Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Legittimo subordinare l'efficacia del preliminare alla concessione del mutuo

Per la Corte di Cassazione la clausola che subordina l?efficacia del contratto preliminare di acquisto di un immobile alla concessione del mutuo è legittima.
- NEWS Comprare casa

Preliminare di compravendita di immobile e concessione del mutuo


È possibile subordinare l'efficacia di un preliminare di compravendita di un immobile alla concessione del mutuo?

La domanda è certamente interessante, giacché nella pratica si pone molto spesso.

Contratto di mutuo per compravendita di immobile

Infatti, se da un lato è ovvio che nella stragrande maggioranza dei casi colui che chiede il mutuo per comprare un immobile (a maggior ragione se si tratta dell'abitazione) non può comprare l'immobile con le sue sole forze, non ha cioè la liquidità (infatti sono certamente meno numerosi i casi di chi chiede il mutuo pur avendo la liquidità perché ad es. vuole destinarla ad altro o comunque non vuole rimanerne sprovvisto), al contempo però la risposta alla domanda non è così scontata.

Spesso, infatti, la richiesta di subordinare l'efficacia del contratto preliminare alla condizione della concessione del mutuo non è accettata dal venditore.

Il compratore che vorrebbe inserire la detta clausola nel contratto si ritrova così a subire pressioni importanti in senso contrario. Sì, perché l'attesa del mutuo costringe il venditore all'attesa.

Sul punto si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 22046, pubblicata l'11 settembre 2018, ritenendo legittima la clausola in parola.

Vediamo con quale motivazione la Corte è giunta a tale conclusione, premettendo alcuni cenni sul contratto preliminare e sulla condizione sospensiva dell'efficacia del contratto.


Il contratto preliminare


Il contratto preliminare è in sostanza del contratto con cui le parti si impegnano a sottoscrivere successivamente un altro contratto, prevedendone alcuni o tutti gli elementi.

Sottoscrizione di contratto

Il contratto preliminare per antonomasia è quello diretto alla compravendita di un bene immobile.

In tal caso le parti si impegnano, dunque, a sottoscrivere entro un certo tempo il contratto di compravendita: quindi, solo in tale successivo contratto la proprietà passerà da un soggetto all'altro; con il primo, le parti si impegnano a giungere alla sottoscrizione del secondo.

È chiaro che il mancato rispetto dell'impegno comporta delle conseguenze per le due parti; conseguenze che possono variare a seconda del caso concreto e a seconda di quanto le parti hanno stabilito a contratto (ad es. la clausola penale ex art. 1382 c.c.).

Se però si subordina l'efficacia del contratto, e dunque l'operatività delle obbligazioni ivi assunte, alla condizione che la banca conceda il mutuo, va da sé che nel caso in cui ciò non dovesse succedere, non solo non si procederebbe alla stipula del definitivo, ma ciò accadrebbe (o, almeno, dovrebbe accadere) in maniera indolore per il promittente acquirente (ricordiamoci però che bisogna in ogni caso avere a mente il caso concreto e le condizioni contrattuali).


La condizione sospensiva dell'efficacia del contratto


Abbiamo detto che la clausola in questione conterrebbe una condizione sospensiva dell'efficacia del contratto. La domanda che allora sovviene in ordine logico è se un contratto preliminare possa contenere una condizione.

A tale domanda la Corte di Cassazione, nella sentenza in commento, risponde di sì (riprendendo un principio già affermato dai precedenti cui si richiama), dal momento che solo i negozi per i quali tale divieto è espressamente previsto dalla legge non possono contenere una condizione.

Compravendita di abitazione

La condizione, insieme al termine e all'onere, è un elemento accidentale del negozio giuridico: in quanto elemento accidentale può essere presente nel contratto solo su volontà delle parti (quando la legge non ne vieti la previsione); essa è distinta dunque dagli elementi essenziali, la cui mancanza, al contrario, incide sulla validità del contratto medesimo.

La condizione (v. artt. 1353 e ss. c.c.) è un evento futuro e incerto da cui le parti fanno dipendere l'efficacia o la risoluzione del contratto: nel primo caso abbiamo una condizione sospensiva dell'efficacia, mentre nel secondo abbiamo una condizione risolutiva dell'efficacia.

La clausola che blocca l'efficacia del contratto preliminare sino al verificarsi della concessione del mutuo, è secondo la sentenza Corte di Cassazione qui in commento, una condizione sospensiva dell'efficacia.

Il nostro codice vieta, per quanto qui interessa, la cosiddetta clausola meramente potestativa:

È nulla l'alienazione di un diritto o l'assunzione di un obbligo subordinata a una condizione sospensiva che la faccia dipendere dalla mera volontà dell'alienante o, rispettivamente, da quella del debitore (art. 1355 c.c.).


Non può quindi farsi dipendere la produzione degli effetti di un contratto da un evento futuro e incerto legato unicamente dalla volontà dell'alienante o del debitore.

Secondo il ricorrente nel giudizio de quo la clausola controversa è una clausola potestativa pura, perché appunto l'avverarsi della condizione è totalmente dipendente dalla volontà di una delle due parti.

È invece ammessa la clausola potestativa mista, il cui verificarsi è legato solo in parte all'azione di una delle due parti ed è la clausola in esame, secondo la Cassazione.

A completamento delle nostre informazioni aggiungiamo che ai sensi dell'art. 1359 c.c. una condizione si considera avverata se non si sia verificata:

per causa imputabile alla parte che aveva interesse contrario all'avveramento di essa (v. art. 1359 c.c.).



