Murature tradizionali in mattoni

NEWS DI Restauro edile06 Settembre 2015 ore 00:38
Le murature di alcuni edifici storici ostentano tessiture murarie e pezzi speciali appositamente studiati per rimanere in vista e perciò molto curati esteticamente.
murature , tessiture murarie , mattone , faccia a vista

Tipologie di murature storiche in mattoni pieni


Muratura faccia a vista con tessitura alla senese.Prima della Rivoluzione Industriale (e della conseguente produzione in serie dei materiali per l'edilizia) costruire una muratura in mattoni ordinata ed esteticamente apprezzabile era un'operazione lunga e costosa, e perciò riservata agli edifici di pregio come chiese, conventi e palazzi gentilizi.

I mattoni venivano infatti fabbricati manualmente uno per uno con appositi stampi, cotti in forni a legna e successivamente trasportati in cantiere a dorso di mulo, su carri trainati da buoi o via fiume con chiatte e barconi. Avere una muratura in mattoni faccia a vista divenne perciò un vero e proprio status symbol da sfoggiare con orgoglio, mentre gli edifici più modesti dovevano accontentarsi di finiture costituite da strati di intonaco, magari tinteggiati a imitazione dei più pregiati muri in pietra o mattoni.

Muratura in mattoni originariamente intonacata.

Gli edifici medievali e rinascimentali (o anche di epoca successiva) originariamente dotati di murature faccia a vista sono perciò facilmente riconoscibili, come si nota esaminando la tabella seguente.

Le murature storiche in mattoni faccia a vista hanno caratteristiche facilmente riconoscibili.

Infatti, mentre le murature comuni erano eseguite con normali mattoni di forma parallepipeda e ostentavano giunti di malta piuttosto spessi (anche un centimetro e più negli edifici bizantini di Ravenna) e una tessitura approssimativa, il paramento di quelle faccia a vista era costituito da speciali elementi a forma di tronco di piramide dalla superficie accuratamente levigata e giunti di malta estremamente sottili lievemente in sottosquadro.


Tipologie di tessiture murarie


Le tessiture murarie esteticamente apprezzabili e perciò considerate decorative sono di vario tipo, e dipendono soprattutto dalla funzione e dallo spessore del muro (cioè se si tratta di una parete portante o un semplice tramezzo), dalla forma e dimensioni dei mattoni, e infine dalle tradizioni costruttive locali: esistono infatti apparecchi murari tipici solo di certe zone, tra cui ad esempio la tessitura senese, quella polacca (o alla gotica) o ancora fiamminga.

Quelle più diffuse sono:

Tessitura di fascia o a cortina - Prevedendo tutti i mattoni posizionati di fascia, cioè con il lato lungo parallelo all'andamento della parete, è l'unica disposizione possibile per le murature a una testa: risulta quindi adatta soprattutto ai tramezzi o alle pareti portanti poco sollecitate e/o di modesti edifici come stalle, fienili e magazzini.

Tessitura di testa - In questo caso i mattoni sono invece sistemati di testa, e cioè con il lato corto perpendicolare allo sviluppo del muro: il risultato è perciò una parete a due teste, che tuttavia, dato l'alto numero di giunti di malta , non può sopportare carichi molto gravosi.

Tessitura alla gotica o polacca - Questa tessitura, che come dice il nome è attestata già in epoca medievale e successivamente ampiamente riscontrabile in molte zone d'Italia ed Europa, risulta particolarmente indicata anche per murature molto spesse (tre teste o più). Inoltre, grazie alle tipiche croci formate dall'alternanza di un mattone di testa e uno di fascia, è facilmente riconoscibile e molto decorativa.

Alcune di tipologie di tessiture murarie considerate decorative.

Tessitura senese - Originaria e diffusa soprattutto (come dice il nome) a Siena e nelle zone limitrofe, costituisce una variante della tessitura alla gotica, da cui si differenzia per la presenza di due (anzichè uno) mattoni disposti di fascia: la sequenza tipica è quindi testa-fascia-fascia.

Tessitura fiamminga od olandese - La tessitura fiamminga (presumibilmente originaria del Paesi Bassi) si caratterizza invece per la ripetizione modulare di due corsi orizzontali di mattoni, il primo interamente costituito da mattoni disposti di testa, mentre il secondo con una sequenza del tipo testa-fascia-testa: l'aspetto della muratura è perciò caratterizzato dall'alternanza tra le tipiche croci della tessitura gotica, e rombi formati da quattro mattoni di testa.

Tessitura a blocco o all'inglese - Anche la tessitura a blocco presenta la regolare alternanza di due corsi con diversa collocazione dei mattoni, posti rispettivamente tutti di testa o di fascia: l'apparecchio murario (pur adatto anche a pareti con uno spessore di tre o più teste) appare perciò abbastanza semplificato.

