Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Come modificare una porta blindata per sovrapporre nuovi pavimenti

Come risolvere le problematiche di modifica della porta blindata di una abitazione in cui vengono realizzati nuovi pavimenti in sovrapposizione agli esistenti
21 Ottobre 2020 ore 15:29 - NEWS Restauro edile

Rinnovare casa modificando l'esistente


Rinnovare gli interni
di un'abitazione, comporta diversi tipi di lavori, i quali devono essere eseguiti tenendo conto delle impostazioni esistenti di pavimenti , soglie, porte, e altro ancora. Pertanto, occorre verificarne la fattibilità.

Uno degli interventi spesso ricorrente è la realizzazione di una nuova pavimentazione, stante la possibilità di poter utilizzare nuove linee estetiche e nuovi formati più moderni e pratici.

Tale operazione, può essere effettuata fondamentalmente in due modalità:

  • demolendo il vecchio pavimento e sostituendolo con uno nuovo;

  • ricoprendo il pavimento esistente con un nuovo pavimento.


Posa del nuovo pavimento in sovrapposizione del vecchio
La scelta tra le due modalità dipende da una serie di fattori non trascurabili, i quali attengono al fattore economico e ai tempi di realizzazione. Infatti, nel primo caso la rimozione del vecchio pavimento comporta, oltre al disagio per chi occupa l’alloggio in questione, anche l’indisponibilità dello stesso per diverso tempo.

Inoltre, a tale situazione si devono aggiungere i maggiori costi di demolizione del vecchio pavimento, oltre a quelli relativi allo smaltimento del materiale di risulta.


Modifica  porta blindata: schema tecnico di posa

Modifica porta blindata: schema tecnico di posa

Modifica  porta blindata: schema tecnico di posa
Modifica  porta blindata: particolare cardini

Modifica porta blindata: particolare cardini

Modifica  porta blindata: particolare cardini
Viti di fissaggio telaio porta blindata

Viti di fissaggio telaio porta blindata

Viti di fissaggio telaio porta blindata
Serratura per porta blindata

Serratura per porta blindata

Serratura per porta blindata
Porta blindata da modificare: particolare pianerottolo condominiale

Porta blindata da modificare: particolare pianerottolo condominiale

Porta blindata da modificare: particolare pianerottolo condominiale

Non bisogna altresì trascurare la possibilità che durante la demolizione del pavimento esistente possano danneggiarsi gli impianti sottostanti, magari posati con poca attenzione durante i lavori precedenti.

A fronte di tali problematiche, spesso si opta per la seconda soluzione, ossia rivestire con un nuovo pavimento quello esistente.


Nuovo pavimento e modifica porta blindata: quando è possibile?


In questo caso, comunque, vanno effettuare una serie di verifiche, prima di acquistare un nuovo pavimento, spinti dalla voglia di cambiamento.

Occorre infatti verificare l’impostazione degli infissi esterni rispetto all’aumento di altezza che il livello esistente dovrà subire in seguito alla sovrapposizione della nuova pavimentazione.

Tale operazione si può effettuare eseguendo una misurazione come nel disegno sottostante.

Simulazione aumento spessore dovuto alla colla
Una volta individuato il tipo di pavimento da posare, conviene farsi rilasciare un campione dal venditore, posandolo a secco sotto l’infisso esterno, avendo l’accortezza di poggiarlo su di una stecca del classico metro da muratore, così da far equivale la misura allo spessore totale della nuova pavimentazione, colla compresa.

Il risultato dovrà consentire all’infisso esistente di potersi aprire senza ostacoli; in ogni caso, se dovesse manifestarsi qualche piccola difficoltà, è possibile rimediare ponendo delle rondelline in metallo nei cardini degli infissi, ottenendo così l'innalzamento dello stesso.


Il problema più grosso, si palesa quando occorre modificare la porta blindata di caposcala, la quale, per sua costituzione e per il fatto di delimitare lo spazio pubblico dal privato, non consente modifiche molto accentuate.

Anche in questo caso, occorre verificare il tipo di porta blindata e la relativa possibilità di modificarne il posizionamento in altezza. Operazione, quest'ultima, fondamentale poiché le porte blindate possono essere realizzate in maniera differente, a seconda del tipo di protezione contro le effrazioni che si intende ottenere.


