Ripartizione delle spese per il rifacimento del cortile condominiale

NEWS DI Ripartizione spese20 Febbraio 2012 ore 12:17
Il cortile condominiale è uno spazio comune e le spese di manutenzione devono essere ripartite tra tutti in base ai millesimi di proprietà.

CortileIl cortile, ai sensi dell'art. 1117 c.c., è una parte comune dell'edificio.

Di fatto esso è una pertinenza, ossia una bene posto a servizio di un altro bene.

Questa condizione di bene condominiale ex lege può essere mutata solamente dagli atti d'acquisto (o dal regolamento condominiale di natura contrattuale).

In questo contesto di chiara definizione degli assetti inerenti la proprietà del cortile, il codice civile manca di specificare un aspetto: che cos'è il cortile?Manca, in sostanza, una definizione.
Secondo la giurisprudenza, che nei fatti altro non dice che quello che legge sui dizionari, il cortile, tecnicamente, è l'area scoperta compresa tra i corpi di fabbrica di un edificio o di più edifici, che serve a dare aria e luce agli ambienti circostanti.
Ma avuto riguardo all'ampia portata della parola e, soprattutto, alla funzione di dare aria e luce agli ambienti, che vi prospettano, nel termine cortile possono ritenersi compresi anche i vari spazi liberi disposti esternamente alle facciate dell'edificio (quali gli spazi verdi, le zone di rispetto, i distacchi, le intercapedini, i parcheggi) che, sebbene non menzionati espressamente nell'art. 1117 cod. civ., vanno ritenute comuni a norma della suddetta disposizione (Cass. 9 giugno 2000, n. 7889).

In questo contesto, spesso, ci si è domandati: come si ripartiscono le spese per il rifacimento del cortile?

Cortile condominiale

Alla domanda ha dato risposta la Cassazione, in conformità ai propri precedenti, con una sentenza, la n. 2243, resa lo scorso 16 febbraio.

Il caso è, per così dire, quello classico: un'assemblea delibera degli interventi manutentivi del cortile comune e decide che gli stessi debbono essere ripartiti tra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà.

Particolarità: il cortile funge anche da copertura per la sottostante autorimessa e alcuni condomini potevano transitarvi con il furgone.
In questo contesto, quindi, alcuni comproprietari si oppongono, in quanto, a loro dire, il cortile serve sì tutti i condomini ma lo fa in misura diversa.

Soccombenti in primo grado, i comproprietari vedevano accolte le proprie ragioni nel giudizio d'appello, al termine del quale veniva la deliberazione veniva annullata.

Da qui il ricorso per Cassazione.

Gli ermellini hanno dato ragione alla compagine ricorrente.
Nel farlo, in primo luogo, hanno richiamato l'orientamento, ormai consolidato, in materia di spese di manutenzione del cortile che funge da copertura per l'autorimessa.

Secondo questo filone giurisprudenziale in materia di condominio , qualora si debba procedere alla riparazione del cortile condominiale, che funga anche da copertura per i locali sotterranei di proprietà esclusiva di singoli condomini, ai fini della ripartizione delle relative spese non si può ricorrere ai criteri previsti dall'art. 1126 cod. civ., ma si deve, invece, procedere ad un'applicazione analogica dell'art. 1125 cod. civ., il quale stabilisce che le spese per la manutenzione e la ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani l'uno all'altro sovrastanti, mentre accolla per intero le spese relative alla manutenzione della parte della struttura complessa identificantesi con il pavimento del piano superiore a chi con l'uso esclusivo della stessa determina la necessità della inerente manutenzione e pone a carico del proprietario del piano inferiore l'intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto (Cass. 16 febbraio 2012 n. 2243).

