Quando richiedere un accertamento tecnico preventivo

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche23 Novembre 2012 ore 19:22
Se si ha l'urgenza di far esaminare la consistenza dei luoghi da parte di un pubblico ufficiale, si può richiedere un accertamento tecnico o un'ispezione giudiziale.

foto1Ai sensi dell'art. 692 e seguenti del Codice di Procedura Civile si può richiedere che sia disposto un accertamento tecnico, o un'ispezione giudiziale.

Si arriva a ciò, quando si manifesta l'urgenza di far esaminare la consistenza dello stato dei luoghi, o le condizioni in cui questi versano, a causa di un evento disastroso imputabile ad altri.

Questo è quanto stabilito dall'art. 696 del codice di procedura civile che, inoltre, evidenzia quanto l'accertamento tecnico e l'ispezione giudiziale, se ne ricorre l'urgenza, possono essere disposti anche sulla persona dell'istante e, se questa vi consente, sulla persona nei cui confronti l'istanza è proposta.

L'accertamento tecnico di cui al primo comma può comprendere anche valutazioni in ordine alle cause e ai danni relativi all'oggetto della verifica.


In questo modo, il giudice titolare di una causa fa accertare, attraverso procedimenti cautelari, fatti, circostanze e stato dei luoghi, prima di pronunziare sentenza.

Questo poiché, in alcuni casi, situazioni peculiari potrebbero modificarsi nel tempo, rendendo nulle le successive azioni legali e di giudizio.

La legge 80 del 2005 ha modificato ampiamente il codice di procedura civile, soprattutto in materia di procedimenti cautelari.

Abbiamo assistito alla modifica dell'art 696 del c.p.c. riguardante l'accertamento tecnico ed ispezione giudiziale oltre che all'introduzione dell'art. 696 bis, relativo alla consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite.


Consulenza tecnica preventiva ex art. 696-bis


Per quanto riguarda l'art. 696-bis del codice di procedura civile, questo è stato introdotto come istituto per una consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite.

L'art. 696-bis stabilisce che l'espletamento di una consulenza tecnica, in via preventiva, può essere richiesto anche al di fuori delle condizioni di cui al primo comma dell'articolo 696, ai fini dell'accertamento e della relativa determinazione dei crediti derivanti dalla mancata inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali o da fatto illecito.

foto 2Il giudice procede a norma del terzo comma del medesimo articolo 696. Il consulente, prima di provvedere al deposito della relazione, tenta, ove possibile, la conciliazione delle parti.


In definitiva questo articolo è stato pensato per conciliare le parti, evitando così di ricorrere ad una vera propria causa, con l'intento di alleggerire il carico dei processi civili.

Nel caso in cui si raggiungesse un accordo verbale, con relativa conciliazione, il giudice rende efficace ed esecutivo tale processo verbale mediante decreto, ritenendosi risolta la controversia.

Nel caso contrario, le parti possono richiedere che la relazione del consulente sia depositata agli atti ed acquisita nel successivo giudizio di merito.


Cosa è un accertamento tecnico preventivo


L'accertamento tecnico preventivo è un procedimento cautelare, volto a stabilire, quasi congelando, le cause tecniche oggettive che hanno determinato un vizio.

Generalmente ci si affida all'istituto dell'accertamento tecnico preventivo, tutte le volte in cui si ravvisi la necessità di condurre interventi che, con urgenza, ripristinino i luoghi rimuovendo, così, le situazioni pregiudizievoli, cagionate da quanto contestato.


Quando richiedere un accertamento tecnico preventivo


Prima di procedere alla richiesta di un accertamento tecnico preventivo e forse, prima ancora di contattare un avvocato, sarebbe opportuno affidarsi ad un tecnico di fiducia, cui sottoporre il problema.

Vista la natura tecnica della circostanza che determina, un dato contenzioso, si rende necessaria una valutazione in grado di stabilire la sussistenza tecnica di quanto si vorrà, e potrà, eventualmente contestare in sede di ricorso.

foto 4Senza nulla togliere al ruolo che, naturalmente, appartiene ad un avvocato in sede di accertamento tecnico preventivo, va detto che, trattandosi di cause il cui oggetto è spesso un contenzioso di natura tecnica, la sentenza del giudice sarà condizionata dalle perizie redatte dai tecnici incaricati.

In base alla sentenza della Corte di Cassazione Civile, II Sezione, n.2800 del 06.02.2008 si evince che dagli accertamenti e rilievi compiuti in fase preventiva, il giudice può trarre utili elementi che, apprezzati e valutati unitamente e nel contesto delle altre risultanze processuali, possono concorrere a fondare il suo convincimento in ordine alla fondatezza dell'uno o dell'altro assunto.

Questo dimostra l'efficacia dell'accertamento tecnico preventivo, in breve a.t.p., quale strumento di cui i giudici si avvalgono:

- prima di poter formulare la propria sentenza;

- quando sia necessaria la verifica dello stato di luoghi;

- quando vadano indagate la qualità o la condizione di cose e fatti.

La preliminare consultazione di un tecnico, a nostro parere, è necessaria poiché potrà stabilire se ricorrono, o meno, i presupposti per cui sia fondata la richiesta del procedimento giudiziale.

