Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Assemblea condominiale e presenza dell'amministratore

NEWS Amministratore di condominio20 Dicembre 2016 ore 16:06
L'amministratore di condominio, quale mandatario dei condòmini, deve partecipare alle assemblee condominiali. Ci sono casi in cui la sua assenza è opportuna?

Figura dell’amministratore condominiale


Amministratore condominialeL’amministratore di condominio è quella persona fisica o giuridica (art. 71-bis disp. att. c.c.), cui l’assemblea di un edificio in condominio può demandare la gestione delle parti comuni del predetto edificio.

La facoltà di demandare l’amministrazione ad un’unica persona diviene obbligo quando i condòmini sono più di otto (art. 1129, primo comma, c.c.).

Ove si scelga l’ amministratore tra i condòmini, questi deve essere in possesso di soli requisiti di onorabilità, ossia per dirla in estrema sintesi come si diceva un tempo, essere di condotta specchiatissima ed illibata; l’art. 71-bis, primo comma, disp. att. c.c. elenca i così detti requisiti di onorabilità (es. non essere iscritti nel registro dei protesti, avere il godimento dei diritti civili e politici, etc.).

L’amministratore esterno, ossia quello scelto tra chi non è condòmino, oltre a questi requisiti deve possedere:

a) quanto meno un diploma di scuola secondaria di secondo grado;

b) aver seguito un corso di formazione iniziale;

c) seguire annualmente corsi di formazione periodica.

Modalità di tenuta dei corsi e contenuti dei medesimi sono disciplinati dal decreto ministeriale n. 140 del 2014.

Chi ha gestito almeno un condominio nel periodo di tempo intercorrente tra il 18 giugno 2010 ed il 18 giugno 2013 non ha necessità del requisito del corso di formazione iniziale (art. 71-bis, quinto comma, disp. att. c.c.).


Rapporto tra amministratore e condominio


La giurisprudenza che si era prodotta prima dell’entrata in vigore della così detta riforma del condominio specificava che l'amministratore del condominio raffigura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza: con la conseguente applicazione, nei rapporti tra l'amministratore e ciascuno dei condomini, delle disposizioni sul mandato (così Cass. SS.UU. n. 9148/08).

La legge (si veda art. 1129, quindicesimo comma, c.c.) ha sostanzialmente fatto propria questa conclusione; l’amministratore, in sostanza, rappresenta i condomini tanto per ciò che concerne i rapporti interni, quanto per i rapporti con i terzi.

Assemblea condominialeDue esempi chiariranno questo concetto:

a) rapporti interni e ruolo dell’amministratore

Si pensi all'obbligo di riscuotere le rate condominiali e all'eventualità, nel caso di morosità, d'agire in giudizio per ottenere il giusto dovuto.

In tal caso l'amministratore agisce in nome e per conto della collettività contro un solo comproprietario;

b) rapporti esterni e ruolo dell’amministratore

S'ipotizzi che l'assemblea abbia deliberato interventi manutentivi e l'abbia affidati ad un'impresa.
Sarà compito dell'amministratore formalizzare l'accordo nei modi e nei termini indicati dall'assise.

Gli articoli 1129-1130 c.c. delineano i principali obblighi ed attribuzioni dell’amministratore.
Altri sono essere previsti da diverse disposizioni (es. art. 66 disp. att. c.c.), ma i compiti principali sono delineati da queste norme.

In questo quadro d'insieme ed in assenza di una esplicita disposizioni legislativa, molto spesso ci si domanda: l’amministratore di condominio è tenuto a partecipare alle assemblee condominiali?


Amministratore e presenza in assemblea


Una sentenza della Suprema Corte di Cassazione del marzo del 2003, la n. 3596, ha avuto il pregio di riassumere in modo preciso quella che è l'attuale situazione normativa, anche se, ad avviso dello scrivente, non può non avanzarsi un’obiezione alla conclusione degli ermellini.

La sentenza dei Supremi Giudici è stata resa prima dell’entrata in vigore della riforma, ma i principi in essa enunciati, stante la sostanziale identità di disciplina.

In primis la pronuncia mette in evidenza che per quanto riguarda la partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale (tanto in sede ordinaria, quanto in sede straordinaria), la sua presenza in assemblea non è espressamente contemplata tra le attribuzioni dell'amministratore indicate nel codice civile.

Assemblea condominiale

Questa mancanza, tuttavia, non consente di escludere che l'amministratore non abbia alcun dovere di partecipazione alle assemblea condominiali. Al contrario, dissero nel 2003 i giudici di legittimità, il codice civile lascia intendere che i rapporti tra l'amministratore e l'assemblea sono strettissimi.

A quest’affermazione la Corte fece seguire una serie di fattispecie dimostrative dell’assunto. Così ad esempio, la sentenza metteva in evidenza che le norme codicistiche dettate in ambito condominiale prevedono che l'assemblea nomini e revochi l'amministratore, fissi il suo eventuale compenso, gli conferisca maggiori poteri di quelli indicati dalla legge (art. 1131 comma 1) e che abbia competenza a decidere sui ricorsi proposti dai condomini contro i suoi provvedimenti (art. 1133 c.c.). Si specifica inoltre del suo d’impulso dell’amministratore rispetto alla convocazione dell'assemblea ordinaria e straordinaria (art. 66 disp. att. c.c.); dell’obbligo di dare esecuzione alle deliberazioni dell'assemblea (art. 1130 n. 1 c.c.) e di quello di dare notizia all'assemblea delle cause proposte contro il condominio, esorbitanti dalle sue attribuzioni (art. 1131, terzo comma, c.c.).

