Fondo di morosità incolpevole e riparto tra le Regioni

Flash News DI Affittare casa15 Maggio 2018 ore 10:26
Approvato lo schema di decreto per il riparto tra le Regioni del fondo morosità incolpevole, il contributo a sostengo degli inquilini che non riescono a pagare.

Fondo morosità incolpevole: quali sono le novità?


Il fondo morosità incolpevole rappresenta una misura di sostegno al reddito a favore delle categorie sociali più deboli.
Il fondo, costituito da 45,84 milioni di euro è stato proposto dal Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze Pier Carlo Padoan.
Consiste nell’erogazione di un contributo a favore di quegli inquilini che, per molteplici ragioni (ad esempio perdita o riduzione del reddito) non riescono più a far fronte all'obbligo di versamento del canone di locazione.

Forte è l’impatto sociale di questo ammortizzatore poiché, oltre a sopperire ai disagi economici in cui versano molte famiglie, contribuisce a contrastare il fenomeno della morosità.

Fondo di morosità incolpevole
Il 10 maggio scorso è stato approvato dalla Conferenza Unificata lo schema di decreto per il riparto tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano.
La ripartizione delle risorse economiche, approvata dal Ministero, avviene secondo le seguenti modalità:
Piemonte 5.718.461,74 euro; Valle d’Aosta 84.276,68; Lombardia 9.293.704,62; Provincia autonoma Trento 175.576,42; Provincia autonoma Bolzano 112.368,91; Veneto 2.123.304,17; Friuli-V.Giulia 301.991,44; Liguria 1.650.112,10; Emilia-Romagna 5.162.293,38; Toscana 3.810.848,06; Umbria 677.036,44; Marche 1.256.852,90; Lazio 6.284.264,51; Abruzzo 660.752,59; Molise 57.940,22; Campania 4.296.072,11; Puglia 2.298.245,30; Basilicata 74.912,61; Calabria 424.894,94; Sicilia 1.001.103,04; Sardegna 376.318,79.


Quali sono i requisiti per accedere al fondo morosità incolpevole?

 
Ricapitoliamo di seguito i criteri di accesso al fondo morosità.

  • reddito ISE non superiore a 35.000 euro o un reddito proveniente da attività lavorativa che comporti un valore ISEE non superiore a 26.000 euro;

  • notifica al richiedente di un atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida;

  • il richiedente deve risultare contraente di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo registrato, presso il quale deve essere stata fissata la residenza da almeno un anno. Sono esclusi gli immobili rientranti nelle categorie catastali AI, A8 e A9;

  • cittadinanza italiana in un paese dell’UE;

  • possesso di un regolare titolo di soggiorno qualora il richiedente non appartenga all’UE.


riproduzione riservata
Articolo: Riparto fondo morosità incolpevole
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Riparto fondo morosità incolpevole: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Riparto fondo morosità incolpevole che potrebbero interessarti
Morosità incolpevole

Morosità incolpevole

Affittare casa - L'entrata in vigore del decreto legge 102/13 istituisce un fondo destinato a coprire i ritardi nei pagamenti dei canoni di locazione per morosità incolpevole.
Affitti: il Fondo per morosità incolpevole

Affitti: il Fondo per morosità incolpevole

Affittare casa - Che cos'è il Fondo per la morosità incolpevole, chi può beneficiarne, i requisiti da rispettare per poterne fare richiesta e l'importo del contributo erogabile.
Termine di grazia nei contratti di locazione

Termine di grazia nei contratti di locazione

Affittare casa - Al di là delle recenti novità legislative riguardanti la morosità incolpevole, la legge concede al conduttore il cosiddetto termine di grazia per evitare lo sfratto.

Pagamento del canone di locazione

Affittare casa - In tema di pagamento del canone di locazione, le parti del contratto devono rispettare delle regole, previste dalla legge e/o dal contratto, riguardo i tempi e i modi.

Locazione abitativa, morosità e sfratto

Normative - La convalida sfratto per morosità può essere bloccata dal pagamento dei canoni dopo la domanda giudiziale ma bisogna restare in regola per evitare la risoluzione.

Locazione: cosa fare se il canone non viene riscosso

Affittare casa - Quando il proprietario di un immobile concesso in locazione non riscuote il canone dovuto dall'inquilino può non pagare l'IRPEF. Ecco l'ultima decisione del Fisco

Inquilino moroso: ecco come difendersi

Mutui e assicurazioni casa - Per tutelare i proprietari di immobili in locazione da inquilini morosi, si trovano sul mercato molte polizze assicurative. Vediamo da vicino di cosa si tratta.

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Lombardia - aiuti per affitti

Normative - Regione Lombardia e Finlombarda aiutano gli inquilini a pagare il canone d'affitto nei Comuni ad alta tensione abitativa, ma solo in caso di morosità incolpevole.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.