Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Migliorie all'immobile comune da parte di un comproprietario

Il comproprietario ha apportato migliorie al bene effettuando dei lavori di ristrutturazione. Gli spetta il rimborso delle spese sostenute in sede di divisione?
- NEWS Proprietà

Che succede se un comproprietario apporta delle migliorie al bene comune?


Hai ereditato un immobile in comunione con altri eredi e decidi di effettuare dei lavori di ristrutturazione. Anticipi le spese necessarie per i lavori aspettandoti che le stesse ti vengano rimborsate dagli altri comproprietari. Ma non è così.

Il tema dei lavori sulla proprietà indivisa per conservazione, manutenzione o ristrutturazione non è così infrequente e spesso è causa di controversie nelle aule di tribunale.

Migliorie del comproprietario
Le spese sostenute dal singolo coerede nell'inerzia degli altri, per la manutenzione straordinaria dell’immobile, potranno essere in qualche modo recuperate?

La risposta la troviamo nella sentenza della Corte di Cassazione n.5135/2019 che ci spiega come avviene la divisione del bene comune una volta apportate allo stesso delle migliorie e quali sono le legittime pretese di chi ha intrapreso i lavori.

La vicenda esaminata dai Giudici Supremi trae origine dalla controversia insorta fra tre fratelli che avevano ereditato dal padre un immobile di tre piani in parti uguali indivise.
L’immobile, concesso per anni in locazione da un fratello e una sorella, veniva posto in ristrutturazione a spese dei due coeredi interessati alla manutenzione che avevano goduto del bene.


Il fratello che non aveva mai utilizzato l'appartamento, conveniva in giudizio gli altri due, allo scopo di ottenere la divisione giudiziale dell’immobile unitamente al pagamento degli utili ricavati per la concessione in locazione. I fratelli, costituitisi in giudizio, non si opponevano alla richiesta di divisione, ma avanzavano anch’essi alcune pretese.

L’uno domandava il rimborso delle spese sostenute per la ristrutturazione e l’altra invocava l’avvenuto acquisto della proprietà per usucapione a seguito utilizzo ventennale dell'immobile.

Vediamo quale è stata la soluzione proposta dalla Corte di Cassazione per la parte che qui ci interessa, ovvero le migliorie apportate al bene comune.


Migliorie al bene comune: di cosa si tratta


Prima di entrare nel merito delle conclusioni cui giungono i Giudici Supremi nel definire la controversia sottoposta alla loro attenzione, è necessario inquadrare la fattispecie descritta.
Cerchiamo innanzitutto di precisare che cosa si intenda per miglioria, un concetto che spesso ricorre nelle disposizioni di legge e che presenta rilevanti risvolti giuridici.

Migliorie per ristrutturazione
Con tale termine si fa riferimento alle trasformazioni o diverse sistemazioni che vengono apportate al bene, con conseguente aumento di valore dello stesso. Le migliorie non sono caratterizzate da una propria individualità rispetto al bene, in quanto vengono incorporate a esso e ne aumentano il godimento, la produttività e la redditività.

Certamente la ristrutturazione dell’immobile oggetto del caso esaminato rientra nel concetto di miglioria e le opere realizzate divengono parte del bene comune, in base al principio dell’accessione.

La domanda da porsi, in un caso come quello descritto, è se il coerede abbia diritto al rimborso delle spese effettuate o abbia diritto al rimborso di una somma pari all’incremento di valore dell’immobile ristrutturato.
Vediamo cosa dice la Corte di Cassazione sul punto.


Le conclusioni della Corte di Cassazione


Facendo riferimento ai precedente giurisprudenziali in materia, la Corte di Cassazione, nel caso concreto, esclude l’applicazione dell’articolo 1150 codice civile, comma 1, 2 e 3 che dispone quanto segue:

Il possessore, anche se di mala fede, ha diritto al rimborso delle spese fatte per le riparazioni straordinarie. Ha anche diritto a indennità per i miglioramenti recati alla cosa, purché sussistano al tempo della restituzione. L'indennità si deve corrispondere nella misura dell'aumento di valore conseguito dalla cosa per effetto dei miglioramenti, se il possessore è di buona fede; se il possessore è di mala fede, nella minor somma tra l'importo della spesa e l'aumento di valore. Art. 1150 cc, commi 1,2,3

In sede di divisione giudiziale del bene, il coerede che abbia apportato delle migliorie sul bene comune da lui posseduto, non deve invocare quanto previsto dall’articolo 1150 codice civile, ovvero un'indennità pari all'aumento di valore del bene. A fronte dei costi sopportati per i lavori di ristrutturazione nessuna indennità viene riconosciuta.
Migliorie coeredeEgli potrà richiedere, in quanto mandatario o utile gestore degli altri eredi partecipanti alla comunione ereditaria, il rimborso delle spese sostenute per realizzare la miglioria, cui andranno aggiunti gli interessi legali. Dai Giudici Supremi viene specificato che si esclude la rivalutazione monetaria, poiché trattasi di debito di valuta e non di valore.

