Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Reati sulle parti comuni in condominio e querela

Quando si commettono i reati in condominio che interessano le parti comuni? Chi ha il diritto di presentare querela contro atti di danneggiamento delle aree comuni?
- NEWS Liti tra condomini

Reati nelle parti comuni in condominio


Come è noto, la convivenza in un condominio, a volte, può rivelarsi complicata, poiché caratterizzata da dissapori e contrasti, che non di rado assumono rilevanza penale, sfociando in contenziosi in Tribunale.

La rilevanza penale significa che, oltre a un risarcimento del danno causato dal comportamento che ha violato le zone di rispetto condominio, il singolo condomino, ritenuto responsabile può essere condannato a sanzioni pecuniarie e, in caso di fattispecie caratterizzate da un elevato grado di gravità, anche alla pena della reclusione o dell'arresto.

Reati in condominio su parti comuni
Le fattispecie penalmente rilevanti sono molteplici e coinvolgono il condominio, allorquando riguardano un uso improprio parti comuni condominio.
Le principali e più frequenti ipotesi di reati in condominio si verificano nei casi di danneggiamento, deturpamento delle parti comuni.

Diverse sono le ipotesi in cui le controversie abbiano ad oggetto esclusivamente beni dei singoli, poiché non interessano le parti comuni del condominio.

In tale diversa casistica, che attiene alla sfera privatistica si possono configurare diverse fattispecie delittuose quali: il disturbo delle occupazioni o del riposo (art. 659 c.p.); il getto pericoloso di cose (art. 674 c.p.); stalking (art. 612 c.p.); violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza (art. 616 c.p.); interferenze illecite nella vita privata (art. 615 bis c.p.); violenza privata (art. 610 c.p.) ecc.


Reati per l’uso delle parti comuni e legittimazione ad agire


Preliminarmente è utile chiarire il soggetto legittimato ad agire, ovverosia il soggetto a cui è riconosciuto il diritto di presentare querela nel caso di reati in condominio.

Sul punto, negli anni si è registrato un acceso dibattito giurisprudenziale, che ha visto contrapporsi opposti orientamenti.

Di recente è intervenuta la giurisprudenza nazionale, la quale ha superato un precedente e consolidato orientamento che attribuiva il diritto di presentare querela, per i reati riguardanti le parti comuni nell’area condominiale, al condominio in via esclusiva (Cass., n. 2347/2015; Cass., n. 6197/2010; Cass., n. 249259/2000), in persona dell’amministratore di condominio.

Un condominio
Secondo un più recente approccio giurisprudenziale, oltre che all'amministratore condominiale, la legittimazione a presentare la querela per denunciare reati commessi, con riferimento agli spazi comuni condominiali, spetta anche a ciascun condomino (Cass., 14 dicembre 2021, n. 45902).

In altri più specifici termini, deve ritenersi valida la denuncia presentata dal singolo condomino anche nelle ipotesi in cui un reato sia commesso in danno delle parti comuni del condominio.


Quali sono le parti comuni di un condominio ?


Le parti comuni in condominio li enumera il codice civile all’ art 1117.

Il citato art. 1117 codice civile individua gli spazi comuni condominiali in tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune, quali, a solo titolo esemplificativo (per un elenco completo si rinvia all’art 1117 cc) le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili, facciata di un edificio e i muri maestri, compresi i muri perimetrali (Cass., n. 11288/2018).

Facciata di un edificio
Rientrano nel novero delle parti comuni condominiali anche gli impianti destinati all'uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas, per l'energia elettrica, per il riscaldamento.

Danneggiamento e deturpamento degli spazi comuni condominiali


Fra le fattispecie delittuose, che generalmente interessano il comparto condominiale, si annovera il reato di danneggiamento delle parti comuni, previsto e punito dall’art. 635 c.p., con la reclusione da tre mesi a tre anni.

In linea generale, il reato che si configura esclusivamente nelle ipotesi in cui la condotta di danneggiamento sia realizzata con minaccia o violenza.

In altri più specifici termini, nelle ipotesi in cui la condotta del danneggiamento delle parti comuni non sia realizzata con minaccia e violenza, non si configura responsabilità penale.

È il caso del danneggiamento, a esempio, delle automobili nel parcheggio condominiale, senza minaccia o violenza.

Ciò nondimeno, il comportamento che ha cagionato il danno alle parti comuni può costituire il fondamento per un risarcimento del danno in sede civilistica.

Nel caso di beni esposti alla pubblica fede, cioè astrattamente aggredibili da chiunque, perché non custoditi, quali gli edifici pubblici e le pareti esterne dei condomini (compresi portoni, cancelli, muri perimetrali esterni), ai fini della configurabilità del reato non è richiesta la minaccia o la violenza.

In particolare, con riferimento all’edificio condominiale, risponde del reato di danneggiamento chi arreca nocumento ai muri esterni, all’ascensore o ai citofoni, o al lucernario di un portone d’ingresso di uno stabile di civile abitazione.

