• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Che succede se dopo il preliminare di vendita casa muore l'acquirente?

In caso di morte dell'acquirente gli eredi sono obbligati a concludere il contratto definitivo di compravendita? Vediamo cosa dice la legge e facciamo chiarezza
Pubblicato il

Il contratto preliminare: qual è la sua funzione


In questo articolo vedremo cosa accade se, dopo la stipula del contratto preliminare di compravendita immobiliare, muore il promissario acquirente.
Immaginiamo che il venditore voglia comunque concludere l'affare per poter alienare l'immobile e incassare il prezzo pattuito.

Quali sono gli strumenti previsti dalla legge a tutela dei suoi interessi?

Dovrà rinunciare all'affare o potrà pretendere dagli eredi dell'acquirente il versamento del prezzo?

Per dare una risposta partiamo dalla definizione di contratto preliminare di vendita quale fattispecie giuridica.

Si tratta del contratto con il quale una parte (promittente venditore) si obbliga a vendere all'altra, (promissario acquirente) che si impegna ad acquistare la proprietà del bene immobile al prezzo pattuito e secondo le modalità definite. Entro il termine fissato nel preliminare le parti dovranno stipulare il contratto di compravendita definitivo (con il quale avverrà il passaggio di proprietà) da redigere con atto pubblico davanti al notaio.

Funzione del contratto preliminare
Il contratto preliminare è dunque quel contratto stipulato in vista di un successivo accordo definitivo del quale i contraenti regolano gli aspetti principali: prezzo, acconto, caparra, vincoli, caratteristiche dell'immobile, tempi per il trasferimento della proprietà.

Con il preliminare di compravendita le parti si vincolano, in quanto assumono l'obbligo di stipulare il contratto definitivo di vendita. Si tratta di un negozio giuridico molto diffuso, in particolare per le trattative aventi a oggetto beni immobili per i quali, dato il valore rilevante, è necessario procedere con cautela, effettuando una serie di accertamenti.

In conclusione, con il contratto preliminare le parti contraenti sono obbligate a prestare un futuro consenso e non possono tirarsi indietro. In caso di mancato rispetto dell'impegno preso, la parte che si è rifiutata, dovrà considerarsi inadempiente dell'obbligazione sorta con il contratto.

L'inadempimento sussiste in caso di ritardo (quando il rogito notarile viene stipulato oltre il termine fissato) o di mancata esecuzione della prestazione dovuta (obbligo di contrarre).


Quali sono le tutele in caso di inadempimento del contratto preliminare


Cosa succede nel caso in cui il promissario acquirente (ma lo stesso vale per il promittente venditore) non adempia l'obbligazione sorta con il contratto preliminare?

Quali sono le tutele e i rimedi a favore della parte che abbia invece offerto la propria prestazione e che sia dunque intenzionata a rispettare gli accordi?

In caso di inadempimento del futuro acquirente (o del futuro venditore), l'altra parte avrà due possibilità:

  • Rivolgersi all'autorità giudiziaria per domandare l'emissione di una sentenza che produca gli stessi effetti del contratto definitivo di compravendita che non è stato concluso.
    Il giudice, con il provvedimento, dispone il trasferimento della proprietà dell'immobile in capo al contraente che non aveva ottemperato ai suoi obblighi, imponendogli il versamento del prezzo. È quanto stabilito al riguardo dall'articolo 2932 del codice civile;

  • Chiedere, (nel caso in cui sia disposto a rinunciare all'affare) a seguito dell'inadempimento della controparte, la risoluzione del contratto preliminare e il risarcimento dei danni subiti per il mancato passaggio di proprietà. È quanto stabilito dall'articolo 1453 del codice civile. Nel caso in cui sia stata versata una caparra confirmatoria varrà quanto previsto dall'articolo.


Che succede in caso di morte del contraente?


Veniamo al punto che qui più ci interessa e poniamo il seguente interrogativo: in caso di morte del futuro acquirente, viene meno l'obbligo alla stipula del contratto definitivo di compravendita?

La morte del soggetto obbligato comporta l'estinzione dell'obbligazione sorta con il preliminare per impossibilità sopravvenuta, con conseguente scioglimento del contratto? La risposta è no.

Preliminare di vendita
L'obbligo di prestare il consenso si trasferisce agli eredi della persona deceduta che saranno parimenti obbligati e soggetti, in caso di rifiuto, alle conseguenze già evidenziate.

Insomma, il contratto definitivo si dovrà ugualmente concludere. Il venditore avrà sempre il diritto di alienare il bene e l'acquirente di acquistarlo pagando il prezzo.

Le ragioni di tale conclusione sono esposte nella sentenza n. 13224/2014 emessa dalla Corte di Cassazione.

L'obbligazione nascente dal contratto preliminare, cioè stipulare entro la data fissata un contratto di compravendita, non si estingue in caso di decesso del contraente.

La risoluzione del contratto per impossibilità sopravvenuta è sì ipotizzabile, in via generale anche per il contratto preliminare, ma non per decesso di una delle parti.

