Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Costruzione e demolizione: come gestire i rifiuti edili

I rifiuti da costruzione e demolizione vengono prodotti in grandi quantità, migliorarne la gestione ed il recupero è fondamentale per dare vita all'edilizia circolare
- NEWS Restauro edile
Barra Progettazione Online

Smaltimento rifiuti da demolizione: categoria di classificazione e normativa


Oltre un terzo dei rifiuti prodotti in Europa sono rifiuti edili da costruzione e demolizione.

Con il recupero inerti da demolizione e il perfezionamento della gestione si rende sostenibile il settore edile con il fine di creare una vera e propria edilizia circolare.

Riutilizzo materiali da demolizione in cantiere foto di GettyImagesRiutilizzo materiali da demolizione in cantiere foto di Getty Images

I rifiuti C&D sono i materiali di scarto provenienti da attività di costruzione o demolizione, prevalentemente costituiti da laterizi, murature, frammenti di conglomerati cementizi (anche armati), rivestimenti e prodotti ceramici, frammenti di sovrastrutture stradali o ferroviarie, conglomerati bituminosi fresati a freddo, intonaci, allettamenti.

Tali rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione appartengono in massima parte a una categoria merceologica specifica, classificata secondo il codice cer 170904.

Rifiuti da demolizione normativa: tipologie di CER


Tra i principali rifiuti da demolizione normativa si annoverano le seguenti tipologie di CER:

  • 170101 cemento;

  • 170302 miscele bituminose;

  • 170405 ferro e acciaio;

  • 170504 terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce 170503;

  • 170904 rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione, diversi da quelli di cui alle voci 170901, 170902 e 170903.


Lo smaltimento dei rifiuti inerti avviene spostando gli stessi presso apposite discariche adatte al loro recepimento e/o a siti specializzati nel loro recupero, per essere poi riciclati come nuove materie prime.

Con l’entrata in vigore del decreto legislativo 116/2020 si è prodotta una svolta rilevante in Italia sui temi dell’economia circolare e della gestione dei rifiuti.

Una rilevante rivoluzione per il settore della gestione dei rifiuti che, diventano ora una risorsa da valorizzare, mediante il coinvolgimento della responsabilità finanziaria del produttore del bene per la ripresa dei rifiuti originati dal consumo di quel bene.

Rifiuti inerti: i criteri fondamentali del decreto legge n. 278 del 2022


I rifiuti inerti derivanti dalle attività di costruzione e di demolizione (e gli altri di origine minerale), dovendo essere recuperati, cessano di essere qualificati come rifiuti per entrare in un nuovo ciclo produttivo per la realizzazione di altre opere di ingegneria civile.

Recupero materiali edili da demolizione foto di Getty ImagesRecupero materiali edili da demolizione

Il fine ultimo è la sostenibilità dell’intero settore edilizio: è necessario che il comparto arrivi a un completo e totale sistema di recupero dei rifiuti, chiudendo così finalmente il ciclo di vita degli edifici secondo i principi dell’economia circolare.

Strumenti digitali quali il BIM, insieme ai Criteri Ambientali Minimi degli appalti pubblici verdi (GPP), e un sistema costruttivo a secco (magari in legno), rappresentano un’ottima base per lo sviluppo dell’edilizia circolare.

Occorre però fare di più, mediante la partecipazione attiva di tutti i soggetti coinvolti.


Linee guida per il reimpiego e riutilizzo rifiuti da demolizione in cantiere 2022


Sta diventando sempre più comune pensare ai rifiuti da demolizione come elemento vitale di un processo economico che parte dalla loro produzione, passa attraverso l’analisi, la gestione, lo smaltimento e infine il loro riutilizzo.

Come precedentemente anticipato, la corretta gestione dei rifiuti dell’edilizia è l’elemento chiave dell’edilizia circolare perché permette di chiudere il cerchio, recuperando, riciclando, riutilizzando i materiali di scarto.