In questo contesto, pertanto, prosegue la Cassazione, ha pertanto errato la Corte territoriale, nell'annullare la delibera di ripartizione delle spese relative alla manutenzione straordinaria del cortile, a ritenere applicabile, nella specie, il criterio di cui all'art. 1123, secondo comma, cod. civ., sul rilievo che, essendo la pavimentazione del cortile destinata a servire anche da copertura delle sottostanti autorimesse, oltre che dei relativi percorsi di accesso, l'entità del contributo dovrebbe Cortile3essere suddivisa soltanto tra i proprietari esclusivi delle autorimesse ciò perché - non perdendo il cortile comune la funzione di dare aria e luce al condominio né quella di assolvere "ad una funzione di generico ed indifferenziato calpestio da parte" dei condomini residenti e di consentire, sia pure in "una porzione della complessiva estensione" dello stesso, "l'accesso dei furgoni, per il rifornimento dei negozi, come di altri veicoli" - non poteva essere esclusa la compartecipazione di tutti i condomini, in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, alle spese relative alla copertura del pavimento dello stesso (Cass. 16 febbraio 2012 n. 2243).

In definitiva: il pavimento il cortile ha una ben precisa funzione uguale per tutti e le spese per la manutenzione del piano di calpestio devono coinvolgere tutti i comproprietari nella misura indicata dai millesimi di proprietà.

riproduzione riservata
Articolo: Ripartizione spese per il rifacimento del cortile
Valutazione: 3.86 / 6 basato su 21 voti.

Ripartizione spese per il rifacimento del cortile: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Alexiab
    Alexiab
    Martedì 8 Gennaio 2013, alle ore 14:24
    Buon giorno Avvocato,vorrei portle una domanda proprio in merito a questa sentenza.Sono un'amministratrice di condominio e mi trovo ad affrontare un caso analogo.Dal cortile condominiale, ci sono delle infiltrazioni che ricadono all'interno di un box ad uso privato di un condomino.Nel ripartire le spese ho seguito l'art. 1125 cc e la sentenza n. 15841 del 19/07/2011, addebitando per millesimi di proprietà il costo per il rifacimento del cortile(demolizione, masetto e impermeabilizzazione) all'intero condominio e al condomino proprietario del box sottostante, la spesa per il rifacimento dell'intonacatura e la pittura.Ora questo condomino mi contesta la ripartizione individuale che lo vede addebitarsi della spesa individuale per il rifacimento dell'intonaco e della tinta all'interno del suo box, tant'è che mi ha effettuato un bonifico solo per la parte riguardante il cortile condominiale.Come mi devo comportare?La ringrazio molto.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Ripartizione spese per il rifacimento del cortile che potrebbero interessarti
Spese di manutenzione del cortile condominiale

Spese di manutenzione del cortile condominiale

Ripartizione spese - Salvo diversa disposizione contenuta negli atti d'acquisto, alle spese necessarie per la manutenzione e conservazione del cortile, concorrono tutti i condomini.
Cavedio e ripartizione delle spese

Cavedio e ripartizione delle spese

Condominio - Tra quali condomini si ripartiscono le spese condominiali inerenti il cavedio interno all?edificio
Condominio e parti comuni

Condominio e parti comuni

Ripartizione spese - In tema di condominio negli edifici, se alcuni beni servono solamente un gruppo di condòmini, solo questi partecipano alle spese e devono essere considerati proprietari.

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Condominio - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Condominio - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Assemblea di condominio - Edificio e boxes in condominio: quando si può parlare di unico complesso condominiale e quando invece sono entità autonome?

Il proprietario, l'inquilino e le spese condominiali.

Condominio - Chi abita in affitto ed in condominio sa che la materia delle spese condominiali genera frizioni, se non proprio contrasti con il proprietario dell'unità

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di
REGISTRATI COME UTENTE
295.607 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Piumedoro tuttovitamine ml 25
    Piumedoro tuttovitamine ml 25...
    7.59
  • Rifacimento facciata
    Rifacimento facciata...
    35.00
  • Rifacimento bagno chiavi in mano roma
    Rifacimento bagno chiavi in mano...
    3300.00
  • Rifacimento facciate, pitture esterne
    Rifacimento facciate, pitture...
    25.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.