Preparare le pareti alla tinteggiatura

NEWS DI Pittura e decorazioni22 Novembre 2011 ore 17:02
Prima di applicare qualunque tipo di rivestimento alle superfici murarie e' fondamentale effettuare un'adeguata preparazione delle stesse.
tinteggiare , tinteggiatura , pittura , imbiancare
Arch. Carmen Granata

Tinteggiare o tappezzare le pareti sono alcuni di quei lavoretti, senza dubbio faticosi ma che, con una certa dose di buona volontà, si possono anche fare da soli.

Ma prima di applicare qualsiasi tipo di rivestimento murale è fondamentale che esse siano adeguatamente preparate, pulite, omogenee e ben asciutte.

La preparazione, da cui dipenderà molto del risultato finale, è costituita da una serie di operazioni preliminari.

Questo tipo di lavori produce molta sporcizia, per cui è necessario spostare tutti i mobili in un'altra stanza, o perlomeno raggrupparli al centro e ricoprirli con teli di plastica, togliere le tende e proteggere i pavimenti con fogli di plastica o vecchi giornali.


Preparazione delle pareti


Nel caso di muri nuovi, con intonaco applicato da poco, in genere non è necessario effettuare particolari trattamenti. Tuttavia può capitare che, in fase di essiccazione, si formino dei cristalli salini che assumono l'aspetto di polvere bianca.

CONSIGLIATO
Pittura murale VIGOR
Traspirante...
prezzo € 13,04
COMPRA


In questo caso è necessario spazzolare bene la superficie fino a che sia perfettamente pulita. Se ci sono, invece, delle parti ruvide bisogna carteggiarle con carta vetrata a grana fine.

Per questo tipo di superficie sono ideali le idropitture, che lasciano traspirare il muro. Se invece si preferisce utilizzare un prodotto impermeabile, smalto o tappezzeria, bisognerà aspettare almeno 3 mesi dall'intonacatura.

Ma nella maggior parte dei casi ci si trova a dover trattare pareti esistenti già tinteggiate. In questo caso è sufficiente pulire bene la superficie prima di tinteggiarla, ma solo dopo aver eliminato l'eventuale muffa presente e stuccato le crepe.

Se la tinteggiatura esistente è del tipo ruvido, andrà completamente asportata con l'apposito attrezzo a vapore o con uno sverniciatore chimico.
Se la parete esistente è tappezzata, è meglio non ricoprirla con altra tappezzeria, perché la colla bagnata tenderebbe a far staccare quella esistente.

CONSIGLIATO
Telo Protettivo Universale TESA...
Misure: 4 M : 5000 Mm...
prezzo € 8,67
COMPRA


Solo se la tappezzeria è perfettamente liscia ed uniforme o se l'intonaco sottostante è in pessimo stato, è meglio non rimuoverla, ma prima di incollare quella nuova è meglio applicare una carta sottoparati come base.


Attrezzatura occorrente per la preparazione


Prima di incominciare assicuratevi di avere tutto l'occorrente, tra cui non possono mancare:

- per lavare le pareti, una spugna o un panno, meglio una spazzola per le superfici ruvide;

- detersivo o sapone per rimuovere sporco e grasso;

- carta vetrata da usare bagnata sulle superfici tinteggiate e asciutta su quelle ruvide;

- uno sverniciatore per sverniciare le superfici ruvide;

- un liquido apposito per staccare i parati;

- uno stacca-parati a vapore, che si può anche noleggiare. Il suo funzionamento è molto semplice: è una sorta di piastra che si fa aderire alla parete e in questo modo il vapore accelera il processo di ammorbidimento della colla;

- una spatola larga per raschiare sia carta che vernici;

- una spazzola metallica dura per intaccare i parati e renderne più semplice il distacco;

- stucco per riempire crepe e fessure;

- una spatola a lama stretta per stuccare;

- un pennello pulito per spolverare e svuotare crepe;

- un preparato specifico antimuffa o semplice candeggina per rimuovere le macchie di muffa.


Rimuovere la muffa


In alcuni locali della casa , come la cucina e i bagni, è facile che si formi condensa e, se le stanze non sono ben isolate ed areate, questa può contribuire a generare muffa.

