Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Revoca della cedolare secca e novità della Legge di Bilancio

La scelta per il regime fiscale della cedolare secca sugli affitti può essere sempre revocata anche più volte, poiché non rappresenta mai una soluzione definitiva
31 Maggio 2021 ore 14:22 - NEWS Affittare casa

Revoca della cedolare secca: aspetti generali


Un dubbio spesso ricorrente per i proprietari di abitazioni riguarda la possibilità di revocare la scelta di opzione cedolare secca.

Prima della conclusione del contratto di locazione, infatti, il proprietario deve valutare se, in base alla sua situazione fiscale, la cedolare secca affitti sia in grado di garantire un effettivo risparmio di imposta.

Cedolare secca profili generali
Tale stima, tuttavia, può essere in seguito messa in discussione perché diversi possono essere i motivi che possono incidere in itinere sulla posizione del proprietario e indurlo a rivedere la propria scelta originaria.

È dunque possibile revocare il regime fiscale della cedolare secca in precedenza scelto?

Prima di capire se e come è possibile procedere alla revoca Cedolare secca sugli affitti, occorre, seppur per brevi cenni, inquadrare l’istituto della cedolare secca, per comprendere gli eventuali vantaggi.


Cedolare secca come funziona e quali vantaggi


La normativa che disciplina la cedolare secca sugli affitti è contenuta nel Decreto legislativo del 14 marzo 2011 n. 23, successivamente modificato, che ha introdotto il regime di tassazione sostitutivo dell’Irpef sul reddito fondiario derivante dalla locazione di immobili.

In particolare, come previsto dall’art. 3, secondo comma, decreto legislativo n. 23/2011 a decorrere dall'anno 2011, il canone di locazione relativo a contratti aventi a oggetto immobili a uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione, può essere assoggettato, in base alla decisione del locatore, a un'imposta operata nella forma della cedolare secca.

Si tratta di un regime facoltativo e alternativo rispetto alla tassazione ordinaria, che si sostanzia nel pagamento di una imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali.


Novità Legge di Bilancio in materia di cedolare secca


Importanti novità sono state introdotte dalla Legge di Bilancio 2021, vediamo quali sono.

La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto importanti modifiche relative proprio alla modalità di versamento dell'imposta sostitutiva.

Per effetto delle novità, aumenta sensibilmente l’ammontare dovuto in sede di acconto.

L’acconto, pari al 95% fino al 2020, passerà al 100% a partire dal 2021.

Altra importante novità, introdotta dall'ultima Legge di Bilancio, riguarda il numero massimo di immobili per i quali è possibile scegliere il regime di cedolare secca.

La legge di Bilancio chiarisce che il regime della cedolare secca sugli affitti può essere scelto fino a un massimo di quattro immobili.

Oltre tale limite, l'attività si intenderà in via presuntiva di tipo imprenditoriale con conseguente assoggettamento a IRPEF del relativo provento conseguito.


Cedolare secca 10 o 21%?


Con la cedolare secca non si paga imposta di registro e l’imposta di bollo.

Nel dettaglio, con il regime fiscale della cedolare secca quanto si paga?

Cedolare secca al 10 o al 21%?

Cedolare secca calcolo imposta
Il vantaggio fiscale derivante dalla scelta dell'opzione della cedolare secca sulle locazioni consiste nel fatto che il proprietario dovrà corrispondere una imposta cedolare secca 21%.

L’aliquota scende nei casi di contratto concordato cedolare secca.

In tali ipotesi si calcolerà la cedolare secca ridotta al 10%.

Se da un punto di vista fiscale l’opzione cedolare secca potrebbe rivelarsi vantaggiosa perché comporta una notevole riduzione delle imposte, dall’altra, il proprietario, optando per tale regime, rinuncia all’aggiornamento del canone e anche all’adeguamento annuale Istat.


Come e quando si paga la cedolare secca sugli affitti?


La scelta di optare per la cedolare secca tassazione deve essere effettuata in sede di registrazione del contratto o, in alternativa, nelle annualità successive, mediante compilazione modello rli per opzione cedolare secca.

Per completare la procedura occorre, inoltre, inviare una comunicazione all'inquilino per esercizio cedolare secca.

