Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Impugnazione delibere e ripartizione delle spese: vizi contestabili e casi ricorrenti

NEWS Ripartizione spese23 Aprile 2019 ore 13:37
L'impugnazione delle delibere è materia che s'intreccia spesso con quella della ripartizione delle spese: gli aspetti comuni e quelli principali dei due argomenti

Ripartizioni spese condominiali e contestazione decisioni assemblea


Impugnare una delibera dell’assemblea condominiale vuol dire contestare una decisione assunta da quel consesso. Impugnare una delibera riguardante ripartizioni spese condominiali, vuol dire chiedere ad un giudice di valutare se l’operato dell’assemblea è stato corretto, insomma se si poteva fare ricorso a quel criterio di ripartizione delle spese.

Spese condominiali
L’impugnazione delle delibere condominiali è disciplinata dall’art. 1137 del Codice civile.
Esso riguarda specificamente la contestazione delle delibere contrarie alla Legge o al regolamento di condominio (cioè quelle che dottrina e giurisprudenza qualificano come annullabili) rispetto alle quali il condòmino può chiedere l’annullamento all’Autorità Giudiziaria:

- entro trenta giorni dalla loro adozione se l’impugnante era presente alla riunione e ha votato contro la decisione contestata, ovvero si è astenuto;

- entro trenta giorni dalla comunicazione del verbale nel caso di assenza al momento della decisione sulla specifica delibera oggetto di contestazione.

In questo secondo caso, sulla base della più recente giurisprudenza in materia (Cass. 14 dicembre 2016 n. 25791), qualora non sia stata possibile la consegna del verbale al destinatario (ovvero a un suo addetto), la notifica dello stesso ha da considerarsi perfezionata non con l’immissione dell’avviso di giacenza del plico nella cassetta postale, ma trascorsi dieci giorni da questo adempimento, in analogia alla notificazione degli atti giudiziari, così come previsto dalla legge n. 890/1982.

Contro le deliberazioni nulle non sono previsti limiti di tempo per l’impugnazione (Cass. SS.UU. 8 marzo 2005 n. 4806). Come vedremo più avanti le delibere riguardanti spese condominiali possono essere tanto nulle, quanto annullabili.

Quanto alla forma dell’atto di impugnazione della delibera condominiale, si ritiene che lo stesso debba assumere la forma della citazione (Cass. SS.UU. 14 aprile 2011 n. 8491).

L’impugnazione giudiziale della delibera condominiale è obbligatoriamente preceduta dall’esperimento di un tentativo di mediazione (art. 71-quater disp. att. c.c. e art. 5 d.lgs n. 28/2010), anche se resta nel potere del condòmino quello di agire direttamente in via cautelare per ottenere la sospensione del provvedimento assembleare contestato (art. 5 d.lgs n. 28/2010).

In generale l’impugnazione non sospende l’efficacia della delibera che resta pienamente valida fino all’annullamento o comunque alla sua sospensione, ove richiesta (art. 1137 c.c.). Tale excursus vale per ogni delibera, cioè anche per quelle aventi a oggetto la ripartizione delle spese.


Impugnazione delle delibere e poteri dell'amministratore


Quali adempimenti gravano sull’amministratore quando riceve al proprio domicilio l’atto d’impugnazione di una delibera assembleare?

Risposta: nominare un avvocato.

Senza necessità di preventiva autorizzazione assembleare a farlo e quindi a stare in giudizio? Sì, non è necessario.

Ripartizione spese condominiali
Rappresenta un pacifico principio quello in ragione del quale in tema di impugnazione delle delibere dell’assemblea di condominio, l' amministratore ha facoltà di resistere all'impugnazione e potendo anche appellarsi contro la relativa decisione del giudice, senza necessità di autorizzazione o successiva ratifica dell'assemblea. Ciò in quanto l'esecuzione e la difesa delle deliberazioni assembleari rientra fra le attribuzioni proprie dell’amministratore, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1130 n.1 e 1131 c.c. (si vedano in tal senso Cass. n. 1451 del 2014; Cass. n. 27292 del 2005; Cass. 23 aprile 2015, n. 8309).

Si badi: è facoltà, non obbligo, dunque, nulla vieta che, ricevuta comunicazione dell’atto d’impugnazione, l’amministratore possa rivolgersi all’assemblea affinché sia la stessa a decidere sulla costituzione in giudizio e quindi, ad esempio, sulla scelta dell’avvocato difensore.

Tutto ciò ha valore anche con specifico riferimento alle delibere riguardanti spese condominiali.


Ripartizioni spese condominiali, impugnazione delibere e poteri dell'Autorità Giudiziaria


Impugnare una delibera riguardante le ripartizioni spese condominiali, si diceva in principio, vuol dire contestare la scelta dell’assemblea in merito all’adozione di un particolare criterio di ripartizione delle spese.