La muffa è molto pericolosa per la salute, oltre che antiestetica, quindi va completamente rimossa prima di tinteggiare.

Si può usare a questo scopo della candeggina o dei prodotti specifici, seguendo attentamente le istruzioni per il loro utilizzo.

Se usate la candeggina, preparate una soluzione con 5 parti di acqua e 1 di candeggina.

Stendetela con un pennello sulle superfici interessate e quelle adiacenti e lasciate agire per mezza giornata.

Quindi asportate la muffa raschiandola e magari bruciando successivamente i prodotti della raschiatura. Sciacquate bene e applicate nuovamente la soluzione, che va preparata al momento.

Procedete alla tinteggiatura dopo che siano passati almeno 3 giorni.

Se è la tappezzeria ad essere interessata dalla muffa, va completamente rimossa ed è meglio usare una colla antimuffa per applicare quella nuova.

A lavoro ultimato, ricordate di lavare in candeggina sia gli attrezzi che gli indumenti usati.


Rimozione di tinteggiature


Per lavare le pareti tinteggiate usate una spugna o un panno morbido imbevute con una soluzione di acqua calda e sapone o detersivo in polvere.

Procedete partendo dal soffitto e per i muri, dal basso verso l'alto. Sciacquate poi sempre con acqua calda e lasciate asciugare.

Se la parete è verniciata a smalto, va anche carteggiata, con carta a grana fine se deve essere ritinteggiata, a grana grossa se deve essere tappezzata.

Le pitture a rilievo possono essere rimosse anche utilizzando l'utensile a vapore che si usa per staccare i parati. Infatti, in questo modo, la pittura si ammorbidisce e può essere staccata come se fosse tappezzeria.

Ma esistono anche sverniciatori appositi per queste pitture. Essi vanno applicati con un pennello piatto e lasciati asciugare, dopodiché la vernice può essere asportata con una spatola morbida. Successivamente la parete va sciacquata con acqua fredda.

Per rimuovere pitture a tempera, lavate le pareti con acqua calda, usando una spazzola a setole dure e cambiando l'acqua ogni volta che si fa torbida. Successivamente sciacquate, sempre con acqua calda.

Quindi carteggiate con carta vetrata a grana fine e passate una mano di fissativo se dovete tinteggiare, o un sottile strato di colla se dovete tappezzare.


Rimozione di tappezzerie


L'asportazione della tappezzeria può avvenire soltanto bagnandola completamente in modo che il collante si sciolga. Questo lavoro produce molta sporcizia, quindi munitevi di pattumiera o sacchi per la spazzatura, per poter gettare la carta staccata.

Per rimuovere una tappezzeria normale usate una spugna o un vecchio pennello per bagnare la parete con acqua calda e liquido stacca-parati fino ad ammorbidire la colla sottostante. Infilate quindi la spatola in una giuntura dei parati per poterli staccare, avendo cura di non scalfire il muro.

Non insistete sui punti più persistenti: sarà bene bagnarli nuovamente finchè sarà più facile staccare le strisce.

Nel caso delle tappezzerie lavabili, invece, poiché esse sono idrorepellenti, bisognerà intaccarle in alcuni punti, per permettere al liquido di penetrare nelle parti sottostanti. Si può usare a questo scopo una spazzola di ferro, ma facendo attenzione a non scalfire il muro.

Le tappezzerie viniliche sono composte invece di due strati. Quello superiore si stacca semplicemente usando l'unghia e tirandolo da un angolo a pavimento .

Lo strato inferiore, invece, si può usare come base per il nuovo rivestimento o, se è in ottime condizioni, può essere addirittura tinteggiato. La soluzione più professionale è però quella di rimuovere tutto.

Per rimuovere i residui di carta rimasti attaccati usate una carta vetrata a grana grossa. Per rimuovere, invece, i residui di colla, lavate il muro con acqua e detersivo, carteggiate con carta vetrata a grana fine e poi spolverate.


Stuccatura di crepe e fori


Crepe e fori vanno ben stuccati prima di procedere alla tinteggiatura. Innanzitutto, raschiate le zone danneggiate, in modo da asportare tutte le parti che tendono a staccarsi.