Le porte blindate non sono tutte uguali


Componenti di una porta blindataDi regola, una buona porta blindata è costituita da un controtelaio con il quale si ancora la porta al muro laterale, generalmente tale elemento è costituito da un profilo di acciaio piegato e fissato alla muratura con zanche o tasselli chimici

Sul controtelaio è posto il telaio in acciaio, che ha il compito di solidarizzare la porta con il muro adiacente. Anche il telaio in acciaio presso piegato va fissato al controtelaio mediante viti speciali.

Tra l’anta e il telaio vanno fissate le cerniere in acciaio per consentire il sostegno e la rotazione dell’anta.

Completano la sua configurazione, la serratura e i catenacci, elementi in acciaio che si infilano nei fori disposti sul telaio al momento della chiusura.

La parte più importante di tutta la porta blindata è il cilindro della serratura, composto da un corpo centrale, il quale, muovendosi a comando consente alla porta di bloccarsi o aprirsi.

Si comprende facilmente come il cilindro possa essere il vero tallone d’Achille della porta blindata: la sua manomissione consente ad un malintenzionato di avere accesso all’interno dell’abitazione.

Proprio per evitare tale possibilità, una buona porta blindata deve essere corredata anche da un defender, ossia una borchia in acciaio temperato, con il compito di proteggere il cilindro dai tentativi di manomissione.

La parte corazzata va incernierata su un telaio di acciaio ancorato allo stipite in muratura, mentre i pannelli esterni e interni completano la composizione della porta e ne definiscono l’estetica.

La descrizione degli elementi di cui si compone una porta blindata fa emergere come non sia così semplice ridurne l'altezza, stante all'interno anche dei pannelli corrazzati, i quali non possono essere facilmente rifilati come avviene per le porte in legno.


Porte blindate: come modificarle senza tagli


La soluzione, quindi, va scelta caso per caso. In linea di principio, quando la struttura è abbastanza complessa, il fabbro preferisce smontare la porta per lavorarci in officina con le dovute precauzioni, al fine di non alterarne l’assetto, una volta posata in opera, mantenendo inalterata la sua funzione di protezione.

Oltre alla modifica effettuata con il taglio della porta blindata, è possibile modificarne l’assetto in altezza senza effettuare alcun taglio.

Riposizionamento del controtelaio e del telaio
Infatti, nella maggior parte dei casi, al disopra del controtelaio, è facile recuperare circa 1,5 cm. in altezza. In tal caso, una volta smontata la porta dalle cerniere laterali, si potrà rimuovere il controtelaio dalla muratura laterale per poi riposizionarlo più in alto.

Tale operazione, in presenza di muratura laterale costituita da termoblocchi, mattoni, muratura di tufo, non comporta particolari difficoltà, mentre in presenza di pareti in calcestruzzo armato, necessita di maggior impegno.

Anche in occasione della modifica da effettuare sulla porta blindata è bene provare a secco il nuovo posizionamento, ponendo la porta smontata sulla piastrella disposta su uno spessore fittizio che simula quello della colla sottostante.

Quando le operazioni di modifica riguardano un alloggio non in condominio, le problematiche relative alle operazioni sopra descritte, non hanno bisogno di ulteriori accorgimenti, mentre nel caso di alloggio in condominio, occorre tener presente come non sia possibile modificare il livello del pianerottolo condominiale prospettante la porta d’ingresso.

Particolare listello di raccordo dislivello
Come pure non vanno modificate le caratteristiche dei materiali di finitura della porta prospettanti sul pianerottolo.

La necessità di proteggere il lieve dislivello tra pavimentazione interna e pianerottolo esterno esistente, mediante apposito listello metallico di finitura, non comporta di solito alcun problema, se si ha l’accortezza di posarlo in maniera tale che una volta chiusa la porta non venga notato nello spazio condominiale.

Ricordo come alcune porte blindate offrono la possibilità di inserire nei cardini degli spessori minimi sotto forma di rondelle in acciaio, utili in alcuni casi per effettuare le modifiche descritte.


Modifica porta blindata e altezze da rispettare


Colgo l’occasione, per mettere in risalto un aspetto spesso trascurato quando si realizzano le modifiche all’interno di un ambiente destinato a civili abitazioni.

