Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Lavori di pavimentazione esterna: quando rientrano nell'attività libera?

NEWS Pavimenti e rivestimenti28 Maggio 2020 ore 17:18
Via libera alle nuove pavimentazioni in esterno senza necessità di alcun titolo edilizio: solo se drenanti e nel rispetto della naturale permeabilità del suolo.

Lavori di pavimentazione esterna in attività libera solo se drenanti e permeabili


Molte delle nostre abitazioni sono dotate di spazi esterni residuali difficilmente utilizzabili e a volte causa di problemi più che di valore aggiunto.

Spesso i nostri spazi esterni creano problemi di ristagno di acqua mal drenata, sporco, terra e difficoltà di mantenere un piano livellato per tenere auto o gazebi o qualsiasi arredo mobile da esterno per rendere utilizzabile in qualche modo quello spazio residuale.


Ferrari bk, Lunix per pavimenti esterni

Ferrari bk, Lunix per pavimenti esterni

Ferrari bk, Lunix per pavimenti esterni
Capitoni, calcestruzzo drenante

Capitoni, calcestruzzo drenante

Capitoni, calcestruzzo drenante
Micheletto, linea pavimentazioni drenanti

Micheletto, linea pavimentazioni drenanti

Micheletto, linea pavimentazioni drenanti
Ferrari bk, linea drenanti

Ferrari bk, linea drenanti

Ferrari bk, linea drenanti
Drenatech, Calcestruzzo drenante

Drenatech, Calcestruzzo drenante

Drenatech, Calcestruzzo drenante
Ferrari, drenanti

Ferrari, drenanti

Ferrari, drenanti
Capitoni, pavimentazioni in cls drenante

Capitoni, pavimentazioni in cls drenante

Capitoni, pavimentazioni in cls drenante
Ferrari, drenanti a prato

Ferrari, drenanti a prato

Ferrari, drenanti a prato

A volte questi spazi residuali o resedi sono di proprietà, quindi di uso esclusivo oppure sono di uso comune ma di fatto nessuno ne usufruisce perché non adeguatamente utilizzabili a qualche scopo. Il motivo principale, sia in un caso che nell’altro, sarebbe comunque di pavimentarli o sistemarli a giardino, così da renderli utilizzabili.

Ma andiamo a vedere quali sono le caratteristiche che deve avere una pavimentazione esterna per essere adeguata all’uso, che sottofondo prevedere e quale titolo edilizio si renderà necessario alla sua realizzazione.


Requisiti e sottofondi per le pavimentazioni esterne


Esistono diversi tipi di pavimentazioni da esterno e ovviamente in genere si scelgono in base a diversi fattori:

  • Requisiti d’uso, sicurezza antiscivolo e manutenzione

  • Requisiti di resistenza ai carichi se carrabile o pedonabile

  • Requisiti di permeabilità del suolo

  • Requisiti di igiene e protezione dagli agenti atmosferici esterni


La prima domanda che ci dobbiamo fare è quindi l'uso futuro del nostro spazio esterno e di conseguenza stabilire che requisiti la nostra pavimentazione dovrà avere.

Betonella, stratigrafia autobloccanti
Nella foto sopra vediamo la lavorazione prevista per garantire la permeabilità del suolo e la corretta posa dei masselli drenanti:

  1. Strato di allettamento pietrisco Ghiaia frantumata lavata

  2. Geotessile tessuto non tessuto permeabile all'acqua con alta capacità filtrante

  3. Secondo strato di sottofondo pietrisco, ghiaia frantumata lavata (granulometria media)

  4. Primo strato di sottofondo: pietrisco, ghiaia frantumata lavata (granulometria grossa)


Ma che tipo di sottofondo abbiamo oggi nel nostro spazio esterno? Ghiaia, terra battuta, prato o gettata di cemento grezzo?

Dobbiamo capire che risultato vogliamo ottenere per decidere il sottofondo.

