Rischio sismico: consolidamento e rinforzo strutturale

NEWS Restauro edile24 Giugno 2019 ore 11:38
Evitare la formazione di lesioni e dissesti negli edifici in muratura esistenti collocati in zone sismiche, con i sistemi di rinforzo e consolidamento di Weber.

Rischio sismico e adeguamento del patrimonio edilizio nazionale


Il patrimonio edilizio italiano è estremamente vulnerabile; se consultiamo la Mappa di pericolosità Sismica dell’Italia (sito INGV), ci rendiamo conto dell’estrema fragilità del nostro Paese. Il Dipartimento di Protezione Civile ha classificato i comuni italiani secondo 4 classi di pericolosità sismica sulla base dell’intensità, la localizzazione e la frequenza dei fenomeni sismici del passato. A partire da questa classificazione, le aree a rischio sismico elevato sono composte dai Comuni classificati in zona sismica 1 e 2.

Il 56% degli edifici residenziali esistenti nelle zone sismiche 1 e 2 è stato realizzato prima del 1970; si tratta dunque di un patrimonio che non prevede l’utilizzo di tecniche costruttive antisismiche. Soltanto il 5% degli edifici in zona a rischio elevato è stato realizzato negli anni 2000, quando le norme tecniche hanno imposto criteri molto più restrittivi che in passato.

Altro dato interessante è relativo alla tipologia di edilizia presente. Il 55% degli edifici esistenti nelle aree a elevato rischio sono realizzati con muratura portante e soltanto il 33% con strutture il calcestruzzo armato.

La convivenza nei secoli con il terremoto, ci ha permesso di capire l’effetto prodotto e i danni causati soprattutto sugli edifici in muratura che, tradizionalmente e storicamente, rappresenta il nostro più vasto patrimonio edilizio nazionale.

Consolidamento e rinforzo murature con Weber Saint Gobain
Gli edifici in muratura che nel tempo hanno avuto lievi danni causati dal terremoto, sono quelli che hanno mostrato di avere il cosiddetto comportamento scatolare. Affinché si possa instaurare un corretto funzionamento dell'edificio, devono essere valutate ed eliminate le carenze strutturali gravi, spesso frequenti negli edifici in muratura esistenti:

  • cattiva qualità dei materiali e della tessitura muraria (murature a sacco con scarsi collegamenti tra i paramenti) e quindi bassa resistenza della muratura;

  • mancanza di collegamenti tra pareti e pareti e tra pareti e orizzontamenti, con conseguente deformabilità;

  • presenza di spinte non contrastate o eliminate (volte ed archi);

  • carenze nelle fondazioni.


Interventi di consolidamento delle murature


Gli interventi volti a incrementare la sismo resistenza della struttura muraria dipendono dallo stato di fatto dell'edificio da consolidare.
Gli interventi primari sono quelli volti a riparare localmente le parti degradate e lesionate, in modo da ricostituire la compagine muraria che presenta difetti.

Le operazioni che possono essere realizzate sono:

- Iniezioni di miscele leganti, specie in presenza di lesioni diffuse, volte a eliminare la disgregazione della muratura, riducendo i vuoti e rafforzandola.

- Scuci e cuci, finalizzato al ripristino della continuità muraria lungo le linee di fessurazione e al risanamento di porzioni di muratura gravemente deteriorate.

- Ristilatura dei giunti: l'intervento, se effettuato in profondità su entrambi i lati, può migliorare le caratteristiche meccaniche della muratura. L'eventuale inserimento nei giunti ristilati di piccole barre, trefoli o altri materiali resistenti a trazione, può migliorare ulteriormente l'efficacia dell'intervento.

Consolidamento strutturale con Weber Saint Gobain
- Inserimento di diatoni artificiali, realizzati in materiali resistenti a trazione dentro fori di carotaggio, può creare un efficace collegamento tra i paramenti murari, evitando il distacco di uno di essi o l'innesco di fenomeni di instabilità per compressione. L'intervento conferisce alla parete un comportamento monolitico per azioni ortogonali al proprio piano.

Rinforzo con intonaci strutturali con fibra di vetro di Weber Saint Gobain
- Placcaggio mediante utilizzo di intonaco armato, utile nel caso di murature gravemente danneggiate e incoerenti, sulle quali non sia possibile intervenire efficacemente con altre tecniche. L'intervento consiste nel realizzare due lastre in calcestruzzo armate poste in affiancamento ai due lati della muratura e rese solidali alla stessa tramite connettori trasversali. È inoltre possibile eseguire l'intervento anche utilizzando intonaci strutturali a base calce e armature in fibra di vetro.


- Placcaggio con materiali resistenti a trazione, utilizza tecniche innovative di consolidamento e rinforzo, che prevedono l'utilizzo efficace di rinforzi (reti in fibra di vetro, nastri in acciaio) posti in opera all'interno di una matrice inorganica (malta a base di calce idraulica naturale).
Questi sistemi di rinforzo strutturale sono chiamati FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) e SRG (Steel Reinforced Grout) quando sono applicati in basso spessore (10/15 mm), CRM (Composite Reinforced Mortar) quando sono applicati in alto spessore (25%30mm).


Interventi di antiribaltamento delle murature di tamponamento


Nei recenti interventi sismici è emerso il problema delle espulsioni fuori piano delle tamponature. Il ribaltamento delle tamponature può causare gravi danni, ferimenti di persone e talvolta ostruzione delle vie di fuga o di accesso per i primi soccorsi in caso di calamità.