Da tutte queste disposizioni ed in ragione degli altri compiti che gli sono specificamente attribuiti dalla legge nonché in considerazione delle attività preparatorie e strumentali che delle attribuzioni specificamente enunciate rappresentano necessario completamento, la Corte di Cassazione, affermò che l'amministratore, quale mandatario dei condomini, svolge le funzioni che metaforicamente possono definirsi di organo esecutivo del collegio, da cui riceve ordini, direttive, indicazioni, suggerimenti.

Stando questa valutazione, proseguirono gli ermellini, si può dare spiegazione alla prassi, rispettata uniformemente e costantemente nel convincimento di una sua rispondenza ad una giuridica necessità, secondo cui l'amministratore partecipa sempre all'assemblea e solitamente funge da segretario.

Ruolo dell'amministratore in assemblea
La presenza in assemblea, invero, all'amministratore permette di capire i bisogni, le istanze, gli intendimenti dei condomini: di non accontentarsi del mero decisum, ma di rendersi conto dell'iter formativo degli atti e di apprezzare la volontà effettiva dei partecipanti, in modo da eseguire le delibere in modo fedele e puntuale
.

Quindi, chiosarono i giudici di cassazione, traendo le conclusioni del loro ragionamento, per quanto tra le attribuzioni dell'amministratore indicate dal codice civile (allora come oggi) non vi sia alcun espresso obbligo di partecipazioni all'assemblea ordinaria e straordinaria, esso lo si può desumere dal rapporto giuridico e sostanziale che intercorre tra l'amministratore e l'assemblea avuto riguardo a ciò che comunemente avviene sulla base convincimento di osservare un imperativo giuridico, la sua presenza alle riunioni del collegio deve ritenersi compresa tra i compiti istituzionali di amministrazione (Cass. 12 marzo 2003 n. 3596).

In sostanza, a dire degli ermellini, la partecipazione non è obbligatoria per espressa disposizione di legge ma di fatto è doverosa. Si pensi all’ipotesi dell’approvazione del rendiconto di gestione: la presenza dell’amministratore è utile in quanto il rendiconto è atto da lui predisposto e quindi essere in assemblea consente ai condòmini di ottenere da lui tutti i chiarimenti desiderati. Va evidenziato che l’assenza dell’amministratore dall’assemblea di approvazione del rendiconto non comporta l’invalidità della delibera, ove i condòmini abbiano comunque avuto la possibilità di deliberare con cognizione di causa sull’argomento.

Può essere considerata grave irregolarità nella gestione la reiterata assenza dell’amministratore dalle assemblee condominiali?

Probabilmente sì, ove tale mancanza non consenta all’organo deliberativo del condominio di svolgere correttamente la propria attività, con conseguente paralisi o rischio di paralisi gestionale.

Non per tutti gli argomenti, tuttavia, la doverosità cui fa riferimento la Corte di Cassazione è esistente, anzi alle volte ragioni di opportunità portano a concludere che un allontanamento dell’amministratore dalla riunione non possa che essere utile.

Molti amministratori, ad esempio, si allontanano dal luogo di svolgimento dell'assise al momento della discussione sulla conferma e/o revoca per evitare possibili condizionamenti alla libera discussione.

riproduzione riservata
Articolo: Partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.036 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
Notizie che trattano Partecipazione dell'amministratore all'assemblea condominiale che potrebbero interessarti


Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?

Amministratore di condominio - È consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio. Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

Amministratore di condominio - Il compenso dell'amministratore di condominio è rimesso alla contrattazione tra le parti (non esistono tariffe). In mancanza di accordo è decido dal giudice.

L'amministratore di condominio e le cause condominiali

Condominio - Il ruolo di amministratore di condominio è in tutto e per tutto equiparabile a quello di un mandatario, vale a dire alla persona cui ci si rivolge per

Amministratore di condominio, cause, poteri e limiti

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio ha il potere di agire e resistere in giudizio senza necessità di autorizzazione assembleare nelle materie di sua stretta competenza.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img 64brunica
Buon giorno,l'amministratore ha da poco nominato una s.a.s. a conduzione familiare.All'atto della nomina ha presentato una lettera di benvenuto con alcuni suoi dati (p. IVA,...
64brunica 17 Marzo 2015 ore 11:23 1
Img lucag1979
Il mio amministratore ha convocato all'assemblea mia moglie (siamo conviventi non separati ed in comunione dei beni), ma non ha citato me nell'avviso di convocazione.Eppure la...
lucag1979 27 Gennaio 2014 ore 18:40 1
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img sillysally
Buonasera,l'amministratore ha qualche responsabilità nel non aver mai avvisato il proprietario per un intero anno che gli inquilini non pagavano le spese condominiali?In...
sillysally 23 Maggio 2014 ore 21:16 3
Img 64brunica
Buon giorno, Volevo sapere se l'amministratore pro tempore può emettere pagamenti a favore dell'amministratore cessato oltre la quota di diritto del suo mandato e...
64brunica 23 Maggio 2014 ore 16:06 2