Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Si può sfrattare l'inquilino per ristrutturare casa?

Per effettuare interventi di ristrutturazione il proprietario può recedere dal contratto di locazione? Quali sono modalità e termini di disdetta del contratto?
- NEWS Proprietà

È lecito mandar via l'inquilino per lavori di ristrutturazione?


Sei proprietario di un appartamento concesso in affitto con contratto di locazione ad uso abitativo e intendi effettuare dei lavori di ristrutturazione.

Ti chiedi se, al fine di dare esecuzione agli interventi edilizi programmati, potrai lecitamente chiedere all’inquilino di lasciare la casa.

Sfratto inquilino per ristrutturazione casa
Partiamo dal presupposto che quando si stipula un contratto di locazione il proprietario e il conduttore stabiliscono la durata contrattuale che dovrà essere rispettata da tutte e due le parti.

A differenza del conduttore, per il quale è la legge a consentire il recesso anticipato dal contratto d'affitto in qualsiasi momento in presenza di gravi motivi, per il proprietario dell'immobile, vi sono maggiori vincoli.


Recesso del proprietario solo alla scadenza del contratto


Il proprietario dell'immobile non può recedere liberamente prima della scadenza contrattuale.
Questo è un aspetto che chiunque decida di dare in affitto un appartamento deve sempre tenere bene a mente. Non vuol dire certamente che per il padrone di casa non vi sia alcuna possibilità di sciogliere il vincolo giuridico ma vi sono maggiori limiti.

Disdetta locazione per ristrutturare
Qualora, infatti il proprietario voglia recuperare la disponibilità dell'immobile locato per eseguire lavori di ristrutturazione edilizia, magari approfittando delle agevolazioni fiscali riconosciute dallo Stato, potrà darne comunicazione all’inquilino ma dovranno essere rispettate determinate condizioni.

Siamo di fatto di fronte ad una disdetta per finita locazione che potrà produrre i suoi effetti non prima della scadenza contrattuale.

Ma andiamo con ordine e vediamo nel dettaglio come dovrà procedere il proprietario dell’immobile che voglia eseguire dei lavori di ristrutturazione.


I motivi per cui il proprietario può recedere dal contratto di affitto


Abbiamo visto che il proprietario che intende disdettare il contratto di locazione non potrà farlo in data anteriore alla prima scadenza contrattuale. Egli potrà dunque decidere esclusivamente di non rinnovare il contratto di affitto ma sarà tenuto a rispettare la durata inizialmente stabilita.


In ogni caso la volontà di non prorogare il contratto non può essere liberamente fatta valere.

La Legge n. 431 del 9 dicembre 1998 consente il recesso solo al verificarsi di determinate casistiche esplicitamente elencate. Rientra tra queste l'esecuzione di lavori di ristrutturazione dell'immobile locato? I motivi previsti dalla legge sono:

  • destinazione dell'immobile per uso personale del locatore;

  • possibilità per l'inquilino di disporre di un ulteriore immobile da adibire ad uso abitativo;

  • mancato utilizzo del bene locato da parte del conduttore;

  • ricostruzione, demolizione e trasformazione dell'edificio all'interno del quale è situato l'immobile locato;

  • manifestazione di volontà del locatore di dare in vendita l'immobile.

Dunque, l'esecuzione di interventi di ristrutturazione può dirsi ricompresa tra le casistiche descritte dalla normativa.

Questo non basta affinché la disdetta sia valida perché, come vedremo, occorre il rispetto di alcune regole.


Termini e modalità per recedere dal contratto di locazione


Appurato che nella fattispecie considerata il locatore proprietario dell'immobile ha titolo per poter inviare la lettera di disdetta al conduttore, vediamo quali siano le modalità e i termini da rispettare.

Sfratto finita locazione
Affinché la lettera di disdetta possa ritenersi validamente inviata è necessario rispettare un termine di preavviso ben preciso. Facciamo un esempio.

Nei casi di locazione a uso abitativo, aventi la durata di 4 anni, con rinnovo per altri 4 anni, il locatore deve comunicare la sua intenzione di non rinnovare il contratto al conduttore, almeno 6 mesi di anticipo rispetto alla prima scadenza contrattuale.

Il proprietario potrà dunque manifestare la sua volontà di non prorogare ulteriormente il rapporto contrattuale mediante l'invio di una lettera raccomandata con avviso di ricevimento o tramite Pec (posta certificata).

Nella lettera di disdetta il locatore dovrà indicare i suddetti motivi in maniera esplicita e dettagliata, specificando altresì la data di rilascio dell'immobile.

Recesso alla scadenza successiva alla prima: quale preavviso?


Qualora la disdetta venga inviata dal proprietario successivamente alla prima scadenza contrattuale (dunque in vista della seconda o ulteriore scadenza), il locatore non sarà obbligato a indicare alcun motivo, essendo sufficiente, per la validità della comunicazione, che la propria volontà sia chiaramente manifestata.

Resta fermo il rispetto del termine di preavviso di almeno 6 mesi prima della scadenza successiva al rinnovo. Il termine suddetto è previsto infatti a pena di decadenza.