A seconda di quanto è stato deciso dall’assemblea, la deliberazione riguardante la ripartizione delle spese può essere considerata:

- annullabile,d ove si sia sbagliato nella individuazione del criterio di ripartizione da applicare (es. art. 1124 c.c. piuttosto che art. 1123, primo comma, c.c.);

- nulla, se deroga ai criteri di ripartizione delle spese esistenti incidendo così sui diritti dei singoli condòmini.

Questa, almeno, è la bipartizione delineata dalla giurisprudenza (su tutte Cass. SS.UU. 8 marzo 2005 n. 4806, apparentemente contraria Cass. 20 dicembre 2018 n. 33039).

Ad ogni buon conto, nell’uno e nell’altro caso, il potere dell’Autorità Giudiziaria è limitato alla valutazione della legittimità (o meno) della delibera, ma non è sostitutivo del potere deliberativo dell’assemblea.

In buona sostanza, il giudice adito potrà affermare l’illegittimità della delibera per applicazione di un criterio errato, ovvero la nullità per deroga non consentita dei criteri di legge o convenzionali, ma la decisione corretta, riguardante le spese condominiali, dovrà successivamente essere assunta dalla medesima assemblea.


Impugnazione delibere riguardanti i balconi, contestazione riparto spese condominiali


Un esempio classico di contestazione di delibere riguardanti la ripartizione delle spese è quella inerente ai lavori di manutenzione dei balconi.

Ove si considerino i balconi dei beni in totale proprietà individuale e non condominiale, allora ogni decisione in merito alla loro manutenzione e conseguentemente tutte le delibere riguardanti la ripartizione delle spese delle opere su questi manufatti debbono essere considerate radicalmente nulle.

Spese condominiali calcolo
L’assemblea di condominio, infatti, non ha il potere di deliberare in merito alla manutenzione di parti dell’edificio in proprietà esclusiva, a meno che tale potere non gli sia espressamente conferito dal titolare del diritto, ovvero, sia previsto da una convenzione tra tutti i condòmini (es. regolamento contrattuale).

Qualora parte dei balconi fosse da considerarsi condominiale (si pensi ai decori presenti sulla parte frontale e sul cielino del balcone aggettante, elementi considerati condominiali, si veda Cass. 30 luglio 2004, n. 14576), allora la relativa spesa, salvo diversa convenzione, andrebbe ripartita tra tutti i condòmini sulla base dei millesimi di proprietà.


Impugnazione delibere riguardanti lavori di manutenzione


I casi più frequenti di impugnazione delle delibere riguardanti lavori di manutenzione riguardano:

  • contestazione della delibera per errore nella ripartizione delle spese;

  • contestazione della delibera per errore nella scelta dell’appaltatore (impresa che non possiede i requisiti richiesti in relazione alle specifiche opere);

  • contestazione della delibera per vizi formali (mancanza quorum, omessa convocazione, ecc.).


Quanto ai criteri di ripartizione delle spese condominiali è utile rammentare che:

  • per la manutenzione della facciata, per le innovazioni e in generale per gli interventi di conservazione di beni e impianti comuni non altrimenti normati, si applica l’art. 1123 c.c.;

  • per la manutenzione e ricostruzione di scale ed ascensori, l’art. 1124 c.c.;

  • per la manutenzione del lastrico in uso (o proprietà) esclusiva si applica l’art. 1126 c.c.


Impugnazione delibere del condominio minimo


È possibile impugnare una decisione assunta nell’ambito di un cosiddetto condominio minimo?

Sembra una domanda sui generis eppure la giurisprudenza si è soffermata sull’argomento.

La risposta è positiva, le decisioni assunte in seno a un condominio minimo, ossia quello al quale partecipano due sole persone, sono contestabili come qualunque altra decisione.

In particolare, è stato affermato che la decisione di nomina di un amministratore assunta con solo voto favorevole di uno dei presenti è annullabile (Trib. Roma 15 marzo 2012 n. 5415), mentre non può qualificarsi come delibera e va considerata una non delibera e quindi insanabilmente nulla la decisione presa da uno solo dei partecipanti al condominio minimo (Cass. n. 7929/2017).

Rispetto a questa particolare fattispecie, vale quanto detto in principio in relazione al tempistica e forma dell’impugnazione, ivi comprese le considerazioni sulla mediazione.

