Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

NEWS Ripartizione spese27 Gennaio 2019 ore 09:54
Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.

Ripartizione spese condominiali


Chi è condòmino, cioè proprietario di un’unità immobiliare facente parte di un edificio in condominio (anche nella definizione allargata di cui all’art. 1117-bis c.c.) deve pagare le spese condominiali.

In realtà, anche il conduttore è tenuto al pagamento di queste spese: nel suo caso, però, esse prendono il nome di oneri accessori e sono dovute al locatore, che ha poi l’obbligo giuridico di versarle al condominio (art. 9 legge n. 392/78), nonostante la prassi lasci supporre che le spese condominiali siano dovute direttamente dal conduttore verso il condominio.

Piano ripartizione spese
Le spese condominiali sono dovute dai condòmini perché questi, divenendo tali, assumono verso il condominio una obbligazione di contribuire agli oneri di gestione e conservazione delle cose comuni.

Obbligazione detta propter rem, cioè che segue la cosa, nel nostro caso l’unità immobiliare, senza necessità di assenso del titolare del diritto di proprietà.

Si badi: non sono le obbligazioni a seguire il proprietario, ma l’obbligo di pagamento genericamente inteso (Cass. 18 aprile 2003 n. 6323). Se oggi sorge una obbligazione, il titolare è il proprietario odierno e se domani l’appartamento viene venduto, chi acquista non diviene titolare di quell’obbligo, ma semplicemente obbligato in solido rispetto a esso (art. 63 disp. att. c.c.).

Quanto detto fin qui riguarda l’obbligo, il perché si paga, per dirla semplicemente; quanto si paga, ossia la misura dell’obbligo è dato dal combinato disposto di due elementi:

- la convenzione di ripartizione, rappresentata per legge dai millesimi, ma derogabile con l’accordo tra tutti i condòmini;

- il piano di ripartizione delle spese, cioè un prospetto nel quale la somma complessiva della spesa o delle spese è suddivisa tra tutti i condòmini.


Ripartizione spese: compiti di amministratore e assemblea


Chi ripartisce le spese condominiali?

Nei condomini senza amministratore – ammesso che questi condominii abbiamo le tabelle millesimali o comunque siano gestiti, ortodossamente, tramite l’assemblea – la ripartizione spetta a un condòmino volenteroso o a persona appositamente delegata dall’assise.

Nei condomini che siano provvisti di amministratore, è certo che la predisposizione del piano di ripartizione è di competenza del medesimo.

Ripartizione spese condominiali
Si badi: tanto nella prima tipologia di condomini, quanto in quelli che hanno un amministratore, c’è una persona competente a stilare il piano di ripartizione, ma un conto è tale attività, altro la sua approvazione.

L’approvazione del piano di riparto è sempre di competenza dell’assemblea. Si tratta di una competenza inderogabile; essa non può essere, ad esempio, demandata al consiglio di condominio, che per legge (art. 1130-bis, secondo comma, c.c.) ha mere funzioni consultive e di controllo dell’operato dell’ amministratore di condominio .

In sintesi:

- il condòmino partecipa al pagamento delle spese di gestione e conservazione delle parti comuni dell’edificio in quanto tale;

- la misura della partecipazione nell’obbligo di pagamento è dato dalle tabelle millesimali, ovvero dalla diversa convenzione sottoscritta da tutti i condòmini (art. 1118-1123 c.c. e 68 disp. att. c.c.);

- l’individuazione della effettiva quota di partecipazione alla spesa, secondo il criterio di ripartizione applicabile è data dal piano di riparto;

- il piano di ripartizione delle spese condominiali è predisposto dall’amministratore, o in assenza da persona che ne assume l’onere, e successivamente approvato dall’assemblea.


Piano di ripartizione spese condominiali e ricorso per decreto ingiuntivo


Il piano di ripartizione delle spese condominiali è fondamentale ai fini dell’ottenimento di un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo nonostante opposizione.
Lo stabilisce chiaramente l’art. 63, primo comma, disp. att. c.c.

Il decreto ingiuntivo per oneri condominiali provvisoriamente esecutivo fa sì che trascorsi dieci giorni dalla sua notifica unitamente al precetto (o comunque dieci giorni dopo la notifica di quest’atto, se successiva a quella del decreto), si possa procedere a esecuzione forzata.

Spese condominiali
Si badi: a tali fini la norma in esame non richiede solamente la esistenza del suddetto piano di ripartizione, ma anche che lo stesso debba essere approvato dall’ assemblea condominiale . Come dire: il riparto senza l’ok assembleare non è sufficiente ottenimento del decreto ex art. 63 disp. att. c.c., ma può servire a qualcos’altro?

Risposta: sì, può essere utile per chiedere un decreto ingiuntivo ordinario, cioè non munito della formula di provvisoria esecutività. Rispetto al decreto provvisoriamente esecutivo si allungano i tempi di esecuzione, dovendo trascorrere quaranta giorni dalla notificazione del decreto medesimo affinché sia possibile apporvi la formula esecutiva.


