Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex
archiviato

Referendum su servizi idrici e nucleare

Il 12 e 13 giugno prossimo i cittadini italiani saranno chiamati a pronunciarsi su tre quesiti referendari, riguardanti acqua e nucleare.
07 Aprile 2011 ore 10:26 - NEWS Leggi e Normative Tecniche
nucleare , acqua , servizio idrico , energia nucleare

Il 12 e 13 giugno prossimo i cittadini italiani saranno chiamati a pronunciarsi su quattro quesiti referendari, tre dei quali riguardano l'ambiente e l'energia.
È opportuno conoscere gia' da ora le norme di cui si chiede l'abrogazione, in modo da poter riflettere sulla materia ed avere il tempo di formarsi ciascuno il proprio giudizio critico e votare secondo coscienza.
Privatizzazione dell'acqua
Da circa un anno è in vigore una legge che consente ai privati di gestire la gran parte dei servizi idrici.

Tale legge stabilisce, infatti, che la gestione dei servizi idrici venga affidata attraverso gara ad imprese private, oppure ad imprese con capitale misto pubblico-privato, dove però il privato detenga almeno il 40%.


I promotori del referendum si propongono di abolire tale sistema, a favore di un completo ritorno alla gestione pubblica della risorsa.

Il primo quesito si intitola Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica.

Abrogazione
e chiede l'abrogazione dell'art. 23 bis (dodici commi) della Legge n. 133/2008, riguardante la privatizzazione di alcuni servizi, tra cui quello dell'acqua.

Privatizzazione dell'acquaIl secondo quesito si intitola invece Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito.

Abrogazione parziale di norma
ed ha lo scopo di abrogare una parte del comma 1 dell'art. 154 del Decreto Legislativo n. 152/2006 (il cosiddetto Codice dell'Ambiente).

In poche parole la norma vigente consente al gestore di ricaricare in bolletta al cittadino un 7% a rimunerazione del solo capitale investito, senza garantire in cambio alcun reinvestimento, né un miglioramento della qualità del servizio.

È questa opportunità che si chiede di eliminare.

Il quesito sul nucleare, invece, ha l'obiettivo di abrogare l'art. 7, comma 1, lettera d, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, che dispone la realizzazione in Italia di nuovi impianti di produzione di energia nucleare.


Come è noto, nel 1987, sull'onda emotiva di quanto accaduto a Chernobyl l'anno prima, gli italiani votarono già il loro no al nucleare, grazie al quale fu decretato lo stop alla produzione di energia prodotta dall'atomo nel nostro Paese, ma non all'acquisto della stessa dall'estero.
Centrale nucleare
Con il decreto di cui sopra si è dato l'avvio ad un programma di ritorno al nucleare attraverso la costruzione di nuove centrali che dovrebbero essere realizzate in collaborazione con imprese francesi.

In questi giorni l'incubo nucleare è tornato a riaffacciarsi, a causa degli incidenti di Fukushima seguiti al terremoto del Giappone, tanto che questo ha convinto il Governo a sancire una moratoria di un anno che prorogherà quindi l'inizio dell'attuazione del programma.

La grave tragedia giapponese, tuttavia, ha consentito di riportare alla ribalta il dibattito sul problema dell'energia atomica ed ha evitato di far passare in secondo piano il referendum, che, vista la data estiva in cui è stato programmato, si presenta a forte rischio di mancato raggiungimento del quorum necessario per essere valido.

riproduzione riservata
Articolo: Referendum su acqua e nucleare
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 2 voti.

Referendum su acqua e nucleare: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
325.429 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Referendum su acqua e nucleare che potrebbero interessarti


Parlamento Europeo boccia il nucleare

Arredamento - Come è noto, tra i progetti del Governo per risolvere i problemi economici del Paese, in particolare quelli legati alla crisi energetica, c?è in programma

Scontro sul nucleare

Impianti - Si profila uno scontro tra Governo e Regioni in merito alla localizzazione delle centrali nucleari in programma.

Bonus idrico: in arrivo 1000 euro per sostituire rubinetti e sanitari

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In arrivo, con l'ultimo emendamento alla Legge di Bilancio, il bonus idrico: 1000 euro per la sostituzione di sanitari, docce e rubinetteria a risparmio idrico

Centrali nucleari

Impianti - Siglato un accordo di cooperazione tra Italia e Francia per la realizzazione di quattro nuove centrali nucleari.

Risparmio idrico locale bagno

Sanitari - L'acqua è un bene prezioso da cui dipende la vita del nostro pianeta. In bagno soprattutto, le esigenze di igiene ci portano spesso a trascurare il consumo di acqua.

Realizzare l'impianto idrico a collettori

Impianti idraulici - L'impianto idrico domestico può essere messo in opera anche con la predisposizione di sistemi a collettori che possono risultare vantaggiosi per l'istallazione.

Bonus acqua: fornitura acqua a condizioni economiche agevolate

Leggi e Normative Tecniche - Il bonus idrico è un?agevolazione sulla bolletta dell?acqua prevista dalla legge per le famiglie che si trovano in condizioni di disagio economico e sociale.

Mancato pagamento bollette acqua e nuove norme dal 2020

Burocrazia e utenze - Le nuove regole fissate dall'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente per far fronte al mancato pagamento delle bollette dell'acqua. Ecco cosa cambia

Canone di depurazione delle acque in assenza di servizio

Leggi e Normative Tecniche - Le somme richieste in fattura per la depurazione delle acque quando il relativo servizio non esiste non sono dovute e se pagate possono essere richieste indietro
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img esterlautumio
Buongiorno a tutti! Nella casa acquistata due mesi fa ho scoperto dele infiltrazioni sia dal terrazzo che in un'altra stanza, questa volta da un muro che confina con un terrazzino...
esterlautumio 12 Dicembre 2020 ore 18:21 5
Img lutex
Salve dovrei fare manutenzione ad un rubinetto datato monocomando, installato a muro, di una cucina. In pratica sembra che la bocca del rubinetto si sia spostata verso il basso,...
lutex 11 Dicembre 2020 ore 11:36 4
Img iglikreka
Buonasera, prima di suonare al vicino del piano superiore, potete darmi una mano per favore per capire se la macchia in allegato è una condensa o infiltrazione di acqua da...
iglikreka 24 Novembre 2020 ore 13:42 7
Img ellep
Buonasera a tutti. L'anno scorso ho fatto disattivare l'acqua nella mia casa in campagna. È venuto il tecnico dell'acquedotto e ha rimosso il contatore dell'acqua che stava...
ellep 04 Novembre 2020 ore 11:41 2
Img antopal
Buongiorno, ho deciso di sostituire la caldaia solo per la parte acqua sanitaria con uno scaldabagno elettrico. L'idrauilico ha installato un rubinetto all'uscita del flessibile...
antopal 28 Settembre 2020 ore 11:52 7