Perchà© l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio?

NEWS DI Condominio10 Gennaio 2012 ore 14:54
In questo blog ci occupiamo spesso di sentenze che affrontano il tema dell?uso dei beni condominiali
condominio , e-mail , curatore , tetto
Cose comuniIn questo blog ci occupiamo spesso di sentenze che affrontano il tema dell'uso dei beni condominiali. Quando è lecito e quando, invece, è illegittimo? Nel rispondere affermiamo spesso che l'uso dei beni condominiali è disciplinato dall'art. 1102 c.c. dettato in materia di comunione ma applicabile anche al condominio in ragione di quanto statuito dall'art. 1139 c.c. Ciò detto vale la pena domandarsi: perchà© proprio l'art. 1102 c.c.? Il succitato art. 1139 c.c., infatti, non è che richiami espressamente tale norma ma fa un generico richiamo a quelle dettate in materia di comunione; così, ad esempio, per il tenore della medesima è sicuro che non può considerarsi applicabile al condominio l'art. 1101 c.c. Quanto al tema che ci occupa, vale a dire l'uso dei beni comuni, la ragione è stata spiegata di recente dalla Suprema Corte di Cassazione. Si legge in una sentenza dello scorso 21 dicembre che in considerazione della peculiarità del condominio degli edifici, caratterizzato dalla coesistenza di una comunione forzosa e di proprietà esclusive, il godimento dei beni, degli impianti e dei servizi comuni è in funzione del diritto individuale sui singoli piani in cui è diviso il fabbricato: dovendo i rapporti fra condomini ispirarsi a ragioni di solidarietà, si richiede un costante equilibrio tra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione, dovendo verificarsi - necessariamente alla stregua delle norme che disciplinano la comunione - che l'uso del bene comune da parte di ciascuno sia compatibile con i diritti degli altri (v. Cass. 30 maggio 2003 n. 8808; Cass. 27 febbraio 2007 n. 4617; 24 giugno 2008 n. 17208; Cass. 9 giugno 2010 n. 13879) (Cass. 21 dicembre 2011, n. 28025). In questo contesto, perciò, prosegue la Corte trova applicazione la disciplina che regola in modo particolare e specifico il godimento e l'utilizzazione dei beni comuni, per cui occorre fare riferimento all'art. 1102 c.c., applicabile ai sensi del'art. 1139 c.c. al condominio che, nello stabilire i poteri ed i limiti di ciascun partecipante nell'uso dei beni comuni, fissa al tempo stesso le condizioni di liceità della condotta del comunista (Cass. 21 dicembre 2011, n. 28025). Cose comuniDa qui la precisazione secondo cui con riferimento al condominio la norma consente, infatti, la più intensa utilizzazione dei beni comuni in funzione del godimento della proprietà esclusiva, purchà© il condomino non alteri la destinazione del bene e non ne impedisca l'altrui pari uso. In altri termini, l'estensione del diritto di ciascun comunista trova il limite nella necessità di non sacrificare ma di consentire il potenziale pari uso della cosa da parte degli altri partecipanti (v. Cass. 1 agosto 2001 n. 10453; 14 aprile 2004 n. 7044; Cass. 6 novembre 2008 n. 26737; Cass. 18 marzo 2010 n. 6546) (Cass. 21 dicembre 2011, n. 28025). Come dire: la disciplina dell'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio perchà© il suo contenuto è compatibile con la natura dei beni condominiali, ossia quella di essere cose di proprietà di più persone.
riproduzione riservata
Articolo: Perchà© l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio?
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 4 voti.

Perchà© l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Aldo
    Aldo
    Mercoledì 30 Maggio 2012, alle ore 19:17
    Mi viene vietato l'uso del parcheggio secondo i millesimi di prprietà,in quanto con 170 millesimi usufruisco dello stesso parcheggio di chi ne ha 80 però caso strano pago asfaltatura e manutenzioni sbarra ecc eccc in funzione dei miei 170 millesimi.Come risolvere tale problema?
    rispondi al commento
  • Orlando
    Orlando
    Lunedì 27 Febbraio 2012, alle ore 00:07
    Buonasera vorrei porre il mio problema:sono proprietario e abito in un appartamento al primo e ultimo piano con ingresso indipendente,sottostante al mio appartamento si trova uno studio dentistico anche lui con il suo ingresso indipendente(non è il proprietario ma in affitto)io vorrei installare sul tetto un impianto fotovoltaico,devo chiedere l'autorizzazione al proprietario sottostante? tengo a precisare che il sottotetto è di mia proprietà in quanto si trova una mansarda.Grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Perchà© l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio? che potrebbero interessarti
La nomina del curatore speciale del condominio

La nomina del curatore speciale del condominio

Liti tra condomini - La questione della nomina del curatore speciale del condominio, è strettamente connessa con le liti che interessano la compagine condominiale.
L'e-mail certificata in condominio

L'e-mail certificata in condominio

Condominio - Tra le sue varie utilizzazioni, la posta elettronica certificata, nota anche come PEC, può essere adoperata anche per ciò che concerne la gestione di un edificio in condominio.
Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?

Fare causa al condominio

Condominio - Può accadere, e non è raro, che non sia il condominio a dover iniziare una causa bensì che la compagine condominiale sia citata in giudizio da chi ritiene leso un proprio diritto

Condominio minimo e spese urgenti

Condominio - Nel condominio minimo,così come in una normale compagine,le spese urgenti possono essere rimborsate solamente nel rispetto dell'art. 1134 cc

Il condominio può trasformarsi in comunione?

Condominio - La comunione,il condominio negli edifici e la possibilità che un bene in condominio divenga bene in comunione: i riflessi sulla sua cessione.

Comunione, condominio e ripartizione delle spese

Condominio - Il codice civile disciplina due forme di comproprietà su beni immobili: la comunione (che può applicarsi anche a cose mobili) ed il condominio che, invece,

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Fallimento e condominio

Ripartizione spese - Gli oneri condominiali divenuti esigibili prima della dichiarazione di fallimento sono chirografari, quelli divenuti esigibili dopo, godono della prededucibilità.
REGISTRATI COME UTENTE
295.648 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Linea Isocoppo - IsocoppoTek, Reggio Emilia
    Linea isocoppo - isocoppotek,...
    33.30
  • Pensilina tetto 150
    Pensilina tetto 150...
    605.00
  • Isolamento
    Isolamento...
    29.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.