Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Scale condominiali: affissione di quadri e ripartizione delle spese

NEWS Parti comuni05 Settembre 2019 ore 09:49
Appendere quadri nelle scale condominiali può essere operazione decisa tanto dal singolo condòmino quando dall'assemblea: quali i limiti per entrambi i soggetti?

Uso spazi condominiali da parte dei singoli


Quando si fa riferimento al condominio , in molti usano pensare che le norme applicabili siano quelle dettate in materia di ripartizione spese condominiali, tipo l’art 1124 cc, oppure quelle in materia di convocazione dell’assemblea, ecc.

Chi è più addentro alla materia, sa che non è così.

Esiste una norma del codice civile, l’art. 1102 primo comma, che è dettato in materia di comunione, ma trova applicazione anche in relazione al condominio negli edifici.

Scale condominiali e quadri alle pareti
La norma disciplina l’uso delle cose comuni da parte dei singoli condòmini: norma che riguarda la possibilità d’ognuno di fare un uso più intenso dei beni comuni, perché la disciplina dell’uso delle cose comuni da parte dell’assemblea o dell’ amministratore , invece, trova disciplina in altre norme di cui si dirà tra poco.

Vediamo adesso quali sono i diritti dei condòmini in relazione all’uso delle cose comuni.

Ciascun partecipante al condominio, tanto si trae dall’art. 1102 c.c. può servirsi della cosa comune nel modo più consono alle sue necessità, ossia anche in una modalità diversa rispetto all’usuale modo d’uso, purché:

- non ne alteri la destinazione;

- non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

La giurisprudenza, interpretando la disposizione in esame, ha specificato che diritto al pari uso non vuol dire diritto all’uso identico e contemporaneo, ma possibilità per tutti di trarre dai beni comuni la medesima utilità (si veda, tra le tante, ad esempio, Cass. 21 dicembre 2011, n. 28025).

La stessa Cassazione ha avuto modo di affermare che l’uso più intenso ed individuale, oltre a quanto esplicitato dall’art. 1102 c.c., non può:

- ledere il decoro dell’edificio;

- creare problemi per la sicurezza e la stabilità del condominio.

Abbellire una scala in condominio
In sintesi, date queste coordinate, non vi sono dubbi che i condòmini, al fine di abbellire le scale condominiali possano apporvi, di propria iniziativa, quadri e altro genere di raffigurazioni grafiche, a patto che le stesse non siano tali e tante in numero da rappresentare una bruttura o da impedire ad altri condòmini di farvi pari uso, ovvero tranciare di netto la possibilità d’utilizzo di quei muri secondo la loro normale destinazione. Fatto quest’ultimo, al parere di chi scrive, davvero improbabile.

Un ruolo rilevante può averlo il regolamento condominiale. Questo, se di origine assembleare, può disciplinare l’uso delle cose comuni in generale e magari con specifico riferimento ai quadri. Se di natura contrattuale può addirittura vietare ogni modificazione o aggiunta, ivi compresa quella dell’affissione di quadri.


Uso spazi condominiali deciso dell’assemblea o dall’amministratore


Un conto, come su detto, è l’uso degli spazi condominiali da parte dei singoli condòmini, di propria iniziativa, altro è la decisione dell’assemblea e/o dell’amministratore, organismi deputati alla regolamentazione e disciplina dell’uso delle cose comuni.

L’assemblea ai sensi dell’art. 1138 c.c., nell’adottare il regolamento condominiale detta anche norme riguardanti l’uso delle cose comuni. Tale norma non riguarda solo il contenuto del regolamento, ben potendo essere dettate norme del genere anche al di fuori di esso.

Appendere quadri sui muri delle scale condominiali
La disciplina dettata dall’organismo condominiale supremo può limitarsi a indicare dei limiti di utilizzo, ma non dei divieti sic et simpliciter. È chiaro che determinati limiti sono divieti a tutto tondo (si pensi ai divieti di sosta); ciò che si vuol dire è che l’assemblea ha potere di disciplinare e quindi, in via residuale, di vietare, ma non ha generale potere di escludere modi d’uso se compatibili con la normale destinazione della cosa.

