa tecnica indicante determinati parametri e, naturalmente, la violazione dei detti limiti è fonte di un illecito.

Tuttavia, il rispetto degli stessi, se da un lato esclude la responsabilità di tipo amministrativo (evita cioè l'ingiunzione della sanzione) non preclude quelle di tipo civilistico (inibitoria e risarcimento del danno): in tal caso la responsabilità viene esclusa solo dall'accertamento della tollerabilità del rumore.

Tale elemento, lungi dal dipendere dal rispetto di valori assoluti, va accertato tenendo conto del fatto concreto e può dunque esservi anche se quei limiti non vengono superati.

In tal senso, l'orientamento risulta costante: si veda da ultimo la sentenza n. 20198/2016 (ma si veda anche, tra le altre, ad es. la sentenza n. 3438/2010), secondo cui «il limite di tollerabilità delle immissioni non ha carattere assoluto, ma è relativo alla situazione ambientale, variabile da luogo a luogo, secondo le caratteristiche della zona e le abitudini degli abitanti; spetta, pertanto, al giudice di merito accertare in concreto il superamento della normale tollerabilità e individuare gli accorgimenti idonei a ricondurre le immissioni nell'ambito della stessa».


Calcolo intollerabilità del rumore: criterio assoluto e criterio relativo


Come viene dunque calcolata l'intollerabilità nei casi in cui i limiti assoluti risultano rispettati?

Certamente la valutazione è affidata alla discrezione del giudice, ma questi farà ricorso a un criterio oggettivo, ad esempio, il criterio del differenziale.

Tale è la conclusione della maggior parte delle sentenze sul punto: non si tratta cioè di verificare il mero rispetto dei limiti assoluti, ma anche di verificare la differenza che sussiste tra il rumore processato e il rumore di fondo; al fine quindi di verificare, caso per caso, quanto tale differenza incide sul complesso dei rumori nella zona.

E ciò vale anche quando una delle due parti è una pubblica amministrazione: lo ha ribadito la sentenza n. 18195/2014 con riferimento a un concessionario della p.a.

E tale valutazione è considerata indispensabile proprio a maggior ragione perché dall'altra parte preme la tutela della salute e della qualità della vita.

riproduzione riservata
Articolo: Rumore causato dalla pubblica amministrazione
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Rumore causato dalla pubblica amministrazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Rumore causato dalla pubblica amministrazione che potrebbero interessarti
Rumori intollerabili e diritto al silenzio

Rumori intollerabili e diritto al silenzio

La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di...
Attività rumorose e sanzioni penali

Attività rumorose e sanzioni penali

Quella dei rumori che distrubano le attività delle persone, il loro riposo e più in generale la quiete pubblica è questione che genera spesso contrasti e contenziosi anche a livello penale.
La valutazione della rumorosità spetta al giudice

La valutazione della rumorosità spetta al giudice

La valutazione del rumore per stabilirne l'intollerabilità è operazione rimessa al giudice che non è obbligato a rispettare, nei minimi, i parametri indicati dalla legge.
Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino

Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino

Le immissioni intollerabili alla luce della normativa dettata dal codice civile e le responsabilità nel caso d'unità immobiliare locata.
Rumori intollerabili e limiti normativi

Rumori intollerabili e limiti normativi

Comprar casa in condominio e solamente dopo accorgersi che l?appartamento è inondato da rumori d?ogni genere; chissà quante volte è capitato. Nel...
usr REGISTRATI COME UTENTE
288.638 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pannelli fonoassorbenti piramidale MAPPYSIL
    Pannelli fonoassorbenti piramidale...
    9.02
  • Doppia finestra  in pvc alluminio KV440
    Doppia finestra in pvc alluminio...
    1.00
  • Riduttore acustico Helix 34 per fori di ventilazione
    Riduttore acustico helix 34 per...
    24.59
  • Tappetino isolante Schluter-DITRA-SOUND
    Tappetino isolante...
    22.54
  • Tenda 306 tapirom
    Tenda 306 tapirom...
    470.00
  • One essence gr 300
    One essence gr 300...
    8.42
  • Kit garage isolante basculante
    Kit garage isolante basculante...
    39.90
  • Porta alzante scorrevole in legno alluminio HS330
    Porta alzante scorrevole in legno...
    1.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Tende.online
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 290 000.00
foto 6 geo Alessandria
Scade il 30 Settembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.