Diritto di servitù: la modificazione è un contratto

NEWS DI Proprietà22 Maggio 2019 ore 09:47
Per modificare una servitù è necessario un contratto che incida sul diritto come inizialmente previsto: quali sono i requisiti formali e sostanziali dell'accordo?

Diritto di servitù: che cos'è?


Il diritto di servitù è il diritto di poter utilizzare un fondo altrui per la maggiore utilità (che può anche essere la mera comodità) nell’uso del proprio.

Servitù coattiva
Il diritto di servitù è un diritto reale minore, ovvero un diritto di godimento su cosa altrui.

Come si costituisce una servitù?


Ai sensi dell’art. 1031 c.c., al servitù può essere costituita:

  • coattivamente (per sentenza o per atto di legge );

  • volontariamente (per contratto o per testamento);

  • per usucapione;

  • per destinazione del padre di famiglia


Costituita la servitù, questa può essere oggetto di modificazione?

Se si in che modo?


Servitù prediali


La servitù vista dal lato del titolare del fondo servente, quello gravato dal peso, è per l’appunto definita come il peso imposto sopra un fondo per l’utilità di altro fondo appartenente a diverso proprietario.

L’elemento fondante del diritto di servitù, oltre alla diversa proprietà dei fondi interessati, è la predialità della servitù medesima. Il diritto in esame deve riguardare il godimento del fondo e quindi di riflesso il beneficio per la persona.

È l’uso del fondo che diviene più comodo se il passaggio per arrivarci è largo tre metri piuttosto che due. È chiaro, chi passa ne gode, ma il godimento è di tutti quelli che lo usano, non personale del titolare del fondo dominante.


Diritto di servitù e costituzione volontaria, coattiva, per usucapione e destinazione del padre di famiglia


Costituire una servitù per contratto vuol dire che i proprietari dei due (o più) fondi interessati si accordano per costituire il diritto in esame.

Servitù di passaggio
Classico l’esempio della servitù di passaggio. Ma la servitù può consistere nel non costruire sopra una data altezza, nel prendere dal fondo altrui acqua, nel tenere allocati impianti, ecc. com’è stato detto da brillante dottrina la servitù è un diritto tipico dal contenuto atipico.
La servitu può essere costituita anche per testamento, ossia con disposizione volontaria del de cuius già proprietario del fondo servente.


Servitù coattiva di passaggio


Costituire una servitù coattivamente vuol dire imporla al proprietario del fondo servente.
Può essere la legge che impone queste servitù; si pensi al passaggio dei pali per il trasporto dell’energia elettrica.

Oppure, può essere una sentenza a imporre al proprietario del fondo che la sua proprietà sia gravata da servitù; è il caso della servitù coattiva di passaggio.

Servitù per usucapione


La servitù può essere costituita per usucapione, ossia in ragione del trascorrere del tempo.
Si passa per anni (almeno venti) sul fondo del vicino e questo può dare diritto alla costituzione della servitù.

Diritto di servitù per destinazione del padre di famiglia


La costituzione per destinazione del padre di famiglia necessita che l’originario unico proprietario del fondo l’abbia diviso lasciando lo stato dei luoghi così da far considerare esistente una servitù.

In entrambi questi casi, si dice, la servitù deve essere apparente, ossia per il suo esercizio devono esistere opere visibili.


Modificazione servitù volontaria


Modificare una servitù vuol dire variare il diritto di servitù esistente. La modificazione può allargare l’esercizio del diritto oppure restringerlo.

Si può modificare una servitu rendendola onerosa piuttosto che gratuita, oppure viceversa.

Non confondiamo qui la modificazione in esame con l’estinzione del diritto di servitù, che è fattispecie differente in quanto porta alla cessazione del peso per il fondo servente.

Servitu
Un contratto può essere modificato solamente con l’accordo delle parti che lo hanno stipulato, ovvero nei modi prescritti dallo stesso contratto. Certo, difficilmente un contratto per la costituzione di un diritto di servitù può prevedere che le sue modifiche siano unilaterali.
È evidente che questa ipotesi rappresenterebbe una sorta di condizione meramente potestativa, come tale vietata dal nostro codice civile (art. 1355 c.c.).

