Tariffe elettriche: cosa cambierà dal 1 gennaio 2016

NEWS DI Fisco casa05 Dicembre 2015 ore 09:00
Dal 1 gennaio 2016 fino al 2018, sarà attuata una riforma graduale delle tariffe elettriche, che permetterà a 30 milioni di utenti di pagare in base ai consumi.
tariffe , bolletta elettrica , energia

Tariffe elettriche 2016


Dal 1 gennaio 2016 al 1 gennaio 2018 per 30 milioni di clienti ci sarà una lenta e progressiva riforma delle tariffe elettriche nella bolletta per la fornitura dell’energia elettrica per arrivare all’obiettivo di far pagare tutti in base al reale consumo.
A renderlo noto l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico.

Tariffe elettriche: cosa prevede la riforma dell’Autorithy


Obiettivi della riforma sono sostenere la diffusione di consumi efficienti oggi penalizzati da costi eccessivi, semplificare e rendere più trasparente la bolletta, rendere quello che paghiamo più equo e realmente aderente ai costi dei servizi di rete.

Tariffe elettricheLa riforma è stata introdotta dalla direttiva europea 27/2012 sull'efficienza energetica ed è stata recepita in Italia dal decreto legislativo n. 102/14 secondo cui è l'Autorità ad attuarla, uniformando così l’Italia agli altri paesi europei.

La riforma prevede che gradualmente venga superata l'attuale struttura progressiva delle tariffe di rete e per gli oneri generali di sistema (ossia un costo unitario del kWh che cresce per scaglioni all'aumentare dei prelievi) che è stata introdotta circa quarant'anni fa a seguito degli shock petroliferi degli anni '70.

Al termine del processo di riforma che durerà 3 anni (dal 1° gennaio 2016 al 1 gennaio 2018), saranno uguali per tutti e per ogni livello di consumo due costi molto importanti che costituiscono il 40% delle bollette della luce, ossia:

- la tariffa di rete (cioè i costi pagati per la trasmissione, distribuzione e misura dell'energia elettrica)

- la tariffa per gli oneri di sistema (cioè i costi per sostenere attività di interesse generale per il sistema elettrico).

Riforma tariffe luceSostanzialmente ogni utente pagherà in modo equo per i servizi che utilizza e con la gradualità si eviteranno eccessivi effetti su chi oggi con bassi consumi paga un po' meno: ora andrà a pagare l'esatto corrispettivo per il servizio che usa, non più agevolato, ma congruente con i costi.


Per tutti gli altri, chi deve consumare di più, ad esempio le famiglie numerose o chi abita in aree non metanizzate, ci sarà una sostanziale riduzione del sovra-costo fino a oggi sopportato.

A regime, quindi dal 2018, per i servizi di rete viene definita una struttura tariffaria non progressiva, uguale per tutti i clienti domestici, impostata in base al criterio dell'aderenza ai costi dei diversi servizi: i costi di misura, commercializzazione e distribuzione verranno coperti in quota fissa pro-cliente (€/anno) e in quota potenza (€/kW/anno), mentre i costi di trasmissione in quota energia (c€/kWh).

Per la tariffa per gli oneri di sistema si mantiene invece una differenziazione tra clienti residenti (ai quali viene applicata tutta in quota energia come oggi, cioè in c€ per kWh prelevato) e non residenti (ai quali viene applicata sia in quota fissa, sia in quota energia), in modo tale che nel complesso tre quarti del gettito (per residenti e non residenti insieme) derivi comunque dalle quote energia.

Nel complesso il 75% della bolletta dipenderà ancora dai kWh prelevati, mantenendo così un forte incentivo a comportamenti virtuosi da parte dei cittadini.


Bonus elettrico potenziato per le famiglie in difficoltà


Per le famiglie che si trovino in reale stato di bisogno e quindi sono a basso reddito, l'Autorità ha poi previsto un ammortizzatore che annullerà ogni possibile effetto negativo, ossia il bonus sociale di sconto, capace di intercettare chi è in concreta difficoltà.

E con la riforma nel 2016 ne viene previsto il potenziamento automatico da parte dell'Autorità, sia in termini di intensità, portando lo sconto sulla bolletta dall'attuale 20% fino al 35% della spesa, sia con un ampliamento della platea di chi ne ha diritto.

Inoltre, per stimolare un utilizzo più attento e consapevole dell’energia, la riforma delle tariffe elettriche consentirà di liberare il potenziale di installazione di apparecchiature elettriche efficienti (come ad es. pompe di calore, auto elettriche o piastre a induzione), oggi frenate dagli eccessivi costi di utilizzo per la progressività della tariffa, consumi elettrici che potranno essere sostitutivi di quelli di altri vettori energetici (gas, gpl o altro), per loro natura molto meno rinnovabili, portando anche ad un ulteriore possibile risparmio complessivo.