Da considerare che nella fattispecie trattata, la ristrutturazione aveva comportato la demolizione e ricostruzione dell’edificio. Di fatto si era in presenza della costruzione di un nuovo fabbricato.
Un elemento in più dovrà essere aggiunto nella disamina del caso.

La Corte di Cassazione, per giungere alla conclusione, invocava quanto disposto dall’articolo 934 del Codice civile che statuisce quanto segue:

Qualunque piantagione, costruzione o opera esistente sopra o sotto il suolo appartiene al proprietario di questo, salvo quanto è disposto dagli articoli 935, 936, 937 e 938 e salvo che risulti diversamente dal titolo o dalla legge. Art. 934 cc


Ne deriva che la costruzione eseguita su suolo comune dal comproprietario diviene, per accessione, di proprietà comune agli altri comproprietari del suolo.
Questi ultimi saranno tenuti a rimborsare al comproprietario le spese per la costruzione da lui effettuata, in proporzione alle quote di proprietà.

È proprio questo un altro punto da sottolineare: il rimborso deve avvenire in proporzione alle quote di proprietà dei coeredi. Il rimborso per i miglioramenti non sarà integrale ma solo pro quota.

In sede di divisione, il miglioramento da restituire non coincide con l’incremento di valore del bene ,quale risulti dopo i lavori di ristrutturazione ma con l’ammontare della spesa sostenuta per l’esecuzione degli stessi, che dovrà essere debitamente documentata.

riproduzione riservata
Articolo: Migliorie al bene comune da parte di un comproprietario e divisione
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Migliorie al bene comune da parte di un comproprietario e divisione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.038 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Migliorie al bene comune da parte di un comproprietario e divisione che potrebbero interessarti


Prelazione ereditaria: che cos'è

Proprietà - In cosa consiste l'istituto della prelazione ereditaria disciplinato dall'articolo 732 del codice civile? Vediamo di cosa si tratta e quali le regole da applicare

Prelazione ereditaria in caso di vendita di un bene

Comprare casa - In caso di comunione ereditaria, il cosa di vendita di una quota di eredità gli altri coeredi potranno esercitare la prelazione ereditaria. Di cosa si tratta?

Divisione ereditaria: cosa spetta al coerede che apporta migliorie all'immobile

Proprietà - La Corte di Cassazione ribadisce con che criterio vanno rimborsate le spese sostenute da uno dei coeredi per le migliorie apportate all'immobile da lui posseduto

Cosa fare se il coerede non paga le spese condominiali?

Proprietà - Chi paga le spese condominiali in caso di morte di un condomino? Sono responsabili i coeredi dell'immobile? In che misura? Vediamo quali sono le regole applicabili

Diritto di prelazione

Affittare casa - Il diritto di prelazione è quell'istituto in base al quale, a parità di condizioni, un soggetto viene preferito rispetto ad un altro, in capo ad un negozio giuridico.

Costruzione realizzata da un solo comproprietario del suolo: a chi appartiene?

Proprietà - A chi appartiene la casa costruita da uno solo dei comproprietari del terreno? Sulla base di quanto asserito dalla Cassazione, la proprietà spetta a entrambi.

Appartamento in comunione ed uso esclusivo

Normative - In tema di beni in comunione, è illegittimo l'uso esclusivo da parte di uno dei due comproprietari se l'altro non è d'accordo perché così si limita quel diritto.

No al bonus ristrutturazione se l'edificio è di nuova costruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Corte di Cassazione, con una recente ordinanza chiarisce quali sono i requisiti per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni. Vediamo i punti salienti.

Permesso di costruire e consenso degli altri condomini

Normative - Quando un condomino chiede un permesso di costruire ed all'amministrazione è noto il dissenso degli altri comproprietari, serve il loro consenso per concederlo.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giank18
Salve, Vi scrivo per avere dei consigli. Stiamo pensando, io e mia moglie, di ristrutturare questo casa un po' datata costruita su piano terra, primo piano e terrazzo, circa 60 mq...
giank18 09 Gennaio 2021 ore 10:56 9
Img anonymous
Ciao a tutti, scrivo in questo forum perché un po' disperato e in cerca di consiglio. Ho acquistato un appartamento di 90mq a Mxxxx al 14esimo piano (ultimo) di una torre...
anonymous 02 Gennaio 2021 ore 15:08 7
Img tura
Buonasera, sto acquistando una casa dei primi anni 90. Stavo cercando di farmi un'idea sui lavori che dovrò affrontare, per ristrutturare l'immobile.Ovviamente, il tutto...
tura 27 Ottobre 2020 ore 08:43 10
Img gima3
Ho acquistato un appartamento anni '70, che ho fatto ristrutturare. Ogni operaio mi ha lasciato la firma. L'idraulico: ha messo il rubinetto di chiusura in mezzo a una stanza...
gima3 30 Settembre 2020 ore 11:36 3
Img perla&jenni
Buonasera, l'anno scorso ho acquistato una casa strutturalmente da ristrutturare completamente. Il Geometra dopo alcuni mesi si è presentato con il capitolato strutturale...
perla&jenni 29 Febbraio 2020 ore 19:09 3