Ci sono diversi tipi di sottofondo ma solo alcuni garantiscono la permeabilità del suolo e quindi la possibilità di eseguire i lavori di rifacimento della pavimentazione esterna senza dover presentare alcuna pratica edilizia.

Asfalto bituminoso
Molti sottofondi non risultano drenanti, tipo l'asfalto bituminoso, e quindi andranno rimossi prima di effettuare qualsiasi altro lavoro.

La non permeabilità dei suoli ha comportato negli anni i noti cambiamenti climatici.
Il suolo è prezioso e serve nelle sue caratteristiche originarie; deve assorbire e distribuire le acque meteoriche nel suo substrato e sottofondo, deve poter evaporare e garantire quindi il microclima superficiale e le temperature medie e non deve emettere particelle o microparticelle nocive alla salute dell'essere umano e quindi a danno della nostra salute.

Andiamo quindi a dettagliare i tipi di sottofondo principali:

  • Gettata di cemento o soletta armata (non permeabile)

  • Terra battuta, sabbia o ghiaia

  • Materassini o prestampati plastici

  • Suolo o prato


Risulta semplice capire quali saranno drenanti e quali no e quindi trarre le dovute conseguenze in merito ai lavori da farsi.


Ma di quale titolo edilizio abbiamo bisogno per poter pavimentare il nostro spazio esterno?

In qualsiasi caso se vogliamo procedere a eseguire i lavori senza richiedere alcun titolo edilizio e procedere in attività edilizia libera con nostro operaio di fiducia e senza tecnico o pratica edilizia, c’è l’indice di permeabilità del suolo che deve essere rispettato e mantenuto.

È la permeabilità del suolo che va garantita e mantenuta per acquisire il diritto ad eseguire i lavori senza titolo edilizio e quindi in attività libera.


Permeabilità del suolo: indispensabile garantirla


Possiamo definire superficie permeabile una superficie priva di costruzioni sia fuori terra che interrata e priva di pavimentazione impermeabile, sistemata a verde o con soluzioni filtranti e destinata principalmente a migliorare la qualità dell'intervento e del contesto urbano, in grado di lasciarsi attraversare dalle acque meteoriche.

E ancora possiamo definire superfici permeabili:

  • le superfici finite a prato, orto o comunque coltivate

  • le superfici in terra, terra battuta, ghiaia o pietrisco

  • i masselli o blocchi di calcestruzzo su fondo sabbioso sovrastante il terreno naturale, non cementate e con posa degli elementi con fuga permeabile


Si quindi a pavimentazioni esterne tramite masselli drenanti, tipo Betonella considerati in tutto o in parte permeabili.

Betoneco, masselli drenanti di Betonella
La condizione per essere considerati tali in genere è la realizzazione su letti di sabbia.

Spesso queste pavimentazioni, se non bene compattate, possono subire cedimenti o avvallamenti e non garantiscono sempre la regolarità del piano. Questo porta spesso le persone a preferire sottofondi stabili e rigidi in cemento che però portano a rendere la pavimentazione un sistema di copertura permanente del suolo che sono stati considerati come trasformazione permanente del suolo, e pertanto soggetti a Permesso di Costruire.

Soletta in cemento, abuso edilizio
Attenzione quindi a fidarsi dell’impresa che propone sistemi con sottofondo in cemento armato tradizionale perché solo quello conoscono, sanno fare e possono garantirvi il risultato perché state commettendo un abuso edilizio e state contribuendo ad amplificare il già grave danno ambientale generato dall’eccessiva impermeabilizzazione dei suoli.

Come studiano i nostri figli già dalla scuola primaria: la funzione del suolo è principalmente quella di regolare il ciclo naturale dell'acqua, dell'aria e delle sostanze organiche e minerali.

Il suolo filtra e depura l'acqua, memorizza le sostanze e le converte. È un anello fondamentale del ciclo energetico e dei nutrienti che contraddistinguono il nostro ecosistema

È noto che abbiamo già oltrepassato i limiti con l’eccessiva impermeabilizzazione dei suoli compromettendo il suo regolare funzionamento.
Non permettere al suolo di fare il suo lavoro comporta un rischio accresciuto di inondazioni e di scarsità idrica contribuisce al riscaldamento globale, minaccia la biodiversità e suscita particolare preoccupazione allorché vengono a essere ricoperti terreni agricoli fertili.

