Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Ripartizione detrazioni 50% e 65% fra più soggetti aventi diritto

Se più soggetti sostengono spese di ristrutturazione di un unico immobile, essi godranno delle detrazioni in base alla spese effettivamente sostenuta da ognuno.
30 Settembre 2014 ore 13:53 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Aventi diritto alle detrazioni 50% e 65%


Come bisogna comportarsi quando si eseguono lavori di ristrutturazione o di risparmio energetico su un immobile e ci sono più persone che potenzialmente hanno diritto a godere delle relative detrazioni fiscali?

ripartizione detrazioni fra più soggettiRicordiamo innanzitutto chi sono i soggetti che possono usufruire delle detrazioni citate:
- proprietari o nudi proprietari
- familiari conviventi del possessore o detentore
- titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
- locatari o comodatari
- soci di cooperative divise o indivise
- imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce
- soggetti indicati nell'articolo 5 del Tuir che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.


La detrazione spetta a chi sostiene le spese


In presenza di più persone che hanno potenzialmente diritto a godere delle detrazioni fiscali su un immobile, le uniche fra queste che effettivamente ne potranno beneficiare saranno quelle che sostengono le spese per i lavori.

porta blindata detrazione ristrutturazioniFacciamo un esempio. Marito e moglie vivono insieme in una casa di proprietà esclusiva della moglie. Decidono di eseguire un intervento che può beneficiare della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie, come ad esempio l'installazione di una porta blindata. Le spese sono sostenute dal marito. In questo caso, pur rientrando entrambi nella lista dei soggetti che possono fruire delle detrazioni (la moglie come proprietaria e il marito come familiare convivente del proprietario), sarà il marito di fatto a beneficiarne perché è lui che ha sostenuto la spesa.


Lo stesso accade se, anziché essere la moglie unica proprietaria, siano entrambi proprietari dell'immobile, ognuno per la quota del 50%. Vale sempre la regola che beneficia della detrazione solo chi ricade nella lista dei soggetti aventi diritto e che contemporaneamente sostiene le spese. In quest'ultimo caso la quota di proprietà è indifferente ai fini della detrazione, nel senso che non c'è una riduzione della detrazione se colui che sostiene le spese è proprietario solo di una quota dell'immobile. Quindi se nel caso della comproprietà al 50% sia il marito a pagare la nuova porta blindata, sarà sempre lui a beneficiare interamente della detrazione sulle ristrutturazioni edilizie.


Più aventi diritto possono sostenere le spese e beneficiare della detrazione


Se uno degli aventi diritto alla detrazione sostiene le spese per un lavoro e un altro soggetto avente diritto sostiene altre spese inerenti lo stesso lavoro o spese per opere diverse sul medesimo immobile, ognuno potrà beneficiare della detrazione per la parte di spesa che ha sostenuto. Importante è non superare complessivamente i tetti massimi di spesa previsti dalle detrazioni per ogni unità abitativa.

adeguamento impianto elettrico detrazione ristrutturazioniPer chiarire torniamo al nostro esempio. Appartamento in comproprietà al 50% dei due coniugi. Viene installata una porta blindata. La moglie paga la fattura di acconto e il marito paga la fattura di saldo. In questo caso ognuno dei due coniugi beneficerà della detrazione in base all'importo che ha versato.

Complichiamo ulteriormente l'esempio. Viene installata una porta blindata a spese del marito, mentre la moglie paga le spese dell'elettricista per mettere in sicurezza l'impianto elettrico. Il marito beneficerà della detrazione per la spesa della porta blindata e la moglie godrà della detrazione per la spesa dell'impianto elettrico.


Vantaggi della ripartizione delle spese


La possibilità di ripartire le spese e la detrazione fra gli aventi diritto è un concetto tutt'altro che secondario, soprattutto quando si eseguono lavori costosi e quando i singoli redditi non sono particolarmente elevati. Ricordo infatti che le detrazioni fiscali di cui parliamo sono detrazioni dall'Irpef e se un contribuente ha un reddito basso e tale da non pagare ingenti somme di Irpef, rischia talvolta di non riuscire a portare in detrazione tutto quanto spererebbe.

Facciamo anche qui un esempio. Ognuno dei soliti coniugi percepisce uno stipendio di 15.000 euro/annui e la famiglia non ha altre forme di reddito. L'Irpef che ognuno dei due paga ammonta a circa 3.450 euro, pertanto questa cifra è quella massima di riferimento che ognuno dei due può detrarre annualmente.

coniugi detrazioni ristrutturazioneSupponiamo che sull'abitazione dei due coniugi vengano eseguiti lavori di ristrutturazione per un importo totale di 80.000 euro, potendo quindi portare in detrazione dall'Irpef 40.000 euro (50% di 80.000) da ripartire in 10 rate annuali di pari importo (4.000 euro).

