La Revoca del testamento

NEWS DI Normative14 Giugno 2013 ore 19:26
Il testamento è un atto revocabile. In qualsiasi momento della sua esistenza, il testatore ha la facoltà di annullare, modificare o integrare le disposizioni contenute.
revoca , testamento , modifica , integrazione

Come risulta dalla definizione è un atto revocabile. Le disposizioni fatte dal testatore in determinato luogo, circostanza o fatto possono essere modificate, integrate e annullate sino all'ultimo momento di vita. Questo elemento del negozio giuridico è essenziale, per questo motivo è inammissibile la rinunzia a tale facoltà, come previsto dall'art. 679 del codice civile.


In che forma può avvenire la revoca del testamento


La revoca può avvenire in tre forme: espressa, tacita o presunta.

La forma espressa (art. 680 del c.c.), avviene mediante la formulazione di un nuovo testamento o atto notarile, nel quale si dichiari di revocare, in tutto o solo in parte, la precedente disposizione. Con questo atto il testatore con forza, esprime la sua volontà di non confermare, quanto aveva precedentente disposto per ripensamenti, rivisitazioni, sperequazioni o anche per circostanze e fatti accaduti che ne hanno modificato la sua visione materiale.

La forma tacita (art. 682 del c.c.), avviene mediante la redazione di un nuovo testamento che non revoca in modo espresso il precedente o altri ancora. In questo caso sono revocate soltanto le disposizioni incompatibili con quelle contenute nel nuovo testamento. Anche il ritiro del testamento segreto dal depositario rientra nelle facoltà del testatore.

Nel caso specifico rappresenta la volontà del testatore di specificare, modificare o integrare meglio alcune o tutte le disposzioni nei confronti di alcuni soggetti rispetto ad altri, in qualsiasi momento della sua vita terrena. In entrambi i casi previsti dalle legge, vanno datati e sottoscritti.

La forma presunta (art. 684 del c.c.), può avvenire in quattro modi:

a) Attraverso la distruzione, la lacerazione, la cancellazione, in tutto o in parte del testamento olografo ne fa presumere la revoca, salvo prova contraria che esse siano opera di persona diversa dal testatore che con la propria azione, di parte o fraudolenta, ha reso l'atto nullo, oppure lo stesso testatore che non aveva intenzione di revocarlo.

b) Il ritiro del testamento segreto dalle mani del notaio o da un custode, da parte dello stesso testatore che per la sua azione lo ha reso olografo (art. 685 del c.c.).

c) Attraverso la cessione o vendita del bene ed il mutamento dell'oggetto del testamento. In questo caso viene a cadere il testamento in essere in quanto il testatore, a posteriori, ha venduto o cambiato la natura stessa del bene (art. 686 del c.c.).

d) L'rreperibilità del testamento. Pur conoscendone l'esistenza, anche per la stessa ammissione fatta in vita dallo stesso testatore, al momento dell'apertura della successione e quindi della pubblicazione della volontà testamentaria del de cujus, non c'è traccia.

Infine, le dispozioni a titolo universale o particolare (art. 687 del c.c.), fatte da chi al tempo del testamento non aveva figli o ignorava di avere figli o discendenti, sono revocate di diritto per la sopravvenienza di un figlio o discendente del testatore, benchè postumo, sia legittimo che legittimato o adottivo ovvero riconoscimento di un figlio naturale.

Il caso specifico mette il legislatore davanti ad un fatto nuovo quello di uno o più eredi legittimi non contemplati nel testamento. L'esempio di un testamento di una persona fatta in giovane età e per eventi imprevedibili della vita ha avuto figli naturali o riconusciuti tali per effetto di matrimoni contratti tardivamente oppure la semplice riconoscenza verso soggetti meritevoli di lasciti.

Anche la revoca al testamento può anch'essa essere revocata utilizzando le stesse forme indicate in precedenza, cioè stilando un nuovo testamento e ripristinando le volontà in precedenza annullate o modificate.

riproduzione riservata
Articolo: La Revoca del testamento
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.

La Revoca del testamento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano La Revoca del testamento che potrebbero interessarti
Il Testamento e la successione testamentaria

Il Testamento e la successione testamentaria

Proprietà - Nel testamento la volontà del defunto viene espressa per iscritto, di proprio pugno o a macchina, per il tempo in cui avrà cessato di vivere la sua esistenza terrena.
Revoca dell'amministratore giudiziario

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
Gravi irregolarità dell'amministratore

Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Revoca giudiziale dell'amministratore

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, che può essere chiesta da ciascun condomino singolarmente, è un procedimento di volontaria giurisdizione.

Revoca dell'amministratore e vizi dell'immobile

Condominio - L'amministratore è nominato dall'assemblea ed il suo incarico ha durata annuale. Tuttavia, la stessa assise, può provvedere alle revoca dell'amministratore in qualsiasi momento.

Revoca giudiziale dell'amministratore

Amministratore di condominio - Il codice civile riconosce all'assemblea di condominio la facoltà di revocare l'amministratore in qualsiasi momento art. 1129, secondo comma, c.c.

Il testamento olografo: che cos'è e quali sono i suoi requisiti

Proprietà - Che cos'è un testamento olografo, come scriverlo, quali i requisiti previsti dalla legge, pena la sua impugnazione. In quali casi può essere soggetto a riduzione

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.
REGISTRATI COME UTENTE
295.744 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Installazione pannelli solari
    Installazione pannelli solari...
    550.00
  • Sera pond flakes lt 3 8
    Sera pond flakes lt 3 8...
    12.10
  • Impianto di riscaldamento radiante classico provincia di Roma
    Impianto di riscaldamento radiante...
    60.00
  • Pavimento in laminato ad incastro milano
    Pavimento in laminato ad incastro...
    35.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.