Con la morte dell'acquirente, la prestazione non diviene impossibile e di fronte alle richieste del venditore, gli eredi dell'acquirente non potranno eccepire l'impossibilità sopravvenuta della prestazione e dunque lo scioglimento del preliminare. Quest'ultimo conserva la sua validità e gli eredi che subentrano nella posizione del defunto, dovranno dare corso agli impegni assunti dal de cuius.

L'obbligo della prestazione in capo al soggetto deceduto si trasferisce, in virtù della successione, agli eredi. Con l'accettazione dell'eredità, anche con beneficio di inventario, si trasmettono non solo i diritti bensì anche i doveri tra i quali rientra l'obbligo di addivenire al rogito notarile per il trasferimento della proprietà.

Il sopravvenuto decesso del promissario acquirente non concretizza un fatto imprevedibile e quindi non produce alcun effetto estintivo.

Contratto preliminare e morte dell'acquirente
Gli eredi non potranno neanche eccepire una eventuale impossibilità economica a corrispondere il prezzo, in quanto la giurisprudenza della Corte di Cassazione afferma da tempo che l'impossibilità di una prestazione che libera dal debito deve essere obiettiva e assoluta, non potendo consistere in una mera difficoltà economica, come nel caso di mancata reperibilità della somma di denaro da versare come saldo del prezzo.

A conclusione del discorso, si evidenzia che, in caso di inadempimento da parte degli eredi dell'acquirente che abbiano accettato l'eredità, il venditore potrà rivolgersi al tribunale e mediante atto di citazione, avvalersi dei rimedi che abbiamo sopra delineato: sentenza produttiva degli effetti del contratto di compravendita o risoluzione del preliminare con risarcimento del danno.
Il venditore, infatti, stante gli accordi sanciti con il contratto preliminare ha rinunciato ad offrire ad altri l'immobile, subendo un pregiudizio economico.

riproduzione riservata
Preliminare di vendita: se muore un contraente che succede?
Valutazione: 4.80 / 6 basato su 5 voti.
gnews

Preliminare di vendita: se muore un contraente che succede?: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Dona
    Dona
    Venerdì 26 Novembre 2021, alle ore 22:50
    Articoli molto interessanti
    rispondi al commento
  • Franca
    Franca
    Lunedì 22 Febbraio 2021, alle ore 20:33
    A completamento dell'argomento, in quanto interessata personalmente al problema, potrei sapere se è possibile consentire il perfezionamento della compravendita senza danni al venditore con altro acquirente proposto dall'erede?
    rispondi al commento
  • Amalia
    Amalia
    Giovedì 22 Ottobre 2020, alle ore 19:28
    Se l'obbligato è inadempiente alla data di scadenza prevista nel preliminare e successivamente muore?
    Possono essere ugualmente obbligati gli eredi?
    rispondi al commento
  • Maria Grazia
    Maria Grazia
    Venerdì 27 Marzo 2020, alle ore 08:55
    In procinto di acquistare un immobile.
    I proprietari attuali sono 3 ultra 65 enni e 1 ( la signora che occupa attualmente l'immobile) di 91.
    In questo frangente di pandemia diffusa dovuta al Corona Virus, se malauguratamente tra la data del compromesso e la data del rogito, dovesse accadere che una delle proprietarie deceda, immagino che tutti si blocchi a causa delle procedure ereditarie.
    Pertanto, pur mantenendo l'obbligo alla vendita potrei trovarmi nella condizione di non poter rogitare o che non mi venga consegnato l'immobile per diversi mesi.
    In questo caso c'e' una norma che è possibile richiamare nel compromesso, per far si che abbia una tutela e che ci sia l'obbligo di rogito e consegna dell'immobile nei tempi previsti?
    Maria Grazia
    rispondi al commento
  • Tony
    Tony
    Martedì 6 Agosto 2019, alle ore 17:21
    Gentilissima Dr.ssa Manuela MARGILIO, nel Compromesso di Compravendita di Terreno Agricolo, dopo la descrizione di tutto, dico tutto ciò che serve per il futuro Rogito, che dovrebbe essere fatto nel Marzo 2021, è possibile e legale inserire la seguente annotazione:
    "in caso di premorienza uno dei 2 venditori e/o di uno dei 2 firmatari della societa' acquirente, si autorizzano, fin d'ora, i rimanenti contraenti di portare e termine la compravendita, senza ricorrere ad altro"
    tony
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.282 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img ggianne
Salve,sto valutando una vendita di un appartamento tramite agenzia immobiliare.La casa ha avuto problemi in passato, in quanto i professionisti a cui ci eravamo affidati hanno...
ggianne 09 Agosto 2022 ore 16:05 3
Img schiaparelli2
Buongiorno,sono una giovane lavoratrice.A maggio dell'anno scorso firmo una proposta d'acquisto per un appartamento che dall'agenzia mi viene descritto come un appartamento di...
schiaparelli2 02 Aprile 2021 ore 13:15 4