Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Chi è il revisore contabile condominiale?

NEWS Ripartizione spese02 Gennaio 2019 ore 09:47
Qual è la funzione del revisore condominiale, quali sono le attività svolte e in cosa consiste la verifica della contabilità. Ecco cosa c'è da sapere in materia

Il revisore contabile condominiale: chi è e quali sono le sue funzioni


Con la riforma del condominio (Legge 11 dicembre 2012 n. 220), entrata in vigore il 18 giugno 2013, molte sono le novità introdotte in ambito di rendiconto condominiale .
Tra di esse vi è la previsione della figura del revisore condominiale di cui all’articolo 1130 bis del codice civile che afferma quanto segue:

l’assemblea di condominio può in qualsiasi momento o per più annualità specificatamente identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. La deliberazione è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell’ amministratore e la relativa spesa è ripartita tra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà (art. 1130 bis cod. civ.)


Possiamo constatare che il legislatore con chiarezza ha specificato che è facoltà dell’assemblea di condominio provvedere alla nomina del revisore affinché faccia una verifica contabile del condominio. È l’assemblea stessa a definire i compiti del revisore, nell’ambito del mandato conferito.

Il revisore può essere investito dell’incarico in qualunque momento e per più annualità (esercizio finanziario della gestione condominiale). È possibile che la nomina avvenga anche in momenti diversi dall’approvazione del rendiconto consuntivo dell’anno precedente o del rendiconto preventivo per l’anno seguente.

Revisore contabile in condominio
Per il condominio, il ruolo di revisore contabile è di estrema importanza. Egli è colui che analizza la situazione contabile del condominio, si occupa di verificare gli aspetti gestionali e si pone come garante della trasparenza della contabilità.
L’obiettivo perseguito dalla legge è quello di tutelare il condominio e i suoi condomini.

Il revisore è dunque colui che pone in essere una serie di attività e di riscontri volti ad esprimere, attraverso una relazione finale, un giudizio di attendibilità del rendiconto consuntivo.
Si deve sottolineare che la nomina del revisore non deve presupporre necessariamente qualche comportamento irregolare da parte dell’amministratore del condominio. Nell’ambito dei suoi compiti, infatti, non si ravvisa quella di giudice dell’operato dell’amministratore.

La sua attività deve essere svolta con carattere di indipendenza nei confronti delle parti interessate. Il revisore, insieme all’amministratore di condominio, deve esaminare tutti i vari aspetti della contabilità, i fatti di gestione esposti nel documento contabile.
Amministratore e revisore si affiancano. Se da un lato l’amministratore deve dare esecuzione alle delibere assembleari, disciplinare il normale godimento delle parti comuni, riscuotere i contributi, il revisore ha il compito di effettuare il controllo della contabilità del condominio, con particolare attenzione all’osservanza della legge.

Verifica contabilità condominio
Nonostante il compito sia di estrema importanza, la legge non ha ancora previsto dei requisiti specifici per ricoprire il ruolo di revisore condominiale. In mancanza di un intervento legislativo chiarificatore siamo ad oggi dinnanzi a un’attività non regolamentata.

Il legislatore, purtroppo, non ha stabilito in modo esplicito quelle che sono le competenze tecnico contabili e giuridiche di questa figura professionale che indubbiamente deve ricoprire un incarico complesso per il quale è sicuramente opportuna una formazione specialistica.
Affidare l'incarico a un soggetto privo delle dovute competenze è alquanto rischioso, poiché potrebbe portare ad errori di valutazione e future contestazioni.


Nomina del revisore condominiale


L’assemblea di condominio può nominare il revisore in qualunque momento e per più annualità successive. La nomina del revisore non deve essere giustificata necessariamente dalla presenza di qualche irregolarità di carattere contabile. La necessità (si tratta di una facoltà e non di un obbligo) della verifica dei conti condominiali può essere dettata da motivazioni di vario genere.

Una nomina del revisore può ritenersi significativa nei seguenti casi:

  • qualora venga nominato un nuovo amministratore senza che vi sia stata l’approvazione del bilancio consuntivo relativo alla precedente gestione. Si vuole consentire un’adeguata continuità all’attività amministrativa;

  • qualora vi siano errori o elementi di incongruità con riferimento ai rendiconti precedentemente approvati;

  • nel caso si voglia accertare eventuali ammanchi dovuti ad appropriazioni indebite da parte dell’amministratore dello stabile.


Le attività svolte dal revisore contabile del condominio


Per quanto concerne l’attività svolta dal revisore condominiale si può dire che il legislatore sia abbastanza vago sul punto. Finalità della consulenza effettuata dal revisore, come specificato dal codice civile, è la verifica contabile. I limiti di questa attività variano in funzione del contesto in cui il revisore si trova ad operare.

Si può tenere distinte due situazioni:

- il caso in cui sia sottoposta a verifica la rendicontazione già approvata dall’assemblea;

- il caso in cui la verifica riguardi un bilancio non ancora presentato e approvato.

Revisore di stabile condominiale
Nella prima ipotesi, l’analisi del revisore sarà di fondatezza e congruità, non mettendo egli in discussione le scelte effettuate dalla maggioranza dei condomini e i criteri di ripartizione delle spese. Per questo, infatti, soccorre l’articolo 1137 del codice civile, in base al quale eventuali vizi relativi ai criteri di ripartizione delle spese condominiali devono essere contestati dinnanzi all’Autorità Giudiziaria, mediante l’impugnazione delle delibere, da effettuarsi entro 30 giorni.
Il termine è perentorio e una volta trascorso l’invalidità della delibera non può più essere fatta valere.