Deturpamento delle parti comuni


Dal danneggiamento si distingue il deturpamento o imbrattamento, che configura una diversa condotta criminosa. Si tratta di una fattispecie criminosa residuale, prevista dall’art. 639 c.p., che si configura fuori dei casi previsti dall'articolo 635 c.p., che punisce con la multa fino a euro 103, chi deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui.

Abbandono dei rifiuti in condominio


Alto comportamento che, in taluni casi, può assumere rilevanza penale e che spesso viene sottovalutato, è l’abbandono illecito e contrario alla normativa di rifiuti in spazi comuni condominiali.

Tale reato è previsto dall’art. 256 del Testo unico in materia ambientale 2006 (D.lgs. n. 152/2006) che punisce chi abbandona rifiuti presso le parti comuni del condominio non adibiti o non idonei alla raccolta dei rifiuti.

Rifiuti in condominio
Si tratta di una norma posta a tutela di un utilizzo legittimo degli spazi condominiali comuni e di contrasto a comportamenti che si concretizzano nella occupazione abusiva parti comuni condominio mediante lo stazionamento dei rifiuti.

La gravità della sanzione dipende dalla tipologia di rifiuto abbandonato nelle zone di rispetto condominio.

L’abbandono di rifiuti non pericolosi è punito con l’arresto da 3 mesi a un anno oppure con un’ammenda da 2.600 a 26.000 euro. La pena dell’arresto è aumentata da 6 mesi a 2 anni per il rilascio di rifiuti pericolosi negli spazi condominiali non idonei.


Se un condomino danneggia parti comuni chi paga?


Per rispondere correttamente a tale interrogativo, occorre fare riferimento a un principio generale in materia penale, contenuto nell’art. 27 della Costituzione, a norma del quale, la responsabilità penale è personale.



Ciò significa che se un condomino danneggia o compie un atto vandalico o, in ogni caso, in danno a spazi condominiali comuni a tutti i partecipanti alla comunione, risponde penalmente della condotta prevista da una norma incriminatrice, ovverosia è chiamato a corrispondere la sanzione pecuniaria e, qualora previsto, a vedersi limitato nella propria libertà personale.

riproduzione riservata
Articolo: Reati sulle parti comuni e querela
Valutazione: 4.86 / 6 basato su 7 voti.

Reati sulle parti comuni e querela: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • T.  Tafani
    T. Tafani
    Martedì 6 Settembre 2016, alle ore 22:45
    Paradossale, se per caso, reo fosse l'amministratore, non sarebbe accertabile?

    Dubito che anche se fosse sollecitato dai condomini, farebbe la querela.

    E come ci si pone se un condomino volesse, dovesse, querelare proprio l'amministratore per danni alla cosa comune?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 T. Tafani
      Mercoledì 7 Settembre 2016, alle ore 15:48
      Concordo, la sentenza è criticabile per vari aspetti.
      rispondi al commento
  • Paga Pantalone
    Paga Pantalone
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 16:42
    Adoro questa sentenza.Che succede se un condomino commette il reato di danneggiamento sulle parti comuni? Che io devo pagare in millesimi e non posso neppure querelarlo?
    rispondi al commento
  • Venera75
    Venera75
    Mercoledì 9 Marzo 2011, alle ore 16:22
    Ma cosa accade quando il reato non è relativo alle parti comuni dell'edificio condominiale ma, come nella fattispecie di cui mi sto occupando, è stato commesso da un precedente amministratore di condominio che si è appropriato indebitamente di somme di denaro? La querela può essere sporta dal singolo condomino?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.172 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Reati sulle parti comuni e querela che potrebbero interessarti


Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Supercondominio

Amministratore di condominio - Il Supercondominio è un'entità che sussiste quando ci sono edifici collegati con parti in comune. Vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche, doveri e potenzialità.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Parti comuni - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva secondo legge o per contratto.

Riqualificazione energetica condomini: nuova proroga per comunicare le spese

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Rinviato al 19 aprile 2022 il termine per inviare la comunicazione delle spese di ristrutturazioni e riqualificazione energetica delle parti comuni in condomini

Bonus per lavori condominiali

Condominio - Una risoluzione dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile usufruire del bonus 36% per i lavori eseguiti su tutte le parti comuni del condominio.

Videosorveglianza in condominio e interessi in gioco

Parti comuni - L'installazione di videocamere in parti comuni del condominio è soggetta a specifiche norme, sia per la deliberazione che per la installazione. Ecco quali sono.

Superbonus, è possibile per lavori a un edificio danneggiato da incendio?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Un condominio danneggiato da un incendio è stato risarcito dall'assicurazione. Nonostante ciò può usufruire del Superbonus e del bonus ristrutturazione 50%?

Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Parti comuni - Le innovazioni e le modifiche delle cose comuni, sia pur molto simili, sono comunque interventi differenti soggetti a diversi regimi di autorizzazione

Abuso della cosa comune in condominio

Parti comuni - L'esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose, allorquando tale condotta sia tenuta per evitare che l'abuso di altri condomini renda inutilizzabile il bene comune.