Il pagamento della cedolare secca avviene seguendo le medesime modalità e tempistiche previste per il pagamento dell’acconto e del saldo Irpef, a eccezione del primo anno, in relazione al quale si procederà al pagamento in una unica soluzione al saldo non essendo possibile determinare la base imponibile.


Revoca cedolare secca


Dopo qualche incertezza, l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che il locatore può revocare l’opzione cedolare secca in ciascuna annualità contrattuale successiva a quella in cui sia stata esercitata la scelta entro il termine previsto per il pagamento dell’imposta di registro relativa all’annualità di riferimento.

È importante precisare che la revoca cedolare secca può essere rivista, con riferimento alle annualità successive, può essere cioè oggetto, a sua volta, di ulteriore revoca.

Revoca cedolare secca comunicazione inquilino
In altri termini, il proprietario può optare in sede di registrazione per la cedolare secca, revocarla in relazione al secondo anno di locazione per poi nuovamente esercitare il diritto di optare per la cedolare secca il terzo anno.

Ciò in quanto, la scelta di sostituire il pagamento dell’IRPEF con l’imposta sostitutiva non è definitiva e/o irrevocabile ma può essere annualmente aggiornata, in base alla situazione del proprietario e alle valutazioni in termini di risparmio fiscale.


Esercizio del diritto di revoca della cedolare secca


Il diritto di revoca cedolare secca si esercita attraverso la compilazione del modello RLI, disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come in precedenza rilevato, è lo stesso modello che deve essere utilizzato in sede di registrazione del contratto di affitto cedolare secca.



In tale modello vi è, infatti, una parte dedicata alla Dichiarazione dei locatori, ove il locatore dichiara di voler revocare il regime fiscale della cedolare secca.

Tale modello deve essere presentato all’Agenzia delle Entrate in via telematica entro il termine previsto per il pagamento dell’imposta di registro relativa all’annualità di riferimento.

L’iter che consente la revoca cedolare secca si perfeziona con la comunicazione al conduttore di aver deciso di modificare il regime di tassazione.

Tale informativa consente al conduttore di essere edotto circa la modifica del rapporto di locazione e del conseguente adeguamento Istat applicabile a seguito della revoca cedolare secca, nonché del successivo obbligo solidale di versare l’imposta di registro.

riproduzione riservata
Articolo: Revoca cedolare secca
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.

Revoca cedolare secca: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Revoca cedolare secca che potrebbero interessarti


In aumento la cedolare secca su affitti concordati

Fisco casa - Manovra 2020: quali gli effetti per i contribuenti. Triplicano le imposte ipotecarie e catastali e aumenta al 12,5% la cedolare secca. Vediamo quali sono le novità

Manovra 2020 e affitti agevolati: stop all'aumento della cedolare secca

Affittare casa - Tra le misure della nuova manovra economica spiccano quelle sulla casa: oltre alla proroga dei bonus fiscali, conferma dell'aliquota del 10% della cedolare secca

Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Cedolare secca: tutte le novità del 2017

Affittare casa - La cedolare secca è un regime fiscale dei contratti di locazione alternativo e facoltativo che comporta benefici e rinunce. Vediamo come è disciplinato nel 2017.

Come registrare il contratto di locazione

Affittare casa - Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.

Cedolare secca 2019: come funziona la tassazione sostitutiva

Fisco casa - Contratto di locazione cedolare secca: come esercitare l'opzione del regime di tassazione facoltativo, aliquote e modalità di versamento. Le novità per il 2019.

Quali sono le imposte per i contratti d'affitto?

Affittare casa - Ecco quali sono le imposte da pagare quando si stipula un contratto d'affitto di un immobile a uso abitativo per chi sceglie la cedolare secca o altre soluzioni

La cedolare secca esclude l'imposta di registro sulla fideiussione

Affittare casa - L'opzione per la cedolare secca non fa scattare l'imposta di registro sull'eventuale fideiussione inserita nel contratto di locazione. Dovuta invece quella di bollo

Registrazione del contratto di locazione, tempi e costi

Affittare casa - La registrazione del contratto di locazione rappresenta un obbligo per le parti che dev'essere adempiuto in breve termine e che comporta l'esborso di denaro.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img niko2689
Salve,vorrei porre una domanda all'avvocato o a qualcuno che ne sappia più di me.Tre anni fa ho stipulato un contratto 4+4 con cedolare secca e oggi per gravi motivi di...
niko2689 26 Ottobre 2015 ore 08:33 1