Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Come rilevare i vani nascosti con strumenti tecnologici

Come effettuare indagini approfondite per individuare vani e cavedi nascosti negli edifici storici, impiegando due moderne tecniche diagnostiche poco invasive
- NEWS Restauro edile

Trasformazioni degli edifici nel corso dei secoli


Gli edifici costruiti per essere adibiti ad abitazioni, subiscono nel tempo diverse trasformazioni in relazione a specifiche necessità, che nel corso degli anni, comportano modifiche alla distribuzione interna degli ambienti e di conseguenza anche ai prospetti esterni.

Tali trasformazioni, diventano maggiormente evidenti negli edifici storici, costruiti almeno un secolo fa, nei quali alle trasformazioni citate, si sono aggiunte altre modifiche, conseguenti ad avvenimenti come terremoti, conflitti, ecc.

Sovrapposizioni di interventi con tecniche e materiali differenti
Tali modifiche, non si riferiscono solamente alla sagoma dell'edificio o al suo aspetto architettonico in generale, ma riguardano anche le modalità d'intervento e le tecniche costruttive, con le quali le modifiche sono state realizzate.


Vani murati in edificio da ristrutturare

Vani murati in edificio da ristrutturare

Vani murati in edificio da ristrutturare
Verifica tessitura muratura mediante saggio invasivo con spicconatura intonaco

Verifica tessitura muratura mediante saggio invasivo con spicconatura intonaco

Verifica tessitura muratura mediante saggio invasivo con spicconatura intonaco
Termogramma  facciata edificio con rilievo tessiture murarie

Termogramma facciata edificio con rilievo tessiture murarie

Termogramma  facciata edificio con rilievo tessiture murarie
Endoscopia Edile  approfondita eseguita da Indagini Strutturali

Endoscopia Edile approfondita eseguita da Indagini Strutturali

Endoscopia Edile  approfondita eseguita da Indagini Strutturali
Endoscopia Edile ispezione cavedio nascosto

Endoscopia Edile ispezione cavedio nascosto

Endoscopia Edile ispezione cavedio nascosto

Per questo, può capitare di riscontrare in un edificio, diversi elementi di alterazione della struttura originaria. Spostamenti di vani, chiusure di altri, aperture di botole, demolizioni di elementi portanti, costituiscono l'insieme delle opere che più di frequente si riscontrano in sede di verifica dell'esistente.


Verificare l'esistente per progettare il nuovo


Le modifiche dello stato originario sopracitate, vanno tenute in considerazione quando occorre intervenire per realizzarne ancora di nuove, al fine di rendere l'edificio, rispondente alle esigenze attuali, nel rispetto delle normative locali e nazionali in materia.

Per poter definire con precisione l'originaria configurazione di un immobile, si procede di solito con una serie di ricerche documentali, mediante le quali sia possibile identificare l'impianto originario del fabbricato.

Analisi dell'esistente per redigere un nuovo progetto
Piante catastali, fotografie, ricerche storiche, contribuiscono a far chiarezza circa gli avvenimenti che nel corso degli anni hanno concorso a modificare l'edificio, fino ai nostri giorni.

Tale metodica, anche se valida, non sempre riesce a individuare con precisione e in modo esaustivo tutte le modifiche subite negli anni dall'edificio.

Ciò è dovuto a diversi fattori, come ad esempio omissioni presenti nei documenti originari o interventi accuratamente occultati, dei quali spesso non troviamo traccia in alcun modo nelle documentazioni acquisite.


Vani occultati e modifiche strutturali da individuare


Per tali motivi, all'interno della struttura muraria, possono essere nascosti, vani, cavedi, elementi strutturali, rivestiti con altri materiali di natura differente, ecc.
Tali situazioni rappresentano un ostacolo alla corretta esecuzione di un nuovo intervento, qualora non se ne tenga conto nella fase progettuale.

Per tal motivo, quando si interviene su un vecchio edificio costituito da elementi portanti in muratura di vario genere, è necessario procedere in maniera tale da evidenziare quelle modifiche che oltre a cambiarne l'aspetto estetico, ne hanno modificato anche l'equilibrio statico.

