Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Piano Operativo di Sicurezza, cos'è e chi lo redige

NEWS Leggi e Normative Tecniche16 Settembre 2019 ore 09:47
Piano Operativo di Sicurezza POS: cos'è, chi lo redige, contenuti minimi e quali sono le differenze con il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC

Il piano per la sicurezza sui cantieri


Il Piano Operativo di Sicurezza (POS) è un documento che riguarda la sicurezza dei lavoratori di un’impresa all’interno di uno specifico cantiere.
Datore di lavoro e piano operativo sicurezzaIl Piano Operativo di Sicurezza è definito dal Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs 9 aprile 2008 n.81) all’Articolo 89, lettera h):

Il documento che il datore di lavoro dell’impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell’Art.17 comma 1) lettera a, i cui contenuti sono riportati nell’Allegato XV.


Esaminiamo questa definizione.

Chi redige il POS è il Datore di Lavoro, ovvero il titolare dell’impresa che si occupa dei lavori, senza distinzione tra impresa esecutrice o, eventualmente, subappaltatrice.

Altra osservazione importante: il Piano Operativo di Sicurezza riguarda un singolo cantiere. Ciò significa che il datore di lavoro è tenuto a elaborarne uno nuovo ogni volta che si accinge a partecipare ad un cantiere.

È, dunque, rilevata l’importanza di valutare la sicurezza dei lavoratori per le operazioni previste in ogni contesto specifico.

Il riferimento all’Art.17 comma 1) lettera a riguarda il fatto che spetta al datore di lavoro valutare tutti i rischi per i suoi lavoratori.
Questa attività di valutazione non può essere delegata ad altri, è lui il principale responsabile della loro sicurezza.


Contenuti minimi del Piano Operativo di Sicurezza


Nell’Allegato XV al Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sono elencati i contenuti minimi di un Piano Operativo di Sicurezza:
contenuti piano operativo sicurezza
a) I dati identificativi dell’impresa esecutrice, che comprendono:

  1. il nominativo dal datore di lavoro, gli indirizzi e i riferimenti telefonici della sede legale e degli uffici di cantiere;

  2. la specifica attività e le singole lavorazioni svolte in cantiere dall’impresa esecutrice e dai lavoratori autonomi subaffidatari;

  3. i nominativi degli addetti al pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori e, comunque, alla gestione delle emergenze in cantiere, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, aziendale o territoriale, ove eletto o designato;

  4. il nominativo del medico competente ove previsto;

  5. il nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione;

  6. i nominativi del direttore tecnico di cantiere e del capocantiere;

  7. il numero e le relative qualifiche dei lavoratori dipendenti dell'impresa esecutrice e dei lavoratori autonomi operanti in cantiere per conto della stessa impresa;


b) le specifiche mansioni, inerenti la sicurezza, svolte in cantiere da ogni figura nominata allo scopo dall'impresa esecutrice;

c) la descrizione dell'attività di cantiere, delle modalità organizzative e dei turni di lavoro;

d) l'elenco dei ponteggi, dei ponti su ruote a torre e di altre opere provvisionali di notevole importanza, delle macchine e degli impianti utilizzati nel cantiere;

e) l'elenco delle sostanze e preparati pericolosi utilizzati nel cantiere con le relative schede di sicurezza;

f) l'esito del rapporto di valutazione del rumore;

g) l'individuazione delle misure preventive e protettive, integrative rispetto a quelle contenute nel PSC quando previsto, adottate in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere;

h) le procedure complementari e di dettaglio, richieste dal PSC quando previsto;

i) l'elenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori occupati in cantiere;

l) la documentazione in merito all'informazione ed alla formazione fornite ai lavoratori occupati in cantiere.


Modello semplificato del Piano Operativo di Sicurezza


A partire dal 2014 le imprese hanno la possibilità di utilizzare dei modelli semplificati per la redazione del Piano Operativo di Sicurezza.

La scelta tra il modello tradizionale e quello semplificato è libera, non ci sono particolari prescrizioni in merito.

Il modello semplificato è stato pensato per agevolare i datori di lavoro nella compilazione del POS, potendo inserire i dati necessari in modo schematico e riducendo così il rischio di errori di compilazione.


Piano Operativo di Sicurezza (POS) e Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC)


Benché abbiano nomi simili, il Piano Operativo di Sicurezza (POS) e il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) sono due documenti distinti.

Quando si eseguono lavori in casa , trovo spesso confusione in merito, non tanto tra gli addetti ai lavori, ma soprattutto tra i proprietari di casa, a cui rivolgo questo paragrafo.

POS e PSC
Il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) è una relazione tecnica che deve redigere il coordinatore per la progettazione o esecuzione dell’opera, su incarico del committente.

Il coordinatore per la sicurezza è un tecnico (es. architetto, ingegnere, geometra), nominato dal committente, in possesso di attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento finale, a specifico corso in materia di sicurezza.

Nel PSC il coordinatore per la sicurezza valuta il cantiere nella sua interezza e analizza tutti i rischi a cui i lavoratori potrebbero essere esposti, fornendo azioni concrete finalizzate alla loro sicurezza. Sono valutate le lavorazioni di tutte le imprese e lavoratori autonomi coinvolti, comprese le interferenze tra essi ed anche eventuali rischi esterni, come il passaggio di condutture sotterranee, la presenza di linee aeree sul cantiere o la circolazione di veicoli esterni all’area di cantiere.

