Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Flash News DI Leggi e Normative Tecniche29 Maggio 2018 ore 11:22
In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Muro di cinta: quando è necessario il permesso di costruire


Per erigere un muro di recinzione è necessario il permesso di costruire?

A questo quesito la Corte di Cassazione fornisce una risposta ben precisa. Vediamo più nel dettaglio cosa affermano i giudici di legittimità sull’argomento.

Nell’accertamento del reato edilizio, si deve stabilire se il muro di recinzione realizzato possa ricondursi o meno nell’ambito degli interventi di nuova costruzione di cui all’articolo 3, lettera e), del d.p.r. n. 380 del 2001 (testo unico dell’edilizia), avendo riguardo alla struttura e all’estensione dell’area sulla quale viene eretto. È quanto sostenuto dalla terza sezione penale della Corte di cassazione che, con la sentenza n. 20739/2018 dello scorso 11 maggio, fornisce importanti chiarimenti, precisando quali titoli abilitativi sono necessari per evitare abusi edilizi.

Permesso di costruire muro di recinzione
Quando la costruzione di un muro di recinzione può essere classificato come nuova costruzione è necessario il permesso di costruire.
Inoltre è necessario effettuare una valutazione dell’area sulla quale il muro di cinta è realizzato nonché appurare la presenza di eventuali vincoli.

Determinante è l’eventuale modifica dell’assetto urbanistico del territorio.
La Suprema Corte ricorda che la realizzazione di interventi, opere e costruzioni in aree protette è subordinata al rilascio di tre provvedimenti autorizzativi: il permesso di costruire, l’autorizzazione paesaggistica e, qualora sia previsto, il nulla osta dell’Ente Parco.

Nel caso esaminato dalla Suprema Corte il proprietario di un’abitazione facente parte di un parco protetto, presentava una Scia (segnalazione certificata di inizio attività) per la costruzione di un muro di recinzione. Il Comune e il Tribunale ritenevano necessario il permesso di costruire, l’autorizzazione paesaggistica e il nulla osta dell’Ente Parco. Pertanto l’autorità giudiziaria disponeva il sequestro del muro per valutarne tipologia e dimensioni.

I giudici di legittimità ritenevano eccessivo il sequestro disposto dal Tribunale, considerate le caratteristiche del muro di cinta.
Il bene sequestrato veniva pertanto restituito al legittimo proprietario.

Tuttavia, la Cassazione riteneva che l’intervento in questione era privo del titolo abilitativo e pertanto necessitava di sanzione.
Si ricorda che il permesso di costruire, disciplinato dal d.p.r. 380/2001, è un titolo autorizzativo rilasciato dal Comune in caso di interventi che comportano una trasformazione urbanistica del territorio. Dopo l’ingresso di procedimenti amministrativi semplificati (Dia Scia e Cila) il permesso di costruire viene utilizzato in caso di nuove costruzioni o qualora vengano effettuati ampliamenti e ristrutturazioni.

riproduzione riservata
Articolo: Muri di recinzione: quando è necessario il permesso di costruire
Valutazione: 4.33 / 6 basato su 3 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Muri di recinzione: quando è necessario il permesso di costruire: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Muri di recinzione: quando è necessario il permesso di costruire che potrebbero interessarti
Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.
Permesso di costruire e proroghe dei termini di scadenza

Permesso di costruire e proroghe dei termini di scadenza

Per gli interventi edilizi, sottoposti a Permesso di Costruire, la Legge regolamenta i tempi di inizio e fine lavori, e eventuali proroghe sui termini di scadenza.
Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

In caso di abuso edilizio per l'opera realizzata senza permesso di costruire è responsabile anche il progettista dei lavori. È quanto affermato dalla Cassazione...
Eliminazione barriere architettoniche

Eliminazione barriere architettoniche

La sentenza n. 38360/2013 della Corte di Cassazione ha chiarito che non è necessario ricorrere al permesso di costruire per eliminare barriere architettoniche.
Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Quando è necessaria l'autorizzazione da parte del Comune per costruire gazebo e porticati. Ecco i chiarimenti sul punto del Tar della Toscana e della Calabria.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.