Corte di Cassazione: legittimo subordinare la vendita al mutuo


La Corte spiega che la condizione in esame è da qualificarsi come mista:

dipendendo la concessione del mutuo anche dal comportamento del promissario acquirente nell'approntare la relativa pratica, ma la mancata concessione del mutuo comporta le conseguente previste in contratto, sena che rilevi, ai sensi dell'art. 1359 cod. civ., un eventuale comportamento omissivo del promissario acquirente, sia perché tale disposi ione è inapplicabile nel caso in cui la parte tenuta condizionatamente ad una data prestazione abbia anch'essa interesse all'avveramento della condizione, sia perché l'omissione di un'attività in tanto può ritenersi contraria a buona fede e costituire fonte di responsabilità, in quanto l'attività omessa costituisca oggetto di un obbligo giuridico, e la sussistenza di un siffatto obbligo deve escludersi per l'attività di attuazione dell'elemento potestativo in una condizione mista" (Cass. Sez. 2, Sentenza n.10074 del 18/11/1996, Rv.500605; conf. Cass. Sez. 3, Sentenza n.23824 del 22/12/2004, Rv. 578807) (v. Cass. n. 22046/2018).



In sostanza, dunque, la clausola non è illegittima ai sensi dell'art. 1355 c.c. perché la condizione prevista dipende anche dall'azione del promissario acquirente, ma la mancata concessione del mutuo comporta le conseguenze previste nel contratto, non rilevando quanto previsto dall'art. 1359 c.c., sia perché tale norma si applica al caso, diverso, in cui la parte dalla cui azione dipende l'avverarsi della condizione non abbia interesse, e sia perché l'omissione di un'attività comporta responsabilità per violazione del principio di buona fede se tale attività comporta un obbligo giuridico e così non è nel caso di attuazione dell'elemento potestativo potestativa mista.

Il principio non è nuovo: infatti - alcuni precedenti sono citati nel testo della sentenza riportato - esso è stato già affermato in precedenza dalla stessa Corte di Cassazione.

riproduzione riservata
Articolo: Preliminare di vendita: è legittimo subordinarlo al mutuo
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Preliminare di vendita: è legittimo subordinarlo al mutuo: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.124 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Preliminare di vendita: è legittimo subordinarlo al mutuo che potrebbero interessarti


Contratto preliminare e condizione sospensiva: di cosa si tratta

Comprare casa - In caso di stipula di un preliminare di compravendita le parti possono accordarsi per l'inserimento di una condizione sospensiva. Vediamo cos'è e come funziona

Niente detrazione interessi del mutuo se l'affitto è in corso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È possibile detrarre gli interessi passivi del mutuo contratto per l'acquisto di un immobile non adibito ad abitazione principale? Vediamo cosa dice la legge.

Stop al fondo di garanzia prima casa per il 2019

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il fondo di garanzia prima casa è ormai agli sgoccioli. Nonostante i successi riscontrati si dovrà mettere la parola fine per mancanza di risorse a disposizione

Modello 730 2019: detrazione interessi mutuo, importi e limiti

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Modello 730/2019: come beneficiare del rimborso IRPEF per la detrazione fiscale degli interessi passivi del mutuo ipotecario, in sede di dichiarazione dei redditi

Mutuo di cittadinanza: di cosa si tratta?

Affittare casa - Come funziona il mutuo di cittadinanza, requisiti per accedere alla misura inserita in un disegno di legge presentato il mese scorso dal senatore Emanuele Dessi

Sensibile aumento dei tassi di interesse sui mutui

Mutui e assicurazioni casa - I tassi di interesse fissi sui mutui hanno subìto un forte aumento rispetto a 5 mesi fa. Vediamo nel dettaglio cosa è cambiato

Mutuo prima casa: priorità ai giovani per l'accesso al Fondo Consap

Mutui e assicurazioni casa - L'Abi ha invitato i propri associati a dare la precedenza ai di 36 anni non ancora compiuti per l'accesso al Fondo di garanzia Consap per il mutuo prima casa

Proroga moratoria mutui con emendamento al Decreto Ristori

Mutui e assicurazioni casa - Mutui acquisto prima casa: lo stop al pagamento delle rate viene prorogato di un anno. Con emendamento al Decreto Ristori fissato al 31/12/2021 il nuovo termine

Contratto preliminare: chi paga le spese di registrazione?

Fisco casa - In caso di stipula di un contratto preliminare, chi deve pagare la spesa necessaria per effettuare la registrazione presso l'Agenzia delle Entrate? Quali costi?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img violas
Buongiorno a tutti, mi chiamo Viola e avrei bisogno di alcune delucidazioni.Sto per rogitare la mia prima casa. Il mutuo e l'intestazione della casa è soltanto a nome mio...
violas 09 Agosto 2022 ore 16:12 4
Img dadex70
Buonasera,nel 2020 io e mia moglie abbiamo comprato un appartamento da adibire ad abitazione principale. Abbiamo acceso un mutuo cointestato e iniziato a pagare nel febbraio 2021.
dadex70 30 Giugno 2022 ore 09:08 4
Img alecase
Buongiorno a tutti,vorrei gentilmente sapere se è possibile fare il rogito di una casa non ancora ultimata.Vi spiego cosa è successo.Ho comprato un appartamento in...
alecase 02 Aprile 2022 ore 12:53 11
Img mariano piras
Salve, ho effettuato proposta di acquisto (accettata) per appartamento in condominio anni 60 da ristrutturare.La proprietà ha condiviso la planimetria catastale in formato...
mariano piras 28 Novembre 2021 ore 16:25 2
Img giacomocarra
Buona sera a tutti,mi servirebbe un parere e sopratutto consigli per una ipotetica costruzione su lastrico solare.Premetto che sono completamente ignorante sull argomento;mia...
giacomocarra 26 Marzo 2021 ore 20:24 4