Riforma del condominio e multiproprietà

NEWS DI Condominio06 Giugno 2013 ore 01:02
La riforma del condominio ha esteso esplicitamente l'applicabilità degli artt. 1117 e ss. anche alle multiproprietà. Era davvero necessario questo riferimento?

MultiproprietàIl condominio, per definizione, è quell'edificio nel quale coesistono delle porzioni di piano di proprietà esclusiva, le così dette unità immobiliari, con parti comuni, nella proprietà, ai titolari delle prime.


La condominialità esprime un rapporto di accessorietà tra parti comuni e di proprietà esclusiva.


Le scale sono comuni perché, oltre ad essere indicate come tali dall'art. 1117 c.c., servono ad accedere alle unità immobiliari; stesso discorso per gli impianti e per altri spazi comuni.


La funzionalità-accessorietà dei beni, anche di quelli non elencati dall'art. 1117 c.c., dunque, è criterio fondamentale ai fini della valutazione della condominialità dei beni medesimi.


Queste valutazioni sono state espresse anche dalla Corte di Cassazione, secondo la quale affinché possa operare, ai sensi dell'art. 1117 c.c., il cosiddetto diritto di condominio, è necessario che sussista una relazione di accessorietà fra i beni, gli impianti o i servizi comuni e l'edificio in comunione, nonché un collegamento funzionale fra i primi e le unità immobiliari di proprietà esclusiva.


Pertanto, qualora, per le sue caratteristiche funzionali e strutturali, il bene serva al godimento delle parti singole dell'edificio comune, si presume - indipendentemente dal fatto che la cosa sia, o possa essere, utilizzata da tutti i condomini o soltanto da alcuni di essi - la contitolarità necessaria di tutti i condomini su di esso (Cass. 21 dicembre 2007 n. 27145).



Novità introdotte dalla riforma


Con la legge di riforma del condominio, il legislatore ha modificato l'art. 1117 c.c. specificando che i beni elencati (l'elencazione come nel passato non sarà tassativa ma meramente esemplificativa) nella norma devono considerarsi, salvo diversa indicazione, parti comuni alle unità immobiliari.


Non si fa più riferimento, quindi, ai piani o porzioni di piano.


Vale la pena ricordare che ai sensi dell'art. 40 del d.p.r. n. 1142/49 si accerta come distinta unità immobiliare urbana ogni fabbricato, o porzione di fabbricato od insieme di fabbricati che appartenga allo stesso proprietario e che, nello stato in cui si trova, rappresenta, secondo l'uso locale, un cespite indipendente.


Multiproprietà e condominioQuesta differenza, secondo alcuni autori, è la conferma del fatto che le norme dettate in materia di condominio, a partire dal 18 giugno, potranno essere sicuramente applicate anche ai così detti condomini orizzontali, alle villette a schiera, ecc.


Ad avviso di chi scrive, non si tratta di una vera e propria novità quanto piuttosto di una semplice migliore specificazione delle parti di proprietà esclusiva.


Già da prima di questa modifica, infatti, era opinione diffusa che le norme del condominio fossero applicabili anche oltre il caso classico dell'edificio che si sviluppa in verticale.


La convinzione di ciò era propria anche della Cassazione, secondo la quale la varietà delle tipologie costruttive è tale, da non consentire di affermare aprioristicamente […] la configurabilità come condominio in senso proprio solamente negli edifici che si estendono in senso verticale: anche corpi di fabbrica adiacenti orizzontalmente (come in particolare proprio le case a schiera) possono ben essere dotati di strutture portanti e di impianti essenziali comuni, come quelli che sono elencati nell'art. 1117 cod. civ. (Cass. 18 aprile 2005 n. 8066).


Il nuovo art. 1117 c.c. parla di unità immobiliari ancorando sempre l'applicabilità della disciplina del condominio alla presenza di un edificio (e non di più edifici magari costituiti dalle singole unità immobiliari).



Multiproprietà e riforma


Nessuna particolare novità, verrebbe da dire; eppure a dire il vero l'art. 1117 c.c. contiene una novità, laddove afferma che si parla di condominio anche se le unità immobiliari sono soggette a diritto a godimento periodico.


Il riferimento è alla così detta multiproprietà.


La multiproprietà non è definita dal codice civile, nè dalle leggi speciali; l'art. 69 del codice del consumo, si limita a specificare che la nozione di contratto di multiproprietà, recitando:


Un contratto di durata superiore a un anno tramite il quale un consumatore acquisisce a titolo oneroso il diritto di godimento su uno o più alloggi per il pernottamento per più di un periodo di occupazione.


