Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Liti condominiali e scelta avvocato del condominio, le varie ipotesi

NEWS Liti tra condomini24 Gennaio 2020 ore 15:29
La scelta dell'avvocato del condominio, nel caso di liti condominiali, è di competenza dell'assemblea o dell'amministratore? Le varie ipotesi e le soluzioni.

Liti condominiali: assemblea e poteri dell'amministratore


Il condominio può essere parte di controversie giudiziarie, si tratta delle così dette liti condominiali. Per tutte le cause che abbiano un valore superiore a € 1.100 è obbligatoria la nomina dell’avvocato. Non fa eccezione alla regola, dettata dall’art. 86 c.p.c., il condominio negli edifici.

La compagine condominiale può prendere parte alla lite quale promotrice, in gergo tecnico parte attrice, ovvero quale convenuta, cioè chiamata per essere condannata, eventualmente anche come terza chiamata in causa.

Avvocato condominio
Le possibilità di liti condominiali vere e proprie sono svariate: si va dall’azione di risarcimento del danno causato da parti comuni , a quella contraria di risarcimento del danno subito da parti comuni, per passare alle azioni di recupero del credito verso i condòmini morosi o a quelle contro il condominio per debiti non pagati a fornitori. C’è poi l’esempio classico delle azioni d’impugnazione di delibere, ovvero i ricorsi contro provvedimenti dell’amministrazione finanziaria, ecc.

Quando si pone la necessità di iniziare una causa ovvero di resistere a una domanda avversa, l’amministratore è dinanzi a un dubbio: quali sono i miei poteri rispetto alla controversia?
Posso nominare un avvocato?

Decidere di iniziare un’azione di recupero del credito è cosa diversa dalla decisione sulla citazione in giudizio notificatagli per un risarcimento del danno o per un’impugnazione di delibera?

La risposta è sì: il codice civile prevede espressamente delle maggioranze per la deliberazione in merito a liti condominiali attive e passive. Ciò naturalmente incide anche sulla nomina dell’avvocato del condominio.

L’incertezza sta nel fatto che non sempre è chiaro quando il passaggio assembleare sia necessario e quando, invece, l’amministratore abbia poteri d’iniziativa autonomi.

Qui proveremo a dare chiarezza alla questione e quindi a comprendere quali siano le regole che disciplinano la nomina dell’avvocato del condominio.


Nomina avvocato condominio, il ruolo dell'assemblea


Ai sensi dell’art. 1136, quarto comma, c.c. le delibere assembleari inerenti a liti condominiali attive e passive devono essere sempre adottate (cioè tanto in prima quanto in seconda convocazione) con il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti alla riunione che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell’edificio.

È utile specificare che liti attive sono quelle iniziate dal condominio, liti condominiali passive, invece, sono quelle nelle quali il condominio è chiamato in causa.

Liti condominiali
Quali sono le liti attive e passive sulle quali l’assemblea ha potere decisionale?
In linea teorica tutte, posto che l’assemblea ha competenza generale sulla gestione del condominio, ivi comprese le controversie giudiziali.

È evidente, allora, su tale aspetto ci soffermeremo dopo, che l’assemblea ha sempre il potere di scegliere l’avvocato del condominio, anche in sostituzione di quello individuato ed incaricato dall’amministratore, ovvero anche in via preventiva.


Nomina avvocato condominio, le prerogative dell'amministratore


L’art. 63 disp. att. c.c., al primo comma, specifica che l’amministratore può chiedere all’Autorità Giudiziaria che sia emesso decreto ingiuntivo, provvisoriamente esecutivo sulla base del piano di riparto approvato dall’assemblea senza la preventiva autorizzazione della stessa.

In tal caso, è evidente, la nomina dell’avvocato (salvo quanto diremo dopo) è rimessa alla libera scelta dell’ amministratore di condominio .

Non solo: in ragione del combinato disposto di cui agli artt. 1130-1131 c.c. l’amministratore ha azione autonoma – cioè non sottoposta al preventivo vaglio assembleare – in tutte le liti condominiali attive e passive che riguardano le sue prerogative.

