Radiatori alternativi

NEWS DI Impianti di riscaldamento31 Dicembre 2012 ore 19:00
Come migliorare il confort abitativo, attraverso un semplice intervento di potenziamento dell'impianto di riscaldamento esistente, impiegando i ventilconvettori.
radiatori , riscaldamento , dimensionamento , sostituzione

Radiatori e loro funzionamento


Un impianto radiante di vecchio tipoIl principio fisico per cui in un circuito chiuso ad anello, l'acqua riscaldata diminuendo di densità provoca salendo all'interno del circuito, lo spostamento in basso della restante parte del liquido a temperatura più bassa, ha ispirato la creazione di uno degli elementi più comuni presenti negli ambienti abitati, il termosifone.

Di questo apparecchio, costituito da elementi assemblati tra loro realizzati in dimensioni, materiali, forme e colori diversi, ciò che resta sempre inalterato, è il principio fisico che ne consente il funzionamento, grazie all'ausilio di una caldaia adeguata e proporzionata alle necessità termiche dell'ambiente da riscaldare.

Il principio sopradescritto, chiamato anche circolazione naturale, è stato sfruttato nei primi impianti di riscaldamento di tutto il mondo, mentre nei moderni impianti ancora presenti, la circolazione dell'acqua viene forzata dalla presenza di pompe di calore, che favoriscono una circolazione del liquido in maniera più veloce, fornendo così la possibilità di alimentare termosifoni posti anche ad una quota inferiore a quella della caldaia.


Criteri di scelta progettuale


La scelta della caldaia, del numero e del tipo di elementi da posizionare all'interno di una abitazione, non può essere affidato ai soliti metodi empirici, con i quali, improvvisati installatori o presunti tali, cercano di risolvere il problema.

Una caldaia a gasOccorre infatti che un tecnico specializzato e competente in materia, effettui prima un esame dello stato dei luoghi, al fine di calcolare in funzione dei volumi d'aria da riscaldare, delle dispersioni presenti e di altri fattori importanti come l'esposizione dei locali, il numero e la posizione degli elementi atti a fornire all'ambiente il comfort necessario.

Se l'iter sopradescritto, non viene seguito lasciando l'iniziativa a chi non ha la professionalità necessaria a risolvere il problema, le conseguenze di una tale scelta ben presto si faranno sentire.

Le manifestazioni più comuni, sono rappresentate da ambienti o troppo riscaldati o appena intiepiditi, con conseguente inutile spreco di energia e disagio dell'utente.

Quando ci si rende conto del problema, si pensa di risolvere il tutto cambiando la caldaia sostituendola con una di potenza maggiore, cosa inutile se l'impianto non è ben dimensionato, oppure aumentando il numero di elementi radianti, al fine di raggiungere la temperatura richiesta.

Quest'ultima soluzione, quando la potenza della caldaia lo consente, è una soluzione possibile per risolvere il problema di un ambiente non riscaldato a sufficienza, ma anche se la cosa apparentemente sembra di semplice realizzazione, spesso occorre confrontarsi con delle limitazioni imposte dal particolare posizionamento del radiatore, e dalle caratteristiche geometriche degli elementi esistenti.


Radiatori alternativi


Facciamo un esempio pratico: immaginiamo di avere un termosifone situato nella classica posizione sotto il vano finestra, per cui la nicchia che lo ospita non ci consente di adottare nè un maggior numero di elementi, nè elementi di altezza maggiore.

Un termosifone installato in nicchiaLa condizione suddetta, ci obbliga a ricercare una soluzione in cui nell'ingombro descritto, possa essere installato un termosifone che abbia una potenza calorifera superiore all'esistente, senza creare problemi di installazione.

L'alternativa al radiatore tradizionale, diventa ancora più importante, quando maggiore è la dimensione dell'ambiente da riscaldare, per cui per raggiungere un miglior risultato termico con maggior potenza, minor tempo senza complicate operazioni di montaggio è necessario installare un ventilconvettore.

Il ventilconvettore altro non è che un radiatore che sfrutta la ventilazione forzata, per cedere calore, rispetto al radiatore tradizionale, può raggiungere a parità di superficie radiante potenze termiche elevate.

Diverse aziende come Sabiana, Galletti, Accorroni, producono ottimi apparecchi per ogni esigenza. In particolare il modello Ghibli H2O della Accoroni, vanta dimensioni contenute buona potenza termica e semplicità di installazione, senza richiedere costi eccessivi.

La profondità Lo smontaggio di un termosifone dell'apparecchio, di appena 194 mm, ne facilita l'inserimento in spazi ristretti senza particolari problemi, inoltre l'altezza di 481 mm. permette di utilizzare le tubazioni dell'impianto esistente, senza dover eseguire dannose operazioni di giunzione.

