Pannelli fotovoltaici e vincolo paesaggistico: i chiarimenti del Tar

Flash News DI Leggi e Normative Tecniche05 Aprile 2018 ore 09:52
I pannelli fotovoltaici, fonti di energia rinnovabile, non sono soggetti a vincoli paesaggistici. Lo ha dichiarato il Tar della Lombardia con una recente sentenza

Pannelli fotovoltaici sugli edifici: cosa dice il Tar


Con la recente sentenza n. 496 del 21 febbraio scorso il Tar della Lombardia ha affermato che i pannelli fotovoltaici non arrecano alcun disturbo al paesaggio ma ne costituiscono un elemento integrante. È quanto chiarito dai giudici che hanno così ritenuto possibile l’installazione di pannelli fotovoltaici su edifici, anche in aree sottoposte a vincoli paesaggistici.

È stato così confermato l’orientamento, già reso noto nel 2013 dal Tar del Veneto, che si era espresso a favore della la compatibilità paesaggistica degli impianti fotovoltaici.

Pannelli fotovoltaici
Sulla base delle attuali interpretazioni giudiziali, pertanto, i pannelli fotovoltaici montati sul tetto di un edificio non costituiscono un fattore di disturbo visivo anche se modificano tipologia e morfologia della copertura. Siamo di fronte a un’evoluzione dello stile costruttivo condivisa dall’ordinamento stesso e dalla collettività.
Requisito fondamentale è non apportare modifiche determinanti all’assetto esteriore dell’area circostante considerata nel suo complesso.

Il Tar della Lombardia si è pronunciato su un caso riguardante la sostituzione di una vecchia tettoia con altra nuova munita di pannelli fotovoltaici. Essendo la zona soggetta a vincolo paesaggistico, la Soprintendenza aveva espresso parere positivo in merito alla sostituzione della tettoia ma aveva negato la possibilità di installare i pannelli fotovoltaici in quanto visibili.
Il Tar si è espresso in senso contrario, ritenendo tali impianti ormai parte del paesaggio.
È necessario trovare un giusto equilibrio tra la compatibilità paesaggistica e la diffusione delle energie rinnovabili.

L’installazione dei pannelli fotovoltaici è vietata, a causa dei vincoli paesaggistici, unicamente in aree considerate non idonee dalla Regione, come ad esempio i centri storici.
Solo in questi casi sussiste un impedimento effettivo alla loro installazione.
Negli altri casi, la compatibilità dell'impianto fotovoltaico con il suddetto vincolo, deve essere riconosciuta, a fronte dell’importanza riconosciuta alle fonti di energia rinnovabili e alternative, considerate ormai elementi normali del paesaggio e integrati nelle architetture.

riproduzione riservata
Articolo: Pannelli fotovoltaici: non più soggetti a vincoli paesaggistici
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Pannelli fotovoltaici: non più soggetti a vincoli paesaggistici: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Pannelli fotovoltaici: non più soggetti a vincoli paesaggistici che potrebbero interessarti
I pannelli fotovoltaici rossi: perfetti per mimetizzarsi in zone sottoposte a vincolo

I pannelli fotovoltaici rossi: perfetti per mimetizzarsi in zone sottoposte a vincolo

I pannelli fotovoltaici rossi costituiscono una svolta nel mondo del fotovoltaico. Adatti nei centri storici si mimetizzano con le tegole e con i coppi in cotto...
Novità dal fotovoltaico

Novità dal fotovoltaico

Nel corso del 2010, probabilmente le barriere dei costi del fotovoltaico verranno abbattute definitivamente, consentendo a questa innovativa ed ecologicamente valida tecnologia di raggiungere un livello di sviluppo e...
Pannelli fotovoltaici come isolanti

Pannelli fotovoltaici come isolanti

I moduli fotovoltaici installati sul tetto delle abitazioni non solo producono energia pulita ma fungono anche da ottimo isolamento termico.
Strade verdi

Strade verdi

KmZero Road e' un nuovo standard per la realizzazione di strade che, da fattore ambientalmente aggressivo, diventano una sorgente energetica.
Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.