Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Condominio, negoziazione assistita e procedura di partecipazione alla convenzione

NEWS Liti tra condomini30 Dicembre 2019 ore 09:36
La convenzione di negoziazione assistita è una procedura di risoluzione alternativa delle controversie: quando riguarda il condominio e in che modo esso partecipa?

Negoziazione assistita


Deflazione del carico giudiziario: è questo il ritornello che si è sentito ripetere per anni.
La procedura di negoziazione assistita rientra nel novero delle soluzioni che sono state approntate in tal senso. Un discorso che riguarda anche il condominio, come vedremo più avanti.

Risoluzione alternativa delle controversie (acronimo inglese ADR, alternative dispute resolution), ovvero affrontare una lite tra due parti non attraverso il classico giudizio civile, ma per l’appunto con il ricorso a modalità differenti, alternative.

Certo, chi vi fa ricorso deve farlo con questo spirito, cioè di risolvere la controversie fuori dalle aule di Tribunale, non per metter su una procedura che rappresenta un rallentamento della volontà di far causa.

Negoziazione assistita
Visti così, e spesso così sono stati percepiti, gli strumenti di ADR non sono stati valorizzati per quello che davvero potrebbero rappresentare, cioè un modo differente di risolvere controversie, ma sono stati utilizzati come rallentatori dell’istanza di giustizia.

La procedura di negoziazione assistita, introdotta nel nostro ordinamento dal decreto legge n. 132/2014 convertito, con modificazioni, dalla Legge 10 novembre 2014, n. 162, rientra nel novero delle varie ADR che si hanno a disposizione, o meglio che devono essere attivate prima dell’inizio della causa.

Che cos’è la negoziazione assistita?


La convenzione di negoziazione assistita, così è definita dall’art. 2 del citato decreto legge, è un accordo attraverso cui le parti convengono di cooperare in buona fede e lealmente al fine di risolvere in via amichevole la controversia che le frappone tramite l'assistenza di avvocati.

Quando si fa ricorso alla procedura di negoziazione assistita?


Quando si vuole e quando si deve. Esplicitiamo: ogni qual volta le parti lo ritengano utile (tentativo di negoziazione assistita facoltativo) e quando lo impone la legge (tentativo di negoziazione assistita obbligatorio).

Quando lo impone la legge?


L’art. 3 del d.l. n. 132/2014 spiega che la procedura di negoziazione assistita è condizione di procedibilità della domanda giudiziale:

  • per controversie in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti;

  • fuori dai casi previsti dal d.lgs n. 28/2010 in materia di mediazione obbligatoria quando si vuole proporre in giudizio una domanda di pagamento a qualsiasi titolo di somme non eccedenti cinquantamila euro e non si può agire per decreto ingiuntivo.

Vediamo di seguito quanto la procedura di risoluzione alternativa delle controversie riguarda il condominio.


Liti in condominio e risoluzione alternativa delle controversie


Le liti in materia condominiale sono soggette alle procedure di risoluzione alternativa delle controversie quale condizione di procedibilità della domanda giudiziale.

Senza ricorso all’organismo di mediazione ovvero senza tentativo di negoziazione assistita non si può iniziare la causa. Questa, in sintesi, la conclusione cui si giunge leggendo le norme che disciplinano le ADR.

Il ricorso alla procedura di mediazione, stante il disposto degli artt. 71-quater disp. att. c.c. e 5 d.lgs n. 28/2010 è certamente quello che riguarda la maggior parte del contenzioso condominiale avendo a che fare con la violazione o errata applicazione degli artt. 1117-1139 c.c. e 61-72 disp. att. c.c.

Eppure esistono materie che vedono coinvolto il condominio rispetto alle quali la procedura di negoziazione assistita è obbligatoria. Esempio: danni da infiltrazioni. La norma di riferimento per l’ottenimento del risarcimento è l’art. 2051 c.c. Poiché la richiesta di risarcimento altro non è che una domanda di pagamento di una somma di denaro, se la richiesta non eccede € 50.000,00, l’azione civile risarcitoria dovrà essere preceduta dal tentativo in esame.


Negoziazione assistita in condominio e ruolo dell’assemblea


Il codice civile e la legge istitutiva della procedura di negoziazione assistita non contengono riferimenti all’esperimento della procedura in relazione al condominio.

Condominio e negoziazione assistita
Ad avviso di chi scrive, dunque, stante l’evidente analogia di funzione tra negoziazione assistita e mediazione (entrambe sono procedure volte alla risoluzione alternativa delle controversie), è alla disciplina della mediazione condominiale che bisogna fare riferimento per capire come comportarsi quando si deve attivare o si è chiamati a concludere la convenzione per iniziare le trattative.

La norma di riferimento è l’art. 71-quater delle disposizioni di attuazione del codice civile.

È all’assemblea che, secondo il contenuto di questa norma, spetta decidere:

  • se aderire alla convenzione di negoziazione assistita;

  • valutare le conclusioni raggiunte in quella sede;

  • decidere se concludere l’accordo oppure no.

Si tratta di decisioni che analogamente a quelle inerenti alla mediazione devono essere sempre deliberate (cioè tanto in prima quanto in seconda convocazione) con il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti alla riunione e almeno la metà del valore millesimale dell’edificio.


Negoziazione assistita in condominio e ruolo dell’amministratore



Il ruolo dell’amministratore di condominio in relazione alla procedura di negoziazione assistita a prima vista è quello di un mero portatore della volontà assembleare.

Egli, in effetti, non può far altro che prestare adesione alla convenzione, se è stata l’assemblea a deciderlo, a concludere l’accordo o meno in ragione della deliberazione assembleare, ecc.

Certo è che sarà lui a presenziare, con l’avvocato del condominio, agli eventuali incontri. Starà a lui, dunque, trasferire ai condòmini quella che è la situazione esistente e lo scenario che si può presentare. Un ruolo sicuramente non secondario.

riproduzione riservata
Articolo: Negoziazione assistita in condominio
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 2 voti.

Negoziazione assistita in condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
314.553 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
Notizie che trattano Negoziazione assistita in condominio che potrebbero interessarti


Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Tabelle millesimali - Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Verbale di assemblea di condominio e valore del suo contenuto

Assemblea di condominio - Verbale di condominio e valore del suo contenutoLe dichiarazioni contenute nel verbale dell?assemblea di condominio possono essere di due tipi:a)dichiarazioni

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Scioglimento giudiziale del condominio

Assemblea di condominio - Da un condominio ne posso sorgere due. I casi che portano alla scissione, la quale avviene su impulso dell'assemblea o tramite ricorso all'Autorità Giudiziaria.

Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Condominio - Assemblea fiume, ovvero la possiiblità di parteciapare ad estenuanti ed infinite riunioni condominiali. La riforma semplificherà le possibilità di rinvio.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1
Img anonimo
Buongiorno,e grazie in anticipo a chi saprà dipanare alcuni dei miei dubbi.Vi spiego le mie perplessità:sono proprietario di una maisonette in una palazzina da 4...
anonimo 06 Novembre 2008 ore 08:21 2
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1