Secondo la dottrina, le principali caratteristiche della multiproprietà possono essere così brevemente riepilogate: i) pluralità di diritti di godimento; ii) diversità soggettiva dei titolari di tali diritti; iii) identità del bene su cui tali diritti vengono esercitati in quanto si tratta della stessa porzione immobiliare (o imbarcazione o roulotte); iv) delimitazione temporale dell'esercizio di tale diritto, consentito nel solo periodo annuale di assegnazione (Gianluca Cascella, La nuova multiproprietà. Forme, disciplina e tutela del consumatore, Cedam 2012).


Nel corso del tempo si sono sviluppate diverse tipologie di multiproprietà.


Per citare quelle più note basta qui ricordare:


a) la multiproprietà immobiliare (acquisto da parte delle persone di quote di proprietà delle unità immobiliari);


b) la multiproprietà azionaria (acquisto da parte delle persone di quote della società proprietaria del complesso edilizio).



Critiche all'utilità della riforma


L'inserimento nell'art. 1117 c.c. del riferimento alla multiproprietà (e nello specifico ad una particolare tipologia di questo istituto) ad avviso di chi scrive, è inutile.


Vediamo perché.


Ad avviso di chi scrive, il codice civile si riferisce alla multiproprietà nella quale le persone sono, pro quota, titolari del diritto di proprietà sulle unità immobiliari.


Multiproprietà e riformaQuesto genere di multiproprietà, la così detta immobiliare, o se si vuole classica, non ha nulla di differente da una comunione.


Il legislatore fa espresso riferimento alle unità immobiliari e al godimento periodico riferendosi però ai proprietari delle unità immobiliari.


Era proprio necessaria questa specificazione, dato che la multiproprietà immobiliare, dal punto di vista giuridico, è la forma più facilmente inquadrabile di questo istituto?

riproduzione riservata
Articolo: Riforma del condominio e multiproprietà
Valutazione: 4.40 / 6 basato su 5 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Riforma del condominio e multiproprietà: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Enrico De Simone
    Enrico De Simone
    Giovedì 26 Dicembre 2013, alle ore 19:01
    Le spese divise per sommatoria, valore quote di mercato delle multiproprietà il cui quoziente moltiplicato per il valore singole quote, è valido criterio di riparto spese manutentorie?
    Grazie.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Riforma del condominio e multiproprietà che potrebbero interessarti
Riforma del condominio e i supercondominii

Riforma del condominio e i supercondominii

Oggi, contrariamente a tale impostazione, l'applicazione delle norme dettate in materia di condominio negli edifici è esteso anche ai supercondomini ed ai condomini orizzontali.
Condominio minimo e spese di manutenzione

Condominio minimo e spese di manutenzione

In tema di spese di manutenzione nell'ambito del condominio minimo, la riforma del condominio ha confermato quanto già si faceva: si applicano le norme condominiali.
Multe condominiali e poteri dell'assemblea

Multe condominiali e poteri dell'assemblea

La legge n. 220/12 aveva aggiornato gli importi delle sanzioni irrogabili per violazioni del regolamento condominiale.Il d.l. n. 145/13 ha precisato alcuni aspetti.
Multiproprietà

Multiproprietà

La multiproprietà consiste nell'acquisto di un immobile da parte di un certo numero di soggetti che possono goderne a turno per un periodo frazionato dell'anno.
Nuove multe condominiali

Nuove multe condominiali

La riforma del condominio ha aumentato gli importi irrogabili a titolo di sanzione per l'inosservanza del regolamento condominiale. Chi può elevare le sanzioni?...
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.207 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pannello depron
    Pannello depron...
    7.84
  • Marazzi covent garden "vivacita'"
    Marazzi covent garden "...
    923.00
  • Tavolino italiano in legno laccato
    Tavolino italiano in legno laccato...
    850.00
  • Grande divano italiano in legno dorato
    Grande divano italiano in legno...
    1800.00
  • Doccia multifunzione teuco
    Doccia multifunzione teuco...
    2400.00
  • Rasante cementizio weber.cem RasaZero
    Rasante cementizio weber.cem...
    5.31
  • Comò italiano a urna laccato dei primi
    Comò italiano a urna...
    3400.00
  • Kit nebulizzazione per parco giochi
    Kit nebulizzazione per parco giochi...
    80.52
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.