Continuare a impermeabilizzare i suoli consapevoli del danno ambientale arrecato non ha spiegazioni o motivazioni degne di senso. Qui vi aiutiamo a selezionare alcune tipologie di pavimentazioni drenanti per esterno perché è possibile garantire la permeabilità del suolo quindi non ha senso non farlo.


Tipi di pavimentazioni esterne drenanti


Tra le diverse pavimentazioni da esterno drenanti la più nota e storicamente riconosciuta anche per la sua qualità estetica e rispettosa verso la tradizione e il paesaggio, la numero uno è sicuramente quella in masselli autobloccanti in cls.

  • Masselli autobloccanti in cls drenante e/o grigliati

  • Asfalto ecologico drenante

  • Calcestruzzo drenante innovativo


Vediamo di seguito alcuni esempi. Le esigenze possono essere la carrabilità, pedonabilità, perfetta planarità.

Oppure vogliamo lasciare intravedere del prato per percorsi puliti e solo parzialmente pavimentati per viottoli interni a giardini privati, o ancora cerchiamo una pavimentazione completamente pavimentata che lasci immaginare una pavimentazione in pietra o laterizio tradizionale delle ville storiche eleganti e raffinate, sempre che non amiamo la ghiaia bianca, attuale, drenante e forse nostalgica ma incredibilmente polverosa.


Masselli autobloccanti in cls drenante


In molti casi ci vengono in aiuto le soluzioni in masselli autobloccanti di cls che possono essere di varie forme e dimensioni, compatti a creare una pavimentazione compatta simil pietra o laterizio o grigliati in parte a terra in parte a prato in parte a sabbia o pietrisco.

Linea Lunix, Ferrari Bk
Per i masselli autobloccanti la lavorazione del sottofondo è sempre una perfetta esecuzione a regola d’arte di compattazione del terreno di sottofondo a creare uno strato di terreno battuto, ghiaia e pietrisco geotessuto, e a finire uno strato di sottofondo sabbioso ben compattato.

Ferrari Bk, masselli drenanti
Possiamo sbizzarrirci tra i grigliati carrabili visti in tutti i parcheggi dei centri commerciali noti per le loro caratteristiche estetiche e altamente drenanti, ai grigliati in cls che saranno poi riempiti in sabbia o pietrisco piuttosto che prato o ancora blocchetti tip mattoncini di laterizio ad invocare le antiche piazze dei nostri centri storici.

Grigliati carrabili, Ferrari Bk
Per questo primo gruppo di masselli in cls alleghiamo alcune immagini di diverse ditte note come la Ferrari BK nella sua linea drenanti.


Asfalto ecologico drenante


Per gli asfalti ecologici non bituminosi abbiamo un’ampia gamma di scelte ormai, tra le aziende note citiamo Evizero che è una miscela poliolefinica sviluppata con tecnologie innovative che permette con la sua trasparenza di lasciare intatto il colore dell’inerte selezionato aggregato.

Evizero, pista ciclabile in asfalto ecologico

Calcestruzzo drenante innovativo


Tra i cls drenanti abbiamo Drenatech con le sue soluzioni continue altamente drenanti ed esteticamente molto gradevoli per inserimenti in contesti paesaggistici di pregio o ville storiche, come vediamo nell'immagine sottostante.

Capitoni, cls drenante
Altra possibilità sono le pavimentazioni di Capitoni cls drenante per strade sterrate o viottoli o strade carrabili anche con alto indice di affollamento e carichi pesanti.

Capitoni, cls drenante
Citiamo poi una nuova rivoluzionaria pavimentazione drenante non basata su idrocarburi. che si pone come alternativa agli asfalti bituminosi ed anche ai cosiddetti asfalti drenanti, messa a punto dall’incontro ideale tra una grande azienda toscana nelle costruzioni stradali come il Gruppo Granchi di Pomarance (PI) e la Saver di Massarosa (LU), dalle quali emerge DRENA-TCE.