Da un lato è parte di un processo conseguente da norme e direttive, dall’altro è un modello economico pieno di opportunità.

Smaltimento rifiuti da demolizione foto di Getty ImagesSmaltimento rifiuti da demolizione

I rifiuti provenienti dall’attività di costruzione e demolizione sono da normativa classificati come rifiuti speciali e quindi devono seguire una serie di procedure, obblighi e processi valutativi:

  • Identificati mediante analisi, al fine dell’attribuzione del codice CER;

  • Raggruppati e distinti per tipologia nel deposito temporaneo;

  • Trasportati in proprio o tramite terzi;

  • Recuperati mediante Procedura Semplificata (DM 5.02.1998) o con Procedura Ordinaria;

  • Smaltiti in discarica.


Qualunque rifiuto inerte, indipendentemente dalla sua origine, ovvero dal suo codice CER, può costituire un aggregato riciclato o artificiale, se correttamente sottoposto a un processo di recupero.

Perché il settore edile sia effettivamente sostenibile, occorre che il sistema arrivi a un completo e totale sistema di recupero dei rifiuti, chiudendo il cerchio del ciclo di vita degli edifici.

Codici CER


Esempi di codici CER di rifiuti da demolizione recuperati e trasformati in aggregati riciclati:

  • 010408 Scarti di Ghiaia e Pietrisco;

  • 010413 rifiuti prodotti dalla lavorazione della pietra;

  • 101311 rifiuti della produzione di materiali compositi a base di cemento;

  • 170101 cemento;

  • 170102 mattoni;

  • 170103 mattonelle e ceramiche;

  • 170302 miscele bituminose;

  • 170504 terra e rocce;

  • 170904 rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione.


Smaltimento e deposito temporaneo dei rifiuti da demolizione


Lo smaltimento, che la normativa individua come residuale nella gerarchia della gestione dei rifiuti, consiste nel trattamento e deposito definitivo di rifiuti e scarti definiti come non ulteriormente valorizzabili.

Solitamente, lo smaltimento si identifica con il deposito in discarica e la classificazione delle attività di trattamento-smaltimento dei rifiuti, che si basa sui criteri del D.Lgs.152/06.

I materiali da risulta sono ammessi in discarica esclusivamente se conseguono alla conformità dei criteri di accettabilità della corrispondente categoria di discarica.

Materiale di risulta edile foto di Getty ImagesMateriale di risulta edile

Si distingue dal precedente il deposito temporaneo, ovvero il raggruppamento dei rifiuti e il deposito preliminare alla raccolta ai fini del trasporto dei rifiuti in un impianto di trattamento.

E ancora, lo stoccaggio definito come l’insieme delle attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare di rifiuti, vale a dire, delle attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di rifiuti.

Breve guida per imprese edili: rifiuti da costruzione e demolizione registro carico


L’impresa edile che produce rifiuti da C&D, secondo il D.Lgs 152/06, è obbligata a tenere un registro di carico e scarico dei rifiuti solo per i rifiuti pericolosi.

Sono esclusi dall’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico: i rifiuti non pericolosi, gli enti e le imprese obbligati o che aderiscono volontariamente al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, dalla data di effettivo utilizzo operativo di detto sistema.

Deposito temporaneo rifiuti da demolizione foto di Getty ImagesDeposito temporaneo rifiuti da demolizione foto di Getty Images

Il trasporto dei rifiuti da demolizione, dal luogo di deposito presso il sito di produzione alla destinazione finale di recupero o di smaltimento, può essere effettuato direttamente dal produttore o detentore con mezzi propri (da terzi autorizzati).

Questo, deve sottostare alle disposizioni della normativa ambientale, del trasporto di merci e del codice della strada.




Ai fini di un corretto trasporto, il produttore deve preliminarmente compilare il FIR formulario dei rifiuti.