Edificio storico, stato di fatto prima dell'intervento di ristrutturazione
Si capisce bene come sia importante, prima di redigere un nuovo progetto di ridistribuzione interna, conoscere con precisione la posizione di elementi come vani o cavedi occultati da precedenti interventi.

Solitamente, la ricerca di tali elementi, viene condotta, rilevando alcuni elementi più evidenti, i quali possono apparire al di sotto degli strati di intonaco già presenti.


Elementi per individuare le parti nascoste


Un esempio in tal senso è rappresentato dalla presenza di una piattabanda isolata, costituita da una vecchia trave di legno o da altro materiale.

Tale presenza può già indicare un vano, che potrà essere evidenziato rimuovendo parte dell'intonaco sottostante alla trave.



Un altro elemento da prendere in considerazione, è rappresentato dal distacco lineare di parti di parete in maniera regolare. Tale condizione si rileva quando la chiusura del vano sottostante non è stata realizzata con lo stesso tipo di muratura e con idonea ammorsatura in quella preesistente.

La presenza di un cavedio può essere individuata in diversi modi.
ll più semplice è rappresentato dal rumore differente che si ottiene percuotendo le parete in più punti.

In presenza di un cavedio, la percussione in corrispondenza della parte di parete posta a chiusura dello stesso, produrrà un suono più evidente, a conferma di uno spazio vuoto retrostante.


Metodiche usuali e nuove tecniche di indagine


La comparsa di macchie di muffa o condensa in corrispondenza di zone ben definite, può indicare di frequente la presenza di un vano occultato, specialmente quando tali aperture riguardano le pareti perimetrali dell'edificio.

Il motivo di tali manifestazione, è da ricercarsi sia nel ridotto spessore impiegato per chiudere il vano, sia nel differente indice di trasmittanza termica dei materiali impiegati per eseguire tali chiusure.
Vecchia immagine recuperata per ricostruzione storica del prospetto di un edificioLe metodiche fin qui descritte fanno parte delle procedure abituali.
Queste possono rivelarsi utili quando le entità dei vani, cavedi, ecc. sono minimi rispetto alla superficie complessiva da esaminare.

Ma in presenza di edifici più complessi, con sovrapposizioni e successive modifiche anche di molte parti strutturali, eseguite nel corso degli anni, non sempre è possibile impiegare i sistemi citati.
Occorre in questi casi procedere impiegando i mezzi che le moderne tecniche mettono a disposizione del professionista.


Indagini non invasive con risultati ottimali


Uno dei sistemi è rappresentato dalla termografia.
L'indagine termografica permette in modo rapido e non distruttivo di fornire al progettista diversi elementi utili per poter poi procedere con un progetto di ristrutturazione adeguato.

Mediante tale sistema, che sfrutta l'acquisizione di immagini a infrarosso, è possibile individuare la trama muraria di un edificio precedentemente sottoposto a irradiazione solare, consentendo così di conoscere la tecnica edilizia utilizzata e le varianti strutturali che tali pareti portanti hanno subito nel tempo.

Rilievo termografico della facciata di un edificio storico per ricerca vani nascosti rif.Termografia Facile
Con la termografia è possibile individuare la presenza di vani nascosti nella muratura o al di sotto di pavimentazioni, sfruttando la diversa inerzia termica di una parete piena o con una cavità al di sotto della sua superficie.

Con tale metodica, senza processi invasivi, è possibile rilevare la presenza di cisterne sottostanti ai piani di calpestio nei piani interrati, rilevare il percorso di cavedi o identificare la presenza di corpi isolati all'interno delle pareti, realizzati con materiali differenti rispetto alla muratura esistente.


Indagini in profondità senza demolire


Questa radiografia del tessuto murario, si rileva preziosa, non solo per il progettista delle opere a farsi, ma rappresenta anche un risparmio di tempo e risorse economiche, non dovendo ricorrere a saggi e campionature, molte volte più dannosi dei dissesti statici veri e propri.

Un altro sistema per rilevare stratificazioni delle murature e relative tipologie esecutive, in maniera poco invasiva, è rappresentato dall'Endoscopia Edile.