Drenatech, cls drenante
Da prove di laboratorio il coefficiente di permeabilità del nuovo DRENA TCE è compreso tra 2 e 6 *10-3 quindi simile a terreno con ghiaia sciolta e molto più permeabile di un terreno naturale vegetale che presenta un coefficiente k compreso tra 10-4 e 10-6.

Il nuovo prodotto è costituito da un legante da miscelare ad inerti selezionati per la realizzazione di massetti in calcestruzzo drenante, permeabili all’acqua e con un contenuto di spazi vuoti superiori al 30%, con impiego di pozzolana come previsto da norma NS 670 125° per la prevenzione da danni da idrossido di calcio e maggior resistenza ai Sali, presenti nel periodo invernale per le attività antigelo. Il nuovo prodotto dispone di una serie rilevante di caratteristiche essendo:

  • altamente drenante;

  • disponendo di una elevata superficie di drenaggio;

  • non essendo infiammabile;

  • non rilasciando sostanze dannose;

  • non alterando la composizione chimica dell’acqua;

  • essendo indipendente da impiantistica centralizzata ma realizzabile con inerti reperiti in loco (inerti a km 0), caratteristica che ne rende possibile la realizzazione in luoghi diversi e anche remoti.


La principale peculiarità di Drena è legata, in virtù della sua superficie aperta, al suo elevatissimo potere di captare e catturare le micidiali polveri fini e ultrafini (PM10, PM2,5, etc.), limitandone fortemente l’aerodispersione in atmosfera e conseguentemente gli impatti sulla salute umana per l’inalazione nell’apparato respiratori.

riproduzione riservata
Articolo: Pavimentazioni esterne che rientrano nella attività libera
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 4 voti.

Pavimentazioni esterne che rientrano nella attività libera: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
319.120 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Pavimentazioni esterne che rientrano nella attività libera che potrebbero interessarti


Pavimenti non solo in pietra per Esterni

Ristrutturazione - Ci sono diverse soluzioni per le pavimentazioni per esterni, non solo la pietra naturale, sono alla portata di tutte le tasche e accontentano tutti i gusti.

Pavimenti e rivestimenti stampati

Pavimenti e rivestimenti - Il calcestruzzo stampato è una soluzione intelligente e pratica per le superfici come pavimenti e rivestimenti, che assumono forme diverse e resistenti all'esterno.

Recupero pavimentazioni antiche

Pavimenti e rivestimenti - Le pavimentazioni antiche delle nostre abitazioni possono essere preservate anche attraverso il recupero del materiale poi preparato per una nuova predisposizione.

Pavimentazione con beole

Fai da te Muratura - La pavimentazione degli spazi esterni tramite beole permette di creare aree funzionali e di gradevole resa estetica, facili da realizzare anche da soli.

Il pavimento in gomma per le aree da gioco in giardino

Pavimenti e rivestimenti - Per rendere più pulite e sicure le aree gioco esterne per bambini la soluzione migliore è optare per un pavimento in gomma, elastico e facile da posare in opera

Pavimentazioni per giardini e spazi aperti

Sistemazione esterna - La scelta delle pavimentazioni per giardini o spazi aperti è importante come quella per l'abitazione, si possono accostare anche materiali differenti e pratici.

Sistemi per pavimenti flottanti da esterno in legno e grès

Pavimenti e rivestimenti - I pavimenti galleggianti per esterni costituiscono la soluzione ideale per sostituire la pavimentazione di un lastrico solare senza demolire quella preesistente

Posa delle piastrelle di grande formato

Pavimenti e rivestimenti - Le aziende produttrici di pavimenti offrono sempre più spesso pavimentazioni di grandi formati: vediamo alcuni consigli da seguire per posarle correttamente.

Linoleum moderno

Progettazione - La nuova lavorazione del linoleum a servizio dei progettisti.