Esempio: non c’è bisogno dell’autorizzazione dell’assemblea per costituirsi nel giudizio riguardante l’impugnazione della delibera assembleare (Cass. 3 novembre 2016 n. 22310) e quindi anche in questo caso la nomina dell’avvocato del condominio può essere effettuata autonomamente dall’amministratore.

Riguardo alle cause afferenti al risarcimento del danno, invece, esulando la materia dalle prerogative dell’amministratore è sempre necessario il passaggio assembleare (Cass. SS.UU. 8 agosto 2010 n. 18331-2); qui la nomina dell’avvocato è affare dell’assemblea.


Nomina avvocato condominio, l'importanza delle delibere e del regolamento



Inutile nascondersi dietro un dito: il potere di nominare l’avvocato è molto importante, sia per le conseguenze giudiziali (saper scegliere il proprio difensore può essere importante per il buon esito di un giudizio), sia per la fiducia nel professionista.

Anche dal punto di vista economico; l’avvocato nominato dall’amministratore deve essere pagato dal condominio.

Ecco, allora, che non è raro imbattersi in delibere che preventivamente indichino all’amministratore a quale avvocato conferire incarico nel caso di controversie, ovvero a clausole del regolamento che demandino al consiglio di condominio il controllo della scelta dell’avvocato.

Si badi: in tale ultimo caso il consiglio di condominio non ha potere d’indicazione vincolante, ma di controllo dell’operato dell’amministratore. In buona sostanza ai consiglieri è dato di vigilare sull’operato dell’amministratore, se del caso chiedendo la convocazione dell’assemblea per evitare scelte da loro considerate incaute, sebbene senza alcun potere di impedire le scelte medesime.

Come dire: si può chiedere all’amministratore di rivedere la scelta o di convocare l’assemblea, ma in termini strettamente giuridici non glielo si può imporre, a meno che la materia non sia sottratta alla competenza del suddetto mandatario.

riproduzione riservata
Articolo: Nomina avvocato del condominio
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Nomina avvocato del condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
312.198 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
Notizie che trattano Nomina avvocato del condominio che potrebbero interessarti


Liti condominiali

Liti tra condomini - Si parla spesso di cause condominiali, vale la pena comprendere più da vicino quali sono queste controversie, quando sorgono e quali sono i ruoli di amministratore.

Risarcimento danni quando la lite in condominio è troppo lunga

Liti tra condomini - Liti condominiali troppo lunghe, importante sentenza della Corte di Cassazione relativamente alle liti condominiali ed alla loro eccessiva durata.

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

La nomina del curatore speciale del condominio

Liti tra condomini - La questione della nomina del curatore speciale del condominio, è strettamente connessa con le liti che interessano la compagine condominiale.

Spese legali in condominio

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali le spese legali devono essere sostenute da tutti i condòmini, eccezion fatta per il caso di dissenso dalla lite ai sensi dell'art. 1132 c.c.

Condominio: dissenso dalle liti

Liti tra condomini - In tema di condominio negli edifici, nei casi di liti (attive e passive) di competenza assembleare i condòmini possono esercitare il diritto di dissentire dalla lite.

Liti condominiali, chiesto l'intervento delle Sezioni Unite

Liti tra condomini - La Cassazione, più nello specifico la seconda sezione del Supremo Collegio, con ordinanza interlocutoria n

Scegliere il difensore del condominio

Condominio - Il condominio, inteso quale gruppo di persone che hanno una serie di beni in proprietà comune, può essere parte in causa in un procedimento giurisdizionale

Liti tra vicini ed amministratore di condominio, tra doveri e opportunità d'intervento

Liti tra condomini - Le liti condominiali propriamente dette sono diverse dalle liti tra vicini che nascono perché si vive nello stesso edificio: quale il ruolo dell'amministratore?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img ritagru
Buongiorno,sono titolare di servitù di passaggio su una stradina sterrata che insiste su una particella catastale interamente dedicata ad essa (cioè non è...
ritagru 23 Aprile 2014 ore 12:40 1