Infatti, nel momento in cui si dovesse decidere di sostituire il termosifone esistente, il cui interasse tra i tubi di alimentazione è di mm 800 come nella maggior parte dei casi o di mm 600 come il caso dei termosifoni posti sotto il davanzale di una finestra, basterà semplicemente spicconare la muratura per estrarre le tubazioni esistenti.

In seguito, occorrerà effettuare un semplice taglio dei tubi, collegare il ventilconvettore, chiudere il tratto di traccia non più utile e con un semplice ritocco di vernice, non resterà più alcuna traccia dell'intervento effettuato.

Un termoconvettore della AccorroniLa ditta produttrice, dichiara che il modello H2O, può erogare potenze fino a 3.190 W a seconda della temperatura di esercizio dell'acqua in ingresso, inoltre è possibile ordinare l'apparecchio con i colori preferiti.

I vantaggi dell'uso di tali apparecchi sono diversi, innanzitutto sono di facile pulizia, non permettono l'annerimento delle pareti in corrispondenza del moto ascensionale dell'aria calda come avviene per i tradizionali termosifoni, riscaldano l'ambiente molto velocemente, sono forniti di termostato che provvede ad attivare la ventilazione solo quando serve.

Inoltre è possibile riscaldare l'ambiente, anche con una velocità diversa a seconda delle necessità del momento, tenendo conto che anche a ventilatore spento, il ventilconvettore, svolge una azione di riscaldamento per convezione, che ha il pregio di eliminare la minima rumorosità, dovuta al funzionamento della ventola interna.

La possibilità di dotarli di un orologio programmatore settimanale, risulta utilissima al fine di meglio programmare il riscaldamento giornaliero dell'ambiente, evitando inutili sprechi e assicurando la possibilità di trovare al rientro tra le mura domestiche, il giusto tepore.

riproduzione riservata
Articolo: Radiatori alternativi
Valutazione: 4.20 / 6 basato su 15 voti.

Radiatori alternativi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giorgio-is
    Giorgio-is
    Giovedì 28 Febbraio 2013, alle ore 15:41
    Modelli e prezzi.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Radiatori alternativi che potrebbero interessarti
Dimensionamento radiatori e caldaia

Dimensionamento radiatori e caldaia

Impianti di riscaldamento - Raccogliendo informazioni sugli ambienti e sul tipo di radiatori da utilizzare è possibile stimare il numero di elementi necessari e scegliere anche la caldaia.
Termosifoni vantaggi e svantaggi

Termosifoni vantaggi e svantaggi

Impianti di riscaldamento - Diverse tipologie degli impianti termici a radiatori hanno le loro peculiarità, tra vantaggi e svantaggi, e vanno scelti dopo accurate valutazioni contestualizzate.
Radiatore a Gas

Radiatore a Gas

Impianti - Per radiatori a gas si intendono delle macchine termiche per il riscaldmento, alimentate a gas che può essere sia del tipo metano che propano liquido (GPL).

Radiatori a Gas Canalizzati

Impianti - I radiatori a gas possono essere installati facilmente per l'integrazione di impianti di riscaldamento esistenti, canalizzati sfruttando i controsoffitti.

Radiatori a Gas Caratteristiche Tecniche

Impianti - Un radiatore a gas è un ottimo elemento integrativo di un impianto di riscaldamento quando lo stesso non soddisfa le esigenze di comfort di un ambiente.

Impianto Termico a Radiatori

Impianti - I radiatori, o termosifoni, sono la tipologia di terminale di riscaldamento più comune ed antica nei quali la trasmissione del calore avviene per convezione.

Calore con stile

Impianti - Termoarredo: i corpi scaldanti si fanno colorati, con forme originali ed esclusive.

Dimensionamento termosifoni, tutto quello che c'è da sapere

Impianti di riscaldamento - In corso di ristrutturazione potrebbe essere necessario ridimensionare i termosifoni esistenti o sostituirli. Il calcolo può essere effettuato semplicemente online.

Radiatori in marmo

Impianti - Alimentati ad acqua o elettricita', diffondono calore in modo uniforme e si trasformano in complementi d'arredo.
REGISTRATI COME UTENTE
295.489 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Innova ventilconvettore inverter con comando termostato lcd
    Innova ventilconvettore inverter...
    415.00
  • Radiatori alluminio
    Radiatori alluminio...
    12.00
  • Systemair ventilconvettore fan coil a mandata frontale
    Systemair ventilconvettore fan...
    305.00
  • Systemair ventilconvettore pavimento o soffitto kw 5
    Systemair ventilconvettore...
    257.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.