Qualora a pagare l'intero importo di ristrutturazione sia uno solo dei due coniugi, i 4.000 euro di detrazione annui non potrebbero essere interamente goduti, avendo infatti a disposizione come limite massimo personale da detrarre 3.450 euro. Andrebbero quindi persi annualmente 550 euro (4.000 meno 3.450).

Se invece i due coniugi ripartiscono tra loro le spese di ristrutturazione, pagando ad esempio 40.000 euro la moglie e 40.000 euro il marito, ognuno di loro avrebbe diritto ad una detrazione di 20.000 euro (50% di 40.000) da ripartire in 10 quote annuali di pari importo (2.000 euro). In questo caso potrebbero godere interamente del beneficio poiché la quota annuale detraibile (2.000 euro) non supera l'Irpef annuale che ognuno versa (3.450 euro).

Prima di eseguire lavori e pagare le fatture, il consiglio è sempre di verificare preventivamente quanto ogni avente diritto alla detrazione può detrarre dall'Irpef e ripartire di conseguenza le spese.

riproduzione riservata
Articolo: Ripartizione detrazioni 50% e 65% fra più soggetti aventi diritto
Valutazione: 5.16 / 6 basato su 19 voti.

Ripartizione detrazioni 50% e 65% fra più soggetti aventi diritto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Janliuk
    Janliuk
    Giovedì 10 Settembre 2020, alle ore 10:04
    Buongiorno,la mia compagna ed io (proprietari cointestatari dell'appartamento) abbiamo installato climatizzatore con pompa di calore; a causa dell'impossibilità della ditta di emettere fatture con due diversi Codici Fiscali sono state emesse due fatture distinte, ciascuna per il 50% del totale del lavoro, una intestata alla mia compagna ed una a me. Il pagamento delle fatture è stato fatto tramite conto corrente cointestato: quante registrazioni dobbiamo fare all'ENEA?Grazie...
    rispondi al commento
  • Ing. fr
    Ing. fr
    Mercoledì 5 Febbraio 2020, alle ore 16:45
    Tutto corretto.
    E se i bonifici partissero da un conto corrente cointestato e intestato ai codici fiscali di entrambi i coniugi, e se sulle fatture risultassero i codici fiscali di entrambi, a chi spetta la detrazione?
    La moglie paga fisicamente l'acconto fattura, il marito il saldo.
    Sono entrambi beneficiari e con che criterio viene ripartita la detrazione?
    rispondi al commento
  • Tolli
    Tolli
    Giovedì 19 Settembre 2019, alle ore 18:31
    Io e la mia ragazza stiamo acquistando un immobile in comproprietà al 50%.
    Il vendito è concorde nel lasciarci il vantaggio della detrazione IRPEF al 50% dei lavori eseguiti da lui e appena ultimati.
    Il mio quesito è se questi vengano automaticamente divisi tra me e la mia compagna o se possiamo decidere che tutti i costi sostenuti dal venditore passino ad uno solo dei due.§
    Questo perche essendo io forfettario non godrei di detrazione IRPEF.
    rispondi al commento
  • Robca
    Robca
    Lunedì 8 Luglio 2019, alle ore 19:21
    Nel caso di condominio minimo, senza codice fiscale né amministratore, sul quale siano stati eseguiti lavori di risparmio energetico, nel 730 dove va inserito il codice fiscale dell'unico condòmino che ha sostenuto le spese?  
    rispondi al commento
  • Vally1
    Vally1
    Martedì 12 Marzo 2019, alle ore 10:31
    In caso di separazione dei due coniugi come funziona la detrazione per il bonus mobili?
    bonifici effettuati da conto cointestato, in separazione dei beni e fatture intestate per metà ad un coniuge e metà all'altro coniuge.
    rispondi al commento
  • Tiziana4
    Tiziana4
    Giovedì 29 Novembre 2018, alle ore 23:54
    In caso di 2 appartamenti giá totalmente indipendenti che saranno oggetto di separazione catastale ma anche (prima della separazione) di lavori interni dichiarati con una CILA come funziona il bonus mobili?
    Si può chidere facendo riferimento alla CILA usufruendone come fosse un solo immobile ed in proporzione alla propria quota?
    Quando gli appartamenti saranno divisi catastalmente si ha diritto ad un altro bonus mobili per singola unità?
    Se si, il tetto di spesa va decurtato delle spese sostenute e detratte in precedenza o si riparte da 10.000?
    Giziana
    rispondi al commento
  • Marco31
    Marco31
    Venerdì 8 Giugno 2018, alle ore 19:15
    Volevo chiedere se è possibile ripartire spese e relative detrazioni tra proprietario e comodatario, io proprietario e la mia compagna comodataria (ovviamente su importo max previsto di 96k totali).
    L'immobile in oggetto era dei miei genitori, ora deceduti e quindi non abbiamo mai abitato insieme io e lei in questo stabile, ma in affitto in altro appartamento.
    Inoltre il contratto di comodato può essere valido anche se registrato in data successiva a quella dell'inizio lavori?
    Grazie se ci potete consigliare, se possibile, nella ripartizione delle detrazioni.Marco
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Marco31
      Lunedì 18 Giugno 2018, alle ore 11:07
      Purtroppo il comodatario può detrarre solo se il contratto è registrato prima dell'inizio dei lavori.
      rispondi al commento
  • Giorgiona
    Giorgiona
    Mercoledì 28 Marzo 2018, alle ore 14:12
    Dobbiamo pagare delle fatture per lavori di ristrutturazione nuoca casa, per posa e installazione caldaia a condensazione, per acquisto nuovo mobili e per trasloco.
    Quali sono i codici corretti per effettuare i bonifici?
    Il conto è cointestatato e la casa e divisa 40%e 60% .
    Nel bonifico inserisco entrambi i codici fiscali.
    Devo far fatturare ad entrambi i nomi o ne basta uno?
    Detrae uno solo o entrambi?
    I fornitori devono fatturare con specifiche particolari nel corpo della fattura?
    rispondi al commento
  • Matteo 1
    Matteo 1
    Mercoledì 30 Agosto 2017, alle ore 12:28
    Nel caso sia installata una schermatura solare per la quale si può eseguire pratica di detrazione ENEA al 65% ed il pagamento sia effettuato da un conto cointestato fra marito e moglie e l'immobile sia di proprietà di entrambi, come si deve procedere?
    Si può fare la pratica di detrazione ENEA con il totale della spesa a nome di uno dei due coniugi oppure devono esser fatte due pratiche separate intestate ad un coniuge ed all'altro inserendo per ognuna metà della spesa sostenuta?
    rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.487 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Ripartizione detrazioni 50% e 65% fra più soggetti aventi diritto che potrebbero interessarti