Piano errato di ripartizione spese condominiali e conseguenze


Che cosa succede se l’amministratore predispone un piano di ripartizione secondo un criterio errato e l’assemblea lo approva, ovvero se l’assemblea dà indicazione all’amministratore di utilizzare per il riparto un criterio sbagliato?

Al riguardo, seppur incidentalmente, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno avuto modo di rimarcare una differenza fondamentale tra conseguenze per l’approvazione di un piano di ripartizione con un criterio errato e deroga di un criterio ripartitivo (Cass. SS.UU. n. 4806/05).

In breve: nel primo caso (es. si utilizza il criterio generale previsto dall’art. 1123 c.c. al posto di quello dettato per la manutenzione dell’ascensore, proprio in relazione a una spesa per questo impianto) la deliberazione va considerata annullabile, cioè impugnabile da dissenzienti, astenuti o assenti entro trenta giorni dalla deliberazione (per i primi due) ovvero dalla sua comunicazione (per il terzo).

Le delibere che approvano deroghe ai criteri vigenti – cioè non scelta errata tra uno di quelli esistenti, ma creazione di uno nuovo (es. ripartizione in parti uguali piuttosto che secondo millesimi di proprietà), vanno considerate nulle, cioè impugnabili in ogni tempo, anche anni dopo (salvi gli effetti della prescrizione), da chiunque vi abbia interesse (cioè anche da chi ha votato favorevolmente, cfr. Cass. n. 6714/2010). In quest’ultimo caso la nullità può essere fatta valere anche in sede di opposizione a decreto ingiuntivo, senza necessità di apposita impugnazione della delibera (almeno secondo quanto sancito da Cass. n. 305/2016).

riproduzione riservata
Articolo: Piano ripartizione spese condominiali
Valutazione: 4.33 / 6 basato su 3 voti.

Piano ripartizione spese condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.184 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Colori tapparelle alluminio
    Colori tapparelle alluminio...
    5.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
  • Robot aspirapolvere Samsung Powerbot
    Robot aspirapolvere samsung...
    282.00
  • Ventilatore da soffitto Vortice
    Ventilatore da soffitto vortice...
    122.02
Notizie che trattano Piano ripartizione spese condominiali che potrebbero interessarti


Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Criteri di riparto delle spese per la pulizia delle scale in condominio

Ripartizione spese - Come si ripartiscono le spese per la pulizia delle scale nel condominio? Non esistendo una norma espressa, la giurisprudenza ha dovuto sopperire alla lacuna.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Condominio - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Il conduttore ha diritto alla specifica degli oneri condominiali

Ripartizione spese - Il conduttore di un'unità immobiliare ubicata in condominio ha sempre diritto alla specifica degli oneri condominiali richiestigli dal proprietario.

Spese condominiali contestate

Ripartizione spese - Le spese condominiali devono essere pagate perché si è proprietario di un'unità immobiliare ubicata in condominio. Chi e in che modo può contestarle se le ritiene errate?

Spese condominiali ripartite sulla base dell'utilità del solaio interpiano

Ripartizione spese - Che si chiami terrazza, lastrico solare o solaio interpiano, secondo il Tribunale di Trento è indifferente ai fini dell'applicazione analogica dell'art. 1125 c.c.

Contestazione per l'addebito di spese individuali in condominio

Ripartizione spese - In tema di spese in condominio, è possibile che ai condòmini vengano addebitate delle spese individuali; che cosa accade, tuttavia, se l'addebito è illegittimo?

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img elenalo79
Buongiorno, vorrei porre un quesito!! Il mio condominio è composto da civico 9 e civico 11.Nel civico 9 ci sono parecchi morosi con cifre davvero importanti, ed...
elenalo79 02 Aprile 2015 ore 15:34 2
Img frank68k
Nel mio condominio devono cambiare le porte delle cantine con porte REI, nel sotterraneo dove sono ubicate io possiedo un garage ma non ho cantina, devo contribuire alla spesa?...
frank68k 07 Aprile 2014 ore 23:16 1
Img zorrozorro
In caso di riunione dell'usufrutto con la nuda proprietà per i debiti condominiali non pagati dall'usufruttuario prima della cessazione dell'usufrutto e se costui non ha...
zorrozorro 16 Maggio 2014 ore 14:39 1
Img anonimo
Vorrei sapere se per le spese di rifacimento del tetto si ripartisce la spesa in millesimi tra tutti i condomini.Se due tra loro hanno il tetto del garage a lato del condominio, i...
anonimo 16 Dicembre 2013 ore 21:28 1
Img faror
Buonasera,abito in un appartamento con riscaldamento a pavimento con impianto condominiale centralizzato.Il mio contabilizzatore della Siemens contabilizza il consumo in KWH.Quale...
faror 13 Aprile 2014 ore 20:38 1