Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Preparazione dei fondi di posa per pavimenti

NEWS Pavimenti e rivestimenti27 Marzo 2014 ore 15:53
Per ottenere un pavimento impeccabile che duri nel tempo, bisogna prestare attenzione alla sua posa in opera, ma in particolar modo al sottofondo esistente o nuovo.

Cos'è il sottofondo di posa


Quando si fanno dei lavori di ristrutturazione, oppure quando si progetta una casa ex novo si presta molta attenzione all'aspetto che riguarda le pavimentazioni.

Se stiamo facendo dei lavori di ristrutturazione vorrà dire che la superficie sulla quale andremo a posare in opera il nuovo pavimento sarà esistente e potrà essere di qualsiasi tipo, da un pavimento con piastrelle, oppure un pavimento in legno, potrà essere integro oppure dissestato, piano o in pendenza, potrà presentare dei gradini o meno. Gli scenari possibili ai quali possiamo andare incontro sono molteplici, l'importante è sapere come comportarsi.

fondo di posa pavimento Questo però potrebbe essere anche un massetto o un altro tipo di superficie, soprattutto se stiamo considerando case ex novo. Quindi con il termine fondo di posa per definizione andiamo ad indicare la superficie sulla quale andremo a posare in opera il nostro nuovo pavimento . Ovviamente assicurarsi che questo venga preparato in maniera corretta garantisce un ottimo risultato nel tempo, sia da un punto di vista tecnico che estetico.

Le caratteristiche importanti da considerare quando si considera il sottofondo di una pavimentazione, sono la resistenza meccanica, la tecnologia anti-ritiro così da evitare fessurazioni e altre forme di imperfezioni.


Tipi di sottofondo


Massetto


Quando il sottofondo è un massetto dobbiamo tener presenti alcuni aspetti importanti, prima tra tutti, la composizione. Infatti la scelta corretta degli inerti, in particolare della sabbia, diventa determinante poiché da questo elemento dipende principalmente il tempo che il massetto che stiamo realizzando impiega per asciugarsi. Ovviamente i tempi richiesti dovranno essere quanto più rapidi possibili, ma questo dipende principalmente dal tipo di sabbia che utilizziamo. Infatti l'uso di una sabbia fine può prolungare il tempo di attesa dell'asciugamento anche di diverse settimane.

Altro elemento da considerare è la presenza o meno della rete elettrosaldata, che talvolta non serve o viene posizionata male sul fondo, e quindi è inutile. La necessità o meno di avere la rete metallica elettrosaldata all'interno del massetto del pavimento è legata al fatto che questa conferisce elasticità al massetto ed è quindi necessaria se il nostro pavimento sarà soggetto a flessioni. Talvolta però la rete viene utilizzata con una funzione diversa, ovvero quella di evitare le fessurazioni dovute alla maturazione.

Ma per ovviare a questo problema senza dover ricorrere alla rete metallica si possono utilizzare delle fibre rinforzate.

impasto per sottofondoAltro aspetto molto importante riguarda le modalità con cui si realizza l'impasto del massetto. La tecnologia moderna, oggi ci permette di utilizzare delle miscelatrici a pompa, soprattutto per la loro comodità e velocità.

Ma talvolta può accadere che l'uso di queste macchine compromette la bontà dell'impasto, soprattutto quando si utilizzano prodotti a presa rapida specie nei periodi caldi.

L'uso della betoniera come macchina miscelatrice sicuramente vede una lavorazione più delicata. La lavorazione dei massetti è una cosa che richiede una certa cura in quanto spesso, negli impasti avviene una separazione tra cemento e inerti, che si evidenzia per la formazione di grumi sferoidali, una sorta di palline, che compromettono la buona riuscita del lavoro. Per evitare la formazione di questi grumi bisogna seguire questo ordine.

Bisogna dapprima mettere tutta l'acqua necessaria per l'impasto, poi il 70% degli inerti, poi tutto il legante. Successivamente bisogna far girare per un paio di minuti e quando si sarà raggiunta una consistenza plastico/fluida si potrà procedere aggiungendo il restante 30% degli inerti.

I massetti inoltre possono essere di due tipologie, ancorati o galleggianti. Di solito i massetti più diffusi sono quelli di tipo galleggiante, perché, essendo staccata dalla struttura, la pavimentazione è meno soggetta a sollecitazioni di tipo strutturale. Si tenga però conto che in questo caso il massettodovrà avere uno spessore minimo di 4 cm, così da garantirgli l'autoportanza e quindi la resistenza sufficiente in caso di carichi accidentali. Se lo spessore dovesse essere inferiore il massetto potrebbe cedere e fessurarsi.

pavimento in piastrelleSe il massetto è di tipo ancorato, allora il suo spessore potrà essere inferiore a 4 cm, ma dovrà essere incollato al sottofondo attraverso una boiacca costituita in parte da cemento Portland ed in parte da acqua. Altro parametro importante è il tasso di umidità, che nel caso di posa di piastrelle su fondi a base di cemento non è importante, ma nel caso di posa su massetti o intonaci a base gesso diventa fondamentale.

