Tempi d'impugnazione delle delibere condominiali e proposizione dell'istanza di mediazione

NEWS DI Liti tra condomini18 Novembre 2015 ore 11:00
La legge pone termini precisi per l'impugnazione di delibere condominiali annullabili; come si correlano i termini con il tentativo obbligatorio di mediazione?

Tentativo di mediazione


Mediazione condominialeChi intende esercitare un’azione giudiziale in materia di condominio deve, preliminarmente, esperire un procedimento di mediazione presso un organismo a ciò abilitato e iscritto negli elenchi tenuti dal Ministero della Giustizia.

Il procedimento di mediazione in materia condominiale rappresenta condizione di procedibilità della domanda; si tratta, quindi, di una procedura che bisogna obbligatoriamente attivare.
Diversamente, il giudice adito o la controparte possono, rispettivamente, rilevarlo o eccepirlo al fine di consentire l’inizio di questa procedura.

Il comportamento tenuto dalle parti rispetto alla procedura di mediazione può essere oggetto di valutazione, al termine della successiva causa, ai fini della condanna alle spese legali; la procedura non può durare più di tre mesi e alla sua conclusione dev’essere rilasciato un certificato utile a dimostrare il suo esperimento anche ai fini dell’eventuale corretta instaurazione del contenzioso giudiziario.

L’obbligatorietà della procedura di mediazione, dichiarata incostituzionale nel 2012, è stata reintrodotta nel settembre del 2013.

Da queste poche nozioni, tratte da quanto disposto dal d.lgs n. 28/2010, se ne deduce che la mediazione rappresenta un’importante momento teso a prevenire l’insorgenza della lite giudiziale; non sono mancate critiche alle scelte legislative, ma non è questa la sede per affrontarle.

Torniamo al principio, ossia alle correlazioni tra procedura di mediazione e contenzioso condominiale :

a) quando bisogna attivare un procedimento di mediazione in materia condominiale?

b) in che modo la procedura di mediazione incide sulla tempistica processuale?


Mediazione in condominio


L’art. 71-quater disp. att. c.c. specifica che per controversia condominiale ai sensi e per gli effetti dell’art. 5 d.lgs n. 28/2010 deve intendersi quella avente per oggetto la violazione o l’errata applicazione degli artt. 1117-1139 c.c. e 61-72 disp. att. c.c.

Un condomino intende contestare un provvedimento dell’amministratore (art. 1133 c.c.)? Prima d’intentare una causa deve rivolgersi a un organismo di mediazione.

Un condomino intende impugnare una delibera (art. 1137 c.c.)? Idem.

Il coordinato disposto delle norme dettate da decreto legislativo n. 28 e dall’art. 71-quater disp. att. c.c. prevedono alcune eccezioni, ovvero alcune azioni rispetto alle quali non è necessario promuovere la procedura di mediazione.
Esse sono:
Tempi mediazionea) l’azione di recupero credito per decreto ingiuntivo;

b) le procedure in camera di consiglio, ossia le procedure di nomina e revoca giudiziale dell’ amministratore condominiale (in senso contrario, caso isolato, si veda Trib. Padova 24 febbraio 2015);

c) i procedimenti cautelari (es. accertamento tecnico preventivo) e d’urgenza.

Torniamo all’impugnazione della deliberazione condominiale: com’è noto, ai sensi dell’art. 1137 c.c., le delibere condominiali possono essere impugnate entro trenta giorni che decorrono per i presenti all’assemblea dalla data della deliberazione, mentre per gli assenti la data parte dal giorno di ricezione del verbale.

Fanno eccezione a questa tempistica le deliberazioni considerabili nulle, secondo quanto stabilito specificamente dalla legge (cfr. artt. 1117-ter e 1129, quattordicesimo comma, c.c.) e per come sono state catalogate dalla giurisprudenza sulla scorta dei principi generali desumibili dal codice civile (cfr. Cass. SS.UU. n. 4806/05).

Una sentenza resa dal Tribunale di Palermo si è soffermata sulla correlazione tra decorso del termine di decadenza ed effetti su di esso dell’istanza di mediazione. Il risultato appare sorprendente e comunque potrebbe rappresentare un motivo d’incertezza in una materia così delicata: vediamo perché.