Alcune tessiture murarie considerate decorative.


Pezzi speciali e decorativi in cotto


Oltre ai mattoni comuni o a quelli tronco-piramidali sopra descritti, negli edifici di pregio vediamo però impiegata anche una ricca serie di cotti ornamentali e pezzi speciali, appositamente sagomati con specifici stampi per costruire particolari elementi costruttivi (ad esempio archi e colonne) e ornamentali (come fregi, marcapiani, portali e cornici decorative).
Anche se la loro varietà è praticamente infinita per forma, funzione e decorazione, possiamo comunque tentarne una classificazione a grandi linee.

Una prima tipologia è infatti costituita da particolari mattoni a forma di cuneo, che, accostati tra loro, compongono una particolare variante di arco a sesto acuto detta appunto arco a cuneo, molto diffusa ad esempio nei palazzi gentilizi senesi in stile gotico (XIV secolo).

Colonne con fusto in cotto formato da pezzi speciali appositamente sagomati.Troviamo inoltre particolari mattoni dalla forma simile a una fetta di torta, destinati alla costruzione di colonne in laterizio, tipiche dell'architettura rinascimentale bolognese: alcuni esemplari sono arricchiti anche da decorazioni modulari che, impilando i mattoni secondo una determinata sequenza, compongono precisi motivi ornamentali come volute, scanalature o perfino colonne tortili (ne sono visibili due di esecuzione particolarmente curata e databili probabilmente al XV secolo in un portico di Piazza Santo Stefano a Bologna).

Sono infine attestati i pezzi propriamente ornamentali, a loro volta divisibili in due precise categorie:

- gli elementi per comporre marcapiani, marcadavanzali, lesene, cornici di fineste e cornicioni, ornati da modanature di vario tipo (tori, fasce, listelli, echini, gusci, gole, gocciolatoi, eccetera) e, negli esemplari rinascimentali, manieristi e barocchi, anche da motivi figurativi come tralci e serti vegetali, putti, amorini e conchiglie;

Arco medievale con ghiera decorata formata da pezzi speciali in cotto.

- i pezzi per l'ornamento di archi e portali, arricchiti da elementi vegetali o geometrici come foglie, fiori, losanghe, triangoli e zig-zag, e che una volta accostati formano larghe fasce o ghiere sopra il vero e proprio arco portante.

riproduzione riservata
Articolo: Murature tradizionali in mattoni pieni
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 6 voti.

Murature tradizionali in mattoni pieni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Murature tradizionali in mattoni pieni che potrebbero interessarti
Incatenamento strutture murarie

Incatenamento strutture murarie

Restauro edile - Molto usato nelle strutture antiche, è una tecnica di consolidamento particolarmente utilizzata, che permette il rispetto estetico dell'esistente.
Mattone faccia a vista

Mattone faccia a vista

Ristrutturazione - Una soluzione tradizionale ed ecologica.
Murature a rischio

Murature a rischio

Ristrutturazione - Come risanare vecchie murature con problemi di integrità strutturale. Risanare murature dopo il crollo.

Murature a spina di pesce tra passato, presente e futuro

Facciate e pareti - L'opus spicatum, o muratura a spina di pesce, è una tessitura muraria di notevole effetto decorativo, tuttora utilizzabile in edifici con mattoni faccia a vista

Rivestimento facciavista

Pavimenti e rivestimenti - Il rivestimento facciavista in mattoni, listelli o pietra ricostruita, permette di replicare l'atmosfera dei casali o di seguire l'attuale moda dello urban style.

Un mattone particolare

Progettazione - Un elemento portante di resistenza elevata

Archi in muratura di mattoni

Progettazione - Gesti formali di nitida bellezza che nascondono secoli di maestria progettuale e costruttiva e mantengono il legame con le tradizioni del passato.

Tecniche di posa dei mattoni a vista su letto di malta

Fai da te Muratura - Malta per murature: caratteristiche, preparazione e tecniche di posa dei mattoni raffigurate con disegni per creare piccole opere murarie in modalità fai da te.

Muri traforati per recintare e decorare

Sistemazione esterna - I muri traforati sono costruiti mediante la sovrapposizione di mattoni usuali, spesso in laterizio, disposti in modo diverso e con l'aiuto di elementi speciali.
REGISTRATI COME UTENTE
295.573 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Mattoni a vista al mq
    Mattoni a vista al mq...
    60.00
  • Listello in cotto da rivestimento SanMarco Decor
    Listello in cotto da rivestimento...
    31.15
  • Mensola in resina
    Mensola in resina...
    900.00
  • Lastra di gesso rivestito Habito Clima Activ'Air®
    Lastra di gesso rivestito habito...
    15.37
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.