Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Impianti in condominio: chi è responsabile?

Quali sono le responsabilità dell'amministratore di condominio conseguenti all'incuria e alla mancata manutenzione dei principali impianti presenti in condominio?
22 Giugno 2021 ore 09:46 - NEWS Amministratore di condominio

Responsabilità dell'amministratore di condominio relative agli impianti


Gli impianti in condominio sono spesso motivo di disaccordo e, nella peggiore delle ipotesi, di azioni di responsabilità.

Non è sempre facile comprendere chi sia responsabile in caso di guasti o danni cagionati dagli impianti.

Ciò in quanto la responsabilità può essere ripartita, a seconda dei casi e della tipologia di intervento, fra l’amministratore di condominio a cui è demandato il compito di gestione e custodia degli impianti, in quanto parti comuni, unitamente ai condomini e ancora del produttore e/o del venditore, a norma degli articoli 114 e ss. del Dlgs n. 206/2005 (Codice del Consumo).

Locale condominiale impianti amministratore di condominio
Unitamente alla responsabilità civile dell’amministratore condominio, si possono verificare i presupposti per l’attribuzione della responsabilità di tipo penale (si pensi alle ipotesi di danni arrecati dal guasto o mal funzionamento di impianti antincendio causa di lesioni colpose).

In prosieguo si analizzeranno, per linee generali, le responsabilità relative alle principali tipologie di impianti presenti in condominio.


Impianto di riscaldamento e doveri amministratore condominio


Con riferimento all’impianto di riscaldamento, diversi sono i soggetti che rispondono per eventuali danni, guasti o mal funzionamenti.

Il condominio, in primis, è responsabile per omessa custodia ai sensi dell’art. 2051 c.c. della centrale termica. A tale responsabilità si affianca anche la responsabilità del manutentore, di cui all’art. 2051 e 2043 c.c. e del costruttore, ai sensi dell’art. 1669 c.c. per difetti coperti da garanzia del costruttore.

Impianto termico e amministratore condominio
Fra i soggetti responsabili si annovera anche l’amministratore di condominio, al quale sono attribuiti specifici doveri e obblighi per la tenuta dell’impianto di riscaldamento centralizzato che riguardano non solo la sicurezza, ma anche l’efficienza energetica e la tutela dell’ambiente.

Responsabilità amministratore condominio impianti di riscaldamento


Le responsabilità imputabili all’amministratore di condominio possono avere diversa natura.

L’amministratore può essere ritenuto responsabile per eventuali danni cagionati da sinistri provocati dalla errata e colpevole gestione della centrale termica o anche di natura amministrativa (a esempio erronea ripartizione delle spese).

Anche il condominio, tuttavia, può essere considerato soggetto immediatamente responsabile.

Ciò si verifica, a esempio, nelle ipotesi in cui sia acclarata la mancata applicazione della norma Uni 10200.

Al riguardo, si precisa che la citata norma Uni 10200 prevede un chiaro e inderogabile criterio di ripartizione delle spese in base al quale ciascun condomino deve partecipare alla spesa comune, pagando l'effettivo consumo registrato.

Amministratore condominio spese impianti
In tale caso, il condominio potrebbe essere esposto a specifiche sanzioni previste dall’art. 16, D.lgs n. 102/2014 (a esempio, sanzioni per il proprietario dell’immobile che non procede alla installazione di contatori o ripartitori).

L’attuazione di tale criterio nella ripartizione delle spese rientra fra i compiti amministratore condominio, con la conseguenza che questi potrebbe essere ritenuto responsabile per eventuale e/o colpevole non applicazione di tale criterio.


Amministratore di condominio e impianti termici di proprietà dei singoli condomini


Nonostante vi siano stati in passato (e vi siano tuttora) orientamenti contrastanti in giurisprudenza, sembra prevalere l’impostazione in base alla quale l’amministratore di condominio non sarebbe in alcun modo responsabile per gli impianti termici di proprietà esclusiva dei singoli condomini.

Impianto termico in condominio, doveri e obblighi dell amministratore di condominio


Una voce di maggiore costo in condominio è rappresentata dalla spesa per l’impianto termico.

Per tale motivo, al fine di ridurre, per quanto possibile, l’esborso finanziario dei condomini, la manutenzione dell’impianto ha una rilevanza indubbia.