Al tempo stesso, durante questa fase conoscitiva verrà valutata, caso per caso, l'esistenza di eventuali difetti di costruzione, la non rispondenza a norme di settore e così via.


Come richiedere un accertamento tecnico preventivo


Come tutti i procedimenti anche l'a.t.p., per essere concesso, segue una propria procedura che, di seguito, indichiamo.

Certi della sussistenza tecnica dei danni subiti, si passa all'istruzione della pratica.

L'avvocato prescelto seguirà l'iter di istanza presso il tribunale di competenza e, sentito il tecnico di parte e letta una sua prima relazione, predisporrà l'istanza di accertamento tecnico preventivo.

Nell'istanza di ricorso per a.t.p. saranno enunciati i motivi del ricorso stesso, adducendo gli aspetti tecnici contestati e i danni subiti.

L'avvocato della parte istante deposita un ricorso presso il tribunale di competenza per territorio e, al tempo stesso, attraverso una notifica, informa del ricorso la controparte.

foto 3Una volta depositata l'istanza di accertamento tecnico preventivo, l'eventuale improcedibilità deve essere contestata, o rilevata, entro la prima udienza.

Il Presidente del Tribunale, una volta concesso l'accertamento tecnico, nomina un consulente tecnico d'ufficio, il c.t.u., e stabilisce la data in cui il consulente e le parti debbano comparire dinnanzi alla corte.

In quell'occasione verranno individuati i quesiti tecnici, in base ai quali, il c.t.u. dovrà esprimersi.

Il consulente tecnico d'ufficio, una volta prestato giuramento, dovrà redigere una relazione tecnica alla luce del sopralluogo effettuato.

Questo dovrà avvenire, obbligatoriamente, in presenza del consulente tecnico di parte.

A seguito di significative modifiche all'art. 696 del c.p.c., l'ispezione giudiziale, può contemplare anche delle valutazioni, in riferimento ai danni causati e ai motivi che hanno indotto un evento disastroso.

In altre parole, il c.t.u. può includere, nelle proprie indagini peritali, anche le cause che hanno determinato particolari eventi.

Il termine per il deposito della relazione verrà stabilito dal giudice.

Il Presidente del Tribunale, ai sensi dell'art. 695 del codice di procedura civile, concede al ricorrente di avvalersi di un accertamento tecnico preventivo attraverso un'ordinanza non impugnabile.

riproduzione riservata
Articolo: Quando richiedere un accertamento tecnico preventivo
Valutazione: 3.75 / 6 basato su 40 voti.

Quando richiedere un accertamento tecnico preventivo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Agoni Ermes
    Agoni Ermes
    Venerdì 3 Gennaio 2014, alle ore 11:06
    Sono un geometra libero professionista, esercito da un paio di anni e mi accingo solo oggi ad affrontare un caso di contestazione per infiltrazione.
    Il Vostro articolo e quelli collegati mi sono stati molto utili per avere un quadro sintetico circa il modo di procedere.
    Grazie e complimenti.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Quando richiedere un accertamento tecnico preventivo che potrebbero interessarti
Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Condominio - Infiltrazioni e responsabilità condominiale, ovvero che cosa poter fare quando si scopre che il danno all'appartamento proviene da parti condominiali?
Perizia e consulenza tecnica

Perizia e consulenza tecnica

Normative - La perizia di stima di un immobile e le differenze sostanziali con la consulenza tecnica.
Preventivo del professionista

Preventivo del professionista

Leggi e Normative Tecniche - Il professionista è sempre tenuto a fornire al cliente un preventivo di massima, che deve contenere informazioni specifiche, non solo inerenti la sua parcella.

Contestazione per l'addebito di spese individuali in condominio

Ripartizione spese - In tema di spese in condominio, è possibile che ai condòmini vengano addebitate delle spese individuali; che cosa accade, tuttavia, se l'addebito è illegittimo?

Allaccio Gas

Leggi e Normative Tecniche - La delibera 40/2014 regolamenta l'allaccio gas per gli usi civili quali: il riscaldamento, la cottura dei cibi e la produzione di acqua calda sanitaria.

Come fare un ricorso al Catasto

Catasto - Se arriva un avviso di accertamento da parte del Catasto, con l'indicazione di una rendita più elevata e di sanzioni da pagare, è possibile presentare un ricorso.

Appalto in condominio e danni al proprietario

Manutenzione condominiale - In tema di appalto per l'esecuzione di lavori edili, nel caso di danni il condomino può agire per ottenere il risarcimento dalla compagine e dal direttore dei lavori.

Quando decade il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Permesso di costruire e inizio dei lavori: quali sono i termini per evitare la decadenza del titolo abilitativo. Ecco i chiarimenti del Tar della Valle d'Aosta.

Spese per la redazione delle tabelle millesimali

Ripartizione spese - Come va ripartita la spesa per il compenso del tecnico incaricato per la revisione delle tabelle millesimali? Una sentenza fornisce la risposta corretta.
REGISTRATI COME UTENTE
295.665 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Realizzazioni cappotti termici Prato e provincia
    Realizzazioni cappotti termici...
    39.00
  • Manutenzione scaldabagno Roma
    Manutenzione scaldabagno roma...
    80.00
  • Recinzione Mantova
    Recinzione mantova...
    120.00
  • Sezionale Planar Mantova
    Sezionale planar mantova...
    1360.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.