In caso di conferimento dei rifiuti a terzi, è necessario verificare che il trasportatore del rifiuto abbia l'autorizzazione prevista, oltre ad accertare una valida autorizzazione dell’impianto di destinazione riguardo alla specifica tipologia di rifiuti conferiti.

Smaltimento rifiuti edili normativa: cos’è il Formulario di identificazione dei rifiuti


Il formulario di identificazione rifiuto è il documento utilizzato durante la fase di trasporto degli stessi.

Su tale formulario vengono indicati i soggetti coinvolti (nome e indirizzo del produttore e del detentore); origine, tipologia e quantità (peso specifico) dei rifiuti misti dell'attività di costruzione e demolizione; l'impianto di destinazione e la tempistica di trasporto, andando a specificare la data e il percorso dell'instradamento.

Il FIR deve essere redatto in quattro copie, compilate, datate e firmate dal detentore dei rifiuti e controfirmato dal trasportatore.

Una copia del formulario resta al detentore e le altre tre sono destinate al destinatario, al trasportatore e al detentore.
Queste copie del formulario devono essere conservate per cinque anni.

Il Registro di carico e scarico è dunque quel documento su cui devono essere annotate le informazioni relative all’origine, quantità, caratteristiche, destinazione e la data di carico/scarico dei rifiuti.

La vidimazione del Registro di carico e scarico deve essere effettuata dalla Camera di Commercio territorialmente competente prima del suo utilizzo e ha un costo pari a 25 euro.

riproduzione riservata
Rifiuti misti dell'attività di costruzione e demolizione
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Rifiuti misti dell'attività di costruzione e demolizione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
341.116 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Rifiuti misti dell'attività di costruzione e demolizione che potrebbero interessarti

Formulario identificazione rifiuti in edilizia, cos'è e chi deve compilarlo

Leggi e Normative Tecniche - Il FIR è il formulario di identificazione di rifiuti, anche edili, che ne accompagna il trasporto da parte di un trasportatore autorizzato. Chi e come deve compilarlo?

Smaltimento rifiuti di cantiere edile

Affittare casa - I detriti provenienti da cantieri edili sono considerati rifiuti speciali e il loro corretto smaltimento deve essere effettuato secondo la normativa vigente.

Progetto Nuova Vita: mattonelle realizzate con gli scarti di demolizione

Materiali edili - Tre aziende marchigiane hanno creato il progetto Nuova Vita, una filiera verde per il riciclo degli scarti da costruzione e demolizione di edifici colpiti da sisma

Modulo Rifiuti da C. e D.

Leggi e Normative Tecniche - In alcune regioni italiane è obbligatoria la redazione del modulo dei rifiuti da costruzione e demolizione, per ottenere il rilascio di un titolo abilitativo.

Il Decreto Semplificazioni Bis è Legge!

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Convertito in Legge n. 108/2021 il Decreto Semplificazioni Bis contenente disposizioni di semplificazione delle procedure burocratiche edilizie

Scarti edili che producono materiali

Ristrutturare Casa - La cultura del riciclo si sta diffondendo sempre di più in virtù della salvaguardia dell'ambiente, anche in edilizia molti materiali possono essere riutilizzati.

Cemento riciclato per costruire in modo sostenibile

Materiali edili - Il recupero del cemento, uno dei materiali più impiegati nelle costruzioni, per riutilizzarlo in modo sostenibile in costruzioni e manufatti per l'arredo urbano

Demolizione selettiva

Progettazione - Riciclare i materiali edili derivati dalla demolizione di un edificio oggi è possibile. Come? Con la demolizione selettiva, ecosostenibile e conveniente.

Decreto Crescita, le novità più rilevanti nel settore edile e fiscale

Leggi e Normative Tecniche - Al via il Decreto Crescita, contenente importanti novità in ambito economico e fiscale. Si punta alla ripresa del paese con incentivi e favorendo lo sviluppo.