Ciò nondimeno, la corretta gestione dell’aspetto termico gioca un ruolo di primaria importanza anche in considerazione dei rischi e dei conseguenti ipotetici danni che possono derivare da inerzia o negligenza nei controlli e nelle opere di manutenzione.

Alla luce di tali considerazioni si ritiene utile individuare i soggetti coinvolti nella gestione dell’impianto termico in condominio, al fine anche di imputare correttamente eventuali profili di responsabilità civile.

L’amministratore di condominio in qualità di terzo responsabile


Nel caso di impianto termico, il soggetto responsabile per qualsivoglia attività di gestione, controllo e manutenzione è il proprietario dell’impianto stesso.

In contesti condominiali, tale proprietario è l’amministratore di condominio, salvo eventuale delega a un soggetto terzo responsabile, generalmente individuato nell’impresa specializzata, che deve dimostrare di avere specifiche competenze organizzative e tecniche, nonché essere in possesso di alcuni requisiti a fronte del tipo di impianto da gestire (a titolo esemplificativo, per gli impianti con potenza maggiore di 232 kW, il gestore deve disporre di apposito patentino).

In ambito condominiale il potere di deliberare la delega a un soggetto terzo è dell’assemblea, che deve conferire tale incarico mediante contratto scritto.

Medesima forma scritta deve essere rispettata per l'atto di assunzione di responsabilità da parte del terzo, che deve essere redatto contestualmente alla delega.


Impianto di ascensore in condominio e compiti dell amministratore di condominio


Come noto, l’impianto dell’ascensore rientra fra i c.d. beni comuni di cui l’amministratore di condominio è responsabile, seppur con specifici limiti, poiché è il soggetto tenuto a garantire l’efficienza e la sicurezza dell’impianto anche in presenza di un contratto di manutenzione con una ditta qualificata.

Ascensore e responsabilità amministratore di Condominio
Possibili responsabilità possono essere poste anche a carico del condominio e del manutentore.

Per comprendere in che termini deve ripartirsi la responsabilità, con riferimento a tali tipologie di impianti, è utile qualche esempio.

Casi pratici responsabilità amministratore di condominio


Se si ipotizza, a titolo di esempio, un danno a cose o persone dovuto alla omessa manutenzione dell’impianto, con conseguente mal funzionamento della cabina dell’ascensore, che non si ferma adiacente al piano ma immediatamente sotto o sopra al piano stesso, provocando uno scalino, di chi è la responsabilità?

La responsabilità da custodia, che deve essere sempre valutata caso per caso, può essere attribuita all’amministratore di condominio o ai condomini stessi, trattandosi di bene comune, ma anche al manutentore dell’impianto.

Impianto ascensore amministratore condominio
In tal caso, l’amministratore di condominio potrà essere chiamato a rispondere per fatto illecito di cui all’art. 2043 c.c. per omessa vigilanza sull’impianto o per cattivo adempimento agli obblighi di verifica.

Il manutentore potrebbe, invece, rispondere a titolo di responsabilità extracontrattuale.

In via residuale possono altresì configurarsi profili di responsabilità in capo al costruttore dell’edificio ex art. 1669 c.c.


Impianti antincendio e responsabilità dell’amministratore di condominio


Preliminarmente alla analisi della ripartizione della responsabilità relativa a eventuali guasti o danni dell’impianto antincendio, occorre chiarire: quando è obbligatorio un impianto antincendio in condominio?

Al riguardo, è utile precisare che tali sistemi sono obbligatori in condominio allorquando l’edificio abbia una altezza uguale o superiore a metri 12.

Impianto antincendio e amministratore condominio
Tale altezza si calcola considerando la misura dal piano terra, purché esterno fino al livello inferiore dell’apertura più alta dell’ultimo piano abitabile o comunque agibile.

Ciò chiarito, ai fini dell’inquadramento della responsabilità in caso di mancato adeguamento o controllo del sistema antincendio è importante precisare che tale impianto si annovera fra le parti comuni ex art. 1117 c.c., con la conseguenza che oltre all’amministratore di condominio, per mancato rispetto degli obblighi di vigilanza, potrà ritenersi responsabile anche il condominio.


Doveri amministratore condominio per gli impianti antincendio


Per individuare il soggetto responsabile per eventuali danni cagionati dall’impianto antincendio, occorre preliminarmente individuare la causa che ha dato vita all’incendio.

