Quadro elettrico civile

NEWS Impianti09 Aprile 2012 ore 15:52
Il quadro è il punto di controllo e manutenzione dell'impianto elettrico di casa, in esso sono allocati i dispositivi di protezione, manovra e monitoraggio.

Anche nel nostro Paese, dopo la completa liberalizzazione del mercato elettrico, c'è la possibilità di scegliere tra più soggetti che possono erogare l'energia elettrica in competizione con l'ENEL (ente storico per la fornitura a livello nazionale). In generale, i sistemi di distribuzione di energia elettrica nelle case possono essere classificati come centralizzati e decentralizzati.

presa in casa con cavo troppo lungoNel caso dei sistemi centralizzati, i contatori sono riuniti in uno specifico vano condominiale, da ogni contatore partono i fili, fase e neutro, per l'alimentazione dei singoli alloggi con potenze ordinarie (fino a 6 kW). Nel vano giungono i cavi dalla cosiddetta colonna montante collettiva, costituita, per i comuni condomini, da due conduttori: la fase, con guaina di colore marrone o nero, ed il neutro, con rivestimento di colore blu.

Con il termine decentralizzato si indica un tipo di sistema di distribuzione che prevede, per ogni appartamento, un contatore che eroga la potenza elettrica. L'impianto elettrico civile fornisce energia elettrica agli elettrodomestici ed alle apparecchiature elettriche ed elettroniche, che utilizziamo tutti i giorni, generalmente attraverso le prese elettriche.

Le norme suggeriscono che nelle abitazioni devono essere realizzati almeno due circuiti: uno per l'illuminazione e uno per la forza motrice necessaria per alimentare gli elettrodomestici. Quest'ultimo, in realtà, dovrebbe essere costituito da più sottocircuiti e generalmente, nelle abitazioni più grandi, vi possono essere anche circuiti riservati per diverse zone o utenze. In ogni caso, tutti i circuiti si dipartono dal quadro di distribuzione principale al quale sono riportati anche eventuali sottoquadri.

Il contatore di energia ha, a sua volta, un limitatore di corrente con un valore di corrente nominale di 63 Ampere per una potenza fino ad una decina di kW. Il limite previsto, con relativo sovrapprezzo, per la corrente drenata è dell'ordine del 10% del valore della potenza nominale del contatore.

Il quadro, spesso detto centralino per le dimensioni contenute, quando è al servizio di piccoli appartamenti è identificabile come un contenitore in materiale plastico, provvisto di più guide metalliche, o DIN, sulle quali possono essere agganciati i vari componenti di protezione e manutenzione (dispositivi differenziali, interruttori magnetotermici, sezionatori alimentatori, relè, segnalatori di presenza rete, collettori di terra, etc.)

I quadri più piccoli, o centralini, per la singola abitazione sono in materiale plastico autoestinguente a doppio isolamento e possono essere sia incassati che a muro. L'allocazione del quadro dovrebbe essere quanto più prossima al punto di consegna dell'energia, ossia al contatore, per limitare inutili e dispendiose cadute di tensione lungo i cavi di collegamento.


Possibili configurazioni dei quadri civili


In un normale appartamento sarebbe anche possibile proteggere l'impianto elettrico con un solo interruttore magnetotermico-differenziale, ma in caso di guasto o di lavoro su una sola parte dell'impianto, verrà a mancare l'alimentazione elettrica a tutto l'alloggio, con la conseguente difficoltà di individuare il punto di guasto dell'impianto.

Una soluzione comune ed economica di realizzazione del quadro, per un appartamento standard, prevede almeno tre interruttori. Il primo interruttore generale è il differenziale, più noto comunemente come salvavita, caratterizzato dalla presenza di un pulsante di test, utile per collegamenti in morsettiera quadro elettricola manutenzione e la verifica periodica del funzionamento del dispositivo, pulsante contrassegnato con la lettera T (test).

Seguono generalmente due interruttori di tipo magnetotermico con cui si comandano e si proteggono i circuiti dei punti luce e i circuiti che alimentano le prese. In alternativa, un magnetotermico generale e dei magnetotermici differenziali, su ogni circuito, garantirebbero una maggiore capacità di discriminazione dei circuiti in caso di guasti e malfunzionamenti, con una maggiore spesa economica.

Infine, i dispositivi di protezione dovrebbero avere caratteristiche di intervento (tecnicamente definite curve di intervento) in funzione delle apparecchiature protette, come suggerisce l'ultimo aggiornamento della CEI 64-8, variante V3, che consiglia anche configurazioni alternative a quelle appena descritte.

riproduzione riservata
Articolo: Quadro elettrico civile
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 16 voti.