Proprio perché se il tasso di umidità non è adeguato si può incorrere nella formazione di fessure nel massetto durante la fare di indurimento dello stesso, dovuta alla scarsità di acqua al suo interno.


Sottofondi esistenti


Soprattutto se stiamo facendo dei lavori di ristrutturazione, il sottofondo con cui abbiamo a che fare è esistente, e può essere una pavimentazione o anche un massetto preesistente. Prima di procedere con la posa in opera della nuova pavimentazione dobbiamo accertarci dell'affidabilità del sottofondo.

pavimenti esistentiSe stiamo parlando di una pavimentazione che non dovrà essere rimossa, dobbiamo accertarci della sua integrità e della sua planarità perché un sottofondo irregolare, dissestato e con degli avvallamenti comporterà sicuramente problemi alla pavimentazione che andremo a posare in futuro.

Se invece parliamo di un massetto esistente possiamo incorrere in 3 distinti casi:

1- Possiamo trovare una superficie fessurata, a quel punto vedremo una specie di reticolo di capillari piccolissimi, che non sono da ritenersi pericolosi, poiché interessano solo la parte superficiale del manufatto, in altre parole non sono, nè saranno in futuro, soggetti a movimento.

2- Se il sottofondo è crepato, vorrà dire che le fessure sono molto più evidenti delle precedenti, per questo vengono chiamate crepe e hanno dimensioni che possono variare da pochi decimi a diversi millimetri, e interessano gran parte, o la totalità, dello spessore del sottofondo. Le dimensioni delle crepe cambiano con il cambiare delle stagioni o il variare del tasso di umidità. Prima di posare il nuovo pavimento, sarà quindi indispensabile chiuderle definitivamente con dei prodotti collanti.

3- L'ultimo caso è quello del soffondo sfarinato, ovvero un sottofondo che oramai ha perso la sua consistenza e che quindi al primo tocco anche semplicemente della mano o incisione con un chiodo tende a sgretolarsi. In questo caso allora, prima di procedere con la posa in opera del nuovo pavimento, si dovrà dare una maggiore consistenza al sottofondo trattandolo con prodotti specifici.

riproduzione riservata
Articolo: Preparazione dei fondi di posa per pavimenti
Valutazione: 4.81 / 6 basato su 36 voti.

Preparazione dei fondi di posa per pavimenti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Marco40
    Marco40
    Mercoledì 17 Luglio 2019, alle ore 07:36
    Sto ristrutturando una casa, dalla quale è stato rimosso in parte il massetto, e nel resto della casa era presente una monoculttura.
    Essendo una casa vecchia i solai flettono e volendo io realizzare dei nuovi pavimenti in cemento e non volendo rimuovere tutto il massetto, mi hanno consigliato di mettere una rete elettrosaldata e colare sopra un autolivellante prima di procedere alla finitura, per evitare future crepe date dalla flessione del solaio
    È secondo voi una buona soluzione?
    rispondi al commento
  • Gaab
    Gaab
    Venerdì 3 Maggio 2019, alle ore 01:38
    Mi si sono rotte tre mattonelle nel pavimento dells cucina e sotto il massetto è sfarinato.
    Anche quello sottostante tutte le altre mattonelle adiacenti è molto fragile.
    Per il momento vorrei solo fare una riparazione e chiudere il buco.
    Cosa posso mettere per consolidare il massetto sottostante le altre mattonelle e poter " lavorare in pace" nella zona in cui ricostituirò il massetto?
    " inondare" il tutto con l'aggrappante MAPEI? ( ne ho un bidone intero).
    E poi " tappare " il buco con intonaco pronto? E poi colla e mattonelle?
    Oppure usare una schiuma ( sempre sotto alle mattonelle non deteriorate) per " fermare" lo sbriciolamento?
    La zona da chiudere è di ampiezza modesta, sono tre mattonelle 30.x30.
    Ho comprato intonaco pronto e mi hanno detto di addizionarci sabbia 1:1.
    Oppure mi faccio una miscela ad hoc con 1 di cemento, 1 di acqua e 3 di sabbia ?
    rispondi al commento
  • Edmondo1
    Edmondo1
    Martedì 12 Settembre 2017, alle ore 10:51
    Materiali e applicazione del massetto industriale dal produttore V&V srl marchio APSE.
    La pavimentazione è parte integrante di un impianto di produzione efficente e deve rispettere dei requisiti specifici: regolarità della superficie, resistenza alle sollecitazioni chimiche e all'usura, essere antistatica, non richiedere manutenzione e pulizia con attrezzature speciafiche e avere una lunga durata.
    Il massetto rappresenta lo strato più importante di un pavimento industriale, poichè deve reggere carichi pesanti.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
307.889 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidatebook
  • Weber
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Posa pavimenti Prato e provincia
    Posa pavimenti prato e provincia...
    22.00
  • Posa massetto Bologna e provincia
    Posa massetto bologna e provincia...
    12.00
  • Posa gres effetto legno Roma
    Posa gres effetto legno roma...
    42.00
  • Posa pavimento e rivestimento cucina Roma
    Posa pavimento e rivestimento...
    40.00
  • Aspiracenere aspiraliquidi
    Aspiracenere aspiraliquidi...
    69.99
  • Carta da parati patchwork
    Carta da parati patchwork...
    18.11
Notizie che trattano Preparazione dei fondi di posa per pavimenti che potrebbero interessarti