In linea generale, salvo i casi in cui l’incendio derivi da fatti di cui all’art. 2050 c.c. ovverosia svolgimento di attività pericolose, si applicano i criteri generali di cui all’art. 2043 c.c. che disciplina il fatto illecito.



Il condominio e l'amministratore potranno essere ritenuti responsabili, per inosservanza dell’obbligo di controllo e custodia, nel caso in cui si accertato che l’incendio si sia propagato a causa del materiale che riveste il vano scale particolarmente infiammabile.

In tale caso, sia l’amministratore di condominio sia i singoli condomini, in qualità entrambi di custodi, possono essere ritenuti responsabili per mancata adozione di tutte le misure necessarie atte a evitare, secondo parametri oggettivi, il verificarsi di effetti dannosi e conseguenti danni a terzi.

riproduzione riservata
Articolo: Responsabilità amministratore impianti in condominio
Valutazione: 5.83 / 6 basato su 6 voti.

Responsabilità amministratore impianti in condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.208 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Responsabilità amministratore impianti in condominio che potrebbero interessarti


Termoregolazione e contabilizzazione autonoma

Ripartizione spese - La gestione e manutenzione dell'impianto è di competenza del condominio. In sostanza l'amministratore di condominio, dovrà provvedere a mantenerlo in buono stato.

Sprinkler

Impianti di sicurezza - Gli sprinkler sono usati negli impianti antincendio automatici e sono dei dispositivi che oltre a rilevare l'incendio, provvedono a spegnerlo contenendo i danni

Impianto di riscaldamento condominiale, messa in esercizio, verifiche e ripartizione delle spese

Parti comuni - L'impianto di riscaldamento condominiale, come tutti gli impianti di riscaldamento deve rispettare precise norme in materia di messa in esercizio e manutenzione

Riscaldamento a pavimento in condominio

Impianti di riscaldamento - Che cosa c'è da sapere se si prende la decisione d'installare un impianto di riscaldamento a pavimento in un'unità immobiliare ubicata in un edificio in condominio?

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Manutenzione dell'impianto di illuminazione esterno

Impianti - Secondo il DPR 462/01 è necessario eseguire verifiche periodiche per gli impianti elettrici di messa a terra e manutenzione dell'impianto di illuminazione esterno.

Dichiarazione di Rispondenza Impianti Tecnologici

Impianti - Tutti gli impianti tecnologici di vecchia data o sprovvisti della dichiarazione di conformita' possono essere regolarizzati con la dichiarazione di rispondenza.

Come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato?

Ripartizione spese - Ecco alcuni motivi e alcune informazioni su come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento condominiale, ma per farlo bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti.

Impianto antincendio domestico per una maggiore sicurezza in casa

Impianti di sicurezza - Impianti antincendio completi, formati da sistemi di rilevazione incendi e sistemi di spegnimento per garantire la giusta prevenzione di danni causati da fiamme
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img betronparks
Salve a tutti,ho comprato questa casa qualche mese fa con riscaldamento elettrico e sapevo che il riscaldamento elettrico era dannoso, ma non avevo idea di quanto fosse dannoso.Le...
betronparks 16 Luglio 2021 ore 10:31 1
Img barategites
Salve a tutti,ho appena acquistato la mia prima casa, un pignoramento nel PA Poconos, e l'unico sistema di riscaldamento installato sono i battiscopa elettrici in ogni stanza.Dal...
barategites 13 Luglio 2021 ore 19:12 1
Img serenabosco
Salve,l'amministratore del mio condominio mi ha chiesto di fagli avere una copia della mia carta d'identità.Mi sapete dire per quale motivo?C'è qualche legge che lo...
serenabosco 08 Luglio 2021 ore 19:43 1
Img mack01
Ciao a tutti,ho completato una difficile ritrutturazione del mio appartamento nel 2019 dove l'impresa ha creato notevoli danni.Abbiamo rifatto il massetto con impianto di...
mack01 25 Giugno 2021 ore 21:30 4
Img luca1954
Salve,l'amministratore del nostro condominio ha indetto un'assemblea dopo aver fatto fare l'analisi di fattibilità.Nell'ordine del giorno è scritto infatti...
luca1954 18 Aprile 2021 ore 21:19 2