Quindi spolverate con un pennello la crepa, carteggiate e inumidite in modo che non risulti troppo asciutta, magari usando un vaporizzatore.

A questo punto applicate lo stucco con una spatola, prima con movimenti trasversali alla crepa e poi in senso inverso. Se essa è profonda, l'applicazione va ripetuta più volte, in strati non superiori a 3 mm, avendo cura ogni volta che lo stato precedente sia ben asciutto.

Nell'ultimo passaggio è meglio abbondare con lo strato, infatti, ad essiccazione avvenuta, se esso risulterà eccessivo, potrà essere carteggiato fino ad ottenere una superficie perfettamente liscia.

Le zone stuccate di recente tendono ad assorbire più pittura delle altre e ad assumere un colorito grigiastro.

Per evitare questo inconveniente si può passare prima uno strato di isolante oppure un paio di mani della stessa pittura che si userà per l'intera parete.

www.acemchimica.com
www.wagnercolora.com
www.sivac.it

riproduzione riservata
Articolo: Preparare le pareti alla tinteggiatura
Valutazione: 4.40 / 6 basato su 42 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Preparare le pareti alla tinteggiatura: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giuli1
    Giuli1
    Lunedì 19 Febbraio 2018, alle ore 07:08
    Grazie per questo articolo: chiaro ed esaustivo.
    Mi sarà sicuramente d'aiuto.
    rispondi al commento
  • Andrea
    Andrea
    Lunedì 3 Aprile 2017, alle ore 12:36
    Buongiorno, 
    vorrei sapere nella scelta della carta vetrata, quale grana prendere per carteggiare pareti su cui è appena stato dato del rasante fine. dovrei eliminare le piccole zone ruvide. Grazie
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Andrea
      Martedì 4 Aprile 2017, alle ore 10:33
      Le pareti stuccheggiate con il rasante fine vanno carteggiate con carta a grana finissima prima della passata d'isolante e la successiva ritinteggiatura. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Massimiliano Maggi
    Massimiliano Maggi
    Mercoledì 15 Marzo 2017, alle ore 21:27
    Vorrei sapere se per pitturare le pareti della cucina per la seconda volta,essendosi le pareti un po' ingiallite per i fumi devono essere carteggiare,o posso pitturarle tranquillamente da sopra? 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Massimiliano Maggi
      Venerdì 17 Marzo 2017, alle ore 16:36
      Se la pittura precedente è ben "aggrappata" e non presenta vistose bollature, può pitturare previa una passata di fissativo. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Irene
    Irene
    Lunedì 28 Novembre 2016, alle ore 19:13
    Durante una ristrutturazione completa, con sostituzione anche del pavimento, quand'è che avviene la carteggiatura e rasatura delle pareti?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Irene
      Martedì 29 Novembre 2016, alle ore 11:15
      Normalmente la preparazione delle superfici da tinteggiare avviene dopo 5gg. dalla posa in opera del battiscopa in maiolica o grès, in modo che il collante di tenuta si asciughi facilmente senza rilasciare umidità. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Ivan
    Ivan
    Domenica 9 Ottobre 2016, alle ore 19:06
    Quindi le pareti già tinteggiate, necessitano soltanto di una pulitura a base di acqua e sapone senza poi carteggiare,...è così ?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Ivan
      Lunedì 10 Ottobre 2016, alle ore 15:24
      Una veloce carteggiatura a grana fine è importante per togliere le impurità e rendere la superficie liscia. Prima di dare il colore è consigliabile il fissativo (acqua e collante) in modo che la polvere lasciata dalla precedente carteggiatura venga completamente rimossa. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Mary.lou
    Mary.lou
    Giovedì 29 Maggio 2014, alle ore 11:06
    Salve, vorrei tinteggiare di bianco le vecchie pareti del mio appartamento: dal momento che attualmente sono colorate (giallo e azzurro) con tempera, c'è bisogno di applicare qualche prodotto di base per evitare che al momento dell'imbiancatura il vecchio colore si mischi al bianco?Inoltre ho delle piccole crepe dovute, mi hanno detto, al cemento che si è rappreso: devono cmq essere stuccate o posso procedere all'imbiancatura? Grazie.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Mary.lou
      Giovedì 29 Maggio 2014, alle ore 11:32
      La vecchia pittura deve essere raschiata e le pareti opportunamente stuccate per renderle uniformi.
      rispondi al commento
  • Antonio
    Antonio
    Domenica 10 Novembre 2013, alle ore 12:36
    Salve, si può applicare una camicia di stucco su una parete verniciata?
    rispondi al commento
    • Cristina
      Cristina Antonio
      Martedì 12 Novembre 2013, alle ore 10:26
      Sì.
      rispondi al commento
      • Ericlarsen
        Ericlarsen Cristina
        Venerdì 11 Dicembre 2015, alle ore 07:19
        Stesso discorso se la pittura (sopra finitura a civile) sembra essere smalto (grigio)?Dico sembra perché nel pulire la parete con una spugna bagnata (dopo aver passato carta grana 80 e scopino) il grigio della vernice assumeva un colore leggermente più chiaro come se l'acqua lo stesse lavando via. Lo stucco usato era in pasta (date 2 mani in successione )Adesso dovrei ri smaltate con lo stesso colore Grazie in anticipo
        rispondi al commento
  • Edoardo
    Edoardo
    Domenica 3 Novembre 2013, alle ore 09:52
    Nel tinteggiare una stanza mi sono trovato tre pareti tinteggiate e la quarta con una carta tinteggiata sotto alla quale era applicato uno strato di polistirolo (spessore circa mezzo centimetro) come isolante termico.
    Provando a staccare il polistirolo vi è uno spesso strato di colla che andrebbe interamente carteggiato.
    Si può evitare in qualche modo questa operazione lunga e faticosa?
    rispondi al commento
  • Marco
    Marco
    Venerdì 30 Agosto 2013, alle ore 15:21
    Salve, dovrei ridipingere casa, ma le stanze ed il corridoio hanno la pittura a spruzzo, l'alfatone, come la posso togliere, sono circa 80 mq di alfatone, poi devo fargli le camice di stucco?
    O posso colorarci sopra direttamente, e che sistema si usa per il rullo, da sotto verso sopra, o viceversa.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Marco
      Lunedì 2 Settembre 2013, alle ore 09:47
      Per Marco: la rimozione dell'alphatone richiede uno sverniciatore chimico ed è un lavoro piuttosto faticoso.
      Può provare a verniciarci direttamente sopra facendoci una camicia di stucco per uniformare.
      Il rullo va usato dall'alto verso il basso.
      rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Preparare le pareti alla tinteggiatura che potrebbero interessarti
Tinteggiare e Verniciare in Casa

