Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Protezione degli impianti posati a pavimento

NEWS Impianti06 Maggio 2011 ore 14:36
Le regole fondamentali per proteggere gli impianti a pavimento.
impianti , protezione , posa a pavimento

Alcuni tipi di malfunzionamento relativamente agli impianti idrici, elettrici ecc., sono strettamente legati alla cattiva impostazione degli stessi in fase progettuale, o ad errori di esecuzione nella fase realizzativa.

La protezione degli impianti posati a pavimento: un classico impianto a pavimentoChi ha visionato lo spettacolo di tubazioni, cavi, centraline di diramazione, durante la costruzione di una casa , certamente avrà provato un senso di grande confusione nel vedere in che modo i vari impianti si accavallano, si confondono tra loro, lasciando presagire una grande vulnerabilità degli stessi in seguito ad accidentali schiacciamenti o lesioni, che tali tubature possono riportare in seguito alla frenetica attività lavorativa che si svolge in cantiere.

Dato per scontato, che ogni singolo impianto sia stato progettato secondo le norme vigenti in materia, rimane la necessità di eseguire una serie di operazioni fondamentali, per garantire la posa in opera sicura ed efficiente di tutti gli impianti.

Per gli impianti a pavimento è buona norma specialmente per le tubazioni degli impianti idrici e del gas, evitare interruzioni del tratto che va dalla centralina al corpo da servire, tali giunzioni anche se opportunamente sigillate, nel tempo in seguito a svariati fenomeni (dilatazioni termiche, assestamenti, terremoti ecc.), possono cedere facilmente provocando oltre al malfunzionamento degli impianti, dannosi accumuli di sostanze come acqua e gas che annidandosi nel massetto, possono provocare gravi incidenti.

La protezione degli impianti posati a pavimento: la sistemazione delle tubazioni mediante fissaggio con collarini

Le tubazioni dello stesso tipo, identificate da guaine di colore diverso a seconda dell'impianto, vanno opportunamente fasciate al fine di costituire un gruppo ben saldo, e quindi ancorate al sottostante solaio, mediante dei chiodi in acciaio.

Dopo aver provveduto a tali fissaggi, è indispensabile porre la massima attenzione in fase di realizzazione del massetto di sottofondo all'interno del quale vanno annegate le varie tubazioni.

Infatti prima del getto dell'intero massetto, è necessario, eseguire l'appuntatura a terra dei fasci di tubazioni, mediante un impasto adeguato, al fine di costituire attorno alle tubazioni, un cordoletto che oltre a proteggere le tubazioni, funga anche da giunto ripartitore nel successivo massetto, evitando in questo modo un eccessivo ritiro dello stesso.

Occorre precisare che un massetto ben realizzato, depone per una successiva tenuta ottimale a tutte quelle eventuali deficienze costruttive, la sua compattezza evita una forte diffusione di eventuali perdite, e di annidamenti delle stesse all'interno della sua struttura.

Se poi si ha l'accortezza di realizzare il massetto con materiali isolanti, si ottiene anche il beneficio di ridurre le dispersioni termiche nell'impianto di riscaldamento, con conseguente sensibile diminuizione dei costi di esercizio.

La protezione degli impianti posati a pavimento: un supporto per sistemare l'impiantoIn conclusione, per l'installazione dei tubi a pavimento, in presenza di soluzioni costruttive di tipo tradizionale, è necessario che il supporto del rivestimento del pavimento consenta l'alloggio delle condutture elettriche, idrauliche ecc.

In genere si possono ritenere sufficienti 5 cm di sottofondo per il solo impianto elettrico, se però si tiene conto delle esigenze degli altri impianti tecnici si richiedono circa 7-8 cm di sottofondo.

Per evitare danneggiamenti, i tubi protettivi posati a pavimento vanno adeguatamente protetti immediatamente dopo la posa, è anche consigliabile che venga eseguito il sottofondo il più presto possibile, al fine di evitare danni accidentali.


arch. Francesco Oliva

riproduzione riservata
Articolo: Protezione degli impianti posati a pavimento
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Protezione degli impianti posati a pavimento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
305.840 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Posa pavimento e rivestimento cucina Roma
    Posa pavimento e rivestimento...
    40.00
  • Pavimento in pietra
    Pavimento in pietra...
    75.00
  • Pavimento resina autolivellante
    Pavimento resina autolivellante...
    75.00
  • Pavimento a mosaico e palladiana di marmo
    Pavimento a mosaico e palladiana...
    250.00
  • Cera neutra shabby chic
    Cera neutra shabby chic...
    49.70
  • Videocamera di sorveglianza wifi esterna
    Videocamera di sorveglianza wifi...
    44.98
Notizie che trattano Protezione degli impianti posati a pavimento che potrebbero interessarti
La posa dei parquet sui massetti radianti

La posa dei parquet sui massetti radianti

Impianti - In presenza di riscaldamento a pavimento cosa cambia quando il pavimento è costituito non da materiali convenzionali come ceramiche o marmo ma da parquet in legno?
Pannelli Radianti Freddi e Caldi

Pannelli Radianti Freddi e Caldi

Impianti - I pannelli radianti possono essere installati sia a pavimento che a soffitto ed in entrambi i casi sono in grado di fornire energia termica calda o fredda.

Protezioni impianti tecnologici

Fai da te - Durante i lavori gli impianti tecnologici, idrici elettrici e condizionamento devono essere protetti, la loro realizzazione si colloca tra le altre fasi di lavorazioni.

Tappetini acustici per la posa del parquet

Pavimenti e rivestimenti - Tappetini e materassini di sottofondo per il parquet, utili sia a livello di isolamento acustico che di isolamento termico, sopratutto per la posa di tipo flottante.

Pavimenti in argilla cruda

Pavimenti e rivestimenti - L'argilla cruda, utilizzata fin dall'antichità caduta in disuso nei nostri sistemi costruttivi, possiede qualità ecologiche e bioclimatiche, migliora il microclima interno delle abitazioni.

Pavimenti radianti ribassati

Impianti - Il nuovo sistema di riscaldamento radiante a pavimento permette un piu' ampio utilizzo rispetto ai tradizionali impianti.

Caratteristiche della pavimentazione

Progettazione - L'aspetto finale di un pavimento puo' dipendere da altre peculiarita' indipendenti dalla scelta del Colore e Texture della piastrella.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img tedwallenberg
Esiste una legge (e se sì, qualè?) in forza della quale il costruttore-venditore di un appartamento a piano terra, con annesso grande terrazzo, è obbligato a...
tedwallenberg 19 Giugno 2017 ore 11:16 2
Img maryquant
In merito alla distinzione fra acque nere, grigie e bianche, quali sono gli adempimenti che il condominio deve eseguire?Spero di aver posto bene la domanda, perchè l'...
maryquant 02 Giugno 2015 ore 22:52 2
Img xunmondomigliore
Se un condomino si distacca da un impianto condominiale dovrà continuare a partecipare alle spese di manutenzione dello stesso. L'impianto in questione è un impianto...
xunmondomigliore 30 Dicembre 2016 ore 23:54 4
Img giu0604
Sono proprietario di un appartamento in condominio.Un condomino al piano terreno dello stabile, facendo dei lavori di ristrutturazione, ha scoperto che il tubo del gas, che...
giu0604 02 Marzo 2015 ore 13:55 1
Img 64brunica
Buon giorno,installazione motore esterno del condizionatore su balcone aggettante verandato e ante scorrevoli.Impossibilitato a posizionarlo a terra si è convenuti con...
64brunica 12 Agosto 2015 ore 15:04 3