Collanti per piastrelle e materiali per sottofondi

Progettazione - Il settore edilizio che riguarda la posa di piastrelle e di massetti sottopavimenti, si compone di prodotti in grado di soddisfare varie esigenze applicative.

Pavimenti smontabili

Ristrutturazione - Nuove tecnologie per semplificare la posa dei pavimenti.

Pavimenti modulari

Pavimenti e rivestimenti - I pavimenti modulari a incastro rappresentano una svolta nel mondo dei rivestimenti, bastano poche semplici mosse e un click per avere un pavimento pronto all'uso!

Sistemi edilizi in gesso e cellulosa

Ristrutturazione - Oggigiorno il mondo delle costruzioni richiede alle industrie del settore la produzione di componenti per l?edilizia che abbiano una buona resistenza

Posa delle piastrelle di grande formato

Pavimenti e rivestimenti - Le aziende produttrici di pavimenti offrono sempre più spesso pavimentazioni di grandi formati: vediamo alcuni consigli da seguire per posarle correttamente.

Miscele termoacustiche e tappetini per sottofondi

Progettazione - In sede di esecuzione dei massetti sottopavimento, si possono adottare materiali che riducono i rumori di calpestio e migliorano il potere termoisolante.

Perchè si solleva il pavimento? Cause e soluzioni

Pavimenti e rivestimenti - Se si lesiona o si solleva il pavimento in un ambiente, individuate le cause, la scelta più difficile è sicuramente procedere con intervento puntuale o diffuso.

Evitare le lesioni nel pavimento con la membrana desolidarizzante

Soluzioni progettuali - La membrana desolidarizzante è uno strato posato sottopavimento, per evitare la formazione di lesioni nel pavimento stesso, dovute a tensioni del sottofondo.

Pavimenti fai da te per il giardino

Sistemazione esterna - Una guida pratica per realizzare in poche mosse un pavimento nel giardino di casa utilizzando materiali naturali e facilmente reperibili come ghiaia, legno e pietre.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img brust79
Ragazzi è un buon prezzo la posa in opera di un pavimento a 25,00 €.?Escluso pavimento logicamente eh?!?!Salve a tutti............
brust79 10 Agosto 2007 ore 18:11 9
Img roderigo73
Salve,sto per ristrutturare un appartamento di circa 150mq degli anni 70.L'impianto di riscaldamento voglio rifarlo, ma voglio anche tenere il pavimento attuale per poi posargli...
roderigo73 17 Gennaio 2014 ore 22:36 1
Img chelubai
Buonasera e buon 2014 a tutti.La mia domanda è su un lavoro già eseguito, spero non purtroppo.Ho fatto posare un pavimento su uno già esistente....sotto c'era...
chelubai 02 Gennaio 2014 ore 23:08 5
Img elicriso
Stiamo per iniziare lavori di ristrutturazione ed ampliamento.Verrà tra le altre cose costruita una nuova camera da letto, e con l'impresa avevamo stabilito che avremmo...
elicriso 11 Dicembre 2013 ore 08:48 4
Img tulip
Mi chiedo se sia necessario mettere una soglia di marmo o un'apposita bacchettina di alluminio per separare il pavimento del bagno da quello del resto della casa.Li ho visti anche...
tulip 25 Luglio 2007 ore 18:19 2