Come avverrà la riforma?


Bollette luce 2016Prevedendone la gradualità, dal 1° gennaio 2016 rimane invariata la struttura tariffaria a scaglioni e, solo per le tariffe per i servizi di rete, viene effettuato un primo intervento teso a smorzare l'effetto di progressività ai consumi e ad aumentare le quote fisse (per punto e per potenza), riducendo di almeno il 25% l'entità del sussidio incrociato oggi esistente.

Inoltre, viene avviata la raccolta e la messa a disposizione dei clienti dei dati relativi ai valori di potenza massima prelevata.

Dal 1° gennaio 2017 ci sarà la piena applicazione della tariffa non progressiva per i servizi di rete e verrà effettuato il primo intervento anche sulla tariffa per gli oneri di sistema, in modo da diminuire l'effetto di progressività e limitare a 2 il numero di scaglioni di consumo annuo; verranno poi introdotte tutte le novità legate all'impegno di potenza, con l'offerta di un maggior numero di livelli tra cui scegliere.

Dal 1° gennaio 2018 la riforma sarà a regime, applicando così la piena struttura non progressiva anche alla tariffa per gli oneri generali di sistema.

La riforma elimina l’attuale progressività che permette oggi a chi consuma meno di pagare in proporzione di meno e sposta gli oneri di rete e di sistemadalla parte variabile della bolletta a quella fissa. E proprio qui sta la critica maggiore: chi oggi paga meno perché ha consumi bassi (gode quindi di un sistema agevolato), dal prossimo anno pagherà in base davvero a quanto utilizzato il che significa che può essere anche di più di quanto paga oggi.

Quindi si andrà a pagare l’esatto corrispettivo per il servizio che si usa, non più agevolato, ma congruente con i costi.
Per chi invece ha necessità di consumare di più, come le famiglie numerose, si prevede una riduzione del sovra-costo, quindi un beneficio rispetto a chi consuma di meno, il che è paradossale.

riproduzione riservata
Articolo: Riforma tariffe elettriche
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Riforma tariffe elettriche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Riforma tariffe elettriche che potrebbero interessarti
Aumenti tariffe energia

Aumenti tariffe energia

Normative - L'inizio del nuovo anno si presenta piuttosto difficile per le famiglie italiane, visto che dal primo gennaio sono scattati gli aumenti delle tariffe di luce e gas.
Mercato libero energia elettrica: il risparmio c'è oppure no?

Mercato libero energia elettrica: il risparmio c'è oppure no?

Burocrazia e utenze - Posticipato al 1° luglio 2019 il via al mercato libero dell'energia. Questa, che potrebbe sembrare una rivoluzione delle tariffe, è davvero una novità positiva?
Come leggere le bollette

Come leggere le bollette

Normative - La lettura delle bollette di luce e gas appare ardua, perchè alcune voci non sono di semplice comprensione. Eppure è importante capirle, per ottimizzare i consumi.

Calo delle bollette

Impianti - Previsto, a partire dal primo Aprile, un ulteriore calo delle tariffe energetiche.

Energia più conveniente

Impianti - L'Autorità per l'Energia Elettrica ed il gas ha lanciato il Trova Offerte, uno strumento per trovare e confrontare le offerte presenti sul mercato.

Nuove tariffe Conto Energia

Impianti - Il GSE ha reso note le nuove tariffe di Conto Energia che si applicheranno per gli impianti fotovoltaici che entreranno a regime quest'anno.

Bollette luce e gas in aumento da ottobre 2015

Fisco casa - Scattano da ottobre 2015 gli aumenti delle bollette di luce e gas di casa. Tuttavia, a lungo termine, per le famiglie si prevede un risparmio totale di 60 euro.

Dal 1 luglio rincari sulle utenze: ecco le novità per luce e gas

Burocrazia e utenze - Dal 1 luglio l'Authority dell'Energia annuncia variazioni per le utenze di luce e gas, con un rincaro sulla bolletta dell'elettricità e un calo su quella del gas

Riscaldamento a pompa di calore: nuova tariffa elettrica

Impianti di riscaldamento - L'Autorità per l'Energia ha annunciato che dal 2014 sarà in vigore una nuova tariffa elettrica agevolata per impianti di riscaldamento domestico a pompa di calore.
REGISTRATI COME UTENTE
295.550 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Solforatrice a zaino elettrica dinamica volpi
    Solforatrice a zaino elettrica...
    275.84
  • Marazzi covent garden "energia"
    Marazzi covent garden "...
    1078.00
  • Immergas caldaia a condensazione victrix tera 28
    Immergas caldaia a condensazione...
    902.00
  • Rinnai scaldabagno gas infinity 20e esterno classe
    Rinnai scaldabagno gas infinity...
    860.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.