Tinteggiare e Verniciare in Casa

Semplici regole ed attenzioni per tinteggiare pareti e soffitti di casa e verniciare oggetti, occorre saper scegliere prodotti ed applicare semplice tecniche...
Tinteggiare pareti e soffitto

Tinteggiare pareti e soffitto

Una buona tinteggiatura dipende dalla qualità dei materiali, ma anche dalla tecnica: ecco come dare nuova vita a pareti e soffitto in modo semplice e senza errori.
Prodotti per Tinteggiare e Prodotti per Verniciare

Prodotti per Tinteggiare e Prodotti per Verniciare

Per cimentarsi nelle tipiche operazione di manutenzione casalinga quali sono la tinteggiatura e la pitturazione è necessario conoscere i principali prodotti...
Consigli per tinteggiare le pareti

Consigli per tinteggiare le pareti

Per una buona tinteggiatura domestica è importante curare ogni dettaglio, dalla preparazione della vernice alle tecniche di stesura del colore su pareti e soffitti.
Tinteggiare il ferro

Tinteggiare il ferro

Uno dei tipici lavori primaverili è la tinteggiatura dei manufatti in ferro, come ringhiere, recinzioni, termosifoni o finestre ed infissi con telai metallici.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.388 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Kerakoll microresina wall confezione da litri lt
    Kerakoll microresina wall...
    86.00
  • Forbice lowe 11 bypass
    Forbice lowe 11 bypass...
    40.44
  • Traliccio in legnoquotexcelsiorquot
    Traliccio in legnoquotexcelsiorquot...
    66.00
  • Tenda occhioli art86530
    Tenda occhioli art86530...
    70.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.