Il PSC non è sempre obbligatorio per un cantiere, ma solo quando sono presenti più imprese, anche considerando i subappalti, oppure quando l’entità del cantiere è superiore ai 200 uomini giorno.

Il PSC, quando obbligatorio, va trasmesso a tutte le imprese coinvolte nel cantiere, affinché ogni datore di lavoro possa redigere il proprio POS in coerenza con quanto pianificato dal coordinatore per la sicurezza.

Differenze POS e PSC

Riepiloghiamo le principali differenze tra POS e PSC:

  • il POS è redatto dal titolare dell’impresa, il PSC è redatto dal coordinatore per la sicurezza;

  • il POS è a carico dell’impresa, il PSC è a carico del committente;

  • il POS è obbligatorio per qualsiasi impresa che voglia avviare un cantiere, il PSC è obbligatorio solo nei casi previsti dal Testo Unico in materia di sicurezza;

  • il POS è focalizzato sui lavori in cantiere, il PSC tiene conto sia dei rischi interni al cantiere che di quelli esterni.

Il POS e il PSC concorrono, quindi, alla sicurezza e al coordinamento del cantiere, valutando entrambi e sinergicamente i rischi e le misure preventive. Tuttavia si differenziano in quanto a obbligatorietà, soggetto redattore e campo di valutazione.

riproduzione riservata
Articolo: Piano operativo di sicurezza
Valutazione: 5.25 / 6 basato su 12 voti.

Piano operativo di sicurezza: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Morenorapo
    Morenorapo
    Venerdì 22 Agosto 2014, alle ore 23:34
    Salve.Sono un geometra e mi occupo di sicurezza. Ho realizzato un sito dal quale è possibile creare gratuitamente il piano operativo di sicurezza per cantieri edili www.piano-sicurezza-gratis.it per qualsiasi info potete contattarmi anche attraverso il sito
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
307.895 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Marazzi
  • Weber
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Cancello di sicurezza estensibile verniciato exten
    Cancello di sicurezza estensibile...
    260.00
  • Cancello di sicurezza estensibile zincato exten
    Cancello di sicurezza estensibile...
    205.00
  • Barra di sicurezza per vasistas
    Barra di sicurezza per vasistas...
    47.00
  • Grate di sicurezza
    Grate di sicurezza...
    490.00
  • Piano cottura a gas da incasso Hotpoint
    Piano cottura a gas da incasso...
    208.67
  • Occhiali di sicurezza DeWalt
    Occhiali di sicurezza dewalt...
    12.53
Notizie che trattano Piano operativo di sicurezza che potrebbero interessarti


Sicurezza nei cantieri

Normative - La normativa italiana.

Sicurezza sul lavoro

Normative - Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto che modifica il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro.

Adempimenti per la sicurezza nei cantieri di lavori privati

Leggi e Normative Tecniche - La sicurezza in cantiere, in fase di programmazione di interventi edilizi anche privati, coinvolge diversi soggetti imponendo diversi adempimendi previsti dalla Legge.

Documenti che l'impresa deve presentare al committente

Leggi e Normative Tecniche - Quando si affida a una ditta l'incarico di eseguire dei lavori, essa deve consegnare al committente alcuni documenti attestanti l'idoneità tecnico-professionale.

Lavori in Sicurezza

Progettazione - Una delle voci obbligatoriamente presenti nei computi di ogni intervento di ristrutturazione o di realizzazione di un nuovo edificio è quella relativa alla sicurezza.

Responsabilita' Committente Lavori

Normative - Il committente dei lavori trae benefici anche da lavori svolti in condizioni di rischio, ha dunque l'obbligo di assicurare la sicurezza del proprio cantiere.

Lavori in Quota

Ristrutturazione - I lavori in quota sono tra i più pericolosi in campo edilizio e oltre ai tecnici coinvolti anche il committente può verificare la validità delle misure di sicurezza.

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti

Condominio - Oltre agli altri documenti in materia, per garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro, è necessario redigere il Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti.

Ristrutturazione Coperture

Leggi e Normative Tecniche - I rischi nel corso di attività e lavori di ristrutturazione delle coperture sono innumerevoli, eterogenei e coinvolgono spesso anche le modalità di accesso.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francocasagrande
Buongiorno. Caso: cantiere ristrutturazione edilizia leggera con PSC (Progetto Sicurezza Cantieri: impresa edile + elettristici). Io sono il committente. L'impresa edile non...
francocasagrande 20 Giugno 2019 ore 17:06 1
Img bruno56
Buongiorno, nel caso di un Geometra titolare di una ditta iscritta alla C.C.I.A.A. come “piccolo imprenditore” e “privo di dipendenti”, è corretto...
bruno56 04 Ottobre 2015 ore 22:03 4
Img livio84
Salve,vi chiedo un aiuto per capire se è obbligatorio redigere il piano di sicurezza operativa per il seguente lavoro di manutenzione ordinaria urgente da eseguirsi sul...
livio84 14 Gennaio 2015 ore 17:53 3
Img giovannadardi
Ciao sono un artigiano idraulico,chiamato a realizzare un buco con carotatore da un artigiano edile.La mia prestazione serviva per completare la sua opera di ventilazione e...
giovannadardi 29 Maggio 2014 ore 19:38 1
Img proverbiopietro
Buonasera, ho in programma di fare un intervento di manutenzione straordinaria per ristrutturare un bagno e per sostituire la pavimentazione di tutto il piano della casa. Ho...
proverbiopietro 27 Marzo 2017 ore 21:00 2