Il contratto di modificazione della servitù per essere efficace deve avere forma scritta, a pena di nullità (art. 1350 c.c.), e per essere opponibile a terzi (ivi compresi i successivi acquirenti dei fondi che non l’abbiamo sottoscritta per accettazione) deve essere trascritto presso la conservatoria dei pubblici registri immobiliari.


Modificazione servitù coattiva


Un fondo è intercluso e in ragione di ciò il suo proprietario ottiene dal giudice una sentenza che costituisce il diritto di servitù di passaggio . Successivamente le parti interessate decidono di modificare quel passaggio così come stabilito in sentenza: la ragione della modifica non è importante, ciò che conta è che la modificazione sia frutto del libero incontro tra la volontà delle parti.

Come per una qualunque servitù volontaria la modificazione avviene per via contrattuale, con la conseguente utilità di provvedere alla trascrizione dell’atto modificativo.

Si badi: il riferimento è qui a una sentenza passata in giudicato, poiché dove la sentenza sia ancora impugnabile, la modificazione può essere ottenuta anche in questo modo, ossia puntando a una rivisitazione unilaterale della decisione giudiziale.


Modifica servitù per usucapione o destinazione del padre di famiglia


Prima di arrivare a modificare un diritto di servitù costituito per usucapione o per destinazione del padre di famiglia bisogna arrivare al suo accertamento che può avvenire:

- per via giudiziale (la strada certamente più percorsa);

- per via volontaria (cioè tramite quello che è chiamato negozio di accertamento, un particolare tipo di accordo tra parti).

Una volta che sia stata accertata la esistenza della servitù costituita per usucapione o per destinazione del padre di famiglia allora si potrà pensare a una sua modificazione.

Come per una qualunque servitù volontaria, l’atto modificativo è sempre un contratto.
Con tutte le prescrizioni, obbligatorie e consigliabili già illustrate.

riproduzione riservata
Articolo: Modificazione della servitù, che cosa fare?
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Modificazione della servitù, che cosa fare?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Modificazione della servitù, che cosa fare? che potrebbero interessarti
Servitù prediali

Servitù prediali

Normative - Le servitù, le loro caratteristiche e la loro configurabilità nell'ordinamento giuridico italiano.
Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Condominio - Ove esistano servitù di passaggio a favore di altro edificio e vi siano autonomi condomini, spesso capita che col tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio.
Parcheggio, servitù e condominio

Parcheggio, servitù e condominio

Condominio - Il parcheggio rende più comodo l'uso della proprietà ma non rappresenta mai un'utilità nel senso richiesto dalla legge per la costituzione di una servitù.

Servitù volontarie e coattive, alcune differenze

Normative - La differenza tra servitù volontarie e coattive non si ferma solamente alle possibili differenti modalità di costituzione ma si spinge fino ai motivi di estinzione.

Servitù e impianto idrico comune

Normative - La servitù di passaggio può essere concessa anche se si usufurirà della stessa per un impianto idrico in condominio con il proprietario del fondo servente.

Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parti comuni - I parcheggio in condominio accende spesso liti, ma non è configurabile una servitù di parcheggio per due motivi molto semplici che andremo ad approfondire ora.

Servitù apparenti e non apparenti

Normative - La differenza tra servitù apparenti e non apparenti non si ferma al mero requisito visivo o meglio questa differenza incide sui modi di acquisto del diritto.

Riconoscere l'esistenza di una servitù di passaggio, modalità e costi

Affittare casa - Riconoscere una servitù di passaggio vuol dire dare atto che il proprietario di un altro terreno o fondo urbano ha diritto di passare sul proprio. Conviene? Quanto costa?

Rinuncia alla servitù

Normative - In questo articolo, dopo una panoramica sulle caratteristiche principali della servitù, ci occuperemo dell'aspetto riguardante la forma e gli effetti della rinuncia.
REGISTRATI COME UTENTE
303.655 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Sollevatori per disabili
    Sollevatori per disabili...
    1.00
  • Cabina armadio lineare e senza pannelli
    Cabina armadio lineare e senza...
    399.00
  • Trittico di tavolini italiani in ottone dorato
    Trittico di tavolini italiani in...
    1250.00
  • TECEnow placca azionamento WC
    Tecenow placca azionamento wc...
    40.00
  • Cesta porta biancheria
    Cesta porta biancheria...
    21.78
  • Forno a microonde Samsung
    Forno a microonde samsung...
    85.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Marazzi
  • Vimec
  • bticino
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.