riproduzione riservata
Articolo: Ripartizione delle spese e impugnazione delle delibere
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Ripartizione delle spese e impugnazione delle delibere: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giacomo
    Giacomo
    Venerdì 18 Novembre 2016, alle ore 19:47
    Dovendo ristrutturare il balcone aggettante, invio per conoscenza all'amministratore relativa raccomandata a/r.
    Lo stesso con raccomandata a/r mi risponde che ha già predisposto l'intervento di una ditta specializzata per la messa in sicurezza dei balconi dell'edificio, sia di parti comuni che di parti private.
    Lo stesso mi invita  a garantire l'uniformità del prospetto e uniformarmi alle future delibere assembleari, partecipando con le dovute spese.
    Conclude che per le parti condominiali dovrò comunicargli in forma preventiva e analitica  in cosa consista detto intervento ed attendere l'autorizzazione dello stesso prima di porlo in essere.
    Preciso che nell'ultima assemblea condominiale non è stato deliberato l'intervento ai balconi perchè molto costoso e non è stata deliberata nessuna autorizzazione all'amministratore per la loro messa in sicurezza.
    Vi prego di un vostro chiarimento in merito.
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Giacomo
      Lunedì 21 Novembre 2016, alle ore 18:23
      Sulle parti di proprietà esclusiva puoi fare, anzi devi fare, i necessari interventi manutentivi, avendo cura di uniformarti, ad esempio, al colore esistente al momento dell'intervento.Se vuoi una risposta più dettagliata ed approfondita sull'argomento, prova il servizio di consulenza a pagamento di Lavorincasa.it su aspetti, legali, fiscali, condominiali riguardanti la casa Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale
      rispondi al commento
  • Geom.gianni
    Geom.gianni
    Martedì 16 Luglio 2013, alle ore 08:28
    Salve Avvocato, Premetto che nel mio caso si tratta di balconi aggettanti Il tecnico-Dir. dei lavori che si occuperà dei lavori e della ripartizione delle spese insiste nell'affermare che secondo lui deve essere applicato l'art. 1125 del c.c. anche se i balconi sono aggettanti.
    Mi dice come far capire al tecnico come si effettua la ripartizione?
    Le associazioni a livello nazionale di amministratori di condominio hanno lo stesso orientamento?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Geom.gianni
      Martedì 16 Luglio 2013, alle ore 15:45
      Per Gianni: che io sappia l'orientamento generale e differente da quelle espresso dal vostro tecnico.
      Come fare a convincerlo.
      Non saprei, magari facendogli leggere sentenze ed articoli in materia.
      rispondi al commento
  • Gaetano Draisci
    Gaetano Draisci
    Giovedì 6 Giugno 2013, alle ore 19:31
    Egregio Avvocato,le evidenzio che l'orientamento che Lei indica come più recente (Cass. 16 marzo 2010, n. 6363)è invece più datato. Tant'è che la stessa ordinanza n. 13552 del 20 giugno 2011, questa efettivamente più recente, che Lei stesso indica, rappresenta l'indirizzo giurisprudenziale consolidatosi nello stesso 2011 con l'ordinanza della Cassazione a Sezioni Unite n. 21582/11.Cordiali saluti.
    rispondi al commento
  • Sergio Favilli
    Sergio Favilli
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 09:03
    Salve, nel caso di multiproprietà di un appartamento, il detentore di 1/4 della proprietà può impugnare una delibera condominiale senza l'assenso esplicito del detentore degli altri 3/4 della stessa proprietà?
    Grazie per la risposta.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
305.912 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Colori tapparelle alluminio
    Colori tapparelle alluminio...
    5.00
  • Tappetino isolante Schluter-DITRA-SOUND
    Tappetino isolante...
    22.54
  • Guaina drenante Schluter-TROBA
    Guaina drenante schluter-troba...
    14.03
Notizie che trattano Ripartizione delle spese e impugnazione delle delibere che potrebbero interessarti
Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite
Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Ripartizione delle spese e validità della delibera

Ripartizione spese - Per la ripartizione delle spese condominiali, ai fini della validità della delibera, scegliere un criterio errato è cosa diversa dalla deroga a un criterio esistente.

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Condominio - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Spese condominiali e ricevuta di pagamento

Ripartizione spese - La ricevuta di pagamento delle spese condominiali attesta l'avvenuto pagamento delle quote e i condomini hanno diritto a chiederla e ottenerla dall'amministratore.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alibert1
Come si deve ripartire un intervento straordinario, su un terrazzo a livello che ha nella sua verticale il magazzino di un singolo proprietario?...
alibert1 10 Gennaio 2014 ore 14:37 3
Img anonimo
Vorrei sapere se per le spese di rifacimento del tetto si ripartisce la spesa in millesimi tra tutti i condomini.Se due tra loro hanno il tetto del garage a lato del condominio, i...
anonimo 16 Dicembre 2013 ore 21:28 1
Img uffakebarba
Buongiorno, abito in una villetta trifamigliare composta da due appartamenti al piano terra (uno dei quali di mia proprietà) e uno mansardato.La soletta del mio...
uffakebarba 27 Febbraio 2014 ore 09:19 6
Img tonyfish
Buongiorno,nel condominio in cui abito, nel garage di un condomino si è verificato il cedimento.Del pavimento in calcestruzzo dovuto al compattamento del materiale di...
tonyfish 09 Marzo 2014 ore 10:54 1
Img franceale
Buongiorno,vorrei un aiuto per quanto concerne la ripartizione delle spese derivanti da un allagamento verificatosi in un box con soprastante un terrazzo.Io sono l'unico...
franceale 18 Gennaio 2014 ore 12:23 1