Nel secondo caso, se non vi è dunque un bilancio approvato, la verifica del revisore può essere di legittimità, con controllo del rispetto delle tabelle millesimali, del regolamento condominiale e più in generale della legge. Le verifiche svolte dal revisore condominiale, possono far emergere criticità, violazioni di normative di carattere contabile o fiscale nonché gravi inadempienze da parte dell'amministratore.

Costituiscono un caso tutt'altro che raro condomini non in regola con rendiconti non conformi alle leggi nei quali i condomini sono del tutto inconsapevoli di tali irregolarità.

I riferimenti normativi da prendere in considerazione nell'analisi sono, oltre all'articolo 1130 bis del codice civile, le interpretazioni giurisprudenziali, norme tecniche, fiscali e la norma UNI 10801.

Quali sono i documenti necessari per una corretta tenuta della contabilità condominiale?


Citiamo al riguardo:

  • l’anagrafica dei condomini;

  • le tabelle millesimali e i criteri di formazione;

  • registro dei contratti stipulati e di ogni altro rapporto giuridico in corso con terzi soggetti;

  • registro di contabilità;

  • conto corrente condominiale, strumento di tracciabilità dei flussi in entrata e in uscita;

  • documenti fiscali;

  • inventario dei beni immobili comuni

  • rendiconto gestione ordinaria;

  • rendiconto gestione straordinaria;

  • questioni giuridiche pendenti (contenzioni o procedimenti di mediazione aperti);

  • ogni altra informazione di carattere patrimoniale.


l revisore, dopo aver esaminato la documentazione a sua disposizione, interpellato i condomini ed eventuali fornitori di beni e servizi, potrà formulare il giudizio definitivo in ordine alla situazione contabile del condominio.

L’incarico al revisore non deve essere necessariamente conferito dall’assemblea, anche se questo è il caso più tipico previsto espressamente dalla legge.

Tale incarico può essere anche conferito al soggetto su iniziativa dell’autorità giudiziaria, nell’ambito di una consulenza tecnica d’ufficio, ad esempio, in sede di giudizio penale, in caso di appropriazione indebita di denaro. In questa circostanza il revisore, con un'analisi puntuale, dovrà far fronte alle richieste avanzate dal giudice finalizzate alla risoluzione della causa.
Siamo in presenza di un’attività di certificazione e perizia con valenza in ambito processuale.


Compenso del revisore condominiale


L'attività affidata al revisore condominiale sorge da un incarico svolto a titolo oneroso.
Un aspetto da considerare è dunque costituito dalla determinazione e suddivisione del compenso dovuto al revisore condominiale.

L’articolo 1130 bis afferma che la deliberazione assembleare è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell'amministratore e la relativa spesa è ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà, pure tra quelli che non hanno espresso il loro consenso a favore del revisore.

riproduzione riservata
Articolo: Revisore contabile condominiale
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 3 voti.

Revisore contabile condominiale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
306.808 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Pensilina autoportante in policarbonato alveolare
    Pensilina autoportante in...
    398.00
  • Montascale curvilinei Freecurve Alliance
    Montascale curvilinei freecurve...
    7000.00
  • Montascale curvilineo Freecurve Elegance
    Montascale curvilineo freecurve...
    7000.00
Notizie che trattano Revisore contabile condominiale che potrebbero interessarti
Registro di contabilità condominiale prima e dopo la Riforma

Registro di contabilità condominiale prima e dopo la Riforma

Ripartizione spese - Il registro di contabilità condominiale è una delle novità introdotte dalla riforma e consente, se correttamente tenuto, di conoscere l'aggiornato stato dei conti.
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Documentazione condominiale e delibere assembleari

Condominio - Ogni condomino ha diritto di chiedere (e pretendere) copia della documentazione condominiale detenuta, in ragione del suo mandato, dall?amministratore.Questo,

Ripartizione spese condominiali: cosa cambierà con la riforma?

Ripartizione spese - Tra gli argomenti che avrebbero meritato maggiore attenzione nell'ambito della riforma del condominio e che, invece, hanno subito poche modifiche ci sono le spese.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Calcolo dei termini per la presentazione del rendiconto condominiale

Amministratore di condominio - Il rendiconto condominiale è il documento con cui l'amministratore relaziona sull'anno di gestione trascorso. Come calcolare i termini di presentazione di legge?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img scarpantibus
Buon pomeriggio,volevo formulare un quesito a questo forum.Abito in una palazzina di 16 appartamenti in orizzontale divisi su due piani, gli appartamenti inferiori sono tutti con...
scarpantibus 23 Gennaio 2014 ore 14:04 1
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img nounou
Salve,Ho una domanda da porvi:Può un amministratore di condominio richiedere in assemblea un badget straordinario (di parecchi euro) ai condomini per coprire le spese...
nounou 18 Settembre 2007 ore 15:47 2
Img savevita
Nel palazzo vogliono istallare dei fari per evitare i furti questi dovrebbero essere istallati sui muri della casa.Io sostengo che le luci non impediscono i furti tanto più...
savevita 22 Gennaio 2014 ore 17:36 1
Img benetony
Nel mio condominio che comprende 8 appartamenti si e discusso di ristrutturare alcune parti della facciata e un lanternino perché un po' fatiscenti.Ora durante un'assemblea...
benetony 21 Novembre 2013 ore 16:21 12