Non solo. Disciplina dell’uso delle cose comuni vuol dire anche loro abbellimento: è del tutto normale, quindi, che l’assemblea decida l’installazione di quadri nelle scale condominiali.
Tale decisione deve essere assunta con le maggioranze prescritte dalla legge che possono essere così individuate:

  • in prima convocazione e in seconda convocazione, se si tratta di spesa rilevante, sempre con il voto favorevole della maggioranza dei presenti alla riunione che rappresentino almeno la metà del valore dell’edificio;

  • in seconda convocazione, quando si tratta di spesa paragonabile a un costo ordinario, col voto favorevole della maggioranza dei presenti che rappresenti almeno un terzo del valore dell’edificio.

Resta inteso che le decisioni assembleari inerenti l’acquisto e l’installazione di quadri non debbano alterare il decoro, limitare il normale uso delle cose comuni e creare problemi per la sicurezza e la stabilità dello stabile.

Ci sono poi i compiti dell’amministratore, che ai sensi dell’art. 1130 n. 3 c.c. ha il dovere di disciplinare l'uso delle cose comuni in modo tale che ne sia assicurato il miglior godimento a ciascuno dei condòmini. Egli ha, dunque, il potere di fare installare quadri nelle scale condominiali. Quanto all’acquisto, vi sono dei dubbi sull’autonomo potere di spesa, alla luce di quell’orientamento di pensiero che vede nell’amministratore un mero esecutore delle delibere assembleari.


Appendere quadri per le scale e ripartizione spese condominiali


Decisa l’installazione di quadri per le scale condominiali, quale il criterio di ripartizione spese condominiali si deve applicare?

Il riferimento è qui alla decisione assembleare, perché il costo dell'iniziativa del singolo, ai sensi dell'art. 1102 c.c., resta a suo carico.

Trova applicazione il criterio generale, in base ai millesimi di proprietà, ovvero quello di cui all’art 1124 cc?

Ad avviso dello scrivente, si deve applicare il criterio generale, cioè quello dei millesimi di proprietà e non quello specifico di riparazione e sostituzione scale e ascensore previsto dall’art 1124 cc. Il motivo?

La spesa non attiene a manutenzione delle scale, ma più generalmente a un intervento teso all’abbellimento dell’edificio, rispetto a quale le scale rappresentano un mero luogo di installazione e non la ragione fondante di un uso diverso.

Resta salva la possibilità di una diversa convenzione, cioè di un differente accordo tra tutti i condòmini.

riproduzione riservata
Articolo: Quadri sulle scale condominiali, quando si possono appendere
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Quadri sulle scale condominiali, quando si possono appendere: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.203 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Robot aspirapolvere Samsung Powerbot
    Robot aspirapolvere samsung...
    409.99
  • Pialla elettrica
    Pialla elettrica...
    79.99
Notizie che trattano Quadri sulle scale condominiali, quando si possono appendere che potrebbero interessarti


Criteri di riparto delle spese per la pulizia delle scale in condominio

Ripartizione spese - Come si ripartiscono le spese per la pulizia delle scale nel condominio? Non esistendo una norma espressa, la giurisprudenza ha dovuto sopperire alla lacuna.

Finestre condominiali e spese di manutenzione

Manutenzione condominiale - Le finestre poste sulla facciata dell'edificio sono beni in condominio ed i costi di manutenzione si suddividono tra i condomini secondo i millesimi di proprietà.

Scale condominiali: proprietà, pulizia, manutenzione, spese

Parti comuni - Le scale condominiali appartengono a tutti i condòmini o a quelli che se ne servono: con quali maggioranze si decidono interventi di manutenzione e pulizia?

Manutenzione scale condominiali, ripartizione costi e agevolazioni fiscali per tinteggiatura

Manutenzione condominiale - Il costo per la tinteggiatura delle scale condominiali deve essere ripartito secondo quanto stabilito dall'art. 1124 c.c. e può essere detratto ai fini fiscali.

Raccomandate in condominio: quando è possibile addebitarle al singolo condòmino?

Ripartizione spese - In condominio sono previsti criteri di ripartizione delle spese: quando i costi delle raccomandate possono essere addebitati al singolo e non ripartiti tra tutti?

Ripartizione delle spese condominiali per facta concludentia

Ripartizione spese - In tema di ripartizione delle spese condominiali, la giurisprudenza considera lecita l'utilizzazione di un criterio di riparto approvato per facta concludentia.

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.