Qualora il locatore non rispetti i termini previsti per l'invio della disdetta, il contratto si rinnoverà automaticamente per un uguale periodo di tempo e alle medesime condizioni.


Lavori di ristrutturazione: quando posso mandare via l'inquilino


Ricapitolando quanto detto finora veniamo al quesito iniziale: è possibile sfrattare l'inquilino per eseguire dei lavori di ristrutturazione che rendano l'immobile inagibile?

Sfratto per finita locazione
Di primo acchito la risposta è no, nel senso che per iniziare i lavori il proprietario non può pretendere che l’inquilino lasci libero l’alloggio in qualsiasi momento.

Il locatore non può pertanto disdire il contratto di locazione con effetto immediato.

Il conduttore avrà diritto a restare nell’appartamento e il proprietario dovrà attendere la prima scadenza contrattuale. In caso ad esempio di locazione 4 più 4 si potrà solo evitare il rinnovo automatico per gli altri 4 anni.

Una volta inviata la disdetta con il giusto preavviso e giunti alla scadenza contrattuale l'inquilino dovrà lasciare la casa.

Che succede se i lavori non vengono eseguiti


Attenzione! I lavori di ristrutturazione dovranno essere effettivamente eseguiti e non è sufficiente la mera comunicazione con l'intenzione di effettuarli.

Nel caso in cui i lavori non venissero realizzati il proprietario dovrà riattivare il contratto di locazione che era stato sciolto e dovrà corrispondere il risarcimento dei danni eventualmente arrecati all'inquilino.


L'inquilino che non vuole andar via: quali tutele


Cosa succede se, nonostante la disdetta del contratto di locazione da parte del proprietario, l'inquilino non intenda andar via? Certamente si creerà una situazione di conflitto tra le parti che potrebbe legittimare l'avvio di una causa di sfratto da parte del proprietario.

Non sussistono gli estremi per uno sfratto dovuto a morosità bensì le condizioni per un procedimento di sfratto per finita locazione.

Per poter richiedere all'Autorità Giudiziaria l'ordinanza di convalida dello sfratto il locatore dovrà esibire tutta la documentazione che attesti la presenza di permessi o autorizzazioni comunali necessari per dare avvio ai lavori.

riproduzione riservata
Articolo: Posso sfrattare l'inquilino per ristrutturare casa
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Posso sfrattare l'inquilino per ristrutturare casa: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.066 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Posso sfrattare l'inquilino per ristrutturare casa che potrebbero interessarti


Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Risoluzione del contratto di locazione: quando è possibile?

Affittare casa - Si parla di risoluzione del contratto di locazione quando il rapporto contrattuale tra le parti subisce un'interruzione prima della scadenza stabilita. In quali casi

Per la Cassazione IMU e TASI possono essere pagate dall'inquilino

Fisco casa - Per la Corte di Cassazione le imposte indirette come Imu e Tasi possono essere addebitate totalmente al conduttore. Vediamo quali sono le novità sull'argomento.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Cosa succede quando avviene la disdetta del contratto di locazione?

Proprietà - Il contratto di locazione ha una durata determinata. Tuttavia, può essere disdettato dal proprietario o dal conduttore alle condizioni disciplinate dalla legge.

Non basta semplice richiamo alla legge per disdetta locazione alla prima scadenza

Affittare casa - Il contratto di locazione ad uso abitativo, nella formula 4+4 e/o 3+2, può essere disdettato alla prima scadenza solamente per i motivi indicati nella legge 431/98.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Si può vendere casa con dentro un inquilino?

Affittare casa - Che succede se il padrone di casa decide di vendere l'appartamento. Quando scatta il diritto di prelazione dell'inquilino e tutele. Che dice la legge in proposito.

Affitti: quali sono le tipologie di contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione può avere contenuti diversi a seconda del tipo contrattuale adottato dalle parti. Ecco disciplina ed effetti delle differenti tipologie
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabios1989
Salve a tutti, vi spiego la mia situazione. Stavo finendo di fare i lavori di ristrutturazione dell'appartamento (manutenzione straordinaria) che ho acquistato ma ho dovuto...
fabios1989 28 Aprile 2020 ore 21:51 13
Img elli06
Ho aperto un topic tre gg fa per chiedere consiglio sulla mia situazione, l'intolletabilitá di rumori di acqua ogni qual volta i nuovi vicini del piano di sopra usano...
elli06 03 Settembre 2019 ore 17:29 4
Img jirobatu
Buongiorno, il 28/07/2010 ho stipulato un contratto d'affitto ad uso abitativo 4+4. Nel contratto che ho firmato trovo scritto quanto segue: Recesso anticipato: La parte...
jirobatu 23 Febbraio 2018 ore 14:56 2
Img vidovia
Buongiorno a tutti,sto valutando l'idea di ristrutturare un vecchio appartamento al terzo piano in condominio.La disposizione è piuttosto brutta, le camere sono troppo...
vidovia 30 Settembre 2016 ore 20:08 13
Img fabio996
Devo ristrutturare casa a Bologna, qualcuno può indicarmi qualche impresa seria e con prezzi non esorbitanti..grazie...
fabio996 17 Giugno 2016 ore 09:52 1