No al bonus ristrutturazione se l'edificio è di nuova costruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Corte di Cassazione, con una recente ordinanza chiarisce quali sono i requisiti per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni. Vediamo i punti salienti.

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Detrazione 50% o 65%: quale scegliere quando un lavoro può beneficiare di entrambe?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Optare per la detrazione più idonea verificando i requisiti tecnici, calcolando i vantaggi economici nel lungo termine e rispettando i limiti massimi di spesa.

Ristrutturazioni: previsto in Sardegna un bonus aggiuntivo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella Regione Sardegna in caso di esecuzione di interventi di ristrutturazione è allo studio la previsione di un bonus aggiuntivo del 40%. Ecco di cosa si tratta

Tinteggiatura e detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La tinteggiatura di pareti interne od esterne di un'abitazione esistente può beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sul risparmio energetico?

Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione o risparmio energetico pagati con finanziamento sono ammesse, ma solo se vengono rispettate alcune procedure.

Chi può fruire della detrazione sul risparmio energetico (65%)

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possono accedere alla detrazione i titolari di redditi soggetti ad IRPEF/IRES che posseggono o detengono l'immobile, familiari conviventi e promissari acquirenti.

Cumulabilità incentivi sugli interventi edilizi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Chiarimenti sulla possibilità o meno di poter beneficiare di più detrazioni e contributi relativamente a interventi realizzati su edifici residenziali esistenti.

Detrazioni fiscali portoncino d'ingresso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Alcune informazioni utili per chi è intenzionato a sostituire il portoncino di ingresso di un'abitazione esistente e desidera beneficiare delle detrazioni fiscali.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mandrake
Buonasera, e grazie per avermi accettato. Abito in provincia di Brescia, a pochi km dalla città. Ho appena ristrutturato tre appartamenti per godere appunto del 50% di 96K...
mandrake 14 Gennaio 2020 ore 13:08 3
Img amministrazione@sommariva.casa
Buonasera, in riferimento a un rivestimento interno di pareti con pannello isolante termico interposto in controparete di cartongesso, per quanto riguarda detrazione per risparmio...
amministrazione@sommariva.casa 27 Novembre 2019 ore 12:12 1
Img losten
Buongiorno, sono nuovo del forum, vi espongo il mio quesito: Il mio cliente è proprietario di un immobile residenziale unifamiliare, e lo stesso vorrebbe tamponare la...
losten 04 Giugno 2018 ore 18:39 2
Img wilson2904
Buongiorno,mi sto accingendo ad effettuare alcuni lavori di ristrutturazione di un bagno, nel dettaglio :- sostituzione pavimento e rivestimento- sostituzione sanitari-...
wilson2904 26 Ottobre 2016 ore 11:23 5
Img tizsca
Dovendo intallare grate, cancelli ed inferriate per il mio appartamento tramite la realizzazione delle medesime a cura di un fabbro artigiano, con la presente vorrei sapere se...
tizsca 02 Dicembre 2015 ore 14:30 2