Questi meccanismi si instaurano più frequentemente in edifici nei quali i tamponamenti deboli risultano non efficacemente collegati alle strutture in c.a.
Il controllo del danno negli elementi non strutturali si effettua in maniera indiretta, intervenendo sulla rigidezza degli elementi strutturali al fine di contenere gli spostamenti di interpiano.

Antiribaltamento delle murature con Weber
Saint - Gobain Weber propone un sistema di contenimento formato da un intonaco strutturale, una rete in fibra di vetro e degli ancoraggi posizionati sul perimetro del telaio in cemento armato. Il sistema è stato testato presso l’Università di Padova.


Interventi di anti-sfondellamento nei solai in latero cemento


Il danno da sfondellamento consiste nel distacco e la successiva caduta della parte inferiore delle pignatte. Un fenomeno tipico dei solai in laterocemento, in cui le pignatte vengono sollecitate al punto di rompersi nella parte inferiore (fondello) che si distacca dal resto del solaio.

Il distacco del fondello in laterizio, naturalmente, comporta anche il distacco dell’intonaco, che incrementa il peso del materiale gravante dall’alto, aumentando le conseguenze su chi vive lo spazio sottostante.

Soluzioni antisfondellamento dei solai
Tipicamente, lo sfondellamento riguarda tutti gli edifici con solaio in laterocemento, ma in particolare quelli costruiti dagli anni '40 agli anni '70, nel pieno del boom economico in cui la scarsa qualità dei materiali e i limitati controlli sulla posa in opera hanno ridotto la sicurezza del solaio.

Saint Gobain Weber propone un sistema di contenimento delle parti danneggiate e in distacco, formato da un intonaco strutturale, una rete in fibra di vetro e sistemi di ancoraggio ai travetti in cls. L’efficacia del sistema è stata verificata dall’Istituto Giordano.


Rischio sismico consolidamento e rinforzo delle murature: la Redazione consiglia

Il rischio sismico: come intervenire sugli edifici


WeberNel mondo dell'edilizia esistono tante tipologie di materiali e soluzioni per consolidare gli edifici a seguito di un evento sismico, scegliere la soluzione giusta non è sempre facile per questo è importante affidarsi a specialisti nel settore come Weber, azienda leader nella produzione di premiscelati per l'edilizia, offre una gamma completa di soluzioni avanzate per l'edilizia professionale che si basano su tecnologie e formulazioni avanzate, per soddisfare le più elevate esigenze tecniche.

Attenzione alle esigenze del mercato e alle tecniche costruttive d'avanguardia, l'azienda è alla continua ricerca di sistemi e prodotti innovativi. Weber è garanzia di affidabilità e sicurezza nei risultati. La politica aziendale è costruita su una salda volontà di offrire soluzioni efficaci, di semplice applicazione, che non rechino danni all'ambiente, alla salute degli operatori e degli utenti finali.

Per ulteriori informazioni visita il sito: www.e-weber.it

Idropittura Weber

riproduzione riservata
Articolo: Rischio sismico: consolidamento e rinforzo delle murature
Valutazione: 5.60 / 6 basato su 5 voti.
Weber leader mondiale nella produzione di premiscelati per l'edilizia, con una gamma completa di soluzioni basata su tecnologie e formulazioni avanzate.

Rischio sismico: consolidamento e rinforzo delle murature: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Rischio sismico: consolidamento e rinforzo delle murature che potrebbero interessarti
Rischio sismico e Sismabonus, come intervenire per limitare i danni

Rischio sismico e Sismabonus, come intervenire per limitare i danni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Cos'è il rischio sismico e a cosa serve la valutazione sismica? Di seguito tutte le modalità e i requisiti per accedere alle agevolazioni previste dal Sismabonus
Normative sulla prevenzione del rischio sismico

Normative sulla prevenzione del rischio sismico

Leggi e Normative Tecniche - Per ridurre il rischio sismico e favorire l'adeguamento degli edifici esistenti, Stato e Regioni hanno emanato numerose leggi e regolamenti tecnici sulla materia.
Scheda sinottica per la riduzione del rischio sismico

Scheda sinottica per la riduzione del rischio sismico

Leggi e Normative Tecniche - In caso di manutenzione straordinaria o miglioramento sismico, sarà necessario allegare alla documentazione richiesta una scheda per la riduzione del rischio sismico.

Isolamento sismico degli edifici

Soluzioni progettuali - Uno dei modi per proteggere un edificio dal sisma è rappresentato dall'isolamento sismico, che permette agli edifici di resistere a terremoti anche distruttivi.

Adeguamento antisismico dei fabbricati con il Sismabonus

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata la Legge di Bilancio per il 2017 (L. n. 232/2016). Vediamo qui in particolare cosa è previsto a proposito dell' adeguamento sismico con il Sismabonus

Misure antisismiche per l'edilizia

Progettazione - Il catastrofico terremoto in Abruzzo ha, ancora una volta, messo in evidenza le carenze strutturali degli edifici italiani.

Cosa fare in caso di terremoto?

Soluzioni progettuali - È la domanda a cui hanno cercato di dare una risposta i tecnici della Protezione Civile della Regione Emilia Romagna con un interessante opuscolo da tenere in casa.

Sisma in Emilia e proposte di prevenzione

Normative - Tutte le associazioni professionali di categoria (geologi, ingegneri, architetti) concordano sull'importanza della prevenzione per evitare vittime e danni dei sismi.

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.