Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Non c'è usucapione in caso di comodato dell'immobile

Flash News Proprietà30 Agosto 2019 ore 16:43
Il comodato ultra ventennale di un immobile comprato con contratto nullo non vale ai fini dell'usucapione. I chiarimenti della sentenza della Corte di Cassazione

Comodato e usucapione: due istituti incompatibili


La Corte di Cassazione con sentenza 21726 del 27 agosto 2019 fornisce dei chiarimenti in relazione a quelli che sono i requisiti necessari affinché si possa configurare un possesso utile ai fini dell’usucapione di immobili.

La vicenda dalla quale trae origine la decisione della Corte Suprema ha ad oggetto la stipula di un contratto di compravendita immobiliare conclusa verbalmente e dunque affetta da nullità. Alla redazione dell’atto seguiva la consegna delle chiavi dell’appartamento. I compratori pretendevano il riconoscimento dell’avvenuto acquisto della proprietà per usucapione dell’immobile in loro favore. La concessione in comodato dello stesso non vale ai fini dell’usucapione. Irrilevante il fatto che l’acquirente vi avesse trasferito la residenza e le utenze.

Usucapione e comodato
Ecco la spiegazione fornita dalla Corte di Cassazione. Per aversi usucapione è necessario il possesso prolungato nel tempo (di 20 per i beni immobili), concetto ben diverso dalla mera detenzione che consegue ad un comodato d’uso. Ritengono i Giudici che, quando tra le parti viene stabilita la consegna delle chiavi di casa, non si verifica un’anticipazione degli effetti traslativi della compravendita e la riconosciuta disponibilità materiale dell’immobile si basa su un contratto di comodato collegato alla compravendita. La relazione instauratasi con il bene non può definirsi possesso ma detenzione qualificata, come tale non idonea ai fini dell’usucapione.

È fatta salva la possibilità di fornire prova contraria di interversione del possesso, utile a far decorrere il tempo necessario per l’usucapione.
Con interversione del possesso si fa riferimento alla condotta con la quale il detentore dimostra di mutare la detenzione in possesso.

riproduzione riservata
Articolo: Niente usucapione in caso di comodato verbale
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Niente usucapione in caso di comodato verbale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Niente usucapione in caso di comodato verbale che potrebbero interessarti
Si possono usucapire i beni condominiali?

Si possono usucapire i beni condominiali?

Condominio - I condomini hanno diritto di usare i beni comuni nel modo che ritengono più consono alle proprie necessità
Con il comodato d'uso non c'è usucapione

Con il comodato d'uso non c'è usucapione

Affittare casa - Per la Corte di Cassazione il comodato di un alloggio ad uso abitativo non consente l'usucapione, a meno che non sia data prova dell'interversione del possesso.
Usucapione

Usucapione

Normative - Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.

Usucapione, parti comuni e processo

Condominio - Si può chiedere l'accertamento dell'usucapione o la si può eccepire. La differenza è notevole in relazione alle parti che processuali.

Usucapione e atti di tolleranza

Normative - L'usucapione della proprietà, o di un altro diritto reale di godimento, non opera se le attività sul bene sono svolte con la tolleranza del suo proprietario.

Usucapione di beni da parte del condominio

Amministratore di condominio - In tema di usucapione, ossia di acquisto della proprietà di un bene in ragione del suo possesso nel tempo, anche l'amministratore di condominio può agire in giudizio.

Locazione ed usucapione

Affittare casa - Non sempre chi è conduttore di un immobile può reclamare facilmente, trascorso lungo tempo dalla fine del contratto senza che l'abbia consegnato, d'averlo usucapito.

Usucapione di una servitù

Normative - L'acquisto di una servitù per usucapione, cioè dopo averla utilizzata per un lungo periodo di tempo, è possibile se essa ha carattere apparente. Che cosa vuol dire?

Azione di rivendicazione

Proprietà - L'azione di rivendicazione, esperibile senza limitazioni di tempo, fatta salva l'usucapione, consente al proprietario di escludere gli altri dal godimento del bene.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lisetta09
Ho acquistato un appartamento con un terrazzo aggettante. Questo terrazzo necessita di una manutenzione perché avendo più di 40 anni deve essere ristrutturato in...
lisetta09 02 Ottobre 2018 ore 18:10 2
Img giulius77
Ciao a tutti,scrivo perché non riesco a dare risposta ad una domanda..La spiego in breve:Mio padre è il possessore da ormai moltissimi anni di un bilocale...
giulius77 29 Novembre 2015 ore 17:58 1
Img kikkino
Salve,ho fatto un preliminare di acquisto per un appartamento sito in una palazzina composta da un totale di cinque appartamenti e la stessa non è da considerarsi...
kikkino 09 Giugno 2016 ore 15:54 1
Img elisabettapazzini
Nel mio condominio costituito i posti auto del garage sottostante la palazzina, in  non sono assegnati ai singoli condomini ma sono di proprietà ed uso comune con...
elisabettapazzini 26 Maggio 2014 ore 11:52 1
Img marcomax64
Salve a tutti, ho una domanda da porvi.... vivo in una corte di un castello palazzo De Rossi all'interno delle mura c'è la porzione della mia casa, 2 entrate e la terza...
marcomax64 31 Marzo 2017 ore 19:25 1