Animali e disturbo ai vicini

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche01 Luglio 2015 ore 00:27
Risponde in sede penale colui che provoca o semplicemente non impedisce che gli strepiti del proprio animale arrechino disturbo alle occupazioni o al riposo dei vicini.

Conflitti a causa dei rumori degli animali


rumori causati dagli animaliChi li ama è forse più benevolo anche verso i loro schiamazzi, chi non li ama sicuramente lo è meno. Fatto sta, è noto a tutti noi, che spesso i conflitti creati dagli schiamazzi degli animali (dei cani, solitamente) finiscono in tribunale, dove saranno decisi da un soggetto, il giudice, in posizione imparziale.

La questione tocca aspetti civilistici e anche penalistici. Può infatti essere decisa nell'una o nell'altra sede, oppure in entrambe.

Per quanto riguarda la sede civile, perlomeno nei rapporti di vicinato, viene in rilievo l'art. 844 c.c., il quale vieta le immissioni intollerabili da un fondo all'altro; tra le immissioni sono infatti espressamente inclusi i rumori.

In sede penale la norma di riferimento è invece prevista dall'art. 659 c.p., per il quale si rischia di rispondere del reato di Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.

Ovviamente la questione rientra solitamente nel più ampio ambito dei rapporti di vicinato, sebbene il reato preveda come elemento essenziale l'attitudine a disturbare un gruppo indifferenziato di persone e non i vicini.


Reato di Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.


In questa sede focalizziamo l'attenzione sull'aspetto penalistico.

L'art. 659 c.p. testualmente recita: Chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici, è punito con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a trecentonove euro.

Si applica l'ammenda da centotre euro a cinquecentosedici euro a chi esercita una professione o un mestiere rumoroso contro le disposizioni della legge o le prescrizioni dell'Autorità.

Devono esservi innanzitutto degli schiamazzi idonei ad arrecare disturbo a una quantità indefinita di persone; schiamazzi provocati o anche semplicemente non impediti.

Per schiamazzi in questo caso dobbiamo intendere quelle manifestazioni sonore tipiche e connaturali all'animale, che divengono illecite in quanto superano i limiti della normale tollerabilità portando a un fastidio (anche solo potenziale) per una collettività indifferenziata di persone (v. Cass. n. 35234/2001).

La necessità (perchè vi sia reato) dell'idoneità a disturbare una quantità indefinita di persone è data dal fatto che il reato è posto a tutela della pubblica quiete (tra tante, v. Cass. n.7392/2015).

Si parla però il più delle volte di fastidio ai vicini, in quanto, trattandosi di reato di pericolo, non è necessario che il disturbo a tanti si verifichi in concreto, ma basta la possibilità astratta di fastidio al pubblico e in concreto la lesione anche di uno solo: infatti, in alcune sentenze l'assoluzione dall'imputazione del reato viene dal fatto che il danneggiato era uno solo e neanche in astratto vi era la possibilità di un fastidio diffuso (v. Cass. n. 7392/2015).


Casistica giurisprudenziale


rumori causati dagli animaliSi espone di più alla responsabilità chi ha più cani in luogo stretto, se non fa in modo, potendolo, di evitare l'abbaiare dei cani sistemandoli in situazioni idonee di vitto e di spazio e separandoli, in modo che non si creino degli scontri (v. Trib. Terni n. 44/2012).

In certi casi sono stati condannati i proprietari in gruppo, per il classico caso, diciamo così, di emulazione di versi tra cani: non si sapeva bene quale fosse il cane che dava il là, fatto sta che ogni proprietario era alla fine ritenuto consapevole del fatto che una volta ricevuto il là, il proprio animale avrebbe intonato il proprio contributo all'esibizione sonora (v. Cass. n. 4706/2011).

Come sappiamo, i più rumorosi sono i cani, ma in qualche caso particolare si distinguono anche, ad esempio, i pappagalli o i polli (v. Cass. Pen. n. 04.07.2001).

Quanto all'elemento soggettivo, è stato chiarito che non è necessario che il responsabile voglia arrecare molestie ad altri, ma è sufficiente la volontarietà dell'azione (è cioè sufficiente la colpa). (v. Cass. n. 715/2010).