Attualmente le altezze di tali ambienti secondo il DM.5 luglio 1975 devono essere 2,70 m per gli ambienti diversi da corridoi, disimpegni, ripostigli e bagni, e 2,40 m per tutti gli altri ambienti di servizio, mentre nei comuni montani al di sopra di 1.000 metri dal livello del mare, è possibile ridurre a 2,55 m.

Solo in caso di ristrutturazioni, con Decreto Ministeriale del 26 giugno 2015, è possibile ridurre l’altezza interna a 2,60 m, a condizione che vengano realizzati impianti termici a pavimento.

La deroga è concessa solo in tale circostanza, pertanto, quando si realizzano pavimentazioni in sovrapposizione, occorre tenere presente tali norme, al fine di non pregiudicare l’agibilità degli ambienti realizzati.

riproduzione riservata
Articolo: Modifica porta blindata per sovrapporre nuovi pavimenti
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Modifica porta blindata per sovrapporre nuovi pavimenti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.609 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Modifica porta blindata per sovrapporre nuovi pavimenti che potrebbero interessarti


Porte, detrazioni fiscali e IVA

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In quali situazioni installare porte esterne, porte blindate e porte interne può beneficiare di detrazioni fiscali e dell'applicazione di IVA a tasso agevolato?

Ripartizione detrazioni 50% e 65% fra più soggetti aventi diritto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Se più soggetti sostengono spese di ristrutturazione di un unico immobile, essi godranno delle detrazioni in base alla spese effettivamente sostenuta da ognuno.

Bonus ristrutturazioni 2018: online la guida dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata online la guida con la quale l'Agenzia delle Entrate spiega tutte le novità relative al bonus ristrutturazioni 2018. Chi può beneficiarne e molto altro

Tinteggiatura e detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La tinteggiatura di pareti interne od esterne di un'abitazione esistente può beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sul risparmio energetico?

Porta blindata in ardesia: solidità e bellezza

Infissi Esterni - La blindata in ingresso è sinonimo di sicurezza, ma oltre alla sua indiscutibile utilità possiamo sceglierla anche come un elemento d'arredo per questo stiloso.

Comunicazione ENEA per bonus ristrutturazione: quando è obbligatoria?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La comunicazione ENEA è necessaria solamente per alcuni degli interventi edilizi e tecnologici che beneficiano della detrazione per le ristrutturazioni edilizie

In casa sicuri come in cassaforte

Infissi - La ricerca dei materiali sempre innovativi, la costante diversificazione del prodotto e la garanzia di sicurezza sono le caratteristiche distintive delle

Detrazioni 50% e 65% per la sostituzione di pavimenti

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La sostituzione di pavimenti può beneficiare delle detrazioni sulle ristrutturazioni e sul risparmio energetico, ma bisogna fare attenzione al contesto dei lavori.

Detrazioni fiscali portoncino d'ingresso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Alcune informazioni utili per chi è intenzionato a sostituire il portoncino di ingresso di un'abitazione esistente e desidera beneficiare delle detrazioni fiscali.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img pina67
Buongiorno, devo eseguire dei lavori alla mia casa (prima casa). Si tratta di abitazione singola, costruita in economia. Non è mai stato comunicato il fine lavori al comune...
pina67 13 Agosto 2020 ore 14:38 3
Img malcomx12
Buonasera, Avrei bisogno di un chiarimento su come interpretare il concetto di ristrutturazioni edilizie in funzione della possibilità di detrarre i mobili acquistati.
malcomx12 21 Aprile 2017 ore 08:23 1
Img maxz
Salve, l'argomento per il quale chiedo cortesemente aiuto è la normativa dettagliata per usufruire delle agevolazioni fiscali ristrutturazioni edilizie, caso del...
maxz 22 Marzo 2017 ore 14:26 4
Img carolflauto
Ho iniziato i lavori di ristrutturazione edilizia per una abitazione acquistata come abitazione principale con mutuo,  ma che a causa di difficoltà varie non è...
carolflauto 21 Luglio 2014 ore 12:20 1
Img positano88
Innanzitutto buongiorno a tutti, è la prima volta che partecipo al forum.Questo è il mio quesito :nell' ipotesi che la ristrutturazione, e la successiva vendita...
positano88 25 Novembre 2013 ore 08:39 7