Quadro elettrico civile: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Kwame Nyame
    Kwame Nyame
    Domenica 13 Ottobre 2013, alle ore 11:27
    Bravo, ma mi spieghi qualcosa sul impianto di segnalazione.
    rispondi al commento
    • Ing.granato
      Ing.granato Kwame Nyame
      Mercoledì 16 Ottobre 2013, alle ore 06:59
      Bravo si!
      Impara a cercare il giusto articolo per uno specifico argomento!
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Quadro elettrico civile che potrebbero interessarti
Numero Circuiti Elettrici in Casa

Numero Circuiti Elettrici in Casa

Impianti - La distribuzione di circuiti elettrici minimi è in funzione dei livelli prestazionali e dei metri quadrati degli appartamenti.
Impianto elettrico di cantiere

Impianto elettrico di cantiere

Impianti elettrici - Semplici verifiche visive permettono di stimare in prima approssimazione l'affidabilità dell'impianto elettrico del cantiere di casa propria in ristrutturazione.
Protezione Montante Elettrico, V3 CEI 64-8

Protezione Montante Elettrico, V3 CEI 64-8

Impianti - La protezione del montante con un proprio magnetotermico oltre che dalle caratteristiche dell'impianto elettrico, dipende dal valore che l'ente erogatore fornisce circa la corrente di corto circuito nel punto di consegna.

Centralino Casa, Norma CEI 64-8, V3

Impianti elettrici - La nuova variante V3 della norma CEI 64-8 descrive come deve essere il centralino domestico.

Fasi realizzazione impianto elettrico

Impianti - La realizzazione dell'impianto elettrico in una casa si effettua di regola dopo la realizzazione degli impianti idrici e prima degli impianti di climatizzazione.

CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

Normative - Da Settembre 2011 e' in vigore la variante V3 alla Norma tecnica CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1.000 V in corrente alternata e a 1.500 V in corrente continua.

Cavi elettrici in casa

Impianti elettrici - Semplici osservazioni e salde conoscenze di base possono farci capire i principi e le modalità con cui è stato realizzato l'impianto elettrico di casa.

Caldaia e impianto elettrico: collegamenti

Impianti di riscaldamento - Il corretto funzionamento di una caldaia in casa è strettamente legato alla presenza di un efficiente impianto elettrico al quale la caldaia deve essere collegata.

Progetto Elettrico

Progettazione - Un progetto elettrico deve contenere tutta una serie completa di specifici document ed elaborati conformi e rispondendti a norme e dati di riferimento.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img paologiulio.dabbene@yahoo.it
Ho una casa in montagna in condominio e recentemente hanno sostituito le valvole dei termosifoni con regolazione e contabilizzazione.Adesso quando raggiungo la montagna al...
paologiulio.dabbene@yahoo.it 06 Gennaio 2014 ore 02:02 1
Img berardinelli
Buongiornoil condominio è del 1973, il costruttore non ha mai avuto l'abitabilità.Ora l'amministratore si trova a richiedere i certificati gas ed elettrico a tutti i...
berardinelli 27 Agosto 2014 ore 09:43 4
Img carola54
Buongiorno,devo affittare un negozio di mia proprietà e non ho la certificazione energetica ma solo una dichiarazione di conformità dell'impianto.Sapete dirmi se...
carola54 11 Aprile 2014 ore 16:59 1
Img sandras45
Il termosifone è freddo, non è un problema d'aria, manca la circolazione di acqua nonostante che l'acqua esce a pressione sia dalla valvola che dal detentore.Il...
sandras45 23 Marzo 2014 ore 13:17 9
Img aosoio85.
Salve a tutti,sono un nuovo utente e sto cercando di farmi una idea giuridicamente parlando di come procedere nel mio intento:dopo molti sacrifici ho acquistato una casa da 50 mq...
aosoio85. 25 Agosto 2014 ore 21:00 5
REGISTRATI COME UTENTE
304.655 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Lavabo
    Lavabo...
    600.00
  • Scaldabagno elettrico Ariston ad accumulo
    Scaldabagno elettrico ariston ad...
    169.01
  • Impianto elettrico Monza e Brianza
    Impianto elettrico monza e brianza...
    2800.00
  • Termostato digitale wi-fi per caldaia a gas
    Termostato digitale wi-fi per...
    41.99
  • Makita trapano avvitatore
    Makita trapano avvitatore...
    195.79
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Vimec
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Rockwool
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
CHIEDI PREVENTIVI DEL SETTORE:
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.