Tale metodo consiste nell'eseguire un foro con un trapano a punta svasata, entro il quale verrà introdotto lo strumento di indagine denominato endoscopio.

Immagine termografica individuazione botola nel solaio rif. Termografia Facile
La prova endoscopica è predominante nell'indagine diagnostica, poiché consente d'effettuare valutazioni quantitative e valutazioni qualitative anche nei casi dove risulti necessario effettuare misurazioni geometriche particolari.

L'endoscopio può altresì ispezionare vani nascosti, cavedi, tubazioni, senza bisogno di demolire parti murarie.

Tali operazioni, oltre ad essere minimamente invasive, raccolgono elementi importanti per chi vuol conoscere le condizioni delle parti murarie e le sue alterazioni subite nel tempo.


L'unione di tecniche moderne per indagini più accurate


Termografia ed Endoscopia Edile insieme possono fornire un quadro molto preciso delle condizioni generali di un corpo di fabbrica.
Tale esame preliminare rappresenta inoltre una valida documentazione da sottoporre alla committenza, al fine di metterla a conoscenza delle criticità rilevate.

Questa documentazione riveste grande importanza per chi deve progettare le opere di ristrutturazione, che possono essere meglio indirizzate, verso quelle parti della struttura muraria, in cui è necessario intervenire al fine di migliorare le condizioni statiche ed energetiche, fattore quest'ultimo da non trascurare.

Esame non invasivo impiegando l'Endoscpia Edile rif. A bi effe
La stessa documentazione, potrà essere confrontata a fine lavori con quella scaturita dalla verifica finale dell'intervento, per dimostrare alla committenza l'efficacia dell'intervento realizzato, sotto il profilo generale dell'opera.

Nella mia professione, mi è capitato di dover periziare i danni provocati da umidità di risalita nelle murature, a causa della presenza non rilevata da parte del progettista di una vecchia cisterna di accumulo idrico sottostante al piano di calpestio dell'abitazione ristrutturata.

Tale spiacevole inconveniente, si sarebbe potuto evitare, qualora fosse stata effettuata una indagine appropriata preliminare sulle condizioni del fabbricato, prima di procedere con le opere di ristrutturazione.

riproduzione riservata
Articolo: Rilevare i vani nascosti con strumenti moderni
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.

Rilevare i vani nascosti con strumenti moderni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.058 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Rilevare i vani nascosti con strumenti moderni che potrebbero interessarti


Indagini diagnostiche preliminari per restauro intonaci di pregio

Facciate e pareti - Nel restauro di un intonaco di pregio le indagini diagnostiche preliminari sono fondamentali allo scopo di stabilire le corrette metodologie di intervento.

Le indagini strutturali sugli edifici

Ristrutturazione - Indagini strutturali sugli edifici.

Verifica di idoneità statica

Leggi e Normative Tecniche - La verifica di idoneità statica va eseguita sugli edifici non recenti sprovvisti di certificato di collaudo in caso di sanatoria e/o richiesta dell'agibilità.

Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio

Restauro edile - Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di consolidamento e protezione sono fondamentali per garantirne la conservazione e non aggravare il degrado.

Analisi strutturale degli edifici in muratura

Ristrutturazione - Vi sono dei criteri ed indagini strutturali che permettono di stabilire le condizioni statiche di un edificio esistente realizzato in muratura.

Effettuare un rilievo architettonico

Fai da te - Effettuare un rilievo architettonico in modo attento è fondamentale per la progettazione della casa, e ci fornisce anche una rappresentazione grafica sempre utile.

Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio

Facciate e pareti - Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di pulitura e pre-consolidamento sono fondamentali allo scopo di garantire una corretta prosecuzione dell'intervento.

Metodi per verificare lo stato dei rivestimenti esterni di un edificio

Facciate e pareti - L'impiego delle moderne tecniche di rilievo aereo e termografico, nella ricerca delle criticità presenti in facciata non rilevabili con indagini convenzionali.

Diagnosi su terreni di fondazione e strutture edilizie

Restauro edile - Le indagini eseguite sulle strutture edilizie e sui terreni di fondazione, rivestono un ruolo importante negli interventi di ristrutturazione e di nuova edificazione.