Decorso del termine d’impugnazione e procedimento di mediazione


Si supponga che un condomino che intenda impugnare un verbale annullabile (es. per mancato raggiungimento dei quorum deliberativi previsti dalla legge) riceva un verbale il giorno 1 novembre 2015; egli avrà trenta giorni di tempo per impugnarlo che, secondo le ordinarie regole processuali, scadono l’1 dicembre 2015.

Entro questo lasso di tempo, se egli vorrà contestare il verbale dovrà depositare (con l’assistenza di un avvocato) un’istanza di mediazione presso un organismo situato nel circondario dell’ufficio giudiziario competente.

L’art. 5, sesto comma, d.lgs n. 28/2010 afferma che la domanda di mediazione impedisce la decadenza per una sola volta; tuttavia, specifica la norma, se il tentativo fallisce la domanda giudiziale deve essere proposta entro il medesimo termine di decadenza, decorrente dal deposito del verbale di cui all'articolo 11 presso la segreteria dell'organismo.

Supponiamo che il condomino depositi l’istanza nei termini sopra indicati: terminato il procedimento di mediazione, egli se vorrà proseguire nell’azione giudiziaria dovrà proporla nel termine residuo oppure i trenta giorni di cui all’art. 1137 c.c. riprendono a decorre interamente?

In termini tecnici, quindi, ci si è domandati se il termine è interrotto e come tale riprende a decorrere ex novo dalla data di deposito del verbale, oppure sospeso e quindi da questa data bisogna considerare solamente i giorni residui.

Per il Tribunale di Palermo che si è espresso in materia con la sentenza n. 4951 del 18 settembre 2015, il decorso del termine deve ritenersi sospeso e non interrotto, in quanto il comma sesto, cui si accennava in precedenza, non contiene alcun rimando agli effetti dell’interruzione.

Fino ad oggi, invece, la lettura della norma aveva portato a una soluzione diametralmente opposta, ossia si era concluso per l’interruzione con nuovo decorso per intero del termine seppur non s’era mancato di far notare l’infelice formulazione.

Come si suol dire in questi casi: vedremo quali altre risposte fornirà la giurisprudenza, ma l’auspicio è quello di una soluzione condivisa, se non addirittura di un intervento chiarificatore del legislatore.

riproduzione riservata
Articolo: Mediazione e delibere condominiali
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

Mediazione e delibere condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Mediazione e delibere condominiali che potrebbero interessarti
Impugnazione delibera condominiale e prova della sua tempestività

Impugnazione delibera condominiale e prova della sua tempestività

Assemblea di condominio - Nel caso di impugnazione di una delibera condominiale annullabile, il condomino deve agire entro trenta giorni e deve provare di aver rispettato questo termine.
Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?
Quando si può ottenere la sospensione dell'efficacia della delibera condominiale

Quando si può ottenere la sospensione dell'efficacia della delibera condominiale

Assemblea di condominio - L'impugnazione della delibera condominiale non comporta automaticamente la sospensione della sua efficacia. Come fare per ottenerla e quali sono i presupposti?

Sostituzione di delibere e sorte delle cause condominiali

Assemblea di condominio - In tema di condominio negli edifici, nel caso di sostituzione della delibera spetta sempre al giudice valutare se è intervenuta la cessazione della controversia.

Delibera di spesa, delibera di riparto ed impugnazione

Condominio - Per contestare il criterio di ripartizione di una spesa è necessario impugnare la delibera che stabilisce il criterio e non quella che la dispone, se differenti.

Delimitazione del parcheggio condominiale

Condominio - Se un condominio è dotato di area a parcheggio comune, l?assemblea, legittimamente ed al fine di disciplinarne l?uso, può decidere di delimitarla

Assemblea e delibera condominiale con contenuto negativo

Assemblea di condominio - In caso di contestazione di una deliberazione a contenuto negativo, ossia di delibera che boccia una proposta, l'autorità giudiziaria non può entrare nel merito.

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Condominio - Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.
REGISTRATI COME UTENTE
295.525 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pensilina autoportante in policarbonato alveolare
    Pensilina autoportante in...
    398.00
  • Montascale curvilinei Freecurve Alliance
    Montascale curvilinei freecurve...
    7000.00
  • Montascale curvilineo Freecurve Elegance
    Montascale curvilineo freecurve...
    7000.00
  • Lana di vetro Isover InsulSafe
    Lana di vetro isover insulsafe...
    3.47
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.