Tra le ultime sentenze in ordine di tempo in materia vi è la n. 23944/2015, con cui la Corte di Cassazione ha confermato la condanna decisa in appello nei confronti di due coniugi.

In tale sentenza i Giudici di Legittimità hanno ritenuto sussistere il reato e, nel motivare la propria decisione, spiegano che dall'accertamento dei fatti complessivo è risultato che i rumori si sentivano durante tutto il giorno (e non erano limitati al mattino, come sostenevano gli imputati) che gli stessi arrecavano disturbo alla vita quotidiana dei vicini, senza che i proprietari del cane si attivassero a risolvere il problema, nonostante i ripetuti solleciti.

Gli elementi accertati che portano alla condanna in questo caso risultano essere: l'abbaiare continuo e l'inerzia dei proprietari.

Viene da concludere che forse chi li ama davvero, gli animali, non ne provoca e ne impedisce gli schiamazzi.

Spesso, questi sono infatti provocati dalle cattive condizioni in cui gli animali sono fatti vivere. Spesso abbaiano o aggrediscono, anche solo per solitudine, come gli uomini.

riproduzione riservata
Articolo: Responsabilità penale per il rumore causato dai propri animali
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 6 voti.

Responsabilità penale per il rumore causato dai propri animali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Responsabilità penale per il rumore causato dai propri animali che potrebbero interessarti
Quando i rumori in casa possono portare alla condanna penale?

Quando i rumori in casa possono portare alla condanna penale?

Liti tra condomini - Nel caso di rumori eccessivi provenienti da un appartamento, per arrivare alla condanna penale non basta che il fastidio sia avvertito solamente dai vicini di casa.
Responsabilità penale per le aggressioni di animali a terzi vicino la propria abitazione

Responsabilità penale per le aggressioni di animali a terzi vicino la propria abitazione

Leggi e Normative Tecniche - Chi ha in custodia l'animale risponde penalmente delle lesioni da questo causate a terzi, anche nei pressi dell'abitazione, se non prova la presenza del caso fortuito.
Rumori e sanzioni penali

Rumori e sanzioni penali

Normative - L'emissione di rumori, che siano potenzialmente idonei a recare disturbo al riposo o alle occupazioni delle persone, è condizione sufficiente per una condanna penale

Attenti al cane: basta il cartello per liberare il padrone da responsabilità?

Proprietà - Il cartello di Attenti al cane è solo un avviso della presenza del cane e non libera il proprietario dalla responsabilità per i danni che l'animale può causare?

Disturbo della quiete pubblica in condominio per testimonianza di un passante

Liti tra condomini - Condòmino rumoroso condannato per disturbo della quiete pubblica in base alla testimonianza resa da un passante che percorreva una strada esterna al condominio.

Tutelarsi legalmente da rumori di vicini molesti

Liti tra condomini - Cosa fare se i vicini di casa sono rumorosi? Vediamo quali sono le tutele giuridiche offerte dalla legge. Possibile richiedere il risarcimento dei danni subiti

Responsabilità civile per i danni causati da animali domestici

Leggi e Normative Tecniche - Se l'ingresso di casa rimane aperto, la corda si spezza, ed il cane aggredisce l'estraneo entrato in casa, il proprietario del cane paga se non prova il caso fortuito.

Attività rumorose e sanzioni penali

Liti tra condomini - Quella dei rumori che distrubano le attività delle persone, il loro riposo e più in generale la quiete pubblica è questione che genera spesso contrasti e contenziosi anche a livello penale.

Rumori domestici: come difendersi

Facciate e pareti - Tra le prime cause del malessere generato dal rientro dalle vacanze c'è anche il disturbo generato dai rumori domestici, come ci rivela un'indagine.
REGISTRATI COME UTENTE
295.720 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Scoot disabituante per animali 150 gr
    Scoot disabituante per animali 150...
    9.64
  • Scaldacuccia pedana per
    Scaldacuccia pedana per...
    190.00
  • Coppia di letti italiani in ferro laccato
    Coppia di letti italiani in ferro...
    2400.00
  • Ristrutturazione gazebi Marino di